Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
AMF Bowling Pinbusters!

AMF Bowling Pinbusters!

Quando i birilli non rotolano!

A cura di del
AMF Bowling Pinbusters! eredita il potenziale proveniente dal noto Wii Sports proponendo al giocatore unicamente l'omonima disciplina annunciata dal titolo, ma da qui a pensare che i due giochi possano essere anche solo lontanamente paragonati in termini di qualità ce ne vuole, nonostante durante il periodo di sviluppo si fosse parlato di una precisa volontà di migliorare l'esperienza sportiva del bowling rendendola più completa e profonda. Questo concetto però non sembra aver superato alcuni ostacoli di tipo prevalentemente tecnico, come avremo modo di analizzare a breve...

L'arte del birillo
Come avvenuto in passato con il celebre titolo Nintendo, anche questo prodotto sviluppato da Atomic Planet in teoria punta tutto sul divertimento in multiplayer, catalizzando buona parte delle risorse su una forte componente di sfida, incrementata da alcuni accorgimenti che sarà necessario adottare a partita in corso per variare le proprie strategie di gara e cercare di ottenere meno errori possibili. L'impatto iniziale appare fin da subito poco accattivante e vi farà ben presto capire che qualcosa deve essere andato storto in sede di programmazione. Le prime scelte che dovrete compiere, come di consueto vi permetteranno di decidere se giocare in modalità single player oppure se lanciarvi in una sorta di torneo dove fino a quattro giocatori umani saranno impegnati a sfidarsi l'un l'altro fino all'ultimo birillo. Entrando più nel dettaglio delle opzioni a vostra disposizione, è da segnalare la possibilità di prendere parte a competizioni abbastanza impegnative, dove gli otto avversari messi in campo dalla cpu si riveleranno, almeno all'inizio, concorrenti più che temibili e in grado di rappresentare una serie minaccia alla vostra vittoria. Per tutti coloro che non hanno mai preso parte ad un titolo sportivo di questo genere è inoltre prevista la possibilità di affidarsi ad una sorta di tutorial che non insegnerà soltanto i comandi base ma permetterà anche di migliorare a livello stilistico il proprio modo di giocare, incremententando seppur leggermente il fattore tecnico.

Quando il Wii Remote non evolve...
Rispetto alle promesse iniziali, andando ad affrontare le sessioni di gioco vi accorgerete presto di come i buoni propositi siano stati ancora una volta dimenticati lungo il cammino. Non occorrono infatti numerose descrizioni per spiegare quella che di fatto, a livello di sistema di controllo, risulta un'esperienza analoga a quella vista a suo tempo con il bowling presente in Wii Sports, a parte qualche piccola modifica che potrete apportare e che vi consentirà di variare in parte potenza e velocità del tiro. Il tutto si riduce quindi ad una meccanica consumata da un approccio decisamente troppo elemantare, che non riesce a trovare una giusta dimensione nemmeno se rapportato ad un comparto grafico in apparenza pià serioso. Il titolo sviluppato da Atomic Planet risulta quindi dotato di una struttura troppo poco convincente per risultare determinante ai fini del divertimento puro, soprattutto in considerazione della particolarità dello sport in oggetto. Lo stesso ritmo è scandito in modo fin troppo blando, cui si aggiungono occasionalmente delle scelte poco chiare a livello visivo, non giustificate da una spettacolarità di fatto mai portata su schermo.
Il divertimento globale, sia che giocate in singolo partecipando alla competizione presente, sia che decidiate di confrontarvi con avversari umani, non raggiunge mai quella soglia minima che sarebbe stata necessaria per elevare il gioco almeno alla sufficienza e ciò incrementa ulteriormente il senso di "incompiuto" che questo prodotto si porta dietro.

Tutto in un pomeriggio
Non saranno necessarie che poche ore per scoprire tutti i segreti del gioco e se qualcuno avesse ancora dubbi in merito, è bene precisare che nemmeno la rigiocabilità riesce a risolvere questo problema, anzi semmai è l'esatto contrario.
Da un punto di vista tecnico, AMF Bowling Pinbusters! non è da disprezzare totalmente in quanto nonostante risulti anonimo e poco incisivo non vi sono difetti gravi da segnalare. La grafica offre un character design poco accattivante e animazioni al limite del decente, ma a livello di motore grafico almeno l'azione risulta fluida, seppur questa considerazione debba sempre essere fatta in proporzione alla mole di lavoro poligonale da gestire. Le varie location risollevano leggermente la situazione rendendosi simpatiche e dotate di una buona palette cromatica.
Assolutamente anonimo il sonoro, che come da previsione non offre alcuno spunto degno di un minimo interesse o che ricorderete a gioco concluso.
Il gameplay, vero punto debole del gioco, offre pochissimi aspetti interessanti e appare legato ad una struttura troppo povera di idee e realizzata in maniera superficiale. Va bene proporre un titolo in grado di poter essere utilizzato sia da giocatori esperti che da chi si avvicina per la prima volta a questo mondo, tuttavia il risultato ottenuto è apparso decisamente troppo sbilanciato a svantaggio del divertimento, che risulta apprezzabile solo in parte grazie alla modalità multiplayer. Peccato per le idee sprecate, che avrebbero potuto ottenere maggiore fortuna grazie anche al prezzo budget cui il gioco viene venduto, tuttavia tirando le somme nel buio genarale qualche piccola scintilla si è vista, sperando che la lezione possa servire per il prossimo futuro.
  • + Idee interessanti...
    + Multiplayer quasi decente
  • - ...decisamente mal sfruttate
    - Tecnicamente anonimo
    - Molto inferiore a Wii Sports
voto
4,5

AMF Bowling Pinbusters! manca il bersaglio regalando solo rare emozioni ed andando ad allungare la lista dei titoli per Wii dal grande potenziale a livello teorico ma poco incisivi nella pratica. La produzione Atomic Planet non riesce a migliorare l'esperienza di uno sport già impegnativo come il bowling ed anzi appesantisce ulteriormente una meccanica che fin dalle prime fasi appare limitata e povera di contenuti. Una realizzazione tecnica anonima ed un livello di divertimento al di sotto delle aspettative decretano la definitiva sconfitta di un prodotto che potrebbe piacere solo ai veri appassionati del genere, specialmente se non alla ricerca della simulazione perfetta. Tutti gli altri è meglio che gli stiano alla larga.

0 COMMENTI