Recensione di Cooking Mama

Copertina Videogioco CM
  • Piattaforme:

     NDS
  • Genere:

     Simulazione
  • Sviluppatore:

     Taito
  • Data uscita:

     Disponibile
-Originale
-Costa Poco
-Troppo Semplice e Ripetitivo
-Niente Multiplayer
A cura di (rspecial1) del
Devo dire la verità, tra giornate passate tra redazione ed in giro a rompere le scatole alle varie società di videogiochi, non è che i miei pranzi sia eccezionali; figuriamoci se mi devo mettere a casa a cucinare o preparare qualche prelibatezza. Non mi resta quindi che cercare una ragazza, bella e prosperosa, che sappia anche cucinare; una rarità di questi tempi e forse per questo che alla Majesco han pensato bene di realizzare un titolo apposito per Nintendo DS, unendo l’utile al dilettevole.

Voglio le lasagne!!
Diciamo da subito che Cooking Mama appartiene a quella categoria di giochi dedicata ad uno specifico target di utenza, che quindi intende puntare tutto sulla sua semplicità di gestione e del gameplay per facilitare l’approccio ai casualoni. Ci troveremo cosi con tre semplici modalità di gioco, quella principale comunque è costituita dalla Ai Fornelli nella quale dovremo eseguire diverse ricette e man mano sbloccarne sempre di più. Il titolo si divide essenzialmente in una serie di minigiochi nei quali dovremo prendere gli ingredienti necessari per la preparazione di determinati piatti ed usarli per cucinarlo. Per fare tutto ciò avremo a nostra disposizione il fido pennino che a seconda della situazione diventerà un coltello, un cucchiaio, un matterello ecc. ecc. da utilizzare per affettare le verdure, mescolare le varie preparazioni o semplicemente per appiattirne altre. Come sempre dovremo usare il touch screen per tracciarvi sopra delle line, fare cerchi o colpire appositi punti, il tutto per cercare di vincere. Il sistema di gioco infatti prevede che voi eseguiate una ricetta in un determinato tempo limite, dopo aver assistito ovviamente alle spiegazioni del caso e dopo aver fatto un po’ di pratica, per vedervi assegnati un punteggio e delle medaglie; il sistema dei punti non è fine a se stesso ma servirà proprio per sbloccare nuove e sempre più complesse ricette. Purtroppo il titolo è caratterizzato da una estrema semplicità, tanto che non sarà difficile effettuare anche le ricette più complesse grazie ai mille aiuti che ci arriveranno dalla CPU, arrivando anche a segnarci sullo schermo la giusta manovra da fare…ovvero se sbagli sei proprio un asino. Per fortuna a risolvere una giocabilità che denoterà da subito una certa ripetitività e semplicità ci penserà la modalità Menu Libero, nella quale potremo sbizzarrire la nostra immensa fantasia per cercare di cucinare dei piatti unici mixando quelle sbloccate precedentemente. Anche qui però ci troveremo di fronte agli aiutini che il gioco ci darà senza che nessuno gli chieda nulla, addirittura decidendo da se quali sono le movenze da fare per ogni nostro mix, riducendo di conseguenza l’interesse del giocatore. Per concludere in bellezza avremo anche la modalità Test che ci proporrò tutte le ricette precedenti con un livello di sfida variabile.

Proviamo insieme.
Facciamo un esempio pratico di cosa dovremo fare in Cooking Mama, ad esempio cucinando qualcosa di semplice come il riso bollito. Per prima cosa dovremo versare il riso nella scodella, fermandoci una volta raggiunta la linea dell’indicatore, in seguito apriremo il rubinetto per versare l’acqua nel contenitore fermandoci, anche in questo caso, al raggiungimento della linea. Una volta inserito il tutto dovremo lavare il riso, sciacquandolo in una bacinella finchè la barra indicatrice non diventa verde. A questo punto, se volessimo un riso particolare e non in bianco, dovremmo aggiungere qualche ingrediente particolare (se si tratta di carne bisognerà anche tagliarla, impanarla nel caso od anche friggere se invece preferiamo del pesce ecc. ecc.) ed inserire i minuti di cottura. Il tutto purtroppo è troppo semplice e gli aiuti sono tanti, per contro perderemo solo se non rispetteremo i tempi imposti, anche se la nostra fidata aiutante Mama sarà sempre li a darci una mano, anche se con degli occhi infuocati.

Sbuccia le patate…
Siamo alla frutta, è proprio il caso di dirlo. La grafica del nuovo titolo Taito è in 2d, ma troppo semplice e poco dettagliata, con un livello del design che richiama una cura approssimativa, sebbene sia utile ed essenziale ai fini del gioco stesso. Carine le musiche e tutti gli effetti sonori campionati, che richiameranno un atmosfera molto allegra e golliardica.
Recensione Videogioco COOKING MAMA  scritta da RSPECIAL1 Puntando sul filone dei titolo “non gioco” alla Majesco hanno provato a richiamare il successo avuto da molti altri esponenti del “genere” quali Nintendogs o 42 Classici Senza Tempo, senza contare Brain Training. Purtroppo se l’idea di fonde è ottima e molto originale la realizzazione risulta troppo improntata ad una semplificazione del gioco e dell’esecuzione delle ricette che porta la longevità a ridursi drasticamente, con l’aumento della noia del giocatore che in pratica è costretto ad eseguire semplicemente ciò che gli viene detto di fare passo passo. Un gioco simpatico ed adatto sicuramente alle ragazze, che manca però di troppe cose per riuscire a risultare un vero must. Speriamo in una maggiore cura della versione per Nintendo Wii con un implementazione della modalità multiplayer che qui purtroppo latita.
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.