Recensione di Metroid Prime: Blast Ball

- È gratis
- Format riciclato ma sempre divertente
- Multiplayer online e in locale
- Demo giocabile di Federation Force inclusa
- Single player praticamente non pervenuto
- Un'unica modalità di gioco
A cura di (ViKtor) del
La politica di distribuzione di Nintendo è ormai diventata famosa per riservare sorprese e Metroid Prime: Blast Ball ne è solo l’ultimo esempio: presentato nell’ormai lontano giugno 2015, di questo spin-off si erano perse le tracce, almeno fino alla magica comparsa sull’eShop di qualche giorno fa. Non ci siamo fatti scappare l’occasione e l’abbiamo scaricato e giocato per voi.



Non solo marketing
Il periodo di pubblicazione di questa piccola fatica della grande N non è casuale: alle porte c’è Federation Force, controverso nuovo episodio della storica saga di Samus Aran che tanto ha fatto discutere. Placare la nervosa community con un regalino sotto forma di minigioco ci è sembrata fin da subito un’astuta mossa di marketing e la riprova di ciò è arriva dopo un’oretta passata con la console in mano: nel menu principale è apparsa la possibilità di avviare una demo proprio di Federation Force, grazie alla quale ci siamo immersi in quello che con ogni probabilità sarà il tutorial della versione finale.
È facile pensare che il peso specifico di Blast Ball sia quindi nullo e che il gioco sia solo un pretesto per farci provare il suo fratello maggiore; in realtà, sorprendentemente, non è così. I due titoli sono uniti da un unico filo conduttore, ed è il gameplay. Sviscerando Blast Ball ci siamo fatti una chiara idea del sistema di controllo del mech in Federation Force, anche se qui l’obiettivo non è esplorare pianeti ma lanciare un enorme pallone metallico nella porta della squadra avversaria. Se state pensando ad un mezzo plagio di Rocket League probabilmente siete delle persone cattive, ma avete centrato il punto.


L'importanza del gruppo
Il succo è proprio quello del pluripremiato titolo Psyonix, con la differenza che nell’arena si affrontano due team di tre mech e alla palla occorre sparare.
Il movimento del robottone nel campo da gioco è comandato dalla levetta analogica mentre con L si aggancia la sfera, con Y si attivano classici power-up come scudi e boost alla velocità e, a seconda della pressione, con A si sfruttano le due diverse potenze di fuoco del cannone.
Tutto molto semplice, finché non si prova a sfruttare il dorsale R che, abbinato al giroscopio della console, attiva la mira manuale: inizialmente difficile da padroneggiare, questa opzione si rivela importantissima per imporre effetti e direzioni precise alla sfera e fare la differenza nei momenti più delicati.
Imparare a sparare è fondamentale anche per un altro motivo: il mech non può entrare in contatto diretto con la palla, pena: danni irreversibili ed esclusione dalla partita per qualche secondo. In tal senso il cannone può naturalmente essere utilizzato come arma contro i componenti della squadra avversaria e vi lasciamo immaginare cosa significhi questo in termini di strategie e tattiche di gioco. Blast Ball, non per altro, è pensato per essere giocato in compagnia e fa del multiplayer il suo fulcro.
Il menu propone due sole modalità (versus e sfida), che consistono in una o più partite 3vs3 sempre nella medesima arena. La componente online è quindi decisiva nel mantenere l’interesse sul lungo periodo, e per fortuna il lavoro svolto dagli sviluppatori in questo frangente è buono. Le modalità di connessione sono quelle classiche, quindi potrete organizzarvi in locale, tramite download play o direttamente online sfruttando il solido net-code. Se pensate di giocarci da soli, invece, quei blocchi nella memoria nella console saranno destinati a rimanere occupati per molto meno tempo.
Blast Ball, in definitiva, è qualcosa in più di una mera operazione commerciale per promuovere Federation Force. Ne sfrutta le basi del gameplay per proporre una deviazione dai binari canonici della serie e l’esperimento tutto sommato riesce a camminare con le proprie gambe. Scaricarlo non costa nulla, nel vero senso della parola, quindi una possibilità se la merita.
Recensione Videogioco METROID PRIME: BLAST BALL scritta da VIKTOR Metroid Prime: Blast Ball è una sorpresa fresca, di quelle con cui sollazzarsi in queste afose giornate estive. Innanzitutto perché è un vero free-to-play, quindi basta avviare l’eShop e scaricarlo sulla propria console; in secondo luogo il format, per quanto riciclato e per nulla originale, diverte ed è sostenuto da un gameplay immediato e funzionale. Di certo se approcciato da soli rischia di durare quanto un ghiacciolo a ferragosto ma se avete la possibilità di connettervi online o, ancor meglio, con qualche amico, diventa un buon passatempo e il miglior modo possibile per ingannare l’attesa verso Federation Force (magari giocandone la demo inclusa).
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
caricamento in corso...

 
 
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.