Recensione di Batman: Return To Arkham

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     PS4, Xbox One
  • Genere:

     Action-Adventure
  • Sviluppatore:

     Rocksteady
  • Data uscita:

     18 ottobre 2016
- Ancora oggi sono due grandissimi titoli
- Presenti tutti i DLC
- Ottimo passaggio dall’UE3 all’UE4...
- ... che però ha portato ad un cambiamento non sempre convincente della paletta cromatica
- Qualche lieve calo di frame-rate in Batman: Arkham Asylum
Loading the player ...
A cura di (Mapaan) del

Fino al 2009, tranne qualche rara eccezione, i titoli su licenza si sono rivelati dei prodotti incapaci di proporre qualcosa di realmente valido, oscillanti perennemente tra la mediocrità ed una sufficienza stentata; quasi a voler portare avanti un concetto profondamente sbagliato, per cui una trasposizione videoludica di una proprietà intellettuale già nota, non abbia bisogno di un degno lavoro alle spalle, per avere successo. Al Cavaliere Oscuro non è andata in modo poi così diverso dal solito, con titoli che non sono riusciti mai a rendere realmente giustizia ad un universo così intenso e sfaccettato. Non ce ne vogliate, ma nell’immaginario collettivo, spesso, per collegare il vigilante di Gotham al medium videoludico, si faceva riferimento ad un titolo come Batman & Robin, uscito sulla prima Playstation nel 1997, che esattamente come il film di riferimento, a noi provoca ancora qualche brivido di freddo lungo la schiena. A cambiare questa situazione hanno deciso di pensarci i ragazzi londinesi di Rocksteady, con il loro Batman: Arkham Asylum: un titolo in grado di elevarsi, non di poco, rispetto alla massa, ponendosi come un prodotto ben realizzato a 360°. La bravura del team di sviluppo è stata quella di riuscire ad affiancare ad una sceneggiatura inedita e di qualità, un sistema di gioco solido, in grado di convincere e divertire; riuscendo tra l’altro ad espandere la formula con il passare degli episodi. Poche settimane fa, Rocksteady stessa, ha confermato che Batman: Arkham Knight è stato a tutti gli effetti il loro ultimo capitolo della serie: il producer Dax Ginn, ha infatti dichiarato che i tempi sono maturi “per dedicarsi ad altro”. Per dare un saluto a questo binomio tanto produttivo, Warner Bros ha deciso di riproporre i primi due capitoli della saga sulle ultime console di Sony e Microsoft, con questo Batman: Return To Arkham, una collection sviluppata dallo studio cinese Virtuos e supervisionata da Rocksteady, che vede il passaggio dei due giochi all’Unreal Engine 4.


Batman Vs Mr. J
In entrambi i capitoli, il nostro caro Cavaliere Oscuro dovrà vedersela con un elevato numero di nemici, provenienti dal proprio Bat-Universo, con la costante presenza del suo villain per antonomasia: il Joker. Arkham Asylum si focalizza sul suo tentativo di mettere a ferro e fuoco Gotham City, cercando di fare partire una rivolta nell’omonimo manicomio dove la polizia ha rinchiuso tutti i principali psicopatici della città. Per mettere in moto il suo piano, il pagliaccio ha inscenato la sua cattura, così da riunire i rivali più noti di Batman all’interno della stessa struttura. In Arkham City invece, che narra gli eventi accaduti alcuni mesi dopo quanto successo nel primo episodio, vedremo il nuovo sindaco di Gotham, Quincy Sharp, segregare i pazienti del manicomio di Arkham e gli ospiti della prigione di Blackgate in un unico posto super-sorvegliato, in corrispondenza del cuore della vecchia parte della città, chiamato Arkham City. Bruce Wayne, per diverse ragioni, attirerà l'attenzione di Hugo Strange, messo a capo della nuova struttura, che riuscirà ad internarlo proprio ad Arkham City. Per il plot dei due titoli preferiamo dire poco e fermarci qui, anche perché la base narrativa è molto interessante ed il tutto risulta ben sceneggiato, per cui non vogliamo rovinare alcuna sorpresa a chi dovesse avvicinarsi per la prima volta alla saga; passiamo invece al lato giocato.  Rocksteady già al tempo riuscì a stupire tutti, con un gameplay che univa, con cognizione di causa, l’utile al dilettevole. Nello specifico, parliamo di un sistema di combattimento dotato di una certa profondità di base: ciò che a noi importava davvero nel caso di Batman: Return To Arkham è che il tutto non risultasse obsoleto, in particolare con Batman: Arkham Asylum, per via del tempo passato dall’uscita del gioco e delle evoluzioni su cui quello stesso sistema ha potuto contare con i capitoli successivi. In tal senso, possiamo assicurarvi che il tutto non è invecchiato per nulla ed entrambi i capitoli sono assolutamente godibili e divertenti ancora oggi. Ancor più apprezzabile risulta piuttosto la differenza tra i due giochi: il primo capitolo punta su un ritmo serrato mentre il secondo risulta nel complesso maggiormente “diluito” e con una fase esplorativa più marcata, anche a causa delle dimensioni della mappa di gioco. Il Freeflow Combat fa una gran figura nell’ultimo capitolo della saga, uscito più di un anno fa sulle ultime console di Sony e Microsoft, ma funzionava a dovere anche nelle prime incarnazioni del brand ed è pertanto attuale come pochi altri sistemi di combattimento. Ancora oggi è esaltante notare come la struttura generale vada ad adattarsi all’abilità e al tempismo del giocatore, con i giochi (in particolare Arkham City) che vi offriranno sempre di più, con il passare delle ore. Il Cavaliere Oscuro potrà contare su un numero significativo di gadget, utili anche al di fuori del combattimento vero e proprio, nelle fasi esplorative o di investigazione; egli potrà infilarsi nei condotti di areazione, spostarsi rapidamente da un “gargoyle” all’altro, arrivando alle spalle del nemico e tanto altro ancora. La saga non è costituita esclusivamente dal combattimento ravvicinato e fondamentale sarà pianificare nel miglior modo possibile ogni nuova sfida, studiando la posizione e il numero dei nemici, in modo da eliminarne silenziosamente alcuni, per poi affrontare a viso aperto tutti gli altri: una struttura ludica così stratificata permette di passare facilmente da un approccio all’altro cercando di andare incontro ad ogni tipo di giocatore. 


Non Una Semplice Remastered
La bontà del lavoro tecnico, che vede i due titoli, passare dall’Unreal Engine 3 all’Unreal Engine 4, è innegabile e possiamo garantirvi che i benefici di tale cambiamento appaiono molto più chiari in-game rispetto a quanto invece possa sembrare attraverso delle semplici comparazioni tra screenshots: a riprova di ciò abbiamo anche effettuato specifici confronti tra la nuova versione dei due giochi, presente in Batman: Return To Arkham, e quelle della generazione precedente. Sia Batman: Arkham Asylum, che Batman: Arkham City, godono di un rinnovamento grafico non di poco conto: le texture sono maggiormente rifinite, e non parliamo solo di pareti o pavimenti, il sistema di ombre è molto più convincente e la quantità di dettagli è di gran lunga superiore rispetto al passato. L’impatto grafico che esce fuori non è di poco conto considerando che si tratta di una rimasterizzazione di giochi usciti svariati anni fa: nel secondo capitolo, ciò che abbiamo osservato durante i primi passi all’esterno, con la vista sulle diverse strutture che compongono la mappa di gioco, ci ha pienamente convinti. Discorso a parte per il frame-rate, che risulta purtroppo il vero passo falso di questa edizione: questo è infatti ben lontano dall’essere solido e rimane bloccato, come nelle due versioni precedenti, a 30fps. A mostrare qualche incertezza in più è stato Arkham Asylum, specialmente nelle fasi esplorative. Sia chiaro, non è nulla che vada a minare minimamente l’esperienza di gioco, si tratta di cali minimi e rarissimi, ma considerando il tempo avuto a disposizione nello sviluppo di questa versione rimasterizzata, era lecito aspettarsi di più. Tra l’altro va anche detto, che inaspettatamente, il passaggio da un motore grafico all’altro ha portato anche a dei cambiamenti sulla paletta cromatica generale, che non sempre risulta convincente: in particolar modo, i volti e i modelli poligonali dei personaggi principali non sono sempre al top ed alcuni dettagli facciali perdono addirittura il confronto con quanto è stato possibile osservare nelle versioni passate. Questo è dovuto anche al cambiamento del sistema d’illuminazione che tanto ha dato al livello generale – o nello specifico con i tanti NPC amici/nemici secondari – nella brillantezza delle texture, ma poco è riuscito a “dare” con altri elementi, andando a modificare in minima parte anche l’art direction dei due titoli, e non sempre positivamente. Alla luce di tutto ciò, non ci sentiamo di bocciare un lavoro comunque buono, che sta a metà tra una semplice rimasterizzazione ed un remake, ma allo stesso tempo nell’analizzare ciò che non ha funzionato perfettamente, ci chiediamo se con altre tipo di scelte non si sarebbe potuto raggiungere un livello qualitativo ancor più alto: magari scendendo a compromessi sulla risoluzione ma bloccando i due giochi a 30fps o cercando di andare sui 60fps, oppure ancora, proponendo nuovamente una versione riveduta dell’UE3 (l’originale non è supportato da Xbox One & PS4) come per Batman: Arkham Knight così da potersi concentrare su un insieme più vasto di elementi poco funzionali.


Attività Extra In Quel di Gotham
Entrambi i giochi includono, in questa versione rimasterizzata, tutti i contenuti scaricabili resi disponibili nei rispettivi periodi post-lancio: i DLC di Arkham Asylum si compongono soltanto di quattro mappe Sfida aggiuntive (Crime Alley, Incubo Criminale, Completamente Pazzo e Cacciatore Notturno), mentre più corposo appare il numero di contenuti extra di Arkham City. Anche in questo caso sono presenti sfide inedite, in cui avrete la possibilità di utilizzare Robin, Nightwing e Catwoman – che sarà giocabile anche in alcune sezioni della campagna – insieme ad un pacchetto di costumi alternativi per Batman. Infine, è presente l’episodio Harley Quinn's Revenge, che cerca di dare una certa continuità a quanto narrato nel gioco principale, fornendo qualche spunto interessante e ponendosi come uno dei contenuti secondari più interessanti dell’intero pacchetto. Tali DLC, presi singolarmente non sono nulla d’imperdibile e non costituiscono una valida motivazione per acquistare Batman: Return To Arkham, tuttavia analizzati nel loro insieme, rappresentano un’esperienza quantomeno piacevole, che riuscirà a regalarvi qualche ora di divertimento in più. Pur essendo cosa nota fin dall’annuncio, ci preme comunque sottolineare la mancanza di Batman: Arkham Origins, episodio sviluppato da Warner Bros. Montréal, spesso bistrattato ingiustamente: a noi, il giustificare tale mancanza con la volontà di inserire soltanto i titoli Rocksteady ci ha francamente fatto storcere il naso e appare ai nostri occhi come una scusa non molto convincente. A pagarne le conseguenze è una collection che avrebbe potuto solo che beneficare di un’aggiunta simile, e che invece arriva tra le nostre mani leggermente “incompleta”: speriamo vivamente che almeno per i possessori Xbox One si possa mettere una piccola pezza rendendo il titolo retrocompatibile. 
Recensione Videogioco BATMAN: RETURN TO ARKHAM scritta da MAPAAN Il ritorno ad Arkham targato Virtuos Games rappresenta complessivamente una buona operazione di rimasterizzazione: i lievi problemi tecnici, seppur inaspettati, rimangono marginali e non guastano in alcun modo l’esperienza generale. Rimane soltanto un po’ di amaro in bocca, perché siamo sicuri sarebbero bastato poco per rendere la collezione qualitativamente ineccepibile e ancor più completa. In ogni caso, si parla pur sempre di due prodotti che non risentono per nulla del peso degli anni e propongono ancora oggi un gameplay attuale e convincente; è pertanto un acquisto consigliatissimo a tutti coloro che non hanno avuto la possibilità di avvicinarsi alla saga Rocksteady nel corso della passata generazione. Chi invece ha già spolpato i due titoli in precedenza, potrebbe prenderne in considerazione l’acquisto solo se grandi amanti del brand oppure per la presenza dei DLC.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Commenti: 21 - Visualizza sul forum
  • f0ssile
    f0ssile
    Livello: 6
    Post: 688
    Mi piace 0 Non mi piace -2
    Originariamente scritto da Mugico

    Non vorrei sbagliare ma credo che si riferisse al lavoro svolto sul comparto grafico. Di solito quando si rimasterizza un gioco ci si limita ad interventi non radicali, come ad esempio l'aumento della risoluzione. In questo caso è stato sostituito proprio il motore grafico. La frase infatti non andrebbe decontestualizzata (per quanto molto lunga in effetti): "Alla luce di tutto ciò, non ci sentiamo di bocciare un lavoro comunque buono, che sta a metà tra una semplice rimasterizzazione ed un remake, ma allo stesso tempo nell’analizzare ciò che non ha funzionato perfettamente, ci chiediamo se con altre tipo di scelte non si sarebbe potuto raggiungere un livello qualitativo ancor più alto: magari scendendo a compromessi sulla risoluzione ma bloccando i due giochi a 30fps o cercando di andare sui 60fps, oppure ancora, proponendo nuovamente una versione riveduta dell’UE3 (l’originale non è supportato da Xbox One & PS4) come per Batman: Arkham Knight così da potersi concentrare su un insieme più vasto di elementi poco funzionali." Si comprende che si tratta di un commento conclusivo sulla grafica dei tue titoli. Infatti interviene a conclusione del paragrafo dedicato all'impianto tecnico della remastered
    Ci avevo pensato, ma... Il Remake, di solito cambia tutto il gioco (pur essendo una dedica). Ci sono Remaster simili che non sono mai stati accorsati ad un Remake (il cambio del motore grafico non è la prima volta che si vede in un Remaster, e non vedo perché debba farlo diventare Remake. Tra l'altro, si ipotizza che, se avessero affinato il motore precedente (non compatibile), il risultato avrebbe potuto essere migliore. Sentire che i miglioramenti modificano "l'impressione artistica" e creano anomalie (volti ecc)... Capisco che dice "è una via di mezzo", però, il legame col Remake mi rimane anomalo. Per capirsi: Nel contesto (grafico e basta), la via di mezzo fa sembrare un Remake un Remaster pompato, come se aumentando ancora di più il lato tecnico diventerà implicitamente Remake. Non era per criticare (forse il resto...), eh, magari lo considera un ibrido proprio perché è stato intaccato acnhe il lato artistico.
  • Mugico
    Mugico
    Livello: 6
    Post: 346
    Mi piace 3 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da f0ssile

    @mapaan Che vuol dire "che sta a metà tra una semplice rimasterizzazione ed un remake" ? È un Remaster e basta, no? Il gioco quello rimane.
    Non vorrei sbagliare ma credo che si riferisse al lavoro svolto sul comparto grafico. Di solito quando si rimasterizza un gioco ci si limita ad interventi non radicali, come ad esempio l'aumento della risoluzione. In questo caso è stato sostituito proprio il motore grafico. La frase infatti non andrebbe decontestualizzata (per quanto molto lunga in effetti): "Alla luce di tutto ciò, non ci sentiamo di bocciare un lavoro comunque buono, che sta a metà tra una semplice rimasterizzazione ed un remake, ma allo stesso tempo nell’analizzare ciò che non ha funzionato perfettamente, ci chiediamo se con altre tipo di scelte non si sarebbe potuto raggiungere un livello qualitativo ancor più alto: magari scendendo a compromessi sulla risoluzione ma bloccando i due giochi a 30fps o cercando di andare sui 60fps, oppure ancora, proponendo nuovamente una versione riveduta dell’UE3 (l’originale non è supportato da Xbox One & PS4) come per Batman: Arkham Knight così da potersi concentrare su un insieme più vasto di elementi poco funzionali." Si comprende che si tratta di un commento conclusivo sulla grafica dei tue titoli. Infatti interviene a conclusione del paragrafo dedicato all'impianto tecnico della remastered
  • f0ssile
    f0ssile
    Livello: 6
    Post: 688
    Mi piace 1 Non mi piace -3
    @mapaan Che vuol dire "che sta a metà tra una semplice rimasterizzazione ed un remake" ? È un Remaster e basta, no? Il gioco quello rimane. Sul discorso del frame rate: Vuoi dire che Digital Foundry fa test farlocchi, o che non ti accorgi se stai giocando sotto i 20fps? DF non mi sta molto simpatico, eh, soprattutto per i giudizi (mi riferisco al contorno del video e lo scritto) tendenzialmente pro PS4 (poi diverranno Pro PS4 Pro ). Però, quello che dicono i video tendo a considerarlo vero (dopo, si possono anche mostrare "zone" che dicono una cosa, come nasconderne alcune che ne direbbero un'altra); Non credo durerebbero molto se falsassero i risultati "obiettivi". Ora, ognuno ha la propria sensibilità in termini di frame rate, ma passare da cali rari e quasi impercettibili al festival dello stuttering, con cali sotto i 20... Senza offesa, eh, ma se in un video "tecnico" vedo cose diverse da quelle "sentite" da un recensore (diverse perché minimizzano un problema - che magari verrà risolto - determinante, altro che qualche caletto...) , mi viene da pensare che il recensore in questione abbia una bassa sensibilità a riguardo, e che prima di partorire un giudizio, dovrebbe farlo provare anche ad uno con una sensibilità superiore. Per alcuni, un frame rate così ballerino e con picchi sotto i 20fps: Rovina decisamente l'esperienza di gioco. Chiaramente, questo credendo che il suddetto sia in buona fede (che non minimizzi volutamene, insomma).
  • mapaan
    mapaan
    Redattore
    Mi piace 4 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da RoadToValhalla

    remaster di giochi della passata generazione con un framerate simile sono un`insulto all`intelletto umano, venduti per di più a 40 euro, se per te una por.cata simile può prendere 7,5 ( perchè qui parliamo della REMASTER non degli originali )sei liberissimo di farlo, per correttezza toglierei "lievi cali di framerate" e metterei "pesanti cali di framerate", così facendo magari qualcuno un`attimo più attento a un`aspetto FONDAMENTALE come la fluidità si fà un`idea più chiara invece di comprarlo sulla fiducia ( nei riguardi della recensione ) per poi trovarsi roba PEGGIO dell originale in tal senso
    I parametri di valutazione per una rimasterizzazione (anche se in questo specifico caso è più una cosa a metà strada tra una remaster appunto e un remake) sono molto complessi, e la questione del voto è parecchio spinosa; tanto che, come puoi controllare da te, capita molto spesso che una stessa edizione venga valutata in modo diverso da diversi redattori e siti specializzati. La valutazione numerica che puoi osservare è dettata da molteplici fattori che toccano un lavoro tecnico che ho giudicato comunque in modo positivo (per me rientra pienamente nei parametri di sufficienza e anche più) perché ho deciso di premiare lo sforzo nel passaggio tra un motore grafico e un altro, cosa non di poco conto e sulla resa generale. Ho giocato edizioni remaster ben peggiori in cui lo sforzo di cambiare o migliorare qualcosa è totalmente assente. Come accaduto spesso su SpazioGames, con me e con altri colleghi, la valutazione numerica non è dettata esclusivamente dalla "tirata a lucido" ma anche dalla qualità titolo vero e proprio (in questo caso due) e dal numero di contenuti. Si può non condividere ovviamente, e ci mancherebbe altro: non per nulla esiste il discutere civilmente e lo scambio di opinioni. In relazione all'ultima frase, posso dirti che chi è davvero interessato all'acquisto mi auguro legga tutta la recensione - in cui viene espressamente detto che il vero passo falso della collection è rappresentato proprio dal frame rate - e non solo il riassuntino e possa comprendere i problemi riscontrati durante la mia analisi. La recensione è stata scritta in seguito alla conclusione di Arkham Asylum e dopo circa il 60% di Arkham City, se in questo arco di gioco avessi avuto problemi tecnici proibitivi l’avrei scritto, invece tutto è stato risolto in modo rapido, senza mai costringermi a pensare fosse ingiocabile. Giudico ciò che gioco, non quello che dice Digital Foundry. Dietro un giudizio numerico c’è molto più di quanto si possa pensare e nulla è casuale: spero di essere stato più o meno chiaro, se hai altri dubbi sulla valutazione puoi contattarmi in privato sul forum e tramite mail, sarò felice di risponderti. Se hai dubbi sul gioco puoi chiedere qui.
  • mak80
    mak80
    Livello: 3
    Post: 226
    Mi piace 3 Non mi piace 0
    Buona recensione. Comunque per la cronaca tra i più che buoni titoli di batman citerei anche il picchiaduro a scorrimento su snes, titolo a mio parere ancora oggi eccezionale.
  • RoadToValhalla
    RoadToValhalla
    Livello: 8
    Post: 11163
    Mi piace 3 Non mi piace -3
    Originariamente scritto da mapaan

    Il 7.5 chiaramente non è un voto al frame-rate ma prende in analisi un numero più ampio di elementi.
    remaster di giochi della passata generazione con un framerate simile sono un`insulto all`intelletto umano, venduti per di più a 40 euro, se per te una por.cata simile può prendere 7,5 ( perchè qui parliamo della REMASTER non degli originali )sei liberissimo di farlo, per correttezza toglierei "lievi cali di framerate" e metterei "pesanti cali di framerate", così facendo magari qualcuno un`attimo più attento a un`aspetto FONDAMENTALE come la fluidità si fà un`idea più chiara invece di comprarlo sulla fiducia ( nei riguardi della recensione ) per poi trovarsi roba PEGGIO dell originale in tal senso
  • PadreArno
    PadreArno
    Livello: 1
    Post: 0
    Mi piace 1 Non mi piace -2
    Da prendere a 15€ perché li ho giocati entrambi su ps3
  • Vincent
    Vincent
    Livello: 3
    Post: 761
    Mi piace 0 Non mi piace -4
    Va bene tutto, ma paletta cromatica non si puo sentire.
  • mapaan
    mapaan
    Redattore
    Mi piace 4 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da RoadToValhalla

    il che la dice lunga sul 7.5 dato a questo titolo
    Il 7.5 chiaramente non è un voto al frame-rate ma prende in analisi un numero più ampio di elementi.
  • RoadToValhalla
    RoadToValhalla
    Livello: 8
    Post: 11163
    Mi piace 2 Non mi piace -3
    Originariamente scritto da MadeinChina

    ''Qualche lieve calo di frame-rate in Batman: Arkham Asylum '', dopo il video di digital foundry, qui non si parla di un frame rate rock solid 30 fps,ogni tanto scende di 4 o 5 fps. Qui stiamo di un gioco che ha un frame rate ridicolo, da 50 fps al secondo scende a 19 fps in un attimo.
    il che la dice lunga sul 7.5 dato a questo titolo
  • MadeinChina
    MadeinChina
    Livello: 4
    Post: 883
    Mi piace 2 Non mi piace -3
    ''Qualche lieve calo di frame-rate in Batman: Arkham Asylum '', dopo il video di digital foundry, qui non si parla di un frame rate rock solid 30 fps,ogni tanto scende di 4 o 5 fps. Qui stiamo di un gioco che ha un frame rate ridicolo, da 50 fps al secondo scende a 19 fps in un attimo.
  • fabdragonball
    fabdragonball
    Livello: 4
    Post: 1203
    Mi piace 1 Non mi piace -2
    IO mi comprerò la collection per pc visto che all'interno c'è anche il primo episodio che l'avevo già giocato tempo adietro
  • mapaan
    mapaan
    Redattore
    Mi piace 4 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Ricola

    La recensione recita "Fino al 2009, tranne qualche rara eccezione, i titoli su licenza si sono rivelati dei prodotti incapaci di proporre qualcosa di realmente valido"
    Esatto, ho inserito "rara eccezione" proprio per indicare che qualcosa in grado di elevarsi dalla mediocre massa c'è stato ma l'eccezioni servono più che altro per confermare la regola. Non potevo chiaramente dilungarmi su altri giochi sul licenza, ma come hai detto tu in precedenza qualcosa da salvare c'è stato,, come Spiderman su PS1 che era un ottimo titolo o i vecchissimi Terminator che erano dei discreti titoli.
  • spartan91
    spartan91
    Livello: 7
    Post: 1332
    Mi piace 3 Non mi piace -2
    bellissimi titoli, non vedo l'ora di poter acquistare questa remaster!
  • Ricola
    Ricola
    Livello: 4
    Post: 1404
    Mi piace 2 Non mi piace -2
    Originariamente scritto da Ando

    Perdonami ma che brazzo cenrtra questo discorso?
    La recensione recita "Fino al 2009, tranne qualche rara eccezione, i titoli su licenza si sono rivelati dei prodotti incapaci di proporre qualcosa di realmente valido"
caricamento in corso...

 
 
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.