Speciale Drago D'Oro 2017

A cura di (Pavo) del
“E il vincitore è... La La Land!”. Anche il simpatico omaggio alla gaffe degli Academy Awards, e molto altro, alla serata di premiazione del Drago D'Oro 2017, quinta edizione del premio italiano che celebra le eccellenze della produzione videoludica, noto anche come gli Oscar del Videogioco, tenutosi nell'inedita cornice del Guido Reni District a Roma (che al momento ospita anche la prima edizione del Let's Play - Festival del Videogioco) e presentato dalla coppia Rocco Tanica e Lucilla Agosti. Una serata, patrocinata da AESVI - Associazione Editori e Sviluppatori Videogiochi Italiani, che ha visto questa volta trionfare il gigante Square Enix e il suo Final Fantasy XV, ultimo capitolo della serie uscito nel corso della passata stagione. A ritirare il prestigioso premio di Gioco dell'Anno sul palco del Drago D’Oro un ospite veramente d’eccezione, il Director del gioco Hajime Tabata. Una vittoria, quella della quindicesima fantasia finale, che ha spaccato in due il pubblico, ma che sicuramente rappresenta un segnale forte e indiscutibile di come un prodotto di tale caratura sia in grado di lasciare un segno in un mercato, quello dei videogiochi di ruolo, sempre più in continuo cambiamento. 


Tuttavia, non è stata una serata incentrata solo ed esclusivamente sulla consegna delle ormai celebri statuette a forma di coda di drago. Poco dopo l'inizio della cerimonia, Fumito Ueda in persona è infatti salito sul palco per ritirare il premio alla carriera del Drago D’Oro, ricevuto per gli ormai storici ICO, Shadow of the Colossus e il più recente The Last Guardian, tre titoli che hanno mostrato in tutta la loro potenza espressiva il genio e l'estro del noto designer giapponese. Il premio è stato consegnato da Paolo Chisari, presidente di AESVI, e da Luca Tremolada, giornalista del Sole 24 Ore e presidente della giuria del Drago D’Oro. Ma per Ueda (e per il pubblico presente) non si è trattato di certo dell'unico momento di forti emozioni: il suo ultimo progetto, uscito su console PlayStation 4 lo scorso mese di dicembre dopo una gestazione durata anni, si è portato a casa anche il premio per il Miglior Personaggio (Trico) e soprattutto per la Miglior Colonna Sonora, quest'ultimo ritirato dal compositore Takeshi Furukawa che per The Last Guardian ha collaborato anche con la prestigiosa London Symphony Orchestra.


Il Videogioco giapponese ha continuato a dominare la serata di premiazione grazie alla vittoria nelle categorie Miglior Videogioco di Ruolo, premio andato a Dark Souls III di Bandai Namco, e per la categoria Miglior Platform, vinta quest'anno dall'originalissimo Super Mario Run, titolo che ha visto Nintendo debuttare nel mondo del mobile gaming ottenendo un successo realmente inaspettato. Ovviamente, anche il fenomeno della scorsa estate dedicato ai mostriciattoli collezionabili, vale a dire Pokémon GO, il quale ha battuto la concorrenza nella categoria di Migliore App. E non poteva essere altrimenti, visto e considerato che l'applicazione di Niantic è stata un vero e proprio fenomeno di costume durante la scorsa estate. Ultimo ma non meno importante, Uncharted 4: Fine di Un Ladro di Sony Interactive Entertainment, che oltre a ottenere il Premio Speciale del Pubblico, ha ottenuto anche le statuette per la Miglior Grafica e quella per il Miglior titolo d'azione e d'avventura. Non solo titoli multimilionari o Tripla A, ma anche e soprattutto prodotti in grado di sorprendere per la loro carica innovativa e artistica: Inside, sviluppato e pubblicato dallo studio indipendente danese Playdead, si è infatti aggiudicato il premio come Miglior Videogioco Indipendente, mentre quello per la Miglior Sceneggiatura è stato consegnato a Firewatch. Batman: Arkham VR, esperienza sviluppata per la realtà virtuale basata sui fumetti DC Comics, si è invece portata a casa il meritato premio di Videogioco più Innovativo.


Ovviamente, largo spazio è stato dato anche all’industria italiana con l’assegnazione dei premi Drago d’Oro del nostro paese. Il premio per il Miglior Videogioco Italiano è stato infatti vinto da Redout, adrenalinico racing game futuristico ispirato ai classici F-Zero, WipeOut e Rollcage, sviluppato dallo studio di sviluppo torinese 34BigThings. Il vincitore della categoria Miglior Game Design è stato invece l'affascinante Little Briar Rose, avventura grafica del team bresciano Elf Games Works, I racing nuovamente protagonisti, su due ruote, con Valentino Rossi The Game di Milestone, il quale si è portato a casa il premio nella categoria Miglior Realizzazione Tecnica, mentre quello per la Miglior Realizzazione Artistica è andato al suggestivo The Town of Light dei toscani LKA. 

Poco sotto, trovate la lista completa di tutti i vincitori premiati nel corso della serata del Drago D'oro 2017:

Miglior Sceneggiatura: Firewatch (Camposanto)
Miglior Gameplay: Overwatch (Blizzard)
Miglior Colonna Sonora: The Last Guardian (Sony)
Miglior Personaggio: Trico - The Last Guardian (Sony)
Miglior Gioco di Ruolo: Dark Souls III (Bandai Namco)
Miglior Sparatutto: Titanfall 2 (Electronic Arts)
Miglior Strategico: Civilization VI (2K Games)
Miglior Titolo Azione/Avventura: Uncharted 4: Fine di un Ladro (Sony)
Miglior Grafica: Uncharted 4: Fine di un Ladro (Sony)
Miglior Gioco di guida: Forza Horizon 3 (Microsoft)
Miglior Gioco sportivo: NBA 2K17 (2K Games)
Miglior Platform: Super Mario Run (Nintendo)
Miglior Gioco per famiglie: LEGO Dimensions (Warner Bros. Interactive)
Miglior App: Pokémon Go (Nintendo)
Gioco più innovativo: Batman Arkham VR (Warner Bros. Interactive)
Miglior gioco Indie: Inside (Playdead)
Miglior Videogioco Italiano - game design: Little Briar Rose (Mangatar Games)
Miglior Videogioco Italiano - realizzazione tecnica: Valentino Rossi: The Game (Milestone)
Miglior Videogioco Italiano - realizzazione artistica: The Town of Light (LKA)
Miglior Videogioco Italiano: Redout (34BigThings)
Videogioco più venduto: FIFA 17
Premio Speciale del Pubblico: Uncharted 4: Fine di un Ladro (Sony)
Gioco dell'Anno: Final Fantasy XV

La Replica:
Recensione Videogioco DRAGO D'ORO 2017 scritta da PAVO Nel Guido Reni District si è svolta l’edizione 2017 del Drago D’Oro, premio italiano che promuove il valore artistico e culturale del medium. Quest'anno, il Giappone è tornato prepotentemente alla ribalta con due titoli in particolare che hanno catalizzato l'attenzione, vale a dire The Last Guardian di Fumitu Ueda e Final Fantasy XV di Hajime Tabata, scelto dalla giuria di esperti come Gioco dell'Anno. Rocco Tanica e Lucilla Agosti, visibilmente divertiti, hanno quindi guidato una serata all'insegna delle sorprese, con un occhio di riguardo anche e soprattutto alle eccellenze del videogioco Made in Italy.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Commenti: 10 - Visualizza sul forum
  • Francesco86
    Francesco86
    Livello: 5
    Post: 352
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da HotaRu

    Era l'ultimo animale rimasto per i premi, insieme ad Anguilla d'oro.
    c'è anche l'oloturia d'oro
  • Epsilon-Eagle
    Epsilon-Eagle
    Livello: 1
    Post: 369
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da MARLUXION

    Per me meritava uncharted 4, però capisco la scelta di final fantasy xv, è uscito da poco e comunque ad alcuni è piaciuto. però ciò dimostra quanto sia stato povero il 2016 XD Per dire, solo a marzo 2017 sono usciti 3 giochi migliori di final fantasy xv.
    A confronto il 2017 sarà un'apoteosi di capolavori e giochi dalla qualità eccelsa.
  • Epsilon-Eagle
    Epsilon-Eagle
    Livello: 1
    Post: 369
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Final fantasy xv gioco dell'anno non si può leggere, avrei preferito the last guardian a questo punto. Ad un Jrpg incompleto, molto ripetitivo nelle quests secondarie quasi sempre fini a se stesse, con una seconda parte del gioco appena sufficiente assegnare il premio come miglior gioco dell'anno lo trovo eccessivo.
  • HotaRu
    HotaRu
    Livello: 5
    Post: 2741
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da evelyntayron

    Perchè la manifestazione si chiama "Drago d'Oro"?
    Era l'ultimo animale rimasto per i premi, insieme ad Anguilla d'oro.
  • waltw
    waltw
    Livello: 3
    Post: 1876
    Mi piace 0 Non mi piace -2
    a parte dark souls miglior gdr(non mi sembra un gdr) gli altri premi mi sembrano assegnati con un certo giudizio e a prescindere dai risultati di vendita (es. titanfall 2, capolavoro e flop commerciale) o tlg
  • MARLUXION
    MARLUXION
    Livello: 7
    Post: 980
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Per me meritava uncharted 4, però capisco la scelta di final fantasy xv, è uscito da poco e comunque ad alcuni è piaciuto. però ciò dimostra quanto sia stato povero il 2016 XD Per dire, solo a marzo 2017 sono usciti 3 giochi migliori di final fantasy xv.
  • Ultima7
    Ultima7
    Livello: 4
    Post: 644
    Mi piace 2 Non mi piace -3
    Il resto del mondo ci prenderà per ignoranti dopo aver dato il goty a Gioco Fattomale XV. Mi vergogno da italiano, veramente... Almeno il best gdr è drago dato a Dark Souls III...
  • RAUL SHIRO
    RAUL SHIRO
    Livello: 4
    Post: 213
    Mi piace 4 Non mi piace -2
    Gioco dell'anno ha final fantasy 15 è l insulto a tutti i capolavori passati....poveri cloud,tidus,zidane....ecc.
  • evelyntayron
    evelyntayron
    Livello: 2
    Post: 0
    Mi piace 3 Non mi piace 0
    Perchè la manifestazione si chiama "Drago d'Oro"?
  • RufyPK
    RufyPK
    Livello: 1
    Post: 1
    Mi piace 2 Non mi piace -1
    Il drago d'oro è come il sanremo dei videogiochi: una celebrazione completamente inutile
caricamento in corso...
RECENSIONI E SPECIALI CORRELATI
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2017 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.