Recensione di Naruto Ninja Council 2

Copertina Videogioco Naruto NC 2
  • Piattaforme:

     NDS
  • Genere:

     Azione
  • Sviluppatore:

     Tomy
  • Distributore:

     Nintendo
  • Lingua:

     italiano
  • Giocatori:

     1
  • Data uscita:

     disponibile
- 19 personaggi tra cui scegliere... -... tutti uguali!
- Difficile e noioso
- Licenza non sfruttata a dovere
A cura di (Fabfab) del
Trasmesso con buon successo da ormai un paio d’anni anche in Italia, Naruto è una delle serie considerate a ragione eredi dell’intramontabile Dragonball. L’anime narra le vicende di un ragazzino, Naruto appunto, cresciuto in un villaggio di ninja che aspira a diventarne il capo. Inizialmente, però, il protagonista appare il meno dotato tra le nuove leve e per questo preso in giro da tutti. Rivelate ben presto le sue reali abilità, Naruto si troverà a combattere contro il perfido Orochimaru, affiancato da validi compagni sempre pronti ad aiutarlo.
Questo nuovo titolo dedicato al giovane ninja si colloca proprio in un momento in cui Orochimaru ed i suoi uomini stanno assaltando il Villaggio della Foglia. Spetterà a Naruto e ai suoi amici difenderlo con tutti i mezzi possibili.

La via del ninja
Pur avendo dei ninja come protagonisti, la serie di Naruto non ne sfrutta la leggenda di combattenti abili ma discreti, capaci di nascondersi nelle ombre e muoversi senza fare il minimo rumore. Piuttosto i vari protagonisti, sia buoni che cattivi, ricalcano il solito stereotipo degli shonen giapponesi, rivelandosi combattenti dotati di poteri unici e devastanti, che non hanno remore ad affrontarsi faccia a faccia.
Per questa ragione il qui presente titolo della Bandai si presenta come un classico picchiaduro a scorrimento condito da basilari elementi platform. A dirla tutta, Tomy ha dato vita al classico tie-in che punta tutto sulla notorietà del brand, senza dedicare troppe risorse allo sviluppo del gioco.
L’idea di partenza non è nemmeno malvagia: 19 personaggi tra cui scegliere, compresi comprimari molto amati come Sasuke e Gaara. Al giocatore viene chiesto di sceglierne tre, di cui uno primario e due di appoggio, e già qui cominciano a delinearsi i primi problemi. I personaggi infatti differiscono nell’aspetto, ma non nei controlli, che sono identici per tutti. Indipendentemente da chi si sceglie, si avrà a disposizione un attacco base (calci e pugni), il salto (doppio), la corsa e la possibilità di accucciarsi. In alcuni frangenti è anche concesso di camminare sui muri, consumando l’apposita barra del Ki. E’ possibile raccogliere oggetti da lanciare, che andranno persi non appena colpiti dal nemico. Esistono poi dei colpi speciali che possono essere utilizzati solo riempiendo un’apposita barra e interagendo col touch screen. Essi svolgono in pratica la funzione di una sorta di smart bomb. Alcuni vengono invece attivati soffiando nel microfono del DS.

Salviamo il villaggio
I livelli di gioco sono piuttosto lineari, anche se presentano un certo sviluppo in verticale. Oltre ad avanzare occorre anche saltare su tetti e piattaforme o strisciare in passaggi angusti. I controlli non sono troppo precisi e capita spesso di morire perché non è possibile individuare dove si andrà a cadere dopo un salto.
I nemici, tutti uguali tra loro, si limitano ad andare incontro al giocatore, senza adottare particolari tecniche di combattimento, rendendo quindi poco vario il gameplay. Periodicamente l’azione è intervallata da minigiochi da effettuare col pennino sul touch screen e dagli scontri con gli immancabili boss.
Gli sprite dei personaggi sono abbastanza fedeli alle controparti animate e le loro movenze abbastanza curate ma, purtroppo, sempre uguali. Le musiche sono anonime mentre la storia viene narrata per sommi capi e risulta tutt’altro che appassionante.
Infine i livelli di gioco risultano poco ispirati e ripetitivi, oltre che mal progettati, il che rende questo Naruto Ninja Council 2 un prodotto inutilmente frustrante, poco vario ed inevitabilmente noioso.
Recensione Videogioco NARUTO NINJA COUNCIL 2 scritta da FABFAB Naruto Ninja Council 2 ripropone in toto i più classici stereotipi dei tie-in: si tratta infatti di un gioco per nulla ispirato, noioso e difficile, che punta le sue chance di successo solo su una licenza di richiamo. Da evitare, anche se si è appassionati della saga, a causa della scarsa cura riposta nella trasposizione di personaggi ed ambientazioni del cartone animato.
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
RECENSIONI E SPECIALI CORRELATI
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.