Rubrica What's Up 30 gennaio - 5 febbraio

A cura di (Tahva) del

Amici di SpazioGames, è tempo di un nuovo appuntamento con la nostra rubrica What's Up, dove vediamo insieme quelle che sono state le novità più chiacchierate della settimana sulle pagine del nostro sito.
Come sempre, cominciamo dal fronte delle notizie per dedicarci poi alle recensioni e alle altre pubblicazioni più in vista della settimana.


Notizie della settimana
Dopo il debutto, sembra che le cose stiano andando abbastanza bene per Resident Evil 7: le statistiche del gioco svelano infatti che oltre un milione di giocatori si è unito all'esperienza horror firmata da Capcom, di cui un 9,35% mediante PlayStation VR. Ci sono quindi poco meno di 100.000 persone che hanno deciso di sperimentare il gioco anche in realtà virtuale. Vedremo se Resident Evil 7 riuscirà a segnare una nuova via per i videogiochi VR o se il suo sarà destinato a rimanere un esempio apprezzato ma ancora isolato in futuro.
Segnaliamo anche una notizia flash per i giocatori in attesa di For Honor: in settimana, infatti, Ubisoft ha confermato ufficialmente le date della open beta, che si svolgerà in vista del lancio ufficiale. Se volete partecipare ai test del gioco e farvi un'idea dell'esperienza che offrirà, l'appuntamento è fissato dal 9 al 12 febbraio prossimi, con il lancio di For Honor che avverrà il 14 febbraio. Tra le altre curiosità, Ubisoft ha anche riferito che alcune star parteciperanno agli streaming dedicati al gioco: tra essi, anche il possente Jason Momoa, che ha conquistato il cuore di numerose fan per la sua interpretazione di Khal Drogo nella serie Game of Thrones.
Arrivano invece rumor per niente rassicuranti su Eidos Montreal, la software house che ha recentemente firmato Deus Ex: Mankind Divided. Prima di tutto, sappiamo ufficialmente che una parte del team sta collaborando al nuovo gioco degli Avengers, fianco a fianco con Crystal Dynamics. Secondo le voci, però, un altro gruppo della software house canadese starebbe invece lavorando ad un gioco dedicato ai Guardiani della Galassia, mentre un terzo gruppo avrebbe ereditato la serie Tomb Raider proprio da Crystal Dynamics. Con tutti questi impegni, a rimetterci è nientemeno che Deus Ex: secondo la fonte, un giornalista britannico estremamente affidabile, Square Enix non sarebbe soddisfatta delle vendite avute con l'ultimo episodio ed avrebbe fatto slittare la serie con protagonista Adam Jensen in fondo alla sue priorità. Se anche voi eravate in attesa del prossimo episodio della saga, a cui si faceva chiaramente riferimento in Mankind Divided, armatevi di parecchia pazienza perché potrebbe volerci davvero tanto.

Apriamo anche la parentesi dedicata a Final Fantasy, con le celebrazioni in corso per i trent'anni della saga: prima di tutto, Square Enix ha annunciato che il DLC di Final Fantasy XV che vi consentirà di vestire i panni di Gladio arriverà il 28 marzo. Quello dedicato a Prompto, invece, è fissato per il mese di giugno. Tra le altre novità in arrivo, c'è anche la patch con il pieno supporto a PS4 Pro, attesa per il 21 febbraio, che si occuperà anche di aumentare il level cap da 99 a 120. Segnaliamo anche che il team sta lavorando alla possibilità di farvi guidare la Regalia anche fuori dall'asfalto, ma per ora la feature è solo ai suoi primi passi e servirà pazienza.
Situazione non dissimile anche per Final Fantasy VII Remake, dal momento che Yoshinori Kitase ha fatto sapere, senza girarci troppo attorno, che c'è ancora tanta strada da fare e che il team sta limando la scena mostrata nel trailer perché vuole essere certo di raggiungere alti standard di qualità. Un intento sicuramente lodevole, ma la release sembra ancora parecchio lontana. Secondo gli ultimi rumor, arrivati quando avevamo già eseguito il doppiaggio del video, addirittura la produzione del gioco non sarebbe ancora nemmeno cominciata.
Va molto meglio con Final Fantasy XII: The Zodiac Age, che ha finalmente una data d'uscita: la nuova edizione della dodicesima fantasia debutterà su PS4 il prossimo 11 luglio. Se volete tornare a vagare a Rabanastre e dintorni, segnate pure la data sul calendario.
Rimaniamo in casa Square Enix per parlarvi anche di Nier Automata, che a quanto pare offrirà parecchie ore ai suoi giocatori: secondo gli sviluppatori, completare la modalità storia richiederà circa 25 ore, ma ci saranno finali multipli che voi dovrete ingegnarvi a scoprire. I completisti che vorranno scoprire tutti i segreti, invece, potrebbero impiegare circa 60 ore. Inoltre, Platinum Games ha fatto sapere che, se Square Enix è disposta a pagare, porterebbe volentieri il gioco anche su Nintendo Switch. Vedremo se la cosa si farà o meno.
Altro importante annuncio della settimana è quello relativo a The Elder Scrolls Online: il prossimo 6 giugno arriverà infatti la nuova mega espansione dedicata a Morrowind, la storica regione protagonista dell'amato capitolo omonimo della serie. Bethesda promette la nuova regione, una nuova classe e oltre 30 ore di nuovi contenuti da godersi sul suo gioco multiplayer online.


Nel corso della settimana, EA Sports ha annunciato anche ufficialmente, in caso qualcuno non lo desse per scontato, che quest'anno arriverà FIFA 18. Il dettaglio importante è però relativo al ritorno della modalità "Il Viaggio", che aveva debuttato in FIFA 17: la software house statunitense ha fatto sapere che quest'ultima sarà presente e porterà avanti le vicende di Alex Hunter, di cui abbiamo già vestito i panni nell'episodio precedente. Attendiamo di scoprire in che modo la modalità sarà rinnovata e cosa ci riserverà il futuro di FIFA.
Chiudiamo con una parentesi hardware, dedicata prima a Sony: la compagnia ha infatti annunciato numeri dal record per l'ultimo trimestre di PlayStation 4, che è riuscita a distribuire 9,7 milioni di unità in tutto il mondo. In totale, parliamo di 57,1 milioni di console distribuite e di 53,4 milioni di console già vendute. Numeri davvero ragguardevoli, che però da soli non bastano a risollevare l'economia di Sony: i dati finanziari del gigante dell'elettronica, nel suo complesso, vedono un settore gaming in crescita anche grazie ai tagli di prezzo di PS4 e alle vendite di PS VR, ma numeri non esaltanti in diversi altri settori, tra i quali quello smartphone e quello relativo al cinema.
Chiudiamo, infine, con Nintendo, che ha annunciato ufficialmente la fine della produzione di Wii U in Giappone. I numeri ufficiali parlano di 13,56 milioni di console vendute dal debutto ad oggi, con 7,1 giochi venduti per ciascuna console. Il presidente Kimishima è ora estremamente fiducioso per Nintendo Switch, con la quale la casa di Kyoto non dovrebbe commettere i precedenti errori: secondo il dirigente, la freschezza della console potrebbe assicurare vendite al livello di Nintendo Wii, che superò la ragguardevole soglia di 100 milioni di console vendute. Vedremo se sarà davvero così. Intanto, il presidente non ha voluto nemmeno escludere un futuro erede di Nintendo 3DS: dopo aver assicurato che la console può coesistere con Switch, ha anche fatto sapere che, qualora ci fosse posto nel mercato, la casa di Kyoto accoglierebbe volentieri l'idea di realizzare una nuova console specificamente portatile.

Recensioni della settimana
Per quanto riguarda il fronte delle recensioni, abbiamo cominciato con Saban's Mighty Morphin Power Rangers, che potrebbe non colpirvi esattamente come sperato: il ritorno dei supereroi celebri e colorati non è all'altezza delle aspettative e arriva sul mercato con un gameplay da rivedere, boss fight impresentabili ed un prezzo che mal si lega alla scarsa qualità. Bocciato (Voto 4,5).
Tempo del verdetto anche per l'arrivo su 3DS di Poochy & Yoshi's Woolly World, che ripropone l'ottimo gameplay accessibile del gioco su Wii U e un level design davvero gradevole e ben fatto. Per riuscirci, però, deve adattarsi ai compromessi tecnici imposti dall'hardware (Voto 7,5). Abbiamo assegnato un voto definitivo anche alla prima stagione di Hitman, che nei suoi sei episodi propone scenari eccellenti e due meno riusciti, ma nel complesso risulta godibile, ricchissimo di contenuti e adattabile a diverse tipologie di giocatori (Voto 8,0).
Sabotage, il nuovo DLC di Call of Duty: Infinite Warfare, ci è invece piaciuto nelle proposte di Noir e Rainessaince, mentre Neon è meno brillante e il prezzo non brilla (Voto 7,0). Infine, abbiamo recensito l'action-adventure Diluvion, che propone un intero mondo sommerso ricco di cose da fare e un'ottima direzione artistica. Peccato per la telecamera, che andava gestita meglio, e per i combattimenti da rivedere (Voto 7,5).


Rubriche, anteprime, live e speciali
Immancabilmente, con il nuovo mese, arrivano i nuovi appuntamenti con la rubrica delle uscite del mese e quella specifica dedicata ai giochi portatili. Nuovo episodio anche per la nostra rubrica che segue la storia di Mario, dagli albori ad oggi.
Il nostro coverage di Hitman vi ha proposto anche un'intervista al lead online designer del gioco. Abbiamo poi recensito Sound BlasterX H5, prima di aprire la nostra nuova rubrica che si preoccupa del peso forma delle vostre console. Nelle anteprime, invece, vi abbiamo parlato del progetto italiano Father and Son e dell'interessante 2Dark.
Recensione Videogioco WHAT'S UP 30 GENNAIO - 5 FEBBRAIO scritta da TAHVA Settimana ricchissima di notizie, tra la fine della produzione di Wii U, il destino incerto di Deus Ex e il trentennale della saga Final Fantasy. Non sono mancate nemmeno le recensioni e gli altri approfondimenti, che trovate visti da vicino nel nostro articolo.
SpazioGames vi augura buon weekend!
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Commenti: 11 - Visualizza sul forum
  • LoSCRY
    LoSCRY
    Livello: 2
    Post: 0
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    E' ovvio che un eventuale nuovo Deus Ex vada in fondo alle priorità, non perché è un brutto gioco e non perché non ha avuto vendite esaltanti, ma perché ha solo 5 mesi e mezzo di vita. Non è un gioco annuale, cosa volevate? Di già l'annuncio di un alto capitolo?
  • giuppydb
    giuppydb
    Livello: 4
    Post: 21277
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Potevano finirla la trilogia di deus ex
  • Mugico
    Mugico
    Livello: 6
    Post: 346
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da pino cammino

    Batman è un certo tipo di personaggio, Spiderman e gli Avengers sono un tipo completamente diverso. Io dubito fortemente che ne possa uscire qualcosa di buono a giudicare dalle storie che li caratterizzano che vanno bene per fumetti ed in parte per il cinema, ma in un videogioco dove devi dare una certa varietà non so quanto sia una buona idea. Più che altro l'amarezza è mettere da parte quello che è un titolo di buona qualità, per avventurarsi in quella che a tutti gli effetti è una operazione commerciale furbetta.
    Beh sai dipende anche dal genere di gioco che vuoi fare. Dipende dalla serietà con cui ci si approccia al personaggio: al riguardo Rocksteady e il suo lavoro sul lore di Batman sono stati esemplari secondo me. Anche per questo c'è da avere fiducia. Io, ad esempio, un gioco dedicato ad Iron Man in stile Arkham Asylum non lo vedrei male. Anche su Spiderman si può lavorare bene secondo me. Certo, mi viene difficile immaginare giochi diversi da un action, ma grazie al cielo di professione non faccio il game designer lol, però magari tirano fuori qualcosa di nuovo, non si sa mai. Quindi il beneficio del dubbio personalmente io glielo do. Quello che mi brucia e dover aspettare per un nuovo Deus Ex, perché è una serie che mi piace tanto. Sto giocando Mankind Divided e veramente mi ci perdo dentro. Anzi mi è sempre sembrato strano che a nessuno venga in mente di fare un bel copia e incolla e su quella base sviluppare qualche tie-in come si deve. Io ci avrei visto bene qualcosa ambientato nell'universo di Star Wars. Comunque, senza andare troppo OT, credo che il fatto che Square-Enix stia mettendo al lavoro due delle sue SH più importanti debba far ben sperare almeno nella qualità della produzione. Del resto si parla di sospendere proprio Deus Ex, mica un giochetto così. Anzi ne approfitto per consigliarlo a chi non lo avesse provato: se il problema è non aver giocato il prequel c'è un bello spiegone iniziale di circa 12 minuti e in ogni caso ormai te lo tirano dietro negli store online. Poi, chissà, se aumentano le vendite magari qualcosa si sblocca
  • Wav3
    Wav3
    Livello: 5
    Post: 442
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da pino cammino

    Batman è un certo tipo di personaggio, Spiderman e gli Avengers sono un tipo completamente diverso. Io dubito fortemente che ne possa uscire qualcosa di buono a giudicare dalle storie che li caratterizzano che vanno bene per fumetti ed in parte per il cinema, ma in un videogioco dove devi dare una certa varietà non so quanto sia una buona idea. Più che altro l'amarezza è mettere da parte quello che è un titolo di buona qualità, per avventurarsi in quella che a tutti gli effetti è una operazione commerciale furbetta.
    Non sono d'accordo, Batman non è un personaggio tanto diverso rispetto agli altri supereroi Marvel. Lo percepisci in maniera diversa probabilmente perché le ultime opere a lui dedicate hanno un taglio più dark o maturo, ma è solo perchè negli ultimi anni il personaggio è stato reinterpretato in questo modo. Basta paragonare il Batman dei fumetti o delle serie tv anni 60-70 per rendersi conto dell'evoluzione del personaggio. Ma anche i film degli anni 90 erano molto diversi rispetto all'ultima trilogia. Inoltre la DC nei suoi film ha adottato toni più maturi rispetto alla Marvel che invece ha scelto una narrazione molto più leggera adatta ad una fetta più ampia di pubblico.
  • Wav3
    Wav3
    Livello: 5
    Post: 442
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Erny89

    ragazzi non sono d'accordo con quello che dite e non capisco questo vostro odio nei confronti dei giochi della marvel. I diritti di alcuni personaggi li aveva activision e la marvel non era per niente soddisfatta della qualità dei giochi sviluppati sopratutto vedendo le qualità dei vari batman e injustice (marvel vs capcom è un bel gioco), quindi ha deciso lei stessa di rivolgersi alle migliori software house per sviluppare giochi tripla A e affidargli i suoi personaggi in questo caso square enix e gli avengers. Probabilmente essendo un progetto molto grande square enix ha pensato di far lavorare insieme i suoi due studi occidentali migliori mettendo in secondo piano tomb raider e deus ex anche perchè sicuramente questi studi non hanno la forza per sviluppare anche dei nuovi giochi dedicati a questi due brand contemporaneamente, e poi perchè anche grazie ai film la marvel va fortissimo e dei videogiochi fatti bene porterebbero grandi guadagni. Magari giochi sui supereroi non tratteranno tematiche come quelle di un deus ex ma vedendo cosa hanno fatto con batman (di cui nno per niente fan) potrebbe veramente venirne fuori qualcosa di interessante e poi tranquilli che in futuro arriverà un altro deus ex
    La critica viene dal fatto che per fare un gioco su Hulk o Iron Man mettono in secondo piano una serie come Deus Ex. Poi ammetto che il mio giudizio è dettato anche dal fatto che, a parte qualche rara eccezione, non mi piace niente né dell'universo Marvel né di quello DC, e non condivido tutta la passione che le persone hanno per questi personaggi, che sempre a mio avviso sono ampiamente sopravvalutati (non mi limito al solo universo cinematografico ma anche a quello cartaceo). Poi ovviamente ognuno è libero di seguire i personaggi, le storie, le tematiche che più lo appassionano, peccato che questo avvenga ai danni di Deus Ex, che proprio con Mankind Divided lasciava ampio spazio ad almeno un'ultimo episodio.
  • pino cammino
    pino cammino
    Livello: 6
    Post: 2295
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da Erny89

    ragazzi non sono d'accordo con quello che dite e non capisco questo vostro odio nei confronti dei giochi della marvel. I diritti di alcuni personaggi li aveva activision e la marvel non era per niente soddisfatta della qualità dei giochi sviluppati sopratutto vedendo le qualità dei vari batman e injustice (marvel vs capcom è un bel gioco), quindi ha deciso lei stessa di rivolgersi alle migliori software house per sviluppare giochi tripla A e affidargli i suoi personaggi in questo caso square enix e gli avengers. Probabilmente essendo un progetto molto grande square enix ha pensato di far lavorare insieme i suoi due studi occidentali migliori mettendo in secondo piano tomb raider e deus ex anche perchè sicuramente questi studi non hanno la forza per sviluppare anche dei nuovi giochi dedicati a questi due brand contemporaneamente, e poi perchè anche grazie ai film la marvel va fortissimo e dei videogiochi fatti bene porterebbero grandi guadagni. Magari giochi sui supereroi non tratteranno tematiche come quelle di un deus ex ma vedendo cosa hanno fatto con batman (di cui nno per niente fan) potrebbe veramente venirne fuori qualcosa di interessante e poi tranquilli che in futuro arriverà un altro deus ex
    Batman è un certo tipo di personaggio, Spiderman e gli Avengers sono un tipo completamente diverso. Io dubito fortemente che ne possa uscire qualcosa di buono a giudicare dalle storie che li caratterizzano che vanno bene per fumetti ed in parte per il cinema, ma in un videogioco dove devi dare una certa varietà non so quanto sia una buona idea. Più che altro l'amarezza è mettere da parte quello che è un titolo di buona qualità, per avventurarsi in quella che a tutti gli effetti è una operazione commerciale furbetta.
  • Erny89
    Erny89
    Livello: 9
    Post: 1854
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da pino cammino

    Purtroppo è cosi, basta un idiota vestito da scemo che prende a mazzate un'altro idiota vestito da scemo per attirare l'attenzione. Io l'universo Marvel ce lo vedo poco con i videogiochi o per lo meno con quelli di buona qualità. Rocksteady è stata l'eccezione che conferma la regola, ma c'è da dire che aveva dalla sua l'universo di Batman che meglio si adattava ad un contesto videoludico a cui si potevano applicare delle meccaniche di gioco varie ed interessanti non tutte incentrate sull'azione pura. Con gli Avengers che si ci fa? Ti fanno impersonare Iron Man? Hulk? Capitan America? Per fare che? Quanto può variare il gameplay dallo "spacco il cul0 ai nemici"? Stesso discorso per Spiderman. Ed in ogni caso non saranno mai giochi profondi come un Deus ex.
    ragazzi non sono d'accordo con quello che dite e non capisco questo vostro odio nei confronti dei giochi della marvel. I diritti di alcuni personaggi li aveva activision e la marvel non era per niente soddisfatta della qualità dei giochi sviluppati sopratutto vedendo le qualità dei vari batman e injustice (marvel vs capcom è un bel gioco), quindi ha deciso lei stessa di rivolgersi alle migliori software house per sviluppare giochi tripla A e affidargli i suoi personaggi in questo caso square enix e gli avengers. Probabilmente essendo un progetto molto grande square enix ha pensato di far lavorare insieme i suoi due studi occidentali migliori mettendo in secondo piano tomb raider e deus ex anche perchè sicuramente questi studi non hanno la forza per sviluppare anche dei nuovi giochi dedicati a questi due brand contemporaneamente, e poi perchè anche grazie ai film la marvel va fortissimo e dei videogiochi fatti bene porterebbero grandi guadagni. Magari giochi sui supereroi non tratteranno tematiche come quelle di un deus ex ma vedendo cosa hanno fatto con batman (di cui nno per niente fan) potrebbe veramente venirne fuori qualcosa di interessante e poi tranquilli che in futuro arriverà un altro deus ex
  • pino cammino
    pino cammino
    Livello: 6
    Post: 2295
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da Wav3

    Io tutti questi difetti in Mankind Divided non li ho notati, ma forse sono di parte essendo Deus Ex, per tematiche trattate, uno dei miei giochi preferiti. La storia di questo secondo capitolo non sarà all'altezza di Human Revolution ma non è una novità per i capitoli intermedi di una serie. Purtroppo oggi la massa va dietro ai vari supereroi americani in costume e Square pensa che facendo un gioco più curato, rispetto alla media delle produzioni dedicate ai vari spiderman & co. riuscirà a vendere un buon numero di copie. Tenendo conto degli incassi che fanno al cinema certe storie forse non è un calcolo del tutto errato, ma è un peccato che a farne le spese sia una serie come Deus Ex, che a mio avviso, soprattutto per ambientazione e tematiche (transumanesimo su tutte) è molto più interessante di un qualsiasi gioco dedicato ai guardiani della galassia.
    Purtroppo è cosi, basta un idiota vestito da scemo che prende a mazzate un'altro idiota vestito da scemo per attirare l'attenzione. Io l'universo Marvel ce lo vedo poco con i videogiochi o per lo meno con quelli di buona qualità. Rocksteady è stata l'eccezione che conferma la regola, ma c'è da dire che aveva dalla sua l'universo di Batman che meglio si adattava ad un contesto videoludico a cui si potevano applicare delle meccaniche di gioco varie ed interessanti non tutte incentrate sull'azione pura. Con gli Avengers che si ci fa? Ti fanno impersonare Iron Man? Hulk? Capitan America? Per fare che? Quanto può variare il gameplay dallo "spacco il cul0 ai nemici"? Stesso discorso per Spiderman. Ed in ogni caso non saranno mai giochi profondi come un Deus ex.
  • Wav3
    Wav3
    Livello: 5
    Post: 442
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da DoubleBarrel

    Che fine farà Deus Ex ? Ve lo dico io, starà nel cassetto fintanto che non avranno preso una facciata resucitando Capitan America o qualsiasi altra cosa del genere vogliano provare a fare. Non hanno capito da cosa sia derivato il poco interesse per Mankind Divided e adesso provano ad "infilarci" qualcos'altro, probabilmente più adatto per "contenuti extra" a pagamento e prese per i fondelli stile DXMD. La massa si è inferocita per certe scelte che hanno effettuato con DXMD e loro cosa fanno ? Non cambiano politica, cambiano titolo. Sarebbe bastato riconoscere umilmente i propri errori e correggerli nel limite del possibile, dando al contempo risalto alla cosa a livello mediatico e le vendite di DXMD si sarebbero riprese, almeno parzialmente ed un prossimo capitolo privo di certe problematiche avrebbe spopolato. La fanbase si inferocisce ? Cambiamo fanbase. Errare è umano, perseverare diabolico. Complimenti Squex, complimenti, se non ci piantate qualche schifezza cosmica in mezzo a quello di buono che fate, non siete contenti, vero ?
    Io tutti questi difetti in Mankind Divided non li ho notati, ma forse sono di parte essendo Deus Ex, per tematiche trattate, uno dei miei giochi preferiti. La storia di questo secondo capitolo non sarà all'altezza di Human Revolution ma non è una novità per i capitoli intermedi di una serie. Purtroppo oggi la massa va dietro ai vari supereroi americani in costume e Square pensa che facendo un gioco più curato, rispetto alla media delle produzioni dedicate ai vari spiderman & co. riuscirà a vendere un buon numero di copie. Tenendo conto degli incassi che fanno al cinema certe storie forse non è un calcolo del tutto errato, ma è un peccato che a farne le spese sia una serie come Deus Ex, che a mio avviso, soprattutto per ambientazione e tematiche (transumanesimo su tutte) è molto più interessante di un qualsiasi gioco dedicato ai guardiani della galassia.
  • pino cammino
    pino cammino
    Livello: 6
    Post: 2295
    Mi piace 0 Non mi piace -3
    A Square Enix importa solo ed esclusivamente della grana, altrimenti non mi spiego il mettere in naftalina una serie come deus ex (ed a dire il vero non mi spiego anche molte altre cose), che fra alti e bassi è sempre rimasta di qualità abbastanza soddisfacente. Purtroppo come ha detto Obsidian in una news di ieri, per fare titoli grossi contano la pubblicità ed il marketing ed evidentemente per Square Enix, il giochino degli Avengers (dopo aver ridotto il cinema in uno stato pietoso con tanta spazzatura targata marvel, ora provano anche a rovinare il mondo dei videogiochi) ha più possibilità di essere venduto ed è più importante di Deus ex. Mi spiace rovinare i sogni degli "idealisti", ma questa è la verità. I videogiochi AAA sono in mano a gente che non esiterà a ritardare/cancellare titoli o chiudere sh storiche (come ad esempio ha fatto EA con Westwood), per il loro tornaconto personale e per proseguire sempre la via del guadagno più facile. State tranquilli che le c@zzate con Spiderman e gli Avengers venderanno tanto (spinti anche solo dai fan dei fumetti marvel) e molto probabilmente avranno sequel su sequel. Ps la cancellazione di Scalebound deve essere letta anche da questo punto di vista. Ho visto gente che se l'è presa a morte con MS, senza rendersi conto che sono cose che nell'industria videoludica succedono continuamente e da tutte le parti.
  • DoubleBarrel
    DoubleBarrel
    Livello: 4
    Post: 4447
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    Che fine farà Deus Ex ? Ve lo dico io, starà nel cassetto fintanto che non avranno preso una facciata resucitando Capitan America o qualsiasi altra cosa del genere vogliano provare a fare. Non hanno capito da cosa sia derivato il poco interesse per Mankind Divided e adesso provano ad "infilarci" qualcos'altro, probabilmente più adatto per "contenuti extra" a pagamento e prese per i fondelli stile DXMD. La massa si è inferocita per certe scelte che hanno effettuato con DXMD e loro cosa fanno ? Non cambiano politica, cambiano titolo. Sarebbe bastato riconoscere umilmente i propri errori e correggerli nel limite del possibile, dando al contempo risalto alla cosa a livello mediatico e le vendite di DXMD si sarebbero riprese, almeno parzialmente ed un prossimo capitolo privo di certe problematiche avrebbe spopolato. La fanbase si inferocisce ? Cambiamo fanbase. Errare è umano, perseverare diabolico. Complimenti Squex, complimenti, se non ci piantate qualche schifezza cosmica in mezzo a quello di buono che fate, non siete contenti, vero ?
caricamento in corso...
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.