Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Blackwood Crossing

Blackwood Crossing

Un viaggio onirico

Anteprima

PC, PS4, XONE

Avventura grafica

5 Aprile 2017

A cura di del
Il passaggio dall'età infantile a quella adolescenziale non è spesso dei più semplici: ogni ragazzo e ragazza lo vive a modo suo, sentendosi spesso abbandonati tra mille problemi. E’ possibile, secondo voi, riuscire a romanticizzare questo aspetto della propria vita e trarne spunto per narrare una storia coinvolgente? I ragazzi di PaperSeven, uno studio creato da alcuni ex dipendenti di Black Rock Studio, sono convinti di sì e vogliono dimostrarcelo con la loro prima creazione ufficiale, Blackwood Crossing, che abbiamo avuto modo di provare in anteprima.

Un viaggio magico
Interpreteremo i panni di Scarlett, una giovane adolescente rimasta orfana insieme al fratellino Finn. All'inizio della storia ci risveglieremo su un treno in movimento. Dopo l’incontro con una strana figura, capiremo ben presto che non stiamo semplicemente facendo un viaggio in treno, ma che quella che affronteremo sarà un’esperienza più magica: vedremo il mondo proprio come visto agli occhi di Finn. Scarlett è sempre stata legata al suo fratellino, ma l’età adolescenziale l’ha portata a distaccarsi sempre di più da lui, cosa di cui ha risentito molto, complice anche il fatto che, essendo orfano, egli vede in Scarlett il suo unico punto di riferimento. Il mondo circostante muterà in base a quelli che saranno i ricordi di Finn, perciò potranno apparire “passeggeri” dal nulla, o dentro il treno si presenterà il manto erboso del nostro giardino. L’atmosfera intorno a noi è magica: non siamo più nel mondo reale, ma in un mondo fatto di sogni, fantasia, ricordi, emozioni, tra cui gioia ma anche dolore e angoscia.

Scopriamo le nostre emozioni
I “passeggeri” che incontreremo sono delle persone di cui abbiamo ricordo: i nostri genitori, i nostri nonni, anche il bullo che si prendeva gioco di Finn. Tuttavia queste persone non possiamo vederle in volto, hanno tutte delle maschere: ogni maschera sembra avere un preciso significato simbolico sul come quelle persone vengano viste ai nostri occhi: il bullo è antipatico e non vorremmo mai vederlo, dunque indossa la maschera di un maiale; i nostri genitori, per quanto poco li abbiamo conosciuti, sono sempre stati attenti con noi e protettivi, dunque indossano delle maschere di leone, e così via. E’ interessante notare come l’ambiente circostante cambi realmente a seconda dei diversi ricordi del bambino: quando è un momento felice, vedremo un atteggiamento e dei poster che lo raffigurano come un eroe; quando invece è preso da angoscia o ira, lo vedremo caratterizzato come una vittima, o deridenti la sorella, arrivando anche a bruciare tutte le cose a cui stavano lavorando assieme.

Il gameplay prevede, oltre all'esplorazione, anche alcuni puzzle piuttosto semplici per progredire nella storie come, per esempio, capire con chi i passeggeri stanno cercando di parlare e selezionarli consecutivamente, per concludere il loro discorso. Andando sempre più avanti in quest’avventura, arriviamo alla semplice convinzione che, se ai nostri occhi è sempre apparso che andasse tutto bene e che non ci fossero mai stati problemi, la realtà era ben diversa: Finn all'apparenza si mostrava gioioso e solare, ma dentro di sé era tormentato dal pensiero di essere realmente solo e abbandonato da tutti. E con questa storia è chiaro anche il messaggio che gli sviluppatori vogliono far arrivare al pubblico: non bisogna mai giudicare dalle apparenze e non bisogna mai lasciare soli i nostri cari, sopratutto se giovani e ancora nella fase della crescita, perchè risentimento e angoscia sono sentimenti che si nascondono nel profondo dell’animo, e il loro alimentarsi bulimico fino a scoppiare, potrebbe essere catastrofico e compromettere i rapporti con le persone.
  • [+] Atmosfera magica
    [+] Trama interessante
    [+] Il messaggio fa riflettere

Il viaggio di Scarlett e Finn non è solamente un’avventura magica, ma rappresenta anche un importante spunto di riflessione per tutti i giocatori che si sentiranno coinvolti. Non fatevi spaventare dalle apparenze, perchè anche dietro un concetto all'apparenza stressante e noioso si può nascondere un’avventura magica. L’appuntamento è fissato a inizio 2017, quando uscirà la versione completa e potremo concludere la nostra avventura.

0 COMMENTI