Recensione di LEGO Batman 2: DC Super Heores

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     3DS
  • Genere:

     Azione
  • Sviluppatore:

     Travellers Tales
  • Distributore:

     Warner
  • Lingua:

     Italiano
  • Data uscita:

     22 Giugno 2012 - Wii U 24 maggio 2013
- Divertente e immediato
- Tanti personaggi da sbloccare
- Troppo semplice
- 3D assente
- Finisce in fretta
- Manca il free roaming
A cura di (Darkzibo) del
I LEGO hanno un grandissimo merito, sono riusciti a resistere all’avvento del divertimento elettronico di massa e di reinventarsi anche nel mondo del gioco digitalizzato. Con le varie saghe più famose del cinema, dapprima Star Wars, poi Indiana Jones, Harry Potter, Pirati dei Caraibi e il prossimo The Lord of The Rings, riproposte nell’ottica dei mattoncini di origine danese, LEGO è riuscita ad entrare ampiamente nel mondo videoludico, tanto che molti dei titoli prodotti sono andati ad insediare i nomi altisonanti dell'industria videoludica proprio dove conta di più: nelle classifiche di vendita. Con LEGO Batman 2: DC Super Heores, Traveller’s Tales ripropone le gesta dell’oscuro eroe, stavolta accompagnata da uno stuolo di colleghi. Come si propone su Nintendo 3DS ? continuate a leggere per saperlo.

Chi è l’uomo dell’anno?
Il canovaccio che sta alla base di LEGO Batman 2: DC Super Heores è piuttosto semplice. Bruce Wayne e Lex Luthor sono i candidati al premio come miglior uomo dell’anno. Naturalmente ne risulta vincitore il miliardario i Gotham ma, una volta salito sul palco, ecco l’irruzione di Joker che rovina la premiazione e che fa cadere nel caos tutti i ricchi ospiti. In un attimo Bruce Wayne veste i panni dell’uomo pipistrello ed è pronto per affrontare il nemico di sempre. L’intraprendenza di Joker non sfugge però a Lex Luthor e, da qui, sarà proprio il ricco nemico di Superman a cercare un’alleanza con il folle criminale per mettere a ferro e fuoco Gotham e sconfiggere, una volta per tutte, Batman e Superman. La storia si dipana in maniera fluida anche se, a dirla tutta, non ci saranno colpi di scena memorabili.

Piccolissima Gotham
Il gameplay rimane quello collaudato delle varie serie LEGO, in cui dovrete risolvere enigmi molto semplici. Questo avverrà tramite la collaborazione dei due eroi presenti durante le varie sessioni di gioco, oppure con la costruzione in puro stile LEGO, di oggetti utili per il proseguo dell’avventura. Ogni personaggio avrà delle peculiarità che, per i due protagonisti (Batman e Robin), varieranno in base al costume che indosseranno. Tipicamente la posizione delle piattaforme per il cambio costume incanalerà le scelte lungo strade ben precise e questo altro non farà che semplificare ulteriormente la risoluzione degli enigmi. Per esempio, nel caso troviate la piattaforma che dona a Robin il costume magnetico, vorrà dire che il nostro personaggio dovrà raggiungere una zona camminando orizzontalmente su un percorso metallico; ancora, la presenza del Super Costume di Batman stabilirà che in zona sono presenti degli oggetti da distruggere con l’esplosivo per proseguire nel gioco. Avrete capito che il tutto risulta un pò troppo semplice, e il gioco agevola questa sensazione. Infatti proseguendo nell’avventura, avrete spesso la sensazione di avere a che fare con un titolo molto facile che non impegnerà i giocatori più navigati, e renderà la vita semplice ai neofiti. Venire sconfitti sarà un evento eccezionale e comunque comporterà una perdita minima di gettoni. A questo si aggiungono le comparsate dei nemici di sempre, come Mr Freeze, il Pinguino, lo Spaventapasseri, il Cappellaio Matto, Catwoman e via dicendo, che saranno sistemabili in pochissimi istanti. Un vero peccato, anche perchè la stessa sorte accade agli eroi che appariranno verso la fine del titolo e avranno un ruolo molto marginale, a parte Superman che sarà parte integrante quasi da subito. E con poteri strabilianti che faciliteranno ancora di più la risoluzione del titolo.
Traveller’s Tales si è affidata ancora una volta ad un solo pulsante (in questo caso Y) per gli attacchi mentre basterà tener premuto lo stesso per attivare il mirino, per lanciare il batrang, ad esempio; B servirà per saltare, X per usare uno o l’altro personaggio presenti in- game mentre i dorsali servono per selezionare gli eroi disponibili. Purtroppo al touch screen è affidata la sola mansione di menù rapido in cui selezionare gli eroi e la scelta rapida delle abilità. Inoltre, occorrerà anche per la risoluzione del pessimo minigioco presente che tornerà utile per sbloccare determinate porte.

Poca libertà
Purtroppo, a differenza delle versioni per console casalinghe, non esiste il free roaming, quindi non potrete visitare Gotham nè aggirarvi come meglio crediate. Il sistema presente su questa versione per Nintendo 3DS è infatti quello del ‘libera la zona, risolvi gli enigmi e vai avanti’. Effettivamente questa limitazione, molto importante e che discosta nettamente questo titolo dalle controparti maggiori, potrebbe far storcere il naso, ma possiamo garantirvi che, forse, per una console portatile è una cosa che garantisce partite più veloci. Forse fin troppo veloci, visto che la modalità storia di LEGO Batman 2: DC Super Heores si può portare a termine comodamente in circa quattro - cinque ore. Rispetto alle controparti mancano vere sezioni alternative, come, per esempio, la guida dell’elicottero di Robin durante l’inseguimento di Joker. È presente solo una sparuta apparizione a bordo della Bat Mobile e della moto di Robin, ma è davvero troppo poco per parlare di sezione alternativa. Per fortuna, una volta finito, si sbloccherà la modalità Lega della Giustizia che vi consentirà di ripercorrere i vari livelli sbloccati nella modalità storia con gli eroi del gioco, sfidando le varie orde di nemici che si susseguiranno. Oltre a questo è presente il Gioco Libero, che servirà ai collezionisti di scoprire tutti gli extra e sbloccare tutti i personaggi (che sono davvero molti) da impiegare sempre in questa modalità.
E’ poi possibile giocare in co-op in locale, anche se occorrono due copie del gioco mentre, tramite Street Pass, si potranno aggiungere regali per i vostri ospiti che riceveranno o i personaggi sbloccati o gli extra scoperti, come il moltiplicatore di gettoni. Il tutto farà sicuramente la gioia dei collezionisti. A voi la scelta.

Un treddì che non c’è
Per quanto riguarda il comparto tecnico, LEGO Batman2: DC Super Heores propone una grafica discreta che sicuramente non farà gridare al miracolo. Il level design è sempre minuzioso, pur disponendo di ambientazioni piccole e frammentate; i modelli dei personaggi sono ben fatti con movenze ed espressioni semplici ma convincenti. La nota davvero stonata è l’assenza quasi totale del 3D. In una console che fa della visione stereoscopica il proprio cavallo di battaglia e visti i tagli già perpetuati dal team di sviluppo rispetto alle controparti per console casalinghe, ci si sarebbe aspettato un uso sapiente del comparto tridimensionale. Invece, quasi, anche se settato a livello massimo, il 3D sembra non esistere. I filmati, poi, non rendono giustizia alla bontà del gioco, proponendosi in risoluzione piuttosto bassa.
Il comparto audio si avvale delle straordinarie colonne sonore di Batman e Superman che sottolineeranno sempre i momenti topici e renderanno il tutto maggiormente adrenalinico. Per la prima volta, poi, anche i personaggi fatti di mattoncini parlano e mettono in campo un doppiaggio in lingua anglosassone decisamente ben fatto e battute d’effetto. Per agevolare anche i non avvezzi alla lingua inglese, sono comunque presenti i sottotitoli in italiano.
Recensione Videogioco LEGO BATMAN 2: DC SUPER HEORES scritta da DARKZIBO LEGO Batman 2: DC Super Heores è sicuramente un titolo divertente, immediato ma molto, molto semplice. Questo è testimoniato dal fatto che difficilmente perderete una vita e, anche nel caso questo dovesse accadere, lo scotto da pagare sarà molto basso. Inoltre la versione per Nintendo 3DS è priva del free roaming, apprezzato sulle versioni casalinghe, privilegiando la classica formula a livelli. I personaggi sono davvero molti e il gioco potrebbe essere preferito da coloro che prediligono la raccolta di collezionabili. Sì perchè la storia principale dura davvero poco, ma la possibilità di rigiocare per completare tutto al cento per cento garantisce ancora qualche ora di divertimento. Un titolo consigliato a coloro che non possono fare a meno delle avventure LEGO anche fuori casa. Per tutti gli altri invece, la versione casalinga rappresenta il prodotto su cui puntare.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.