Anteprima di Terminator Salvation

Copertina Videogioco Terminator Salvation
  • Piattaforme:

     PC, PS3, Xbox 360
  • Genere:

     Azione
  • Sviluppatore:

     GRIN Studios
  • Distributore:

     Cidiverte
  • Giocatori:

     1-2 (Co-op locale)
  • Data uscita:

     5 Giugno 2009
A cura di (Krauron) del
Nonostante l’attuale periodo nel quale è sempre più indissolubile il legame che cinge reciprocamente i film ai videogiochi, è ancora complesso riuscire a scoprire produzioni interessanti. I celebri tie-in, infatti, occupano un posto molto marginale nel cuore degli appassionati e nelle grazie dei critici che li hanno (quasi) sempre bersagliati per una oggettiva carenza qualitativa, etichettabile con la crudele (ma, tutto sommato, motivata) denominazione di “trovata commerciale”.
Tuttavia è sempre sbagliato fare di tutta l’erba un fascio e questo Terminator Salvation sembra dimostrarcelo ampiamente. Nonostante dei precedenti storici relegati in quel limbo del “senza infamia e senza lode” che fece storcere il naso a più di un fan di Schwarzy, ora la strada intrapresa dai ragazzi di Grin pare sia quella giusta ed una sensazione di puro ottimismo pervade i loro studi. Che sia finalmente la volta buona?

Vi presento John Connor
Più che una trasposizione del film che uscirà a Giugno nelle sale, questo episodio narrerà tutto ciò che è successo due anni prima rispetto a quanto raccontato nella pellicola. Quindi il nostro eroe, capo della resistenza contro la minaccia Skynet, tenterà di salvare il genere umano.
Un compitino mica da quattro soldi, considerato che i rivali in questione possono beneficiare di una potenza tecnologica spaventosa a differenza di noi. Metteteci anche che, all’inizio della storia, voi non siete altro che un soldato qualunque e sarà proprio grazie al vostro spirito strategico e alle vostre gesta espresse nello storyline che dovrete conquistarvi la fiducia degli altri ribelli.
In termini di gameplay, ciò non si traduce in uno RTS, bensì in un normale sparatutto in terza persona privo anche di normali comandi strategici. Non potrete quindi indirizzare le varie fazioni verso un obiettivo comune, ma compiere eroiche imprese per convincerli ad entrare in azione. Ad esempio, grazie all’uso di un sistema di copertura che ricorda molto Gears of War, sarete chiamati spesso a compiere dei diversivi per catalizzare l’attenzione nemica e quindi facilitare alcuni compagni. Ovviamente compiti di questo genere non sono da prendere alla leggera: gli avversari non a caso, oltre ad avvantaggiarsi di un gap notevole rispetto a noi in termini di sviluppo tecnologico, possono anche fregiarsi del possesso di particolari sistemi difensivi che impediscono di subire danni in attacchi frontali.
In questi casi, l’unica possibilità di uscirne vittoriosi e quella di aggirare letteralmente i Terminator per freddarli successivamente nei loro punti deboli

Sopravvissuti e sopravviventi
Dunque, più che un classico sparatutto di quelli che richiedono giusto un riparo per evitare di essere crivellati, questo Salvation presenta meccaniche più da “toccata e fuga”. A quanto pare, infatti, sarà forte la richiesta di riuscire a divincolarsi celermente tra il fuoco nemico, considerato che le stesse coperture possono non reggere ad un intenso attacco. Ciò non significa che non sia possibile adoperare sistemi più pratici, anzi. Basterà appostarsi ad una posizione comoda e sperare nella presenza di qualche bazooka o torretta movibile che renderà sicuramente il compito più facile. Oppure sparare alla cieca per alzare un polverone di detriti che confonderà le temibili macchine per qualche utile istante di sopravvivenza.
E se amate la distruzione fine a se stessa, preparatevi alkle note sezioni “su binari” dove sarà chiesto di fare piazza pulita di tutto ciò che vi circonda. Queste sezioni dovrebbero conferire quella giusta dose di ritmo e velocità (e, perché no, sfogo) molto cinematografiche per incollare allo schermo i giocatori.
Insomma, sembra che le alternative per deflagrare in allegria non manchino all’appello, tuttavia siamo da una parte scettici per alcune scelte troppo “limitative” di gameplay che rischiano di scadere in una noiosa linearità; dall’altro siamo dubbiosi riguardo la varietà di missioni, elemento che farà sicuramente la differenza. L’unica certezza riguarda il comparto tecnico, davvero rassicurante almeno fino ad oggi, tranne che per alcune animazioni che dovrebbero essere ritoccate e migliorate in fase di ottimizzazione. Non mancano che pochi mesi al rilascio del prodotto e le speranze di poter finalmente mettere le mani su un gioco interessante e in grado di sfruttare i sistemi più potenti ci sono tutte, speriamo che alla fine l'attesa risulterà ripagata.
Recensione Videogioco TERMINATOR SALVATION scritta da KRAURON Un po’ Wanted, un po’ Gears of War, questo Terminator Salvation tenterà di spiccare il volo dalla mediocrità della maggior parte dei tie-in grazie ad un sapiente mix di elementi cinematografici più qualche spruzzo di strategia. Fondamentalmente sembra discostarsi dalla concorrenza per un interpretazione similare ad una sorta di “survival” degli sparatutto in terza persona, condito da sezioni su rotaie per distendere i vostri nervi, in contrasto con l'elevato ritmo del resto del gioco. Se il tutto risulterà meno lineare di quanto visto ad ggi e non cadrà nel ripetitivo, cominciate a farci un pensierino. Restate sintonizzati su Spaziogames per tutti i prossimi aggiornamenti.
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2017 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.