Speciale Aspettando Pugno d'acciaio

A cura di (Antron93) del
Come ben saprete, la grande differenza tra Marvel, DC e Fox è sempre stata una e una sola: una visione d’insieme, unica e coesa. Fin dal primo Iron Man, Marvel Studios aveva un’idea di un Universo Cinematografico che avrebbe portato al team up più importante di sempre: Gli Avengers. Passato il primo film degli Avengers, Marvel e Feige si sono dedicati al piccolo schermo. Il 2012 è stato l’anno di Agents of Shield e poi, come un fulmine a ciel sereno, è arrivato l’accordo con Netflix.
Anche qui, il piano è semplice. Quattro supereroi meno conosciuti (anche se Daredevil è al limite) con quattro serie separate ma che presentano elementi comuni che portano a un ennesimo team up: quello dei Defenders. Un paesaggio urbano, quello di New York, che fa da sfondo alle storie di supereroi più piccoli, con problemi più umani, più fragili. In tutto questo, abbiamo avuto l’opportunità di rivedere grandi protagonisti dei fumetti Marvel: da Elektra a Punisher, passando per Kingpin. 


Piccole perle, grandi problemi
Fino ad oggi, Netflix ci ha proposto tre supereroi su quattro. La qualità delle serie, però, non è stata sempre eccelsa. Daredevil è stata la punta di diamante, a ragion veduta. Il film del 2003 ha sempre lasciato un po’ l’amaro in bocca nel cuore dei fan del diavolo di Hell’s Kitchen. La prima stagione fu un qualcosa di sensazionale: una serie matura, cattiva, cruda e realistica. Tutto il cast è risultato perfetto: Charlie Cox nei panni di Matt Murdock, Deborah Ann Woll, Vincent D’Onofrio e Rosario Dawson. Tutto incredibile. La storia delle origini viene rinarrata in salsa Netflix risultando godibile e mai noiosa. 
Dopo Daredevil è stato il turno di Jessica Jones, forse il personaggio più emblematico del MCU. Passato misterioso, donna taciturna, fredda e cinica. Tredici episodi in cui la storia e la noia ballano un po’. La trama è pensata fin nei minimi dettagli, eppure il serial non decolla mai trascinandosi stancamente fino alla fine sebbene David Tennant riesca ad aggiungere quel pizzico di pathos in più. Nemmeno l'’introduzione di Luke Cage riesce a risollevare le sorti dell’eroina.
Così si arriva ad inizio 2016 e al ritorno del diavolo rosso. Di nuovo l’hype aumenta e, nonostante un livello più basso della prima stagione, Daredevil risulta nuovamente un ottimo esempio di storytelling. Elodie Yung è la nuova Elektra dell’MCU mentre Jon Bernthal veste i panni del Punisher, quarto attore nel giro di venti anni. L’interpretazione di Bernthal e l’accoglienza dei fan riescono a far guadagnare al Punitore una serie regolare.
Arriviamo così al tasto dolente: Luke Cage. Tutti concorderanno nel considerare Luke Cage come il punto più basso raggiunto dalle produzioni Marvel/Netflix. Tredici episodi risultano una maratona estenuante per qualsiasi spettatore. Il serial arranca e si trascina avanti senza motivo. I cambi di villain sono troppi, ben tre e portano la serie a cambiare direzione troppe volte nell’arco di tredici puntate. Inoltre, Mike Colter è un buon attore ma non abbastanza carismatico per tenere su una serie da solo, a differenza di Krysten Ritter in Jessica Jones.


The King of the Iron Fist
Dopo quattro stagioni, il 17 Marzo tocca ad Iron Fist. Il trailer ci ha già detto tutto: Danny Rand torna a casa dopo tanti anni, ha acquisito poteri speciali e un perfido affarista vuole mantenere il controllo della compagnia di famiglia. Detto così potrebbe sembrare Batman Begins, detto così potrebbe sembrare Iron Man, volendo potremmo citare altri esempi.
I pochi eletti che hanno già visto la serie hanno accolto il serial con opinioni contrastanti. Il trend pare essere, ormai, sempre quello per le serie Marvel/Netflix. Noi non ci sentiamo di esprimere nessun commento al riguardo. In tanti aspettavano una serie regolare dedicata a Danny Rand e alla sua storia. Netflix li ha accontentati.
Recensione Videogioco ASPETTANDO PUGNO D'ACCIAIO scritta da ANTRON93 In attesa di Iron Fist, possiamo dire che le produzioni Marvel/Netflix sono, in fin dei conti, dei buoni esempi di televisione. Forse, il vero problema risiede nell’eccessiva durata di ogni stagione. Per esser più chiari, non è necessario che siano per forza tredici episodi. Se la storia si può risolvere in meno tempo, se si può essere più incisivi, si dovrebbe avere il coraggio di chiudere la storyline prima. È successo con Jessica Jones, così come con Luke Cage. L’unico che potrebbe sostenere tranquillamente i tredici episodi è sicuramente Daredevil, anche aiutato dal fatto di avere comprimari e villain più carismatici, più conosciuti e più importanti.
Ovviamente, il 17 Marzo ci godremo Iron Fist, con la speranza che la serie dia la giusta importanza e renda onore ad uno dei personaggi minori più amati del Marvel Comics Universe.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Commenti: 6 - Visualizza sul forum
  • tevezzino93
    tevezzino93
    Livello: 1
    Post: 0
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Luke cage e stato il migliore li spazza via a tutti ...
  • MAD SLAUGHTER
    MAD SLAUGHTER
    Livello: 1
    Post: 4
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da SoulCalibuRULER

    Direi che sono due ottimi esempi di come anche i migliori producer riescano a vivere di rendita ed essere acclamati per qualunque strónzata tirino fuori. flop
    Questo è il punto fondamentale,in tutto,compreso i videogiochi.La massa che regge il mercato li premia sempre,quindi....e vai per l'ennesimo lavoro superficiale,fuma e butta via,senza lasciare nulla a livello emozionale al pubblico,specialmente sul lungo periodo.Dopo gli anni 90 è morto tutto,pochissime opere (nei vari settori) si salvano,il resto invece è quello che va,ciòè massa anfibia,detta comunemente M....! Cit. Full Metal Jacket.
  • kracken96
    kracken96
    Livello: 2
    Post: 212
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Big_Boss199X

    Daredevil capolavoro.
    Assolutamente! Cox e' spettacolare nella sua interpretazione di un supereroe umanissimo,con le sue paure e debolezze, i suoi demoni personali ma anche con un grandissimo coraggio e umanità. Serie Brutale,violenta e che lascia il segno. Altro che Avengers e company.
  • Big_Boss199X
    Big_Boss199X
    Livello: 4
    Post: 877
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Daredevil capolavoro.
  • qsc1929
    qsc1929
    Livello: 6
    Post: 192
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    A me Luke Cage è piaciuto un sacco invece. Sopratutto per le musiche e per il ruolo del primo Vallian l'attore Mahershala Ali, a mio avviso bravissimo.
  • SoulCalibuRULER
    SoulCalibuRULER
    Livello: 4
    Post: 1253
    Mi piace 3 Non mi piace 0
    Luke cage é una serie orribile...mi ha fatto proprio schifo oltre ad annoiarmi a morte. Mi ha fatto detestare la cultura afro americana invece di omaggiarla ed esaltarla. Jessica jones nn mi ha fatto ne caldo ne freddo. Direi che sono due ottimi esempi di come anche i migliori producer riescano a vivere di rendita edessere acclamati per qualunque strónzata tirino fuori. Scusate il mio commento aspro ma é quello che penso dopo aver perso tempo a guardare luke cage...e pare che iron fist sará un altro flop
caricamento in corso...
RECENSIONI E SPECIALI CORRELATI
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2017 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.