Speciale Death Stranding e l'episodicità del videogioco

Loading the player ...
A cura di (Tahva) del
Quando è stato svelato all'E3, decisamente a sorpresa, abbiamo capito da subito una cosa: Death Stranding è un progetto in fase embrionale. Il teaser presentato e le successive dichiarazioni di Hideo Kojima ci introducevano all'atmosfera, probabilmente alle tematiche del gioco, ma nient'altro. Di lì in poi, ci è stato detto che l'engine deve essere ancora scelto, che il titolo parlerà di corde e bastoni (liberissimi di interpretare queste parole a cui ha fatto riferimento l'autore) e che, chi lo sa, magari potrebbe anche trattarsi di un gioco a episodi. Una dichiarazione che ha diviso il pubblico, non entusiasta di fronte all'idea di un'avventura e una sceneggiatura da vivere a morsi, con tutti i rischi di ritmo e coinvolgimento che ne conseguono. Eppure, Kojima ne è certo: il futuro è dei prodotti che punteranno sulla brevità, sulla fruizione a piccole dosi, sulla possibilità di correggere il tiro in corsa in base al feedback dei consumatori.


Le dichiarazioni di Kojima
Per fare il punto su Death Stranding e riflettere sulla questione, non possiamo non tradurvi le dichiarazioni integrali di Hideo Kojima: in merito ad un possibile modello a episodi per la prima opera della Kojima Productions indipendente, il game designer ha risposto "non saprei, non ne sono sicuro. In futuro, credo si tratti di un cambiamento che avrà sicuramente luogo, e al quale sono interessato. Non credo che i film, in futuro, dureranno due ore, sopratutto visto che le persone stanno già chiedendo esperienze più rapide. Avere tempi di sviluppo più brevi, far uscire il prodotto, integrare i feedback degli utenti rapidamente e avere una certa libertà nella creazione, credo che saranno cose che si applicheranno anche ai film e alla TV. Ora come ora, abbiamo film da due ore e episodi di serie TV da circa 40 minuti, ma in Giappone ci sono degli show della mattina che durano 15 minuti. Credo che questa sia la direzione verso cui ci stiamo muovendo, episodi da 5, o da 15 minuti. Per i giochi, credo che averne di corposi e lunghi diventerà una cosa del passato."
Le parole, insomma, sono chiarissime: secondo Kojima, il futuro starà tutto nella fruizione rapida dei mass media dall'identità narrativa, che proveranno—siano essi interattivi o no—ad arrivare al pubblico in tempi sempre più brevi. Effettivamente, il modello gode di grande salute nello stato attuale dell'industria, dove Telltale Games su tutte si concentra proprio sulla creazione di prodotti di questo tipo. I suoi The Walking Dead, The Wolf Among Us, Game of Thrones, Tales from the Borderlands (solo per citare alcuni tra i più recenti) si sono presentati sul mercato con un modello sempre coerente, composto da un primo episodio pilota e dalla possibilità, in seguito, di acquistare l'esperienza completa con un Season Pass, o di procedere di capitolo in capitolo, senza un esborso immediato per l'opera completa. Se quello che hai provato ti convince, insomma, sei tu a decidere quanto e quando spendere per proseguire.
Il modello, sopratutto per il genere dell'avventura grafica, ha conquistato anche i talentuosi ragazzi di Dontnod Entertainment, che hanno seguito lo stesso esatto schema per il pluripremiato Life is Strange. Da notare che, in questo caso, la produzione era in mano ad una compagnia che finanzia generalmente titoli AAA, come Square Enix, che ha voluto a sua volta investire sull'episodicità, vendendo poi premiata dalla sua scelta. La casa nipponica ha quindi alzato il tiro, provando ad estendere la serializzazione in brevi capitoli anche ad un'opera di un genere completamente diverso: ecco arrivare Hitman a episodi.


Questione di soldi, di tempo, di medium
A proposito dell'avventura episodica dell'Agente 47, le reazioni sono state molto scettiche, con IO Interactive che ha perfino ammesso di aver avuto esattamente la risposta che si aspettava, e di essere al lavoro con il massimo impegno per sconfiggere gli scetticismi dei fan del sicario più famoso dei videogiochi. Ecco quindi Hitman che debutta con un primo episodio parigino, seguito nei mesi successivi da uno in Italia e uno in Marocco, con il supporto che, portato a casa il Season Pass durerà per circa un anno. Le polemiche non sono mancate e, tutt'oggi, nonostante il responso positivo della critica nelle sue recensioni, si contano a decine i giocatori che si dicono intenzionati ad aspettare le release su disco, il prossimo gennaio, che conterrà tutti gli episodi—al costo di perdere i contenuti live. I motivi? L'idea di vivere l'avventura a episodi non è stata gradita e diversi sostengono, non comprando il gioco fino a quando non sarà completo, di riuscire a far arrivare questo chiaro messaggio di disapprovazione a Square Enix.
Se, quindi, da un lato abbiamo un modello episodico che si sta imponendo anche per i grandi nomi e che secondo Kojima incarnerà il futuro del medium, dall'altro abbiamo un pubblico che, quando si è trattato di dire addio all'avventura grafica in stile Telltale, finendo con il serializzare una saga nella quale la sceneggiatura non è mai stata esattamente la parte più brillante, ha storto il naso manifestando il suo dissenso. Visto che il pubblico non si sente ancora pronto ad un videogioco a piccoli morsi, perché Kojima prevede un futuro così roseo per questo approccio? Le motivazioni sono diverse.
Prima di tutto, il modello a episodi ha il grande vantaggio di consentire agli sviluppatori di spalmare i costi di sviluppo nel corso del tempo, affiancando ad esso una cosa da non sottovalutare: il feedback in medias res da parte della community. I responsi del pubblico consentono di aggiustare il tiro in corsa, laddove necessario, evitando magari di far arenare un progetto che non avrebbe avuto possibilità di appello se fosse uscito sul mercato in un'unica soluzione. Per capirci, nel caso di Hitman, se il tipo di approccio proposto nella mappa di Parigi avesse scatenato le ire di critica e pubblico, è lecito immaginarsi che la mappa di Sapienza avrebbe puntato su cose diametralmente differenti. Il rilascio a episodi è quindi anche una sorta di paracadute per chi finanzia i videogiochi, che spesso può incassare dagli utenti l'esborso completo (nel caso dei Season Pass) per un'opera che è invece ancora in realizzazione. Anche una piccola software house, in questo modo, potrebbe cominciare a finanziare gli episodi successivi, investendo nelle prime fasi solo per la realizzazione del primo.


La questione, però, va molto oltre alle mere questioni di sviluppo e spesa che i publisher devono affrontare: come accennava Kojima, infatti, ci rendiamo tutti conto che i ritmi serrati di una vita impegnata impongono intervalli sempre più ristretti da dedicare ad alcune attività. Non stupisce, quindi, che in Giappone alcuni show abbiano una durata di 15 minuti: significa che, in un solo quarto d'ora, si può arrivare dall'inizio alla fine, e tenere quindi lo spettatore davanti allo schermo per il 100% della durata. Quanti prodotti da due ore possono dire lo stesso? Nel ragionamento di Kojima è entrato anche il cinema, che secondo il game designer, cinefilo da sempre, seguirà la stessa strada degli show televisivi e dei videogiochi, andando a stringere sempre più i suoi tempi. Tralasciando le disquisizioni sulla settima arte che si potrebbero fare, un elemento appare chiarissimo: i media continuano a convergere uno verso l'altro, irrimediabilmente. E se, un tempo, il videogioco si rifaceva principalmente alle suggestioni del cinema, oggi non ci sono dubbi che il modello di riferimento sia sempre più rappresentato dalle serie TV. Che, a loro volta, hanno attinto a piene mani dal grande schermo.


Rimediarsi dall'uno all'altro
Chiunque abbia studiato nell'ambito della serialità televisiva, è consapevole che essa è segnata da un prima e da un dopo Lost: la produzione ABC, nel 2004, ha segnato una nuova direzione nel modo di intendere la narrativa seriale per la TV, sempre meno verticale e, sopratutto, sempre più raffinata nelle tecniche realizzative. Difficilmente, assistendo alla scena d'apertura dell'episodio pilota di Lost, si può non pensare al grande cinema. Con il passare degli anni, quindi, anche la serie TV ha attinto sempre più dal grande schermo, fino a raggiungere l'odierno e riconosciuto status di medium non solo estremamente popolare, ma anche universalmente rispettato da una critica che prima lo vedeva con un certo scetticismo. Avvicinandosi sempre più alla raffinatezza tecnica del cinema, la serie TV è diventata il pane quotidiano del telecinefilo ("Le serie sono serie", prof.ssa Daniela Cardini). Ecco che, quindi, che quella rimediazione di cui parlavano Bolter e Grusin arriva fino a videogiochi: la serie TV fa riferimento al cinema per il suo nuovo corso. I videogiochi, evolvendosi, smettono di guardare esclusivamente al cinema per strizzare l'occhio alla serialità televisiva. Gli esempi sono molteplici, anche senza allontanarsi troppo dalla miccia di questo articolo: mentre lavorava a Metal Gear Solid V, Hideo Kojima affermò di essersi ispirato alle serie TV, e in particolar modo da Breaking Bad, di AMC. I riferimenti ai pattern della serialità sono palesi, e non solo nel fatto che il gioco sia stato venduto in due tronconi a distanza di oltre un anno (Ground Zeroes e The Phantom Pain): a differenza dei precedenti Metal Gear Solid, ad eccezione di Peace Walker, MGSV è infatti suddiviso in diverse missioni. Queste ultime, però, non sono presentate come tali, ma come episodi, con tanto di titoli di testa, membri del cast e titoli di coda. Oltretutto, la componente narrativa del gioco è stata suddivisa in capitoli che corrispondono alle season, con un nucleo tematico centrale orizzontale che lega le differenti missioni. A prescindere dalle polemiche su quel "paio di cosette" che mancano alla scrittura del gioco, il tentativo di Kojima di avvicinarsi alla serialità televisiva suonava quasi curioso, per un game designer che in precedenza non aveva avuto certo paura ad attingere a piene mani dal cinema. C'è da dire, ma qui si entra nei discorsi personali, che a chi scrive la narrativa episodica (seppur venduta in due sole soluzioni, e non episodio per episodio à la Telltale, sottolineiamo) è suonata meno efficace e meno d'impatto rispetto a quella dei precedenti Metal Gear Solid, ma sono questioni che abbiamo già affrontato a più riprese sulle nostre pagine, e sulle quali non ci dilunghiamo anche in questa sede.
Nel frattempo, Quantum Break arriva sul mercato strizzando più che mai l'occhio alla serialità televisiva al punto di renderla parte di sé, segnando un nuovo avvicinamento tra i due media. Che, è vero, ancora si studiano, cercando di capire quali siano i rispettivi margini di contaminazione, quale la direzione da prendere in futuro.
Indubbiamente, come abbiamo visto, i termini per una sempre maggior popolarità del modello di videogiochi a episodi ci sono, sia per il loro avvicinarsi alle serie TV, sia per i motivi di sviluppo ed economici a cui abbiamo fatto cenno. D'altro canto, bisogna anche vedere in che modo il modello potrà risultare efficace per prodotti che puntano fortemente sulla narrativa—come ad esempio quelli di Kojima—pur non rientrando nel genere delle avventure grafiche. Sarà necessario dare tempo al tempo per scoprire dove si troverà (se si troverà) il giusto punto di incontro tra le due realtà, e—forse ancora più importante—quanto la comunità dei videogiocatori sia effettivamente interessata a supportare release più frammentate e dilazionate nel tempo, sia nelle uscite che negli esborsi.
Recensione Videogioco DEATH STRANDING E L'EPISODICITÀ DEL VIDEOGIOCO scritta da TAHVA Death Stranding sarà un gioco a episodi? Forse no, potrebbe essere episodico tanto quanto potrebbe essere in realtà virtuale, visto che in precedenza Hideo Kojima si era detto ugualmente interessato anche ad esplorare le possibilità dell'interazione in VR all'interno del mondo videoludico. Le dichiarazioni del leader di Kojima Productions sono comunque interessanti per la prospettiva di cui parlano, che vede il nostro medium preferito destinato a sposare sempre più i modelli della serie TV, non solo nello stile narrativo (come in Metal Gear Solid V), ma anche nell'arrivo distanziato dei contenuti per un medesimo prodotto (come nei giochi Telltale).
Vedremo, in futuro, in che modo questa commistione continuerà ad evolvere e se, effettivamente, altre grandi firme oltre a Kojima manifesteranno il loro interesse a riguardo.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Commenti: 53 - Visualizza sul forum
  • frozenliger
    frozenliger
    Livello: 4
    Post: 1437
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    e' la policy della libreria: diversi sequel fascicolati come fossero un gioco unico,strutturati in episodi che si possono giocare nell'ordine preferito.
  • femShep
    femShep
    Livello: 1
    Post: 7
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Penso che kojima abbia un po' frainteso il senso delle serie tv, soprattutto quelle moderne. Nessuno fa una storia ad episodi perchè è più breve, è l'esatto opposto, si sezionano storie che non possono essere raccontate in sole due ore, perchè di fatto sono molto più lunghe. Per questo molti autori oggi sono più interessati alla televisione, il formato film li limiterebbe (c'è anche da dire che con un videogioco compri ogni singolo episodio, mentre con le serie tv paghi il servizio che te le offre). Questo formato può davvero funzionare solo con i prodotti alla telltale, dove oltre alla storia non c'è praticamente niente, e dover attendere per vedere come proseguirà è più un bonus che un malus. Però per tutti gli altri giochi non ha senso, visto che non c'è alcun limite di tempo per narrare una storia, quindi perchè spezzettarla?
  • BIGNI
    BIGNI
    Livello: 8
    Post: 3008
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Per me è no... ho amato life is strange.. walking dead..borderland seties.. tutti..ma li ho sempre comprati su disco completi.. nn mi va di finire un episodio e aspettare mesi per bvedere come va..volete farlo? Fate come le serie tv..un episodio a sattimana che in 3 mesi termina.. allora si...
  • usagisan
    usagisan
    Livello: 4
    Post: 322
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da sariddu

    All' inizio pensavo anch' io fosse nostalgia, ma se li analizzi meglio credo sia la semplicità di fruizione, la solidità del gameplay (magari fai poche cose, ma bene ed in maniera divertente ed appagante), ed anche il modo di narrare le storie, totalmente differente dal mondo cinematografico. Inseguire il realismo a tutti i costi ha snaturato un medium che aveva una sua forte identità che adesso si sta dissolvendo. A Super Mario non serviva una forte componente narrativa, era dannatamente divertente da giocare, con un art direction spettacolare ed un level design impareggiabile. Poi arrivò la PSX, da lí comincio a diventare più sottile il limite tra videogioco e film, ma i giochi continuavano a mantenere una loro identità. Basti pensare a MGS, quattro poligoni, gameplay semplice ed intuitivo ed una storia da raccontare, pretenziosa per l' epoca, ma interessante. Un esperimento che ha dato nuova linfa al mondo dei videogiochi, ma che ha dato il via anche a ciò a cui assistiamo oggi. Fino a quel momento tutto sembrava andare benone, anche la PS2 mi ha regalato molte soddisfazioni. Poi arrivo la PS3 e la 360, e le case produttrici, grazie alla potenza a disposizione, si sono sbilanciate disintegrando e ricomponendo il concetto di videogioco, che adesso sembra avere obiettivi molto distanti da allora. Dalla PS3 in poi, nonostante i numeri aumentino, per me è cominciato un declino, evidente a chi ha buon occhio. Le produzioni sono milionarie, nessuno prende rischi per questa ragione ed escono ciofeche tutte identiche che seguono le orme di altri brand. Il cinema doveva restare fuori dal gaming, le ragioni sono economiche, le sh non infatti possono investire quanto i produttori cinematogragici oltre al fatto che la gran parte ha mostrato Carenze creative in tal senso. Introdurre pure l' episodicità mi sembra un ulteriore passo verso il baratro, e non voglio credere che questa mia negatività possa dipendere dalla perdita della mia passione. Secondo me dovrebbero essere loro a volgere lo sguardo verso il passato per rinascere nuovamente, ma ho davvero paura che questo non accada perchè i loro introiti sono cresciuti e continuano a farlo, quindi il dollaro offusca la creatività e si finisce per preferire il denaro. Il mio pensiero non ha molto peso, però credo sia condiviso da tanti utenti di vecchia data che hanno cominciato a videogiocare con il NES e che conoscono bene di cosa parlo.
    E' la stessa cosa successa ai comics super eroistici di buona parte della produzione americana (diciamo Marvel e DC): ha tolto la magia.
  • vartang
    vartang
    Livello: 5
    Post: 132
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Già quando un gioco ha un finale aperto ci penso due volte a prenderlo per capire se ha abbastanza successo da garantirne il seguito. Figuriamoci se prendo il primo episodio di una "serie stagionale". Che se il mercato si evolve in questa direzione va a finire che come succede con le serie tv me la cancellano senza troppi complimenti (e a me piacciono le serie tv, ma anche li, se non ha successo non rischio e aspetto che sia finita).
  • Erida
    Erida
    Livello: 4
    Post: 852
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da newshadow1975

    Non è un gioco è una app! non so quanto durerà e se saranno capaci di rinnovarlo nel tempo per non far annoiare alla lunga ma sicuramente ha aperto un nuovo filone: quella della realtà aumentata nei device mobili.
    É un gioco in video quindi video ludico.
  • bubugod
    bubugod
    Livello: 3
    Post: 65
    Mi piace 7 Non mi piace 0
    oltre ai già citati problemi tutt'altro che improbabili come la cancellazione improvvisa di una serie di videogiochi se non riscuote successo io vedo anche un problema enorme di creatività: le "cose" a episodi non sono una novità: già a fine 1800 si pubblicavano romanzi a eppisodi su quotidiani o settimanali. anche scrittori molto importanti si sono cimentati in questa categoria, ma ai veri artisti è sempre andata stretta. questo perchè l'episodio imbriglia la creatività: bisogna dividere una storia lunga con i suoi ritmi in tanti pacchetti che devono risultare sempre attraenti per il pubblico: quindi ogni episodio di solito ha strutture ben definite, con inizio, fine, colpi di scena che ogni volta bisogna aspettarsi (che quindi si ripetono in gran quantità fino a diventare forzature), durata prestabilita. tutto viene impacchettato con tempi e struttura ripetitive e simili. e tutto a discapito della qualità. penso che in alcuni casi possa anche funzionare, ma si tratta di eccezioni e nicchie di mercato. spero proprio che il futuro non sarà questo. inoltre io trovo estremamente soddisfacente comprare un gioco e sapere che mi ci perderò per 60/80 ore. mi ricordo ai tempi di mass effect o il primo dragon age (oltre 80 ore di gioco): aprivo il dvd e sapevo che per decine di ore mi sarei perso per quegli immensi mondi e stupende storie. come potrebbe esistere un concilio di elrond (per chi ha letto il signore degli anelli) in una struttura ad episodi? infine sono d'accordo anche io che un videogame deve essere game e non solo video. il gameplay è parte importante invece si va sempre di più verso le avventure da guardare più che da giocare.
  • bubugod
    bubugod
    Livello: 3
    Post: 65
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da David-Senpai 95

    Secondo me è una cagàta pazzesca! cit. Mi spiego: è vero che facendo i giochi ad episodi puoi contenere i costi ed ascoltare la community,ma così vai ad ammazzare la creatività caro Kojima! Perché se tu fai un primo episodio con una sua identità e personalità ben distinta,quindi è una TUA creazione,se al pubblico non piace e ti dice che devi cambiare e tu lo fai,dove va a finire la TUA creazione e la tua visione del gioco?Il TUO prodotto non sarà più come ideato ed immaginato da te ma si adatterà per soddisfare il mercato.Uno può non apprezzare un'opera ed è liberissimo di dire che non gli è piaciuto,ma si dovrebbe sempre rispettare il lavoro di una SH,di un regista o di uno scrittore e non fare la voce grossa per costringerlo a cambiarlo a tutti i costi.ESEMPIO: Il finale di Mass Effect 3 non è stato apprezzato da tutti(io sono uno di questi) e si è scatenata tutta una serie di polemiche che hanno portato Bioware a rilasciare un finale esteso che,in certi aspetti, ha cambiato i finali come Bioware li aveva concepiti inizialmente.Per quanto possano non essere apprezzati quei finali,così li aveva concepiti Bioware e così dovevano restare in quanto è una LORO creazione e deve essere rispettata in quanto tale.
    sono d'accordo con te su più o meno tutto, tranne che il finale di mass effect. lì non si trattava di un finale schifoso. ok, diciamola tutta, anche dopo la versione estesa faceva schifo lo stesso, un po' come tutti i giochi bioware, ovvero grandi giochi con finali di solito orribili, probabilmente perchè hanno finito il budge. in quel caso si trattava di un finale incompleto e irrispettoso per chi ha pagato un prodotto che non era terminato. un filmato messo a caso in fretta e furia non è un finale, è un messaggio che dice: abbiamo finito tempo o soldi, attaccatevi.
  • Gab46
    Gab46
    Livello: 2
    Post: 35
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    Daryl...
  • gebher Êl
    gebher Êl
    Livello: 3
    Post: 79
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da T3mpesta

    assolutamente no un gioco a episodi non lo concepisco , vedo solo un tentativo di spennare i polli e basta e se proprio mi dovessi essere interessato aspetterei( ma non troppo altrimenti perderei interesse) una versione con tutti gli episodi e su questo non cè kojima che tenga
    Dipende, ad esempio l'annuncio di un ff7 remake a episodi ha distrutto i sogni di molti (un jgdr a episodi...da brivido), mentre un format alla TWD può essere anche plausibile. Quello che preoccupa è l'estratto dell'intervista a Kojima citata in quest'articolo. Qelle dichiarazioni suonano più come l'opiniome di un produttore piuttosto che di un game designer. Alla fine comumque "no problem", quando il gioco sarà quasi pronto ne capiremo di più, dopotutto al massimo noi non lo compreremo, lui invece ci si gioca la carriera.
  • SimpalleoMan
    SimpalleoMan
    Livello: 6
    Post: 1113
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da gebher Êl

    La deriva Konami è innegabile (vedi "Pachinko"). Adesso che Hideo ha (teoricamente) pieno potere sulle proprie creazioni, vedremo se saprà contenere ed incanalare il proprio ego per costruire qualcosa di valido (lo spero dato che la vena artistica di Kojima è davvero notevole, ma adesso per lui inizia un'ardua sfida, un esame che saprà dirci se la pragmaticità saprá bilanciarsi con la sua visionaria creatività).
    Lo penso anche io, questo sarà il primo progetto in cui avrà il totale controllo, sarà proprio questa l'occasione che ci dirà se Kojima merita il nome che porta, ma di certo la saga di MG (fino a che è stata diretta da lui) mi fa ben sperare
  • T3mpesta
    T3mpesta
    Livello: 3
    Post: 330
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    assolutamente no un gioco a episodi non lo concepisco , vedo solo un tentativo di spennare i polli e basta e se proprio mi dovessi essere interessato aspetterei( ma non troppo altrimenti perderei interesse) una versione con tutti gli episodi e su questo non cè kojima che tenga
  • gebher Êl
    gebher Êl
    Livello: 3
    Post: 79
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da SimpalleoMan

    MGS V è un capolavoro, o almeno lo sarebbe stato, la colpa è stata tutta di Konami che per altri motivi ha influenzato negativamente la produzione (motivo per cui Kojima si è staccato con Konami). Basta giocare la prima metà di mgs V (dove Koj ha fatto quello che voleva) per capire il talento.
    La deriva Konami è innegabile (vedi "Pachinko"). Adesso che Hideo ha (teoricamente) pieno potere sulle proprie creazioni, vedremo se saprà contenere ed incanalare il proprio ego per costruire qualcosa di valido (lo spero dato che la vena artistica di Kojima è davvero notevole, ma adesso per lui inizia un'ardua sfida, un esame che saprà dirci se la pragmaticità saprá bilanciarsi con la sua visionaria creatività).
  • gebher Êl
    gebher Êl
    Livello: 3
    Post: 79
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Hideo "Pachter" Kojima
  • SimpalleoMan
    SimpalleoMan
    Livello: 6
    Post: 1113
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da alessandro42

    Speriamo non per i motivi per cui è rimasto nelle menti ( o nella pancia ) MGSV !
    MGS V è un capolavoro, o almeno lo sarebbe stato, la colpa è stata tutta di Konami che per altri motivi ha influenzato negativamente la produzione (motivo per cui Kojima si è staccato con Konami). Basta giocare la prima metà di mgs V (dove Koj ha fatto quello che voleva) per capire il talento.
caricamento in corso...
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.