Speciale Mobile Suite Gundam Thunderbolt December Sky

A cura di (DjPralla) del
Dal 1979 ormai è passato parecchio tempo, ma c’è qualcosa che gli appassionati non riescono a togliersi dalla testa: Gundam. I robottoni di Sunrise sono un prodotto unico nel loro genere, capaci di evolversi, rimaneggiarsi ed essere sempre d’attualità, in modo tale da poter piacere sempre agli appassionati e ai nuovi arrivati. Nell’ultimo periodo però il franchise stava vivendo una perdita d’identità, con serie animate a metà tra il drammatico e il comico. Da qui è nata una netta scissione tra i due filoni, lasciando alla TV il lato più comico e destinando invece al cinema il versante più drammatico, che va ad esplorare le problematiche dell’uomo, condendo il tutto con grandi scontri.


L'umanità in autodistruzione
Da questi presupposti nasce la serie Mobile Suit Gundam Thunderbolt che raggruppa i primi quattro episodi distribuiti online in un unico lungometraggio sottotitolato December Sky. Gli avvenimenti fanno parte del così detto Secolo Universale e si svolgono in concomitanza con la prima storica serie TV. Le vicende seguono la battaglia tra la Federazione Terrestre e il Principato di Zeon nella colonia Side 4, nel Settore Thunderbolt. Lo scontro in queste aree è portato avanti da un lato dalla Fratellanza di Moore che raccoglie gli esuli della colonia Side 4 distrutta dall’attacco di Zeon, e sull’altro fronte invece c’è la Divisione dei Non Morti che altro non è che un distaccamento dell’esercito di Zeon composto esclusivamente da soldati feriti in precedenti battaglie e che vivono con degli arti amputati. Il tema generale della pellicola è quello della vendetta, che scorre nelle vene dei membri della Fratellanza di Moore che vogliono ad ogni costo riavere indietro la loro patria, e trovano in Io Fleming la testa ti ponte per sfondare nelle linee nemiche. Non solo Io freme dalla sete di vendetta, ma viene completamente galvanizzato dal pilotare un Mobile Suit, diventando così lui stesso un’arma pronta ad esplodere una volta schierato in campo. A contrastarlo dall’altro lato c’è Daryl Lorenz, un ragazzo che ha perso entrambe le gambe in guerra ed ora si è riscoperto cecchino d’eccezione.


Più potenza, più dolore
Da queste premesse la pellicola prova a raccontare di un mondo distrutto dalla guerra, di persone che hanno perso la propria umanità negli scontri, di vendetta che accumula vendetta. Se ciò che spinge Io e Daryl a combattere in primo luogo è l’onore per la patria, in pochissime battute diventerà l’esplicita voglia di uccidersi a vicenda per vendetta. Anche le due comprimarie femminili vivono il dramma dello svolgersi degli eventi; da una parte c’è Cladia, amica d’infanzia e amante di Io, che al comando della Fratellanza dei Moore si addossa l’obbligo di dare ordini che porteranno a morte certa i suoi soldati, trauma che difficilmente riesce a gestire a mente lucida. Al fianco di Dayl invece c’è Karla, scienziata che anela con tutta sé stessa la morte di Io ed è costretta da Zeon a sviluppare sempre nuove macchine da guerra, fino a far diventare i soldati delle vere e proprie cavie. Una storia che non ha vie d’uscita, che non ha dei momenti di tregua, che non da speranze per il futuro: è un susseguirsi di scontri, morti, armi più potenti e di nuovo scontri. Non esiste una divisione di buoni o cattivi, sia il Full Armor Gundam pilotato da Io che il Psycho Zaku pilotato da Daryl non sono macchine definitive, ma servono solo ad aumentare la capacità di fuoco di due eserciti che hanno perso la loro condizione umana per votarsi completamente alla guerra.

Recensione Videogioco MOBILE SUITE GUNDAM THUNDERBOLT DECEMBER SKY  scritta da DJPRALLA In definitiva Mobile Suit Gundam Thunderbolt December Sky è un film che non risparmia niente allo spettatore. Pone come filo conduttore la musica jazz che permea ogni scena della pellicola, ma il più delle volte serve ad offuscare l’orrore costante della morte con cui questi ragazzi sono costretti a vivere. Se siete appassionati del franchise questa è un’occasione ottima per sentire sulla propria pelle quanto siano atroci le vicende che circondano i robottoni di Sunrise. Se è la prima volta che vi avvicinate, potreste comunque apprezzare un film dal taglio registico particolarmente maturo, che cerca di mescolare il più possibile musica, azione e sentimenti umani. In ogni caso non potrete che uscire dalla sala con un peso enorme sul cuore.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Commenti: 2 - Visualizza sul forum
  • maxi0395
    maxi0395
    Livello: 4
    Post: 1001
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Gundam mi piace sempre e comunque, il robot reale per eccellenza, cioè che potrebbe essere realizzato.
  • Pornoleso
    Pornoleso
    Livello: 2
    Post: 0
    Mi piace 3 Non mi piace -1
    Siamo arrivati al numero 8 del manga e inizialmente mi avevo preso bene, poi man mano che la storia è andata avanti mi sono accorto che i personaggi sono poco realistici e troppo "emo", troppo moderni, lontani anni luce dai personaggi storici originali, sebbene la storia sia ambientata un anno dopo la "Guerra di un anno". Il farcire poi tutto con quelle canzonette rende il tutto ancora più strano, la musica jazz poi con la guerra... ci voleva l'heavy metal o ancora meglio non ci voleva la musica. Visto che si tratta di retcon ci sono molte cose che durante le uscite di 30 anni fa non c'erano e non sono nemmeno immaginate: mettere persone con gli arti bionici è una forzatura, non si sono mai visti nemmeno per sbaglio nelle vecchie serie. In ogni caso è una serie che merita per i disegni superbi e le animazioni eccezionali, la storia non è male ma si discosta dall'universo di Gundam che conosciamo, e i personaggi sono troppo "moderni".
caricamento in corso...
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2017 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.