Recensione di NFL Tour

Copertina Videogioco NFL Tour
  • Piattaforme:

     PS3, Xbox 360
  • Genere:

     Sportivo
  • Sviluppatore:

     Tiburon Studio
  • Distributore:

     EA
  • Lingua:

     Italiano
  • Giocatori:

     1-8
  • Data uscita:

     Disponibile
- Ambientazione Innovativa
- MiniGiochi Divertenti
- Frustrante
- Poco Longevo
- Sonoro Disastroso
Loading the player ...
A cura di (Tuono Blu) del
Finalmente gli amanti del football americano possono gioire poiché fa il suo ingresso in campo un nuovo titolo della serie NFL. Dopo i vari Madden, Street ecc. Electronic Arts decide di debuttare prepotentemente nell’era della Next Gen con un game tutto da scoprire: NFL Tour. Effettivamente dopo l’uscita delle simulazioni più celebri degli sport USA (Nba Live 08 ; Nhl 08 ; Nascar 08) la mancanza di un gioco che potesse farci riabbracciare i beniamini della National Football League iniziava proprio a farsi sentire. Del tutto particolare ed allo stesso tempo inaspettata però, la decisione presa da “EA Sport” nell’esordire su Ps3 ed XBox 360 con un titolo puramente Arcade (mossa alquanto azzardata per un franchise di successo quale è “NFL”!). Ma la casa di produzione americana ha voluto rinnovare la saga di "NFL Street" trasformandola in una luccicante evoluzione rinominata per l’occasione “NFL Tour”. La scelta di EA si rivelerà un autogol clamoroso o saprà stupire regalandoci ore ed ore ricche di divertimento?

Vivi per il TouchDown!
Il gioco vi permetterà di affrontare tutte le squadre delle lega in un Tour commemorativo di dimensioni mastodontiche che vi porterà a visitare le location più famose del Nuovo Continente. L’aspetto innovativo del titolo è sicuramente il luogo dove avvengono le sfide; difatti non dovrete partecipare a partite di strada o ad incontri tradizionali da stadio, bensì verrete coinvolti in Match all’aperto incorniciati nelle ambientazioni più note del paese (Washington, Las Vegas, L.A., Miami ecc.). Le arene di gioco sono ben caratterizzate ed il campo è protetto lateralmente da vetrate di plexiglass di cui potrete fare uso in qualche frangente per sbarazzarvi degli avversari agguerriti che cercheranno a tutti i costi di placcarvi violentemente. Inoltre, prima di ogni azione di squadra, sul campo verrà riversata una pioggia di fuochi d’artificio per far salire a mille l’adrenalina dei giocatori e della folla in visibilio. Purtroppo bisogna ammette sin da subito che se l’idea delle arene outdoor c’è sembrata eccezionale non possiamo dire lo stesso della loro realizzazione. Infatti passando da uno scenario all’altro la struttura dell’arena subisce modifiche quasi impercettibili o comunque di poca rilevanza, avendo così come unica caratteristica di differenziazione la città che volge da sfondo alla partita.
Le modalità disponibili sono l’Exibition Mode (partita veloce), il Tour Mode (Carriera) e il Multiplayer. Se nell’esibizione potrete sbizzarrirvi in una elettrizzante partita istantanea, la modalità Tour richiederà non pochi sforzi per essere portata a termine. Infatti lo scopo del “Tour” sarà quello di creare un giocatore, scegliere la squadra di appartenenza e con essa prendere parte al torneo outdoor nazionale. L’aspetto negativo che si nota immediatamente è la povertà di caratteristiche che si hanno a disposizione per personalizzare il player, visto che noterete voi stessi quanto la customizzazione consista semplicemente nell’assegnare un quantitavo di punti abilità limitato ai vari parametri del giocatore per rafforzarlo nel tackle piuttosto che nel passaggio o nella rapidità. Inoltre, c’è da dire che questa modalità Tour, che doveva rappresentare il nucleo evolutivo del gioco, si rivela troppo ripetitiva ed incredibilmente priva di succosi extra finali da sbloccare (fattore che lascerà davvero molto amaro nella bocca dei fan!).
Invece, il multiplayer rappresenta sicuramente la sfida più accattivante e divertente del gioco. Anche se non strutturata con particolare meticolosità, vista una mera divisione tra Ranked Match e Ranking Globale, questa modalità sa comunque garantire una certa dose di frenesia e spensieratezza da sprigionare tutta sul “field”.
Oltre alle tre modalità principali, EA ha deciso di inserire 2 simpatici minigiochi. Il “RedZone Rush” in cui affronterete l'avversario in un 1 vs 1 che promette scintille, ed il confusionario “Smash & Dash” che vi rinchiuderà in un’arena circolare con lo scopo di mantenere il pallone in vostro possesso per un tempo maggiore a quello degli avversari. Purtroppo bisogna ammettere che anche l’inserimento di queste varianti non apporta quello spessore, soprattutto in termini di longevità, che ad un titolo NFL non deve mai mancare.

Hot-Hot-Hot!
Il gameplay risulta altamente intuitivo e d’istantaneo apprendimento; placcare gli avversari ed effettuare un passaggio millimetrico per lanciare un compagno verso la meta è davvero uno spasso ma non stupitevi se spesso i giocatori non risponderanno efficacemente ai comandi impartiti. Inoltre la quantità di schemi troppo scarna e la disposizioni banale dei giocatori in campo tramutano le partite in una mera corsa verso il Touchdown che alla lunga risulta ripetitiva. Il peggio però si riscontra quando nelle sessioni di difesa avrete l’impressione che il campo sia costellato da ostacoli invisibili che non vi permetteranno di eseguire correttamente le azioni volute, lasciandovi avvolti da un senso d'impotenza davvero frustrante (questo anche a causa dei movimenti meccanici dei giocatori e l’IA del computer).
Per quanto riguarda il comparto tecnico non ci sono particolari differenze tra le versioni Ps3 e Xbox 360. La realizzazione grafica risulta nel complesso sufficiente ma con la presenza sporadica di alcuni bug vistosi. La nota dolente è che non tutte le fisionomie dei giocatori corrispondono impeccabilmente alle loro controparti reali (spesso vi capiterà di riconoscere un giocatore solo dal nome sulla maglia). Infine il sonoro è davvero catastrofico, in quanto il commento delle partite è composto da una decina di frasi interpretate con totale assenza di enfasi che, invece di caricare l’atmosfera, tramutano l’esperienza di gioco in un supplizio senza fine.
Recensione Videogioco NFL TOUR scritta da TUONO BLU “NFL Tour” si rivela una completa delusione. Le scarse possibilità di personalizzazione, i limiti mostrati dalle modalità di gioco e la totale assenza di obiettivi ed extra da raggiungere non lasciano davvero alcuno spazio per consigliare l’acquisto di questo titolo agli utenti Next Gen. Electronic Arts ha tentato di rinfrescare uno dei suoi franchise di battaglia in questa evoluzione della serie che, però, a parer nostro, si è rivelata una catastrofica involuzione che non colpirà sicuramente nemmeno i più accaniti sostenitori di questo sport.
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.