Recensione di The Grim Adventures of Billy & Mandy

Copertina Videogioco The Grim
  • Piattaforme:

     WII
  • Genere:

     Arcade
  • Data uscita:

     2007
- Grafica colorata
- Ci sono Billy, Mandy e Tenebra
- Voci dei doppiatori del cartone animato
- Giocabilità ridotta dalla caoticità dei combattimenti
- A tratti frustrante
- Non è localizzato
A cura di (Ryoku) del
In attesa di Mortal Kombat Armageddon, Midway ci propone un nuovo ed esilarante picchiaduro che vedrà come protagonisti i cattivissimi personaggi del cartone animato “Billy & Mandy”, noti soprattutto ai giovanissimi spettatori di Cartoon Network. Il titolo è un multipiattaforma previsto perfino su GameCube oltre che per la controparte Playstation 2.
Billy e Mandy sono due indomabili pesti, capaci di tormentare anche la signora in nero (nel cartone reso maschio), la morte, alias il loro oscuro amico Tenebra, conosciuto negli USA col nome di Grim.
Il prodotto è un mix tra combattimenti e sequenze avventurose, in quanto oltre a darsele di santa ragione, i protagonisti ed i rispettivi nemici saranno coinvolti in ben cinquantaquattro missioni che andranno a delineare quel poco di trama presente in questa opera.

Vuoi essere Billy, Mandy, Tenebra? Basta che tu sia cattivo!
I personaggi sopra nominati, sono solo tre dei quindici selezionabili che spaziano tra gli energumeni nasoni dalla tinta alquanto pallida, alle candide biondine tutto forme o pancioni alcolizzati col capello tipico dei chitarristi anni 60, miscelando il tutto per un cocktail di pura follia.
La loro rappresentazione, così come quella delle ambientazioni, si rileva alquanto semplicistica, dovuta alla natura atipica dei disegni dello stesso cartone. Lo stile tecnico adottato è quello del cel shading, sfruttando una palette di colori molto chiari e forti, permettendo di conseguenza il verificarsi di buoni effetti di luce durante l’esecuzione di combo e mosse speciali.
Le arene per i combattimenti sono venti, tra le quali riconosciamo le stanze dei tetri castelli gotici ed i disordinati laboratori tipici dei più acclamati scienziati pazzi, ognuna caratterizzata da micidiali strumenti e trappole, quali cannoni spara laser o spuntoni metallici che si elevano dal suolo. Indiscussa è quindi l’interattività delle zone che andranno ad ospitare le nostre frenetiche battaglie. Nel bel mezzo di un combattimento, appariranno peculiari scrigni in vari punti di un area, contenenti utili oggetti per ripristinare le proprie energie, o al contrario micidiali armi, tra le quali elenchiamo: spade, randelli, falci e pesanti martelli. Recuperare le sfere del Chaos, particolari biglie luminose, permetterà al character scelto di scatenare attacchi potentissimi ed eseguire successivamente delle combo, composte da giravolte e capriole mortali. Ogni personaggio tra l’altro, è dotato di proprie capacità e movenze, al pari dei loro punti deboli atti a contraddistinguerli. Se ad esempio un lottatore sovra peso presenta grosse difficoltà nel muoversi rapidamente, un combattente magrolino come Tenebra subirà maggiormente i danni ricevuti confronto al primo. Colpire il diretto rivale inoltre, ci consentirà di penalizzarlo prelevando la sua stessa arma che farà ben presto parte del nostro arsenale.
Progredire nelle missioni, permetterà di sbloccare nuove armi, personaggi e costumi da associare ai protagonisti, motivando il giocatore a continuare a giocare, incrementando – qualora vi divertiate – la durata del titolo.

Il Wiimote svolge bene il suo lavoro?
La domanda trova una risposta non troppo positiva, in quanto l’azione caotica non permette di godere al meglio delle prestazioni del controller. Muovendo il braccio come forsennati, infieriremo con fendenti ed altri attacchi con le armi in possesso, simulando una nostra partecipazione in prima persona. Nonostante tutto, una gestione delle telecamere non sempre ideale, crea disturbi nell’azione pratica di un combattimento. I diretti partecipanti, seppur siano solo in quattro, facilmente potranno essere confusi tra loro, in quanto tra combo e polveroni elevati sullo schermo, non si avrà una visione chiara di ciò che in tempo reale sta accadendo.
In definitiva il titolo si rileva piacevole solo per qualche oretta, dopodiché, con l’avanzare del tempo, potrebbe risultare frustrante nonostante il divertimento e la forte ironia inclusa nel gioco.

Reparto audio
I motivetti associati alle varie ambientazioni si dimostrano tanto orecchiabili quanto ripetitivi, ma comunque piacevoli all’ascolto. Per ciò che riguarda le voci dei vari personaggi, ritroviamo i doppiatori americani del cartone stesso, tra i quali: Richard Horvitz, Grey Delisle e Greg Eagles , rispettivamente la voce di Billy, la bionda Mandy e Tenebra (The Grim). Nulla da ridire quindi sul doppiaggio dei characters.
Recensione Videogioco THE GRIM ADVENTURES OF BILLY & MANDY  scritta da RYOKU The Grim Adventures of Billy & Mandy, come ogni tie-in che si rispetti, è un prodotto di nicchia destinato ai soli fan del cartone animato, grandi e piccoli che siano. Vestire i panni di Billy e dei suoi amici risulterà alquanto divertente data la loro grande simpatia, ma ciò non è sufficiente per regalarci un grande titolo se un azione tanto frenetica quanto caotica non permette di sfruttare al meglio le potenzialità del Wiiremote. Se cercate un prodotto appartenente alla categoria dei picchiaduro da giocare principalmente in quattro, non ci rimane che attendere l'avvento del nuovo Smash Bros. Tuttavia, non scordiamoci un certo Mortal Kombat Armageddon, opera portata avanti dalla stessa Midway e della quale speriamo di avere ben presto notizie.
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.