Recensione di The Legend of Zelda: Breath of the Wild

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     SWITCH
  • Genere:

     Action-Adventure
  • Sviluppatore:

     Nintendo
  • Data uscita:

     3 marzo 2017
- Maestoso e delicato
- Perfetta unione di passato e presente
- Immenso
- Non si accoda alla semplificazione dei titoli moderni
- Direzione artistica e colonna sonora sublimi
- L'unico limite è il tempo a disposizione per giocarci
...
A cura di (Buddybar) del
Nintendo, nel corso della sua lunga vita, è sempre riuscita ad avere sotto la propria ala protettrice persone fuori dal comune, abili maestri del medium videoludico in grado di dominare le leggi dei bit per trasformarli in ricordi, emozioni, leggende.
Oggi, questi stessi ragazzi vogliono raccontarci una storia; forse l’avrete già sentita. Narra le vicende di un giovane eroe di nome Link, risvegliatosi in una grotta da un sonno secolare, e di una principessa, Zelda, che in quest’attesa ha lottato senza sosta contro una calamità di nome Ganon, che non vuole fare altro che distruggere il mondo. Una lotta tra bene e male che si ripete incessantemente e che i diversi cantastorie di Nintendo non hanno ancora smesso di farci vivere tramite gli occhi di questo giovane ragazzo alle prese con un destino che sembra già scritto. Eppure, anche questa volta, siamo riusciti a stupirci, a rivivere la stessa storia come se l’avessimo udita per la prima volta e ci siamo fatti travolgere da quel vento, maestoso e delicato, che ricorderemo tutti con il nome di The Legend of Zelda: Breath of the Wild

La prima fiamma del desiderio
Sulle ali dell’avventura, ci siamo immersi nelle vicende del gioco, ma non ci esporremo a raccontarvi più di quanto fatto sopra per non rovinarvi in alcun modo l’esperienza del gioco tramite le parole di questa recensione.
Dal canto nostro, quello che dobbiamo dirvi è che la storia di Breath of the Wild incomincia come un sussurro e minuto dopo minuto si alimenta fino a diventare una voce tonante. Da ogni singola attività ne scaturisce un’altra, e ogni personaggio contribuisce a creare un intreccio narrativo che si esalta nei dettagli delle più piccole questioni di paese ed esplode nel momento delle grandi imprese da eroe. C’è spazio per le voci dei personaggi principali durante le cutscene (tranne Link, ovviamente) e per le semplici smorfie durante i dialoghi minori, ci sono nozioni facili da apprendere, ma ci sono anche informazioni nascoste nei sottili versi di un indovinello. Basta una parola per farci partire a esplorare aree immense alla ricerca di un tesoro sperduto o di un amico in difficoltà: questa è la potenza della narrativa di The Legend of Zelda. Una forza che non possiamo che elogiare, nata dall’abilità nel riunire le forme passate e presenti della narrazione videoludica sotto un unico tetto: tutti potranno vivere questa fiaba meravigliosa, ma alcuni finiranno con l’immergersi completamente al suo interno. L’ascoltare, rappresentativo degli intrecci narrativi, diventa così uno dei tre elementi fondanti del gioco: la prima fiamma del desiderio del nostro peregrinare. 


L'unico limite è il tempo
Come in ogni avventura, una volta capite le motivazioni che ci hanno spinto alla partenza e con in mente l’obiettivo da raggiungere, non possiamo che concentrarci sul viaggio. E ve lo diciamo senza mezzi termini: mai fu più lieto correre o cavalcare per le lande di Hyrule. 
La libertà narrativa, difatti, trova riscontro nella libertà offerta dalle dinamiche racchiuse nell’immenso mondo di gioco, totalmente a disposizione del giocatore. È addirittura possibile correre dritti alla fine dell’avventura, nonostante per ovvi motivi sia un’alternativa che non abbiamo minimamente preso in considerazione. Tornando alla mappa, tutto ciò che vediamo è raggiungibile, tutto ciò che vogliamo fare possiamo farlo, tutto ciò che ci circonda è pulsante e fondamentale da scoprire per affrontare le future ostilità che si pareranno sul nostro cammino. 
Quantificare la grandezza della mappa sarebbe come ammettere di voler trovare per forza un limite alle attività possibili, quando poi basta percorrere due sentieri e guardarsi un po’ attorno per ritrovarsi a raccogliere funghi o cercare oggetti sotto alle rocce in riva al fiume. 
Se ci reputiamo troppo lenti nel proseguire sulle nostre gambe, possiamo sempre ammaestrare un cavallo selvatico e registrarlo così alle stalle, per richiamarlo qualora dovesse esserci comodo. Con la paravela, poi, ci ritroviamo subito a scorrazzare non solo via terra, ma anche per i cieli, sempre alla ricerca di un punto di vista elevato, per tuffarci giù e planare fino alla lontana destinazione.
Ad aiutarci nel trovare la via c’è la tavoletta Sheikah che, sebbene all’inizio rivesta il ruolo di semplice mappa, pian piano assume ulteriori poteri e funzioni utili a risolvere i dungeon che troviamo sul nostro cammino. Particolare rilevanza nell’esplorazione ce l’hanno le torri e i sacrari: i primi ci palesano la morfologia di particolari porzioni di mappa e i secondi, una volta raggiunti, diventano punti di arrivo per il teletrasporto. Questi fungono anche d’accesso alle prove: puzzle di varia natura e difficoltà in grado spesso di solleticare il nostro ingegno. Come ricompensa del nostro valore, alla risoluzione di questi ultimi, ci vengono consegnati in premio degli emblemi del trionfo, che in un determinato numero permettono di invocare la benedizione della dea Hylia e aumentare il numero di portacuori o le barre aggiuntive di stamina. La varietà dei dungeon, comunque, non termina qui, perché una volta raggiunti determinati punti del gioco, è necessario affrontarne di più lunghi e più complessi, molto appaganti, che vi consigliamo assolutamente di cercare. Ogni cuore in più è utilissimo per sopravvivere ai nemici e alla natura. Questa in particolare sarà più avversa di quanto possiamo immaginare, poiché anche a fronte di una preparazione adeguata è sempre pronta a riservarci un buon numero di insidie, tra burroni, pendii più impervi del previsto, guardiani e propagazioni della calamità in agguato.
Fin dal primo scontro, poi, la difficoltà dei combattimenti è tutto fuorché tarata verso il basso e, nonostante i checkpoint siano fissati poco prima del loro inizio, ci siamo ritrovati in alcuni casi a ripetere le nostre azioni parecchie volte prima di uscire vittoriosi da un confronto. 


Il bello del particolare nell'immenso
Le armi in dotazione cambiano il pattern di attacco e dobbiamo sempre stare attenti al tipo di schivata da compiere - dietro o di lato - per evitare l’affondo o il fendente. Nel caso in cui la schivata dovesse avvenire nello stesso momento dell’attacco, tra l’altro, attiveremmo il rallenta-tempo, capace di aprire lo spiraglio necessario per assestare una serie di colpi più numerosa. L’arsenale offensivo a disposizione comprende le armi per il corpo a corpo e gli archi con le relative frecce, mentre per la difesa e il contrattacco abbiamo dalla nostra vari scudi. Ogni oggetto ha una durabilità piuttosto ridotta ed è abitudine ritrovarsi per la mappa a sconfiggere nemici per recuperare spade e mazze. Per fortuna, è possibile limitare le nostre necessità facendoci ampliare lo spazio da Castonne in cambio dei semi Korogu.
Il giusto abbigliamento è fondamentale per proteggerci non solo dai colpi dei nemici, ma soprattutto dai climi e dalle intemperie che troviamo viaggiando per Hyrule. Caldo e freddo possono essere mitigati da cibi e pozioni, certo, ma niente è meglio di un indumento realizzato ad hoc. 
A proposito di cibi e pozioni, ci sarebbe la possibilità di aprire un laboratorio di cucina o alchemico, attività tanto divertente e utile per cercare le formule e le ricette migliori per ogni esigenza. Si parte dalle descrizioni dei vari materiali e alimenti e si prova a seguire l’istinto o i suggerimenti di un qualche aspirante chef o esperta cuoca per realizzare un delizioso spuntino, sperando che non diventi una pessima poltiglia. 
Il tempo in compagnia di queste attività sarà immenso. Anche se alcuni potrebbero dire a ragione di aver raggiunto i titoli di coda in una quindicina di ore, sappiate che la storia principale, qualora vogliate spolparla per bene, potrebbe durare ben di più. 
La meraviglia sorge spontanea quando queste attività, che non sono nemmeno tutte rispetto alla pletora di quelle disponibili, diventano necessarie per cercare di estinguere la prima fiamma del desiderio che citavamo prima, la quale però, al posto di affievolirsi, continua a crescere. 
L’agire, rappresentativo del gameplay, diventa così il secondo elemento fondante del gioco: il combustibile per alimentare la fiamma del divertimento.
 

Immagini che superano le barriere dello schermo
Come i cantori di Nintendo sanno bene, non basta una bella storia, raccontata bene, ricca di avventure e di personaggi per fare veramente colpo sul pubblico; ci vuole soprattutto una bella voce, magari suadente e dolce, di quelle che entrano come leggiadre melodie nell’orecchio di chi le ascolta e permettono di godere il racconto con la stessa meraviglia e con lo stesso interesse, dall’inizio alla fine.
E qui il significante di The Legend of Zelda: Breath of the Wild mette in mostra una direzione artistica solenne, matura nel suo cel-shading, ma non per questo poco curata o dettagliata. I diversi ambienti sono descritti a schermo con dovizia di particolari e riproducono fedelmente i colori emozionali delle controparti reali: ad accomunarli tutti, il soffio del vento, a volte brezza primaverile, altre tempesta furiosa.
Le giornate si susseguono, una dopo l’altra, incorniciate da un meteo dinamico che non manca di rimanere fedele alle caratteristiche climatiche di ciascun bioma. Nel deserto possiamo stare tranquilli che staremo all’asciutto, ma in pianura, al primo accenno di pioggia, conviene togliersi di dosso l’armatura metallica per evitare di attirare i fulmini su di sé.
Non mancano vezzi stilistici, come ogni tanto un cervo che, impaurito, corre via per nascondersi, ma se colpito in tempo da una freccia può fornirci delle interessanti scorte di carne; oppure altri animali, come gli insetti, che oltre a impreziosire l’immagine, se catturati, sono ottimi ingredienti per pozioni.
Difatti, premettendo che le basi narrative giustificano l’assenza di folle a popolare la terra di Hyrule, non abbiamo mai pensato che questa mancanza rendesse vuota o dispersiva la mappa, date le infinite attività sopra elencate che vi terranno occupati per ore e ore.
Le note che accompagnano ogni singolo attimo di questo racconto sono sublimi, quasi ci fosse la reale volontà da parte di un autore esterno di musicare le nostre azioni mentre esse si concretizzano su schermo. La giusta interpretazione degli effetti audio-visivi (realizzati in maniera impeccabile) rende inoltre possibile immergersi totalmente nei panni di Link, eliminando l’interfaccia grafica dal menù e andando ad aumentare leggermente anche il tasso di sfida.
Solo a questo punto possiamo definire completa la nostra fruizione di questo gioco, perché una volta creata la fiamma ed alimentata, abbiamo imparato ad apprezzare la luce e il calore che ne derivano. L’osservare, rappresentativo di grafica e comparto audio, diventa così il terzo elemento fondante del gioco: il calore e la luce che ci riscaldano il cuore.


La nostra esperienza con Switch
Possiamo fermamente dire di non aver incontrato sulla nostra strada bug di sorta, nonostante la natura open-world del titolo. Il gioco è perfetto per una fruizione portatile e fissa, con la seconda esperienza comunque più rilassante e godibile. La console si è dimostrata all’altezza dell’intenso utilizzo di questi giorni e ha mostrato il fianco solo in alcune situazioni particolarmente concitate, soprattutto verificatesi durante la carica, che hanno condotto a marginali cali di frame.
La resa sullo schermo da sei pollici è molto buona, anche se, come sullo schermo di casa, è afflitta da un leggero aliasing, comunque non fastidioso se valutiamo la resa grafica del titolo nel suo complesso. Il fenomeno del popup delle texture, rispetto alle demo provate, è stato ampiamente ridotto e ora la distanza di rendering può dirsi soddisfacente nella stragrande maggioranza delle situazioni.
Recensione Videogioco THE LEGEND OF ZELDA: BREATH OF THE WILD scritta da BUDDYBAR The Legend of Zelda: Breath of the Wild è l'esempio di come Nintendo abbia persone tra le sue fila in grado di trasformare i successi del passato, con i loro elementi distintivi, in capolavori del presente, e perché no, anche del futuro. Breath of the Wild è infatti la migliore espressione di una tradizione videoludica che, pur avendo dovuto fare i conti con una recente massificazione, a tratti alienante, che ne ha segnato indelebilmente l'evoluzione, è riuscita a trovare finalmente la sua dimensione nel panorama di un presente quantomai difficile da decifrare.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Commenti: 397 - Visualizza sul forum
  • CrisDrago
    CrisDrago
    Livello: 1
    Post: 223
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    10 e 0 difetti? Questa recensione è una trollata dai
  • Lahiri
    Lahiri
    Livello: 0
    Post: 19
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    L'esempio eclatante di come la potenza di una console sia del tutto inutile Gioco ai limiti della perfezione Bisogna prenderlo nel modo giusto però: non è un gioco che va iniziato e finito ma più un viaggio che va iniziato e vissuto Ci sono mille cose da fare per il gusto di farle, luoghi da scoprire per il gusto di esplorarli... Una magia Ha qualche difetto e soprattutto questa "colonna sonora sublime" io proprio non l'ho sentita, anzi, in alcuni momenti avrei voluto poter disattivare la musica Ma nulla che possa rovinare l'esperienza di gioco Lo consiglierei davvero a tutti... una volta nella vita va provato!
  • Ringhio83
    Ringhio83
    Livello: 4
    Post: 143
    Mi piace 3 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da TheMoose

    Prova a fare Zelda con la grafica di Horizon e vediamo se tutti i dettagli che ci sono ora nel gioco sarebbero presenti anche nella versione "Horizonesca". Sarei proprio curioso guarda.
    Io ho preso Horizon prima di Zelda e nonostante il buon impatto iniziale da quando ho cominciato Zelda la mia Play 4 ha cominciato e prendere polvere per la prima volta da quando è entrata in casa mia... Questo qualcosa vorrà pur dire no? Ieri notte ho esplorato una zona secondaria completamente slegata dalla main quest in cui ho trovato un villaggio, un drago e un sacco di items utilissimi per cucinare... Ebbene per l'ennesima volta il tempo è volato e mi sono divertito un sacco senza sentirmi assolutamente "in obbligo" di svolgere quella sub-quest o salire in cima a quella montagna (cose fatte per il puro piacere di farle)... Io credo che Zelda sia IL VIDEOGAME dei giorni nostri proprio per questo... Per non parlare della fisica da urlo, la direzione artistica eccelsa e chi più na ha più ne metta... Poi se volete continuate pure a criticarlo per la grafica non all'altezza e ca**ate varie... Contenti voi...
  • aaston
    aaston
    Livello: 6
    Post: 492
    Mi piace 2 Non mi piace -2
    Originariamente scritto da ePoh

    Trovo la trama scontata, e priva di mordente, forse ho sbagliato approccio? All' inizio tantissimo entusiasmo, come in questo articolo, poi scoperte tre torri, e liberati due colossi, la trama è completamente svelata. Ho continuato spinto dallo scoprire tutto il mondo di gioco, e speravo che la trama ripartisse, una storia, qualcosa. Qui si dice nell articolo: " Da ogni singola attività ne scaturisce un’altra, e ogni personaggio contribuisce a creare un intreccio narrativo che si esalta nei dettagli delle più piccole questioni di paese ed esplode nel momento delle grandi imprese da eroe." Ma questo che dici forse è vero solo in parte nelle prime zone come dicevo prima. Non ho svolto/scoperto le quest dei ricordi. E' forse questo il mio errore? accetto consigli! Ho provato ad andare al castello, non è che sveli chissà quale intreccio o trama... Andare in giro è bellissimo, scalare e cavalcare, ma il resto? mi date consigli per apprezzare la trama/storia? Ho provato ad andare al castello, non è che sveli chissà quale intreccio o trama mentri vai al centro.
    Quoto tutto. Trovo molte delle recensioni, perdonatemi il termine, scritte da "esaltati", insomma, persone che si sono fatte "abbagliare" un pochino. Alla prova oggettiva dei fatti anch'io non ho ritrovato molto di quanto letto nelle entusiaste recensioni che davano a questo gioco il voto perfetto. E ribadisco, è un bellissimo gioco, un vero e proprio capolavoro, ma non IL capolavoro che tutte queste recensioni fin troppo entusiaste descrivono.
  • aaston
    aaston
    Livello: 6
    Post: 492
    Mi piace 2 Non mi piace -3
    Dopo averci giocato una cinquantina di ore, confermo la mia opinione iniziale: se questo gioco non si chiamasse Zelda, e non fosse stato prodotto da Nintendo, avrebbe ricevuto critiche meno entusiaste. Chiariamoci: il gioco è un capolavoro e mi sta divertendo davvero molto. Solo, non è un capolavoro epocale, assoluto, da rasentare la perfezione. Questo "boost" è dato dalla combinazione di nostalgia e della favola del "piccolo che dà una lezione ai grandi" (dove il "piccolo" è Nintendo, e i grandi sono il PC, Sony e Microsoft). Gran bel gioco dunque, ma tutti questi 10 sono sicuramente esagerati, soprattutto recensioni come questa dove non elecando NESSUN difetto. E quindi quando uscirà il seguito, che riprenderà la stessa formula migliorandola, cosa gli daranno, la lode? Tutto questo solo per dire che queste non sono semplicemente recensioni oggettive, come dovrebbero essere, ma entrano in gioco i fattori contaminanti che ho descritto sopra (soprattutto l'effetto "favola"). I numeri contano poco, certo, ma per quanto mi riguarda è un gioco "solo" da 9, un capolavoro, ma di margini per migliorarlo ce ne sono, e non vedo davvero l'ora di vedere cosa tireranno fuori nel futuro! Ma guardiamo le cose per come sono, e non facciamoci abbagliare dal resto.
  • Danaj92
    Danaj92
    Livello: 3
    Post: 0
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da TheMoose

    Prova a fare Zelda con la grafica di Horizon e vediamo se tutti i dettagli che ci sono ora nel gioco sarebbero presenti anche nella versione "Horizonesca". Sarei proprio curioso guarda.
    Quello che continuo a dire da tempo, tutti esaltano i dettagli che ha questo Zelda senza neanche badare a quello che ha sacrificato Nintendo per poterli mettere. Qualsiasi software house competente è in grado di fare un gioco con quella mole di dettagli se possono lasciar perdere la grafica, solo che se viene fatto su una piattaforma diversa e non da Nintendo vengono insultati pesantemente.
  • TheMoose
    TheMoose
    Livello: 2
    Post: 4
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Roche

    https://www.youtube.com/watch?v=aVPXKdSEGNQ https://www.youtube.com/watch?v=qEGWtyJAkO0
    Prova a fare Zelda con la grafica di Horizon e vediamo se tutti i dettagli che ci sono ora nel gioco sarebbero presenti anche nella versione "Horizonesca". Sarei proprio curioso guarda.
  • ePoh
    ePoh
    Livello: 3
    Post: 889
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Trovo la trama scontata, e priva di mordente, forse ho sbagliato approccio? All' inizio tantissimo entusiasmo, come in questo articolo, poi scoperte tre torri, e liberati due colossi, la trama è completamente svelata. Ho continuato spinto dallo scoprire tutto il mondo di gioco, e speravo che la trama ripartisse, una storia, qualcosa. Qui si dice nell articolo: " Da ogni singola attività ne scaturisce un’altra, e ogni personaggio contribuisce a creare un intreccio narrativo che si esalta nei dettagli delle più piccole questioni di paese ed esplode nel momento delle grandi imprese da eroe." Ma questo che dici forse è vero solo in parte nelle prime zone come dicevo prima. Non ho svolto/scoperto le quest dei ricordi. E' forse questo il mio errore? accetto consigli! Ho provato ad andare al castello, non è che sveli chissà quale intreccio o trama... Andare in giro è bellissimo, scalare e cavalcare, ma il resto? mi date consigli per apprezzare la trama/storia? Ho provato ad andare al castello, non è che sveli chissà quale intreccio o trama mentri vai al centro.
  • Bers3rk
    Bers3rk
    Livello: 0
    Post: 0
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Gioco fantastico, tuttavia volevo sapere ( attenzione spoiler) come mai dopo aver completato tutte le missioni principali(liberato i colossi sacri e sbloccato ricordi) non mi genera alcun autosalvataggio dopo aver sconfitto ganon
  • DaG
    DaG
    Livello: 0
    Post: 254
    Mi piace 2 Non mi piace -2
    Originariamente scritto da aaston

    La verità è che se non ci fossero i nomi Zelda e Nintendo, e fosse stata una produzione multipiattaforma di uno studio X, il gioco non avrebbe mai preso tutti questi 10, senza praticamente difetti. Sapete perché? Perché siamo sempre affezionati alla favola del "piccolo che fa le scarpe al grande". Per lo stesso motivo per il quale ci si era tutti affezionati alla favola del Leicester, si valutano diversamente le cose quando non si sta parlando di nomi "big". Ci siamo incondizionalmente attaccati, le sentiamo vicine, forse (senza sfociare in discorsi filosofici) proprio perché è quello che tutti noi sogniamo di poter essere. Produzioni open world multipiattaforma a quadrupla A come possono essere le serie prodotte da Rockstar e Bethesda vengono semplicemente valutate con un metro diverso. La "magia", la "poesia" di questo titolo vengono quindi sicuramente aumentate dal fattore "favola". Ovviamente stiamo parlando di un gran gioco, ma sono pronto a scommettere che i voti sarebbero stati dal mezzo al punto intero di voto in meno, se questa produzione non fosse marchiata con i nomi di Zelda e di Nintendo.
    La verità è che quando si parla di "big" come Nintendo e Zelda di solito si tende ad affossarli appena si rileva il minimo difetto. Se questo gioco fosse stata una produzione multipiattaforma di uno studio X avrebbe probabilmente preso voti più alti di quelli che sta prendendo e sarebbe considerato un gioco snobbato dal pubblico perché non appartenente a un brand famoso (come spesso di solito accade).
  • DaG
    DaG
    Livello: 0
    Post: 254
    Mi piace 7 Non mi piace -1
    Mi fa molto ridere il fatto che gli unici a non esser d'accordo con i voti alti che sta prendendo Zelda sono proprio quelli che il gioco non lo possiedono.
  • Roche
    Roche
    Livello: 3
    Post: 569
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    scusate il doppio post, mi è partito il tasto invio XD
  • Roche
    Roche
    Livello: 3
    Post: 569
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Ringhio83

    Mi sa che in giro ci sono un sacco di rosiconi che il gioco manco lo hanno provato... Io sono appena arrivato dagli Zora, ma questo gioco mi ha già dato moltissimo (e sono appena all'inizio)... Ti affezioni a PG secondari come Prisca oppure passi ore ad esplorare perché lo sai che quei maledetti di Nintendo qualcosa in cima alla montagna o sotto la cascata ce l'hanno messo... Questo è un capolavoro punto e basta!
    vero, non trovo ad oggi un gioco con un livello di esplorazione cosi soddisfacente. pensa che il gioco è uscito da 2 settimane e c'è ancora gente che piagnucola, assurdo. ma poi veramente, la fisica in questo gioco è stellare, pensa se tutti gli open world d'ora in poi li facessero cosi curati. io ho appena fatto il terzo colosso, ma penso che passerà ancora del tempo prima di esplorare affondo Hyrule..
  • Roche
    Roche
    Livello: 3
    Post: 569
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Ringhio83

    Mi sa che in giro ci sono un sacco di rosiconi che il gioco manco lo hanno provato... Io sono appena arrivato dagli Zora, ma questo gioco mi ha già dato moltissimo (e sono appena all'inizio)... Ti affezioni a PG secondari come Prisca oppure passi ore ad esplorare perché lo sai che quei maledetti di Nintendo qualcosa in cima alla montagna o sotto la cascata ce l'hanno messo... Questo è un capolavoro punto e basta!
    vero, non trovo ad oggi un gioco con un livello di esplorazione cosi soddisfacente. pensa che il gioco è uscito da 2 settimane e c'è ancora gente che piagnucola, assurdo. ma poi veramente, la fisica come in q
  • Ringhio83
    Ringhio83
    Livello: 4
    Post: 143
    Mi piace 3 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da Roche

    hai proprio ragione Law, dev'essere difficile per qualcuno accettare la realtà. d'ora in lascio stare, contenti loro, contenti tutti (io SICURO)
    Mi sa che in giro ci sono un sacco di rosiconi che il gioco manco lo hanno provato... Io sono appena arrivato dagli Zora, ma questo gioco mi ha già dato moltissimo (e sono appena all'inizio)... Ti affezioni a PG secondari come Prisca oppure passi ore ad esplorare perché lo sai che quei maledetti di Nintendo qualcosa in cima alla montagna o sotto la cascata ce l'hanno messo... Questo è un capolavoro punto e basta!
caricamento in corso...
RECENSIONI E SPECIALI CORRELATI
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.