Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Giulia Passione Maestra

Giulia Passione Maestra

A Scuola con Giulia!

Recensione

NDS

Simulazione

Italiano

Ubisoft Italia

Disp.

A cura di del
La serie di Giulia Passione…, che conta attualmente molteplici titoli al suo attivo, si arricchisce ulteriormente con questo Passione Maestra che, per fortuna, offre una carica educativa maggiore rispetto al solito. Il successo della saga (una delle più vendute su Nintendo DS!) risiede nella sua capacità di aver perfettamente intuito gli interessi di molte bambine, a tal punto che per quasi ciascuno di essi è stata rilasciata una versione video ludica. Ecco allora spiegata l’esistenza dei vari Giulia Passione pattinaggio, stilista, veterinaria etc… Le caratteristiche proprie dell’ottima console Nintendo hanno offerto terreno fertile per questo tipo di applicazioni, semplificando molto dinamiche ludiche standard di certi prodotti attraverso l’interazione diretta con Touch Screen e microfono. Questa peculiarità rende accessibile ed intuitiva l’azione di gioco a bambini e bambine anche molto piccoli, ed il consigliare questa categoria di giochi ad un’utenza composta da ragazzini da tre anni in su, celebra costantemente ed ulteriormente il successo di tali titoli. Scopriamo allora assieme quali punti di forza, innovazioni e peculiarità avrà da offrire questa ultima fatica made in Ubisoft.

A scuola con Giulia
Il Lunedì della prima settimana di lavoro, Giulia arriverà puntuale a scuola ed incontrerà il preside, strambo personaggio che le spiegherà che fino all’elezione del nuovo sindaco il paese era senza scuola. Seppur nuova, essa conta soltanto 4 alunni, ma altri ne arriveranno se i risultati conseguiti nel gioco saranno buoni. Presto verrete accompagnati nell’ufficio: qui avrete accesso all’inventario ( vi troverete ogni oggetto possa servire a scuola ed accederete altresì al negozio), all’agenda (che vi ricorderà cosa fare durante la settimana), alla scrivania contenente le schede con i progressi dei ragazzi e alla porta che dà sulla classe. Una volta scelto il programma settimanale, inizierete ad insegnare . Le materie di studio saranno 10, divise in due al giorno per 5 giorni (Dal Lunedì al Venerdì). In aula sarà nostro compito far sedere gli alunni, prestando attenzione a non avvicinare troppo quelli che non vanno d’accordo; ogni bambino infatti godrà di una descrizione che ne commenterà il temperamento. Una prova sarà l’esercitazione di scrittura: potremo girare le pagine di un libro toccando le figure che mano a mano compariranno sopra esse. Alla fine di ogni prova otterrete dei punti e conoscerete il grado di interesse degli alunni. Successivamente dovremo anche scrivere le lettere che appariranno girando col pennino una ruota contenente varie parole, purtroppo in questo caso il sistema di riconoscimento delle lettere non è perfetto e, pertanto, non sarà difficile sbagliare. Sarà necessario poi correggere i compiti degli alunni; nel caso dell’esercitazione di scrittura dovremo verificare entro un tempo limite se le parole da loro scritte contengono o meno errori. A fine giornata potrete dedicarvi ad alcune attività serali come pulire la classe (strofinerete il pennino sulle zone sporche o metterete a posto i banchi) o allenarvi ad insegnare cimentandovi nei minigiochi di competenza di ciascuna materia. Le materie sono 10: Scrittura, Matematica, Biologia, Geometria, Lettura, Storia, Geografia, Disegno, Ceramica e Musica. Esse saranno divise in 4 gruppi principali: Italiano, Scienze, Scienze Sociali ed Arte. Le prove da sostenere in ogni disciplina, o se preferite le modalità di insegnamento, non varieranno, a livello di gameplay, molto tra una materia e l’altra, ma ciascuna di essa godrà comunque di un certo grado di personalizzazione che, in bambini molto piccoli, potrebbe addirittura costituire una discreta conoscenza di base. Da segnalare poi la possibilità di personalizzazione della scuola: attraverso il negozio potrete comprare svariati oggetti (cartine geografiche e quant’altro) per abbellire l’aula in cui insegnerete. Importante sarà altresì tenere presente le esigenze e le propensioni di ogni ragazzo ed indirizzarlo verso la strada che gli sarà un giorno più congeniale; questo è forse l’aspetto più meritevole di questo software. Alcuni compiti vi saranno talvolta assegnati anche dai genitori dei ragazzi e, in generale, i personaggi con cui interagirete non saranno pochi.

Una scuola moderna e ben fatta
Il gioco è tecnicamente carino e capace di catturare fin da subito l’attenzione delle bambine. Colorato e vivace, Giulia passione maestra offre una caratterizzazione dei personaggi molto buona; ben difficilmente essi appariranno anonimi. Sebbene i dialoghi non siano sostenuti da scene di intermezzo, i disegni rappresentanti i personaggi sono caratteristici e simpatici. L’aula ed i ragazzi in 3d sono realizzati bene e le loro animazioni, molto semplici, son simpatiche e forse strapperanno anche una risata a qualche bambina . Il sonoro è composto da spensierate musichette, non molto varie per la verità, ma perfettamente in linea con lo scopo che il software vuole prefissarsi.
  • + Probabilmente è il gioco della saga più educativo
    + Graficamente discreto
    + Insegnerà ai più piccoli le basi minime delle discipline trattate.
  • - Dinamica ludica dopo un po' noiosa
    - Chi è un po' grandicella lo troverà troppo semplice
    - Touch Screen talvolta un po' impreciso
voto
6

Siamo piuttosto soddisfatti. Questo è forse il rappresentante della serie Giulia più educativo che sia mai uscito. In un’atmosfera spensierata verrà offerta un’immagine idealizzata ed affascinante, agli occhi di una bambina, della scuola e di ciò che la circonda. L’idea inoltre di posizionare un’alunna nella vita reale dall’altra parte della cattedra riscuoterà senz’altro successo. E stavolta è quasi un bene poiché, in fondo, attraverso le discipline che la bambina andrà virtualmente ad insegnare, imparerà o ripasserà di certo qualcosa. A patto dunque di non aspettarsi un software educativo completo e sofisticato, Giulia Passione Maestra potrà divenire un bel regalo di compleanno per molte bambine; in fondo graficamente è piuttosto curato ed i protagonisti son ben caratterizzati, il gameplay è ripetitivo ma funzionale allo spirito del gioco e l’interazione con un buon numero di personaggi è garantita.

0 COMMENTI