Recensione di Draglade

Copertina Videogioco Drag
  • Piattaforme:

     NDS
  • Genere:

     Picchiaduro
  • Sviluppatore:

     Banpresto - Dimps
  • Distributore:

     Halifax
  • Lingua:

     Italiano
  • Giocatori:

     1-2
  • Data uscita:

     disponibile
- Tecnicamente buono
- Gameplay originale
- Longevità elevata grazie ad un buon numero di extra
- Multiplayer ben curato
- Lo story mode di alcuni personaggi avrebbe potuto essere più curato
A cura di (Jack Right) del
Draglade è un picchiaduro con elementi da Rpg e rhythm game. Scoprire la misura e la modalità attraverso cui tali elementi sono stati fusi in questo grazioso gioco per Nintendo DS, sarà priorità di questa recensione. Da subito sarà comunque possibile anticipare l'originalità del gameplay di questa release che, a sorpresa, si conferma innovativa e degna di attenzione. Scopriamone assieme il perchè.

Grappa che ti passa
La prima modalità di gioco che questo Draglade ci metterà a disposizione nel menù principale è Storia. Selezionandola avremo la possibilità di scegliere, tra 4 personaggi, il nostro Alter Ego. Scelto successivamente il colore dello stesso, potrete modificare il suo nome. Seguiamo ora le prime fasi di gioco con Hibito e l'introduzione del titolo: “Il grap è insieme un nuovo stile di combatttimento ed un nuovo sport. Il grap combina tra loro le arti marziali e la musica. Tutti i grappar hanno un elemento chiamato G-Con. Attraverso il G-Con si crea dalla materia un Glade con il quale combattere. Il fascino che trasmette il grapper è in gran parte generato proprio da questo Glade speciale. Quando usato, emette dei suoni misteriosi. Un grapper abile, può usare tali suoni durante un combattimento unendoli per creare una melodia chiamata beat combo. Questi melodici beat combo possono essere suonati nel mezzo di una battaglia coinvolgendo ed entusiasmando tutto il pubblico presente. Il mondo è investito dalla febbre del Grap. I Grapper con una grande resistenza e con dei Beat combo ipnotici, lottano per diventare dei Major. Per diventare Major si devono superare una serie di esami. Diventare Major è un grande onore, significa che il mondo ha riconosciuto le tue abilità e che sei un grapper di prima classe. Adesso inizia il viaggio di un giovane uomo che desidera divenire major grapper (...), riuscirà nella sua impresa?”

Da qui parte l'avventura di Hibito che, partendo dalla sua stanza, raggiungerà presto il suo amico Rikuto (aspirante Grapper). Manifestando l'intenzione di Grappare un po', si avvieranno verso un bosco ove incontreranno un variant, creatura simile ad un lupo. Questa sarà l'occasione per apprendere i comandi fondamentali del gioco. Scoprirete così che attraverso il glade del fuoco il nostro eroe sarà in grado di creare una spada utile ai fini dei combattimenti che lo aspetteranno. Y genererà un attacco debole, X uno pesante, con B salterete e con R vi riparerete. I colpi cambieranno se assieme al pulsante d'attacco agirete convenientemente sul D-pad. I comandi si rivelano immediati e funzionali fin da subito e non avrete pertanto alcun problema a padroneggiarli con velocità.
Nonostante l'avversità che il nonno del nostro eroe dimostrerà di fronte alla sua intenzione di divenire Major grapper, egli partirà ugualmente per sostenere l'esame. Un pratico tutorial vi spiegherà la differenza tra colpi leggeri e pesanti, sulle possibilità di azione generali del gladio, del g-con e dei proiettili. Essi sono di tre tipi: Attack, Recover e Support. Attraverso il pulsante A potrete usarli e, durante uno scontro, saranno sfruttati fino a 6 proiettili divisi nei tre principali slot (selezionabili tenendo premuto A e cambiabili con la pulsantiera di controllo). Sarà concesso sostituire i proiettili equipaggiati semplicemente toccando l'icona corrispondente nella parte destra del secondo schermo di Nintendo Ds (definiti proiettili scorta, utilizzabili ma non equipaggiati). I proiettili saranno rintracciabili nelle armerie oppure in terra dopo aver sconfitto i nemici. Grande affidamento fa il gioco sulle potenzialità delle “Beat Combo”. Esse sono combo a ritmo di musica. Attraverso il pulsante L attiveremo questa possibilità. Scorreranno delle sfere sullo schermo e, premendo il pulsante Y a tempo, infliggeremo gravi danni agli avversari e daremo grande spettacolo al pubblico. I punti Beat diminuiranno usando queste tecniche, e sarà necessaria una certa oculatezza nel rintracciare il momento migliore in cui sparare proiettili o attivare Beat combo. Disponibile un'opzione, definita Dragon Sequencer, in cui si potrà personalizzare le proprie Beat Combo (modificandone la melodia generata), i proiettili e verificare il proprio livello. E' presente poi una modalità d'allenamento utilissima per familiarizzare con i controlli di gioco e le possibilità da essi offerte e, se pure, come sostenuto sopra, il titolo si rivela molto immediato ed intuitivo, tale possibilità permetterà fin da subito di ottenere risultati molto buoni. Curato anche il multiplayer che non mancherà di garantire un fattore longevità decisamente più alto rispetto ad altri titoli facenti parte della stessa categoria videoludica. Due giocatori si sfideranno a mettere in pratica le tecniche imparate attraverso la connessione locale (single card) o la WFC. Un'aggiunta, questa, che farà sentire il suo peso in fase di giudizio finale assieme al buon numero di extra che questo prodotto nasconde in sè.

Grafica e sonoro
A livello tecnico il titolo si rivela essere costruito su di un 2d di buona qualità. Le animazioni dei personaggi principali saranno fluide e ben caratterizzate anche se, comunque, si sarebbe potuto fare qualcosa in più per i fondali (costituiti da 2 livelli di parallasse) che si basano su di palette di colori talora non vivacissime.
Gradevole il sonoro e gli effetti generati dal glade. Canzoni giapponesi come spesso accade immediate, orecchiabili e divertenti.
Recensione Videogioco DRAGLADE scritta da JACK RIGHT La particolare struttura di questo titolo lo rende consigliabile a chiunque stia cercando un picchiaduro non ordinario. Intrecciando in esso qualche elemento da Gdr e rhythm game, infatti, sa proporsi come un prodotto atipico e piuttosto originale. Da apprezzare la presenza di un multiplayer locale ed in rete e di un buon numero di extra che aumenteranno di molto la longevità. Simpatica la concezione della Beat Combo che aggiungerà un tocco di spettacolarità al titolo.
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.