Recensione di Le Cronache di Narnia: Il Principe Caspian

Copertina Videogioco Narnia 2
  • Piattaforme:

     NDS
  • Genere:

     Avventura
  • Data uscita:

     Estate 2008
- Storia coinvolgente
- Personaggi indimenticabili
- Non sono meriti del gioco
- Controlli imprecisi
- Inferiore al primo
- Tecnicamente poco curato
Loading the player ...
A cura di (Darkzibo) del
Il primo episodio de ‘Le Cronache di Narnia’, così come il libro, aveva suscitato un grande interesse da parte di tutti gli appassionati del genere fantasy, perché cominciava con un drammatico evento contemporaneo, la Seconda Guerra Mondiale, e si spostava nel fantastico mondo di Narnia, dove i ragazzi potevano evadere dagli orrori reali. Come volevasi dimostrare, dopo che un brand ha riscosso tanto successo, ecco uscirne un nuovo episodio: Il Principe Caspian. Esso ripercorre in maniera discontinua (si tratta del quarto libro delle Cronache, mentre il primo racconto cinematografico era il secondo) quanto avvenuto nella fantastica terra un anno dopo gli avvenimenti che già conosciamo. Adesso sarete chiamati ad impugnare il vostro stilo di Nintendo DS e a combattere per Narnia.

Un regno alla deriva
La narrazione comincia con la storia di Caspian, principe di Narnia molti anni dopo i re Lucy, Peter, Susan e Edmund, ovvero i bambini protagonisti de "Il Leone, la strega e l’armadio". Adesso Narnia è un regno dimenticato dove Miraz, zio di Caspian, mira al potere assoluto. Il principe è ancora in vita per il solo motivo che Miraz non ha un erede. Non appena questo nasce però, Caspian viene avvisato dal dottor Cornelius che Miraz uccise il fratello, padre del principe e, con la nascita dell’erede, esso sarebbe stato ucciso. Il dottore dona a Caspian un corno che apparteneva alla regina Susan e questi, braccato dai soldati, lo suona. Questo suono riecheggia nel mondo reale e in particolar modo nel 1946, un anno dopo il primo episodio cinematografico de ‘Le Cronache di Narnia’, e giunge all’orecchio dei quattro fratelli Lucy, Peter, Susan e Edmund. Infatti anche se nella terra di Narnia il loro regno è finito da secoli, nella realtà è passato solo un anno. Potremmo andare avanti nella narrazione, ma rischieremmo di raccontarvi troppo togliendo al film appeal e sorpresa nelle sale.
Nel titolo in questione, che ripercorre quanto visto nel lungometraggio, guiderete praticamente tutti i personaggi presenti nel film tramite un gameplay che riporta ai Gdr di stampo giapponese. Sostanzialmente avrete un party di eroi da formare con quelli disponibili in base al capitolo della storia affrontato. Il gioco è un vero Gdr che mischia i generi orientali e occidentali. Dal punto di vista tecnico – esplorativo, che analizzeremo meglio più avanti, è molto occidentale e ricorda gli episodi per Game Boy Advance de ‘Il Signore degli Anelli’, mentre i momenti di combattimento vero e proprio si avvicinano al mondo orientale con una commistione improbabile tra combattimenti a turni e rythm game. Andiamo con ordine. Sono presenti diversi tipi di attacchi: uno è quello leggero con la spada, un altro pesante, un attacco magico e uno con l’arco. Questi metodi offensivi possono realizzarsi attraverso l'uso del pennino: per il primo seguirete un percorso disegnato sul touch screen e, nel caso riusciste a superare la prova, danneggerete gravemente l’avversario. Per il secondo, l’attacco pesante, dovrete sfregare le spade in maniera che si avvicinino ad un bersaglio entro un tempo limite, per il terzo, sarete chiamati a mirare, in breve tempo, un bersaglio puntando un arco virtuale verso di esso. Per l’attacco magico unirete sfere di energia che compariranno su un manufatto e di seguito dovrete girare rapidamente il medesimo per far sì che l’attacco sia più devastante. Un altro attacco è quello degli gnomi che ricorda parecchio i rythm game più famosi presenti per Nintendo DS: quattro spade si muoveranno nella stessa direzione e, non appena le loro punte si toccheranno, dovrete appoggiarvi lo stilo, nella maniera più precisa possibile. I personaggi del vostro party (tre al massimo) nel corso dei momenti esplorativi saranno rappresentati da un leader. Durante gli scontri potrete visualizzarli tutti insieme sempre nello schermo tattile, in modo da facilitare il compito di selezione immediata dell’eroe e seguente nemico da colpire. Nel corso delle battaglie saranno presenti oggetti in grado di aiutare gli eroi del vostro party, come mele per rinvigorire la salute o altri per resuscitare qualche caduto in battaglia. Vinto uno scontro, i personaggi si potenzieranno aumentando di livello, in una sorta di gdr semplicistico. Tutto sembrerebbe andare per il verso giusto da quanto descritto: uso impegnato dello schermo tattile, la storia di Narnia da seguire e tutti i personaggi giocabili. Purtroppo non è così: il metodo con cui sono proposti i combattimenti si discosta troppo dalla trama e, a momenti, pare di avere a che fare con un altro gioco che si estranea dalla natura con cui il titolo si propone. Da segnalare anche l’imprecisione dei comandi che, a volte, danneggia ulteriormente la già traballante giocabilità. Le esplorazioni si svolgono in maniera troppo lenta, quasi soporifera e l’ia dei nemici è molto scarsa, poiché non ha tattiche di attacco e procede alla cieca. Forse continuerete a giocarci per capire come la storia, unico punto di rilievo del gioco, si evolve, ma vi accorgerete ben presto che i difetti sopra elencati riusciranno ad allontanarvi in breve tempo da Narnia.

Dagli anelli a Narnia
Graficamente Il Principe Caspian si presenta come un’evoluzione di ciò che furono i due episodi basati sul film de ’Il Signore degli Anelli’ comparsi su Game Boy Advance qualche anno fa. La visuale dall’alto, unita alla mappa dello schermo superiore, consente di vedere al meglio i percorsi da compiere. Purtroppo le ambientazioni, seppur discretamente dettagliate, non sono mai enormi e, anche in questo caso, avrete una sensazione di oppressione che coinvolgerà il protagonista. I personaggi sono poco dettagliati con sproporzioni in grado di lasciare a bocca aperta a causa della loro approssimazione: le armi sono enormi e i movimenti dei personaggi durante gli scontri sono sempre i medesimi: legnosi e approssimativi. Bella invece l’idea di inframezzare parti raccontate che invitano il giocatore a roteare la console e tenerla tra le mani a mo di libro, anche se questa scelta non aiuta a risollevare le sorti del titolo.
Il sonoro non sfrutta bene i buoni speaker di Nintendo DS e propone musiche che paiono sporche, ruvide e con pochissime sonorità, in pratica sembrano blandi files midi.
Recensione Videogioco LE CRONACHE DI NARNIA: IL PRINCIPE CASPIAN scritta da DARKZIBO Dopo aver giocato il primo episodio per Nintendo DS, le premesse perché il seguito potesse superare il predecessore c’erano tutte: il pennino doveva essere utilizzato al meglio e la storia avrebbe permesso di impersonare molti personaggi. Purtroppo, forse per la fretta o per la sicurezza di conquistare comunque buona parte del mercato grazie al nome che porta, i programmatori de Le Cronache di Narnia: il Principe Caspian hanno preferito puntare sul nome e realizzare un prodotto mediocre dotato di controlli imprecisi e un comparto tecnico non all’altezza. Forse potrete giocarvi solamente per sapere come va a finire questo capitolo, ma per questo esiste il film che è sicuramente in grado di farvi vivere al meglio questa straordinaria avventura. Purtroppo non ci sentiamo di consigliarlo neanche agli appassionati dei racconti di Lewis, perché potrebbero incappare in un grande sconforto.
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.