Anteprima di Battlefield 1

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     PC, PS4, Xbox One
  • Genere:

     Sparatutto
  • Sviluppatore:

     DICE
  • Distributore:

     EA
  • Lingua:

     Italiano
  • Data uscita:

     21 ottobre 2016
ASPETTATIVE
- Graficamente eccellente
- Deserto del Sinai è enorme
- Classi ben diversificate
A cura di (Dr Whi7es) del
Battlefield 1 è, senza ombra di dubbio, uno dei titoli più attesi del prossimo autunno. La decisione da parte dei ragazzi di DICE di ambientare il gioco durante la Prima Guerra Mondiale, periodo storico mai del tutto approfondito nel mondo dei videogiochi, ha subito catturato l’attenzione dei giocatori, stanchi degli ultimi fps a tema futuristico usciti sul mercato e desiderosi di tornare a una guerra diversa, in cui il focus è ancora sui combattimenti tra soldati.
La presentazione del titolo allo scorso E3 e la closed alpha successiva hanno alzato ulteriormente l’asticella dell’hype, buttando i giocatori nella mischia a St. Quentin Scar, mappa ambientata nelle campagne francesi e caratterizzata da colori freddi, con il grigio e il verde a farla da padroni. In occasione della Gamescom 2016 abbiamo avuto modo di mettere le mani sulla Open Beta del titolo, in uscita tra pochi giorni, che cambia radicalmente il setting, passando dai freddi scenari della Francia al deserto del Sinai, sede di violenti scontri tra l’Impero Ottomano e l’esercito del Regno Unito.



Battaglie nella sabbia
Deserto del Sinai è una delle mappe più grandi mai viste all’interno della serie, tanto vasta da chiedersi se gli sviluppatori non potessero osare e offrire partite, almeno su conquista, da 128 giocatori. Come già visto in passato su Battlefield 4, i sette punti di controllo della modalità conquista non sono distribuiti in maniera uniforme sulla mappa, con sei zone abbastanza vicine tra loro disseminate lungo un canyon e alcune cittadine ormai disabitate; mentre l’ultimo punto, al contrario, è situato in pieno deserto, rendendo sconsigliabile un avvicinamento a piedi, salvo non voler camminare per diversi minuti. 
Proprio per questo i ragazzi di DICE hanno riempito la mappa di mezzi di locomozione, da semplici jeep ad autoblindati fino ad arrivare ai potenti carri armati, particolarmente efficaci per prendere il controllo dei punti di conquista cittadini, vista la capacità di danneggiare tutti gli edifici presenti. La fanteria può invece avvicinarsi di soppiatto per piazzare delle cariche esplosive, sfruttando il limitato campo visivo e le scarse capacità di movimento di questi bestioni. 
Il mezzo simbolo di questa mappa desertica, capace di catturare l’attenzione di tutti fin dal primo trailer del gioco, è però il cavallo, ottimo sia per coprire grandi distanze, vista la sua velocità elevata, sia per attaccare direttamente i nemici. Una volta in groppa, la telecamera si sposta in terza persona, con due diverse armi a nostra disposizione: la prima, una potente carabina a cinque colpi, è utile per sorprendere i nemici da media distanza; la seconda è la classica sciabola, arma che potremo utilizzare per lanciarci alla carica delle linee nemiche gettandole nel panico. Eliminare un nemico a cavallo non è infatti semplicissimo e richiede elevata precisione e sangue freddo: l’animale è infatti abbastanza resistente e, anche colpendolo numerose volte potrebbe comunque travolgerci ed ucciderci. Discorso ovviamente diverso nel caso ci trovassimo alla guida di un mezzo corazzato, visto che spesso basterà un semplice colpo per mandare ko cavallo e fantino. 
A chiudere la panoramica dei vari mezzi a disposizione degli utenti troviamo gli aerei. Ci sono i caccia, utili per ottenere il dominio dei cieli e utilizzabili anche per conquistare il punto di controllo nel deserto, e i bombardieri, efficaci contro i mezzi corazzati nemici e in grado di distruggere le difese nemiche in pochi secondi (e soprattutto il treno corazzato): così come a St. Quentin la squadra in svantaggio poteva prendere il controllo del potente Zeppelin per ribaltare le sorti della partita, in Deserto del Sinai potremo controllare questo potente treno che attraversa tutta la mappa, scatenando la potenza di fuoco dei cannoni sulla squadra nemica. A differenza di quanto visto per la mappa ambientata in Francia però, il possesso del treno non assicura un facile ribaltamento delle sorti della partita, visto che solo un punto di conquista è direttamente esposto sulle rotaie senza grandi ripari e lo stesso treno non è particolarmente resistente: basta infatti trovare una squadra ben organizzata, magari in grado di sfruttare gli aerei presenti nella mappa, per vederlo soccombere sotto i colpi dei nostri cacciabombardieri.
Deserto del Sinai è stata l’occasione per provare pad alla mano le nuove, potentissime, classi elite utilizzabili equipaggiando degli oggetti che compaiono casualmente all’interno della mappa, in modo simile a quanto visto su Star Wars: Battlefront con gli eroi. Tre sono le classi a disposizioni dei giocatori: la prima, quella del Fiammiere, è equipaggiata con un potente lanciafiamme in grado di colpire i soldati avversari anche a buone distanze, seminando il panico e costringendoci a prenderlo alle spalle per uscirne vittoriosi. La seconda è invece la Sentinella, capace di sfruttare tutta la potenza del suo mitragliatore indossando allo stesso tempo una pesante corazza in grado di assorbire una grossa quantità di danni prima di soccombere. Terza e ultima classe, quella meno utilizzata durante le nostre partite ma con un potenziale interessante, è quella del Cacciatore di Carri che, attraverso la sua arma, è in grado di danneggiare e far esplodere i mezzi nemici a grande distanza. 


Graficamente è sempre uno spettacolo
Questa open beta è stata poi l’occasione giusta per prendere confidenza con le nuove classi del titolo, con l’assalto dotato di esplosivi e specializzato negli attacchi a distanza ravvicinata tramite l’utilizzo di fucili a pompa e mitragliette; il medico, in grado ovviamente di curare e riportare in vita i compagni di squadra e capace di sfruttare potenti fucili semi automatici per mantenersi a distanza dalla prima linea nemica; il supporto, la classe con cui ci siamo trovati meno a nostro agio durante le varie partite, equipaggiato con possenti mitragliatori che forniscono copertura e supporto ai membri della squadra; e infine, il classico scout, specializzato nei combattimenti a lunga distanza grazie ai vari fucili di precisione tra cui scegliere.
Graficamente la serie Battlefield è sempre stata al top della sua categoria e anche questo nuovo capitolo non fa eccezione. La nostra prova si è svolta su un PC con settaggi ultra e una risoluzione superiore al full hd, un modo per apprezzare il grande lavoro dei ragazzi di DICE, con una menzione speciale per le esplosioni, mai così realistiche e spettacolari. 
Degni di nota anche gli effetti meteorologici, in grado di rendere unica ogni partita, modificando pesantemente il campo di battaglia.
Se a St. Quentin un forte temporale poteva colpire il fronte di battaglia, in Deserto del Sinai dovremo preoccuparci delle tempeste di sabbia, che possono ridurre al minimo la visibilità rendendo la vita impossibile ai piloti d’aereo e ai cecchini, non più in grado di scorgere i nemici da lunghe distanze. In queste situazioni il ritmo di gioco diventa quindi più lento, con i giocatori più abili che potranno sorprendere i nemici alle spalle, eliminandoli con la propria baionetta per non allertare i compagni.
Recensione Videogioco BATTLEFIELD 1 scritta da DR WHI7ES La nostra prova con Battlefield 1 è servita per confermare tutte le buone sensazioni avute dopo il primo contatto con il gioco all'E3 2016. I ragazzi di DICE sembrano aver imparato dagli errori dei precedenti capitoli della serie, costruendo un comparto multiplayer che farà la felicità sia degli appassionati della saga, sia dei novizi. Con una campagna single player dignitosa, Battlefield 1 potrebbe candidarsi al ruolo di migliore FPS degli ultimi anni.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Commenti: 22 - Visualizza sul forum
  • iosonopazzo
    iosonopazzo
    Livello: 1
    Post: 6
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Ho idea che in multiplayer sarà fantastico, in single player campagna accattivante ma corta .Amen
  • EnDeMiC.ReBoRn
    EnDeMiC.ReBoRn
    Livello: 0
    Post: 10
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da McFrunze

    Temo molto la personalizzazione delle classi. Comprendo da solo che tutte le evoluzioni delle armi sono venute successivamente ma giocare senza ottiche, senza caricatori, senza impugnature, senza nulla in pratica che "personalizzi" il proprio equipaggiamento mi lascia assai perplesso. Per inciso l'ho prenotato, non mi faccio mancare un BF da tempo immemore.. ho solo paura di trovarmi un titolo che non risponda appieno al mio desiderio di rimpiazzare BF4 e BF Hardline.
    grazie a dio, ad ogni arma fucsia mi sanguinano gli occhi.
  • Skannamukke
    Skannamukke
    Livello: 3
    Post: 15
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    La Verità é che nessuno si accontenta mai ma che volete da un fps!!? Ragazzi qui c è di tutto di più! Anche i cavalli! E la gente sempre a dire solita roba ecc ecc. Questo è e sarà un grande gioco! E tra l altro cn una stupenda grafica e effetti luce stupendi! Fatelo voi un bel gioco voglio vede cosa viene fuori
  • Legoland99
    Legoland99
    Livello: 0
    Post: 0
    Mi piace 0 Non mi piace -3
    io l'ho disinstallato, sempre le solite cose... sempre la solita solfa, noia. Ormai sta roba non fa più per me.
  • pierfranz
    pierfranz
    Livello: 0
    Post: 0
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Giochi come questi bisogna goderseli, senza farsi troppe domande su periodi storici incogruenze ecc..
  • McFrunze
    McFrunze
    Livello: 0
    Post: 3
    Mi piace 0 Non mi piace -3
    Temo molto la personalizzazione delle classi. Comprendo da solo che tutte le evoluzioni delle armi sono venute successivamente ma giocare senza ottiche, senza caricatori, senza impugnature, senza nulla in pratica che "personalizzi" il proprio equipaggiamento mi lascia assai perplesso. Per inciso l'ho prenotato, non mi faccio mancare un BF da tempo immemore.. ho solo paura di trovarmi un titolo che non risponda appieno al mio desiderio di rimpiazzare BF4 e BF Hardline.
  • Phobosz
    Phobosz
    Livello: 3
    Post: 33
    Mi piace 3 Non mi piace -1
    Non vedo l'ora!
  • Leopallo
    Leopallo
    Livello: 4
    Post: 2494
    Mi piace 0 Non mi piace -2
    Originariamente scritto da SimpalleoMan

    Beh ma erano abbastanza rare, essendo una tecnologia nuova costava un accidente e gli eserciti potevano permettersene pochissime. Se parliamo di realismo storico in generale BF1 è assolutamente bocciato, ma non è un difetto, è l'unica soluzione per poter darci un titolo adrenalinico e che rispetti la giocabilità dei precedenti capitoli nonostante il contesto storico.
    Se dobbiamo parlare di problemi di realismo storico più che di questo mi concentrerei che non ci sono trincee sul fronte occidentale.
  • fabdragonball
    fabdragonball
    Livello: 5
    Post: 1203
    Mi piace 4 Non mi piace -1
    mi garba sempre di più
  • MIELE
    MIELE
    Livello: 3
    Post: 1078
    Mi piace 3 Non mi piace -2
    Sembra tt sempre bello poi ci guochi ed è caos allo stato puro, tutti da per tutto, spero abbiano sistemato i respawn dai mezzi bf4 l ho abbandonato perché non si faceva in tempo a rinascere che si moriva....
  • Thompson
    Thompson
    Livello: 5
    Post: 3890
    Mi piace 6 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da T3mpesta

    non è mai stata intenzione degli sviluppatori di creare un "documentario" sulla grande guerra
    Anche perchè se volete un gioco sulla Prima guerra mondiale realistico vi comprate Verdun che esce dopodomani.
  • SimpalleoMan
    SimpalleoMan
    Livello: 6
    Post: 1113
    Mi piace 0 Non mi piace -2
    Originariamente scritto da T3mpesta

    non è mai stata intenzione degli sviluppatori di creare un "documentario" sulla grande guerra
    Appunto, è quello che dico XD ma molte persone si sono lamentate per il fatto che BF1 non fosse storicamente corretto.
  • T3mpesta
    T3mpesta
    Livello: 3
    Post: 330
    Mi piace 6 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da SimpalleoMan

    Beh ma erano abbastanza rare, essendo una tecnologia nuova costava un accidente e gli eserciti potevano permettersene pochissime. Se parliamo di realismo storico in generale BF1 è assolutamente bocciato, ma non è un difetto, è l'unica soluzione per poter darci un titolo adrenalinico e che rispetti la giocabilità dei precedenti capitoli nonostante il contesto storico.
    non è mai stata intenzione degli sviluppatori di creare un "documentario" sulla grande guerra
  • aldodrink
    aldodrink
    Livello: 6
    Post: 519
    Mi piace 16 Non mi piace -2
    Adesso volete il realismo storico ? Quando i più di voi non sa neppure quando sono cominciate e finite le 2 guerre !!! ma fatemi il piacere !!
  • Nicko94
    Nicko94
    Livello: 6
    Post: 371
    Mi piace 1 Non mi piace -9
    Originariamente scritto da Dr Whi7es

    È come Battlefield 4 in cui trovavi delle armi sulla mappa
    Bello schifo, e imperterriti lo propongono anche qua. Ormai ha perso tanto dai vecchi Bf.
caricamento in corso...
RECENSIONI E SPECIALI CORRELATI
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.