Recensione di Steins Gate 0

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     PS4, PS Vita
  • Genere:

     Gioco di ruolo
  • Data uscita:

     10 dicembre 2015 Giappone - TBA 2016 (EU) - 26 agosto 2016 PC JAP
- Script di grandissimo valore
- Impossibile non affezionarsi ai personaggi
- Sei differenti finali
- Imprescindibile per i fan della serie
- Non giocatelo se non avete prima recuperato il capitolo precedente
- Interazione ludica ai minimi termini
A cura di (DottorKillex) del
Playstation Vita sarà ricordata oltre che come una colossale occasione sprecata, anche come una delle console dal parco titoli più atipico e particolare, capace di mandare in brodo di giuggiole soprattutto gli amanti dei prodotti giapponesi, dai giochi di ruolo alle visual novel.
Proprio di una di queste, e non di una qualunque, ci accingiamo a parlare: Steins;Gate 0 è il secondo capitolo di una serie che ha appassionato milioni di fan, stregati da un anime tanto inconsueto quanto ben scritto.
Il titolo uscito nel 2015, peraltro, si era guadagnato un ottimo voto sulle nostre pagine, e cogliamo l'occasione per raccomandarvelo ancora una volta.
Dopo l'ottimo titolo d'esordio, 5pb e PQube (rispettivamente sviluppatore e publisher) portano sulla piccola di casa Sony questo seguito, che poi, a dirla tutta, proprio un seguito non è, visto che gli eventi che racconta sono, in un certo qual modo, contemporanei a quelli vissuti nel capitolo precedente.


Lo spettro del futuro
Due premesse sono necessarie prima di addentrarci nella complessa trama che sorregge Steins; Gate 0: inevitabilmente, per quanto cercheremo di non combinare troppi disastri, le righe che seguiranno conterranno spoiler riguardanti il primo episodio, visto che questo sequel si svolge in una linea temporale tra quelle alternative del primo (la Beta); secondariamente, il maggiore limite di questa produzione, quantomeno per i neofiti, deriva dalla sua natura stessa di sequel, che presuppone la conoscenza di personaggi e avvenimenti pertinenti al capitolo precedente: avvicinarsi alla serie partendo da questo episodio non solo è sconsigliato, ma, sotto molti punti di vista, praticamente impossibile.
Detto questo, ci limiteremo a dare solamente un accenno all'incipit narrativo, peraltro una delle parti migliori (insieme al true ending, secondo noi) di quest'opera: Steins; Gate 0 segue lo sviluppo narrativo della timeline Beta, nella quale Rintaro Okabe non solo non riesce a salvare l'amata Kurisu Makise, ma in uno dei mille tentativi di riscrivere gli eventi, finisce addirittura con l'ucciderla per errore.
Divorato dai rimorsi e dal senso di colpa, l'autoproclamato scienziato pazzo decide di gettare la spugna, mettendo da parte il suo macchinario per i viaggi nel tempo e concentrandosi piuttosto sulla sua salute psichica, messa duramente alla prova dagli avvenimenti vissuti.
Il destino, però, sembra avere per lui altri piani: l'incontro con il mentore di Kurisu e con la sua assistente, Maho, riaccendono la sua passione per la scienza e per i progetti sperimentali, anche se il nostro pagherà a caro prezzo la curiosità e la sete di conoscenza, visto che un apparentemente innocuo esperimento sulle intelligenze artirficiali lo costringerà ad affrontare nuovamente tutti i suoi demoni.
Come per l'episodio precedente e per l'anime che in Giappone ha spopolato, Steins;Gate 0 ha qualcosa di magnetico e il consistente vantaggio, rispetto al prequel, di non dover introdurre luoghi e personaggi, contando sull'amore e sull'empatia che i fan avranno sicuramente sviluppato per essi durante le vicende lì raccontate.
Già all'epoca, e oggi più che mai, si facevano le ore piccole non solo per la curiosità di vedere come si sarebbe evoluta una trama intricata ma magistralmente scritta, ma anche per seguire le sorti di protagonisti così vicini al giocatore da essere quasi vivi, omologabili a persone realmente esistenti nella loro umanità e nei loro patimenti.
Pur poggiando sulle solide fondamenta gettate del capitolo d'esordio, Steins;Gate 0 non si accartoccia pigramente su se stesso, concentrandosi maggiormente sulla figura di Okabe, sulle sue manie, sul peso che lo sta schiacciando, creando un vincolo fortissimo tra di esso e i giocatori più empatici.
Lo script è di qualità eccellente, e alterna pugni nello stomaco a (brevi) fasi più leggere, mostrando una visione del mondo di gioco assai più cupa e lugubre di quella del titolo del 2009.
Siamo dinanzi a una delle trame meglio scritte e raccontate di questa generazione videoludica, tranquillamente equiparabile a best-sellers della letteratura mondiale, che val bene lo “sforzo” di recuperare il primo capitolo (e giocarlo almeno un paio di volte) per non perdersene nemmeno un brandello.


Leggo ergo sum
Come per tutte le visual novel proposte in ambito videoludico, e tanto quanto il predecessore, Steins;Gate 0 si dimostra assai limitato per quanto concerne l'interazione diretta del giocatore con il software, anche se il team di sviluppo ha provato ad aumentare il coinvolgimento e la vivacità degli eventi a schermo proponendo differenti punti di vista e mettendo, in alcune fasi, il giocatore nei panni di personaggi altri rispetto al consueto Rintaro.
Il risultato è positivo e consente anche ad altre figure, meno incisive del protagonista ma comunque fondamentali ai fini della storia, di godere della luce dei riflettori e di vedere meglio evidenziate le loro personalità.
Ci sono sei differenti finali, raggiungibili a seconda delle scelte che vengono operate dal giocatore durante l'avventura, e l'aver inserito questo secondo episodio all'interno di una delle timeline alternative del titolo base ha consentito al team di sviluppo di giocare con personaggi noti, facendoli maturare senza stravolgerli. Si assisterà, allora, ad un Daru maggiormente consapevole del suo futuro e delle responsabilità connesse a esso, e quindi, se possibile, ancora più chiuso in se stesso e taciturno rispetto a Steins;Gate, o a una Mayuri cresciuta, decisamente più matura, che conserva il suo inguaribile ottimismo a cui dietro cela anche dolori e rimpianti: ogni personaggio mostra uno o più lati di sé che non si erano messi in evidenza in precedenza e proprio queste sfumature li rendono così credibili e degni di simpatia.
Steins;Gate 0 va preso come un libro interattivo, in cui al giocatore viene somministrata una storia ricca, emozionante, piena di momenti memorabili, sulla quale, a differenza di quanto accade con i lettori classici del medium cartaceo, può esercitare un certo potere, con la possibilità di dar vita a timeline differenti e, con esse, a epiloghi anche molto distanti tra loro.


The dark side of the gate
Il character design che ci aveva colpito così intensamente all'epoca della recensione del primo episodio torna in ottima forma in Steins;Gate 0 e, anzi, riflette i mutamenti e il tempo trascorso sui volti dei personaggi, sul loro look, sul modo in cui si vestono.
Rintaro appare provato, emaciato, con una barbetta incolta e un po' di occhiaie, ma anche molte altre facce note non sembrano aver passato indenni l'esame del tempo.
Ryohei Fuke disegna un mondo assai vicino al nostro, con tramonti mozzafiato ma anche vicoli lerci, spazi desolatamente vuoti ed espressioni facciali che veicolano dolore e tristezza: chi non ha amato il tratto dell'anime o del primo episodio non troverà qui nulla che possa fargli cambiare idea, ma il tratto è maturato e la qualità dei disegni è innegabile.
Sebbene l'intreccio giustifichi ampiamente la cosa, il riciclo di assets e di spazi già visti nel prequel potrebbe far storcere il naso ai videogiocatori più esigenti, ma il comparto tecnico e la varietà di ambientazioni rappresentano tratti assai secondari in un prodotto come questo, interamente focalizzato sulla storia e sulle sue innumerevoli ramificazioni.
Torna, infine, l'accoppiata audio giapponese – sottotitoli inglesi, che, se da un lato taglierà fuori i meno avvezzi alla lingua d'Albione, dall'altro appare come la soluzione più consona per una storia dal forte taglio giapponese.
Recensione Videogioco STEINS GATE 0 scritta da DOTTORKILLEX Che ci giochiate su Playstation 4 o su Vita (con quest'ultima decisamente consigliata per questo tipo di esperienze), che intendiate iniziare la visione dell'anime dopo l'esperienza ludica, o che siate semplicemente amanti della lettura, Steins;Gate 0 porta in scena una delle storie più geniali e coinvolgenti degli ultimi anni, che ha il solo difetto di richiedere la fruizione del capitolo originario per essere apprezzata a pieno.
Certo, le visual novel rappresentano un genere particolare, che non sempre in occidente riscuote lo stesso consenso di cui gode in patria, ma certe storie vanno raccontate indipendentemente dal medium utilizzato per farlo: quella di Steins;Gate 0 è, semplicemente, una di queste.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Commenti: 7 - Visualizza sul forum
  • Yub93
    Yub93
    Livello: 4
    Post: 163
    Mi piace 0 Non mi piace -2
    Originariamente scritto da DottorKillex

    Assolutamente no: ci sono tantissimi sequel che non richiedono di aver giocato i capitoli precedenti, tanto in ambito videoludico quanto cinematografico. Questo, invece, non è un punto di partenza ideale: senza aver prima recuperato il primo (o l'anime, o entrambi) è praticamente ingiocabile. Visti i dati di vendita e la scarsa diffusione del primo (ahimè), mi è sembrato giusto sottolineare la cosa.
    si okay non ho detto che non ci sono sequel di questo genere...solamente mi pare strano vedere tra i contro una cosa del genere tutto qua xD Tipo quando mettete tra i contro * gioco troppo difficile *
  • DottorKillex
    DottorKillex
    Redattore
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da Yub93

    tra i contro " non giocatelo se non avete recuperato il capitolo precedente " forse perché è un sequel? xD bah è come dire: non guardatevi le due torri se non avete visto la compagnia dell'anello xD seems legit
    Assolutamente no: ci sono tantissimi sequel che non richiedono di aver giocato i capitoli precedenti, tanto in ambito videoludico quanto cinematografico. Questo, invece, non è un punto di partenza ideale: senza aver prima recuperato il primo (o l'anime, o entrambi) è praticamente ingiocabile. Visti i dati di vendita e la scarsa diffusione del primo (ahimè), mi è sembrato giusto sottolineare la cosa.
  • Yub93
    Yub93
    Livello: 4
    Post: 163
    Mi piace 2 Non mi piace -2
    tra i contro " non giocatelo se non avete recuperato il capitolo precedente " forse perché è un sequel? xD bah è come dire: non guardatevi le due torri se non avete visto la compagnia dell'anello xD seems legit
  • Geddoe
    Geddoe
    Livello: 6
    Post: 14182
    Mi piace 2 Non mi piace -1
    Se non si ha ancora giocato il primo Steins;Gate consiglio di iniziarlo e di fermarsi(senza entrare nello spoiler) quando si è all'incirca a metà dell'ultimissimo capitolo e poi attaccare con Zero.
  • WhiteDiablo
    WhiteDiablo
    Livello: 6
    Post: 2928
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Del primo capitolo non ho apprezzato molto lo stile usato per i personaggi,lontano dalle mie corde eppure l'ho adorato comunque(ho visto prima l'anime ed in il design usato invece mi é piaciuto molto di più).All'inizio la storia sembra molto leggera(nonostante inizi in maniera quasi tragica)ma proseguendo diventa sempre più cupa e i personaggi dall'essere quasi degli stereotipi evolvono sempre di più mostrandoli come degli esseri umani,interessantissimo poi il contesto della serie,una Giappone moderno con tutti i suoi lati che per un occidentale sono quantomeno bizzarri.
  • Dandylion
    Dandylion
    Livello: 5
    Post: 4779
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Ho guardato l'anime e giocato il Primo, Non appena recupero lo Zero mi vado a recuperare anche tutto il materiale possibile e immaginabile che esiste sulla serie (Altri giochi, Film , Manga, Novel, Serie Live action ... tutto XD ) comunque se non vi urta avere un "Gioco" che si legge quasi soltanto, alzate pure il voto anche di 0,5/1 che se rispetta le promesse del primo, trame del genere ce ne sono poche in giro ( e non mi riferisco solo a giochi, ma in generale)
  • bethlehem
    bethlehem
    Livello: 7
    Post: 3388
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    bella recensione e gioco da non perdere
caricamento in corso...
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.