Speciale La lunga coda di Final Fantasy XV

Loading the player ...
A cura di (Gottlieb) del
Non incontravo Hajime Tabata da Lucca, e il director di Final Fantasy XV se lo ricorda bene quasi quanto me: al Let's Play di Roma avviene il nostro terzo incontro in meno di un anno, ancora una volta per parlare di quello che è stato il titolo premiato come Videogioco dell'Anno al Drago d'Oro 2017. Le domande, chiaramente, sono tante perché questa è la prima volta che io e Tabata-san ci vediamo dopo aver finito, platinato e recensito il titolo Square-Enix.

La storia da occhi diversi
«Final Fantasy XV ha ancora tanto da dire: siamo oramai vicini ad avere una schedule precisa di tutti i DLC. Abbiamo dovuto necessariamente fare dei passi indietro, tornare sul nostro lavoro, per correggere alcuni errori di programmazione, però adesso siamo decisamente pronti per iniziare con le release dei DLC. Il nostro obiettivo - spiega Tabata - è quello di darvi la possibilità di vedere la storia anche dagli occhi degli altri protagonisti. Nel gioco originale abbiamo avuto la possibilità di farci raccontare la storia di Noctis, dai suoi occhi: non sappiamo altro, non sappiamo cosa accade agli altri. È quindi giunto il momento di spiegare tutti questi aspetti e dare una visione d'insieme fondamentale». Proprio su questo argomento ci soffermiamo, allora, facendo riferimento a quello che è stato uno degli elementi più criticati di Final Fantasy XV, ossia la sceneggiatura e la storyline, con tantissimi buchi al suo interno: «Inizio col dire che Kazushige Nojima ha scritto soltanto la storia originale, non quella che poi vi abbiamo mostrato alla fine, che ha subito un po' di cambiamenti. Penso che le vere critiche non siano arrivate per la storia in sé, quanto per l'approccio a essa, a come è stata raccontata. Abbiamo raccolto dei feedback e c'è stato segnalato questo problema: la community avrebbe voluto avere una storyline più lineare, ma vi assicuriamo che vi saranno tutti gli elementi necessari alla fine di questa nostra avventura per avere una storia piacevole». 



Ardyn Izunia: il presente nell'ombra
Come già noto i DLC che arriveranno nei prossimi mesi ci permetteranno di vestire i panni di Gladio, Ignis e Prompto, scoprendo tutto ciò che accade agli altri tre protagonisti mentre noi saremo nei panni di Noctis. Un aspetto da tenere in forte considerazione, per avere così un quadro completo di ciò che ci si parerà innanzi. Intanto, però, le domande sulla storia originale continuano e allora stuzzico subito Tabata sull'argomento Ifrit, che si ricollega necessariamente ad Ardyn: «Non posso dirti niente sul rapporto tra i due, ma posso invece assicurarti che approfondiremo la storia di Ardyn. Non abbiamo pianificato un DLC su di lui, ma ci sarà modo di raccontarvi ciò che bisogna sapere sulla sua figura. Ribadisco che noi ci siamo concentrati sul raccontare la storia dagli occhi di Noctis, quindi tutto ciò che il principe ha potuto vedere: resta ancora tanto da mostrarvi, perché tutti i giocatori vogliono sapere di più e nel futuro, vi assicuro, in tutti gli episodi che verranno pubblicati avrete modo di ricevere le vostre informazioni. Ora dobbiamo soltanto terminare una messa a punto sul gioco: a fine mese modificheremo e correggeremo il capitolo 13 e poi ci concentreremo sul potenziamento dello storytelling». Quando Tabata inizia a parlare di Noctis in veste di principe non può che far scattare subito la molla che fa riferimento alla natura dell'erede al trono di Lucis, che non viene mai riconosciuto quando cammina per il mondo che lo circonda: «Questa è la domanda che mi viene posta di più in assoluto, ti assicuro (ride, ndr). Per gli europei può sembrare una cosa strana, inaspettata: tutti si aspettano che Noctis venga riconosciuto quando cammina per strada, ma da noi in Giappone è diverso. Nella nostra cultura non è necessario riconoscere per strada una persona della famiglia reale, chi ha una posizione molto alta nella società non dev'essere necessariamente noto al grande pubblico. Per questo Noctis, che comunque ha sempre vissuto in maniera molto distaccata dalla vita a palazzo, non viene additato come il principe erede al trono. Capisco che per gli europei possa essere qualcosa di incredibilmente strano, ma la nostra è un'idea prettamente giapponese di come viene vista una persona della famiglia reale».



Il futuro di un director
Tabata negli ultimi due anni, come è già noto, ha dovuto raccogliere dalle ceneri un progetto lasciato nelle mani di Tetsuya Nomura, attualmente al lavoro su Kingdom Hearts 3. Il director di Final Fantasy XV innanzitutto, tenendomi il gioco sul passaggio del testimone con Nomura-san, spiega, ridendo, che «Kingdom Hearts 3 è un dipartimento diverso, non sono coinvolto, quindi non penso proprio che andrò a finire quello che lui ha iniziato stavolta», poi aggiunge che nel suo futuro non vorrebbe ci fosse un altro Final Fantasy: «Vorrei creare un gioco realmente fantasy, qualcosa di più di quanto fatto stavolta. Voglio un titolo completamente nuovo, quindi usare tutta la mia esperienza accumulata in questi anni con Final Fantasy e riversarla altrove, fuori dai dettami della saga. In ogni caso è ancora presto per dire cosa farò e cosa non farò, perché c'è tanto da lavorare sul titolo di adesso». La chiosa finale spetta a Switch: «Sto seguendo con attenzione il loro sviluppo sul mercato, è difficile però pensare che Final Fantasy XV possa arrivare sulla console Nintendo. Penso che qualsiasi director ti darebbe la stessa risposta al momento: un porting è veramente difficile». 
Recensione Videogioco LA LUNGA CODA DI FINAL FANTASY XV scritta da GOTTLIEB Final Fantasy XV ha ricevuto il premio come Miglior Videogioco del 2016 al Drago d'Oro, un premio che gli ha permesso di stagliarsi in cima a tutta l'eccellenza del nostro mercato, confermando che pur avendo qualche difetto, nel complesso è stato un titolo indimenticabile, sicuramente anche per Hajime Tabata, un uomo che in due anni si è caricato sulle spalle la responsabilità di dare un futuro a Square-Enix e a una saga che rischiava, nelle mani di Tetsuya Nomura, di naufragare completamente. L'appuntamento è per l'arrivo del primo DLC, che ci racconterà la storia di Gladio.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Commenti: 50 - Visualizza sul forum
  • Big_Boss199X
    Big_Boss199X
    Livello: 4
    Post: 877
    Mi piace 4 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da Arylon

    Vorrei sapere dove fosse la gente che sostiene che i turni siano morti e che "Non si possono vedere dei personaggi che stanno fermi aspettando di essere colpiti con la grafica di oggi" quando è uscito FFXIII. Tralasciamo le discussioni sulla qualità del titolo, io sinceramente non capisco perché all'epoca fosse accettabile e adesso no. I turni non sono morti e non possono morire per il semplice fatto che sono quasi un genere e un genere non può diventare obsoleto, un modo di rappresentarlo può esserlo, tipo quelli dei vecchi FF, ma non il genere in sé
    Perchè il JRPG a turni non piace alle nuove leve e quindi creano JRPG action. Non è il genere che è morto ma è il giocatore attuale che non lo vuole più.
  • Epsilon-Eagle
    Epsilon-Eagle
    Livello: 1
    Post: 369
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Arylon

    Vorrei sapere dove fosse la gente che sostiene che i turni siano morti e che "Non si possono vedere dei personaggi che stanno fermi aspettando di essere colpiti con la grafica di oggi" quando è uscito FFXIII. Tralasciamo le discussioni sulla qualità del titolo, io sinceramente non capisco perché all'epoca fosse accettabile e adesso no. I turni non sono morti e non possono morire per il semplice fatto che sono quasi un genere e un genere non può diventare obsoleto, un modo di rappresentarlo può esserlo, tipo quelli dei vecchi FF, ma non il genere in sé
    Quanto sarebbe figo poter giocare a turni e mentre facciamo le nostre scelte sullo schermo i pg se le danno di santa ragione(senza subire o fare danni) con animazioni e coreografie unica a seconda di chi si usa e dei nemici a schermo?L'azione sarebbe ragionata, strategica ma non per questo poco realistica o statica, anche con motori grafici fotorealistici...
  • Arylon
    Arylon
    Livello: 6
    Post: 641
    Mi piace 4 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da tadesh

    A me il gioco piace, molto più degli ultimi XII e XIII, però non capisco come possa esser diventato un HACK&SLASH senza varietà di armi propria di un H&L. In pratica FF sta diventando sempre più immagine e meno sostanza. Il miglior combat system era su FFX, tattica totale, tempo in pausa ma senza rinunciare alla spettacolarità degli scontri. Non concordo per nulla con chi dice che ai giorni d'oggi i comabattimenti a turni sono roba del passato. Sembra quasi dire che i giocatori di oggi sono troppo stupidi per la strategia.
    Vorrei sapere dove fosse la gente che sostiene che i turni siano morti e che "Non si possono vedere dei personaggi che stanno fermi aspettando di essere colpiti con la grafica di oggi" quando è uscito FFXIII. Tralasciamo le discussioni sulla qualità del titolo, io sinceramente non capisco perché all'epoca fosse accettabile e adesso no. I turni non sono morti e non possono morire per il semplice fatto che sono quasi un genere e un genere non può diventare obsoleto, un modo di rappresentarlo può esserlo, tipo quelli dei vecchi FF, ma non il genere in sé
  • TheReaper
    TheReaper
    Livello: 3
    Post: 219
    Mi piace 1 Non mi piace -2
    Originariamente scritto da tadesh

    A me il gioco piace, molto più degli ultimi XII e XIII, però non capisco come possa esser diventato un HACK&SLASH senza varietà di armi propria di un H&L. In pratica FF sta diventando sempre più immagine e meno sostanza. Il miglior combat system era su FFX, tattica totale, tempo in pausa ma senza rinunciare alla spettacolarità degli scontri. Non concordo per nulla con chi dice che ai giorni d'oggi i comabattimenti a turni sono roba del passato. Sembra quasi dire che i giocatori di oggi sono troppo stupidi per la strategia.
    Il mondo va troppo veloce per i turni, serve action, action e soltanto action. Togliendo tutto il resto ovviamente XD. Gameplay troppo banale per il nome che porta a mio parere. Ciò non toglie gli sforzi fatti dal team e dal Tabata, però dal prossimo ff mi aspetto più maturità e voglia di stupire.
  • tadesh
    tadesh
    Livello: 3
    Post: 33
    Mi piace 2 Non mi piace -1
    A me il gioco piace, molto più degli ultimi XII e XIII, però non capisco come possa esser diventato un HACK&SLASH senza varietà di armi propria di un H&L. In pratica FF sta diventando sempre più immagine e meno sostanza. Il miglior combat system era su FFX, tattica totale, tempo in pausa ma senza rinunciare alla spettacolarità degli scontri. Non concordo per nulla con chi dice che ai giorni d'oggi i comabattimenti a turni sono roba del passato. Sembra quasi dire che i giocatori di oggi sono troppo stupidi per la strategia.
  • Light8
    Light8
    Livello: 7
    Post: 5628
    Mi piace 8 Non mi piace -2
    Originariamente scritto da legaunbue

    Certo,era chiaro...e io stavo parlando del gioco,a me non importa se light lo considera un capolavoro o meno ma non deve stare sempre a criticare quelli a cui non è piaciuto.Forse non ci hai fatto caso ma basta che scrivi qualcosa di negativo su questo benedetto ff e salta subito fuori lui a dirti che è un bel gioco,che noi altri non capiamo nulla ecc..Oguno ha diritto di esprimere la sua opinione,in verità è lui quello che attacca
    Posso controbattere in mia difesa? E' facile fare il moralista e raccogliere consensi da chi magari non ricorda(visti i nickname) i post che scrivi di solito, venendo addirittura a fare la ramanzina, quando tu sei il primo a fare ciò che critichi. Ma lasciando stare questo, vi dico la mia in maniera molto tranquilla(visto che mi avete tirato in causa). La sezione commenti di questo sito(così come il forum) non serve a raccogliere pareri a casaccio e fare la media in stile metacritic(quanti sono positivi e quanti negativi), ma a creare discussione... Ognuno ha il diritto di esprimere la propria opinione, che sia essa negativa o positiva, così come ognuno ha anche il diritto di criticare, con rispetto degli altri e secondo le regole del forum, il parere altrui. Io non ho mai criticato chi critica, come affermi, ma ho criticato esclusivamente le affermazioni che fanno disinformazione... Prendiamo un utente a cui FFXV non è piaciuto molto: Mr Skellington. Mi avete mai visto contestare le sue critiche negative? A parte qualche leggero scambio di opinioni(posso non essere d'accordo su qualcosa o si viene additati come fanboy a prescindere?) non mi avete mai visto discutere con lui, perchè le sue sono critiche legittime o costruttive(leggermente più di valore del "fa skifo, è merd.a, l'ho venduto". Basti leggere poco sotto eh XD)... Se tu, Legaunbue, mi dici che il gioco non ti è piaciuto perchè il cielo è verde, questa non è una opinione, è una cazza.ta. Io critico solo nel caso in cui si dicano cose non vere... Sul forum è pieno di ragazzi che pongono critiche sensate e ponderate, e possono tutti confermare che io in quel topic(e sono molto presente) non gli ho mai dato fastidio(quante volte ho discusso con Markedge, che è sempre presente anche qui nel sito, ma sono sempre state discussioni piacevoli. Cos'è, lui mi sta simpatico e voi no?)... Se volete il rispetto siete i primi a doverlo dare agli altri. Se io dico che la cioccolata fondente non mi piace, e Legaunbue dice che a lui piace, state tranquilli che non si creerà nessuna discussione non pacifica. Se però io vengo a dire che la cioccolata fondente è mer.da(devo davvero spiegarvi la differenza tra il senso del gusto e quello del bello? Di ciò che si vuole imporre agli altri come giudizio universale?), sto offendendo il gusto di Legaunbue, e non lo sto rispettando. Non posso poi di certo pretendere che lui rispetti il mio... Se dite che FFXV è mer.da non state esprimendo un parere, ma state insultando il gusto di chi ha apprezzato FFXV. Esponete il vostro gusto(magari argomentato, grazie) e non un giudizio che volete sia riconosciuto come universale, e vedrete che nessuno vi dirà niente... Quindi, prima di sparare certe stron.zate e accusare, magari farsi un esame di coscienza non farebbe male. Se poi proprio vuoi attaccarmi(mi riferisco a Legaunbue) a caso, creando queste stupide member war dell'asilo, perchè per qualche motivo mi odi, o chissà quale sia il motivo(ti sei offeso per qualche battuta?), anche se trovo stupido usarlo, esiste un bel tasto nel profilo utenti, chiamato "ignora utente". Se proprio non reggi i miei commenti usalo.
  • Light8
    Light8
    Livello: 7
    Post: 5628
    Mi piace 7 Non mi piace -4
    Originariamente scritto da legaunbue

    Attenti ragazzi,non parlate male di questo final fantasy perché arriva light8 e tira le orecchie a tutti.Non sapete che per lui è un capolavoro assoluto?
    Non ti bastava l'odio dilagante verso il gioco, adesso lo sfoderi pure contro di me? Va beh, ti rispondo semplicemente alle cose che hai detto tralasciando le pagliacciate. Non ho mai detto che sia un capolavoro assoluto, ho sempre detto che per me è un ottimo gioco che non riesce ad essere un capolavoro a causa di alcuni difetti narrativi, in primis, e di gameplay, in secundis.
  • Light8
    Light8
    Livello: 7
    Post: 5628
    Mi piace 7 Non mi piace -4
    Originariamente scritto da Roche

    Light8 ti stiamo aspettando eh XD
    Ero occupato con Tabata a pianificare i Dlc a pagamento per riempire i buchi lasciati volutamente da Kishimoto, Seto e Hashimoto. Speriamo di lucrarci onestamente così possiamo andare a surfare con Sakaguchi Se devo dire la mia, mi è piaciuto molto l'articolo di Gottlieb, visto che è stata una intervista senza le classiche domande scontate di rito che non servono a niente, e senza timore di chiedere delucidazioni sui difetti narrativi del gioco. Sono contento che stiano nei limiti tentando di rimediare agli errori con le cutscene gratuite. Toccherà aspettare per valuare realmente la loro qualità.
  • frozenliger
    frozenliger
    Livello: 4
    Post: 1437
    Mi piace 0 Non mi piace -5
    "la community avrebbe voluto avere una storyline piu' lineare" e' un affermazione fuorviante buttata li' che non puo' avere plausi da parte mia,sopratutto in quanto si parla di DLC e di storie parallele a quella del protagonista principale.Assolutamente fuori luogo.
  • Erida
    Erida
    Livello: 4
    Post: 852
    Mi piace 4 Non mi piace -2
    vabbè tanto il leone d'oro vale quanto la carta stagnola
  • MrSkellington
    MrSkellington
    Livello: 7
    Post: 5998
    Mi piace 1 Non mi piace -2
    Originariamente scritto da David Gilmour

    Giusto per sapere: quindi è di Tabata la scelta di fare un open world?
    Io ricordo un'intervista in cui diceva di aver lottato con molti membri del suo team per farlo, voleva rendere il gioco più vicino ai gusti occidentali, mentre loro avevano paura di nn essere in grado di riempire adeguatamente il mondo di gioco. Poi li ha convinti, ma alla fine avevano ragione loro..ricordo anche un'altra intervista in cui sosteneva che solo dopo la fine hanno scoperto che rockstar, bethesda e compagnia espandono di molto il team nelle fasi finali per rifinire il tutto, cosa che loro nn hanno fatto
  • Markedge
    Markedge
    Livello: 7
    Post: 9759
    Mi piace 3 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Markedge

    Pare fosse un concept iniziale che ha portato problemi lungo il corso di sviluppo del Versus, quando è arrivato lui ha detto chiaramente a tutti che sarebbe stato un ostacolo da superare e non a evitare e ha fatto rimboccare le maniche a tutti, chiedendo anche assistenza a studi esterni.
    Ah e aggiungo, credo che per un team di sviluppo un esperienza del genere, con un director così, sia la miglior esperienza formativa che si possa avere. Non che a noi ci rientra qualcosa, ma se si vuol vedere l'insieme direi che è così. Dalle interviste pare che il team era veramente molto demoralizzato prima dell'arrivo di Tabata e totalmente sfiduciato.
  • Markedge
    Markedge
    Livello: 7
    Post: 9759
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da David Gilmour

    Giusto per sapere: quindi è di Tabata la scelta di fare un open world?
    Pare fosse un concept iniziale che ha portato problemi lungo il corso di sviluppo del Versus, quando è arrivato lui ha detto chiaramente a tutti che sarebbe stato un ostacolo da superare e non a evitare e ha fatto rimboccare le maniche a tutti, chiedendo anche assistenza a studi esterni.
  • Gandino
    Gandino
    Livello: 7
    Post: 2245
    Mi piace 3 Non mi piace -1
    Mah...sempre più convinto di aver fatto bene ad aspettare. Adoro ff, i vecchi sopratutto VII e VIII giocati da giovincello. Ma oggi con tutti i giochi che ci sono a prezzi davvero concorrenziali e il tempo che ho a disposizione, per farmi scucire 70 euro devi essere the witcher 3, Zelda (questo 400 me ne ha fatti scucire..) e poco altro. I giochi single player poi migliorano soltanto con il passare dei mesi, sta corsa al dayone non ha più senso. Ff XV uscirà in versione finale tra qualche mese, aggiustato, limato e si spera più completo. Se uno scala di 5-6 mesi rispetto alla release dei titoli spende la metà e gioca a titoli migliori. E lo dice uno che butta i soldi nel cesso in realtà, perché ho 30000000 titoli per tutte le console e pc e manco riesco a giocarci!
  • Rippingjack27
    Rippingjack27
    Livello: 6
    Post: 3274
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Noctis1

    Ma vedi che prima di tutto il gioco è della Square non nomura. Se poi gli hanno dato altri due progetti da seguire, mica è colpa di nomura è la square che deve fare mia culpa.
    diciamo che Square si è messa a "produrre" (=finanziare) una marea di progetti insieme, col risultato di portarsi dietro per anni una montagna di spese senza concretizzare un prodotto definitivo. FFXV è anche figlio di questo sistema di sviluppi paralleli portati avanti per anni per poi arrivare a un "facciamolo uscire per carità che ci stiamo salassando". e il risultato è quel che è venuto. Poi in realtà diciamo che relativamente niubbi di open world (cosa tra l'altro tipica dei giapponesi) hanno visto che il mezzo open world di Lighting Returns era venuto discretamente e hanno provato a cimentarcisi in toto su ffxv. Alcune cose sono venute bene altre decisamente meno. Alla fine della fiera mi pare che un po' tutti riconoscano che la parte open world di ffxv ha sia pregi (bellissime ambientazioni) che difetti (fetch quest), ma che tutto sommato come "esperimento" ci può anche stare. Ciò che invece non è andato proprio giù a me e a tanti altri è che una trama potenzialmente interessante sia stata sceneggiata in modo tanto mediocre e frettoloso. Avrei piuttosto preferito una soluzione alla "secondo cd di xenogears"... Confido che dopo patch e dlc finalmente avremo modo di apprezzare maggiormente la narrativa di questo gioco. E comunque Kingsglaive era fichissimo!
caricamento in corso...
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.