Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Grand Kingdom

Grand Kingdom

Grandi regni, piccoli guerrieri

Anteprima

PS4, PSVITA

Gioco di ruolo

19 novembre 2015 Giappone - 17 giugno 2016 Europa

A cura di del
Quante volte noi occidentali abbiamo avuto notizie di titoli promettenti confinati unicamente al Giappone? E' risaputo che i costi di localizzazione non siano esattamente a buon mercato e ciò impedisce la diffusione globale di videogiochi anche qualitativamente ragguardevoli. Si tratta spesso di titoli di nicchia con un mercato fin troppo ristretto per ripagarne l'investimento. Un chiaro esempio di questo fenomeno è stato Grand Knights History, rpg realizzato dai Vanillaware la cui localizzazione venne cancellata per mancanza di risorse. Tale destino non sembra però essere condiviso da Grand Kingdom, una sorta di seguito spirituale del titolo appena citato (guidato dal medesimo director), la cui uscita è ormai imminente. In questi giorni abbiamo avuto l'occasione di provarne una breve demo che ci ha permesso di dare una prima occhiata al combat system realizzato dai MonoChro.



Strategia d'azione
Quello presentatoci da Grand Kingdom è un mondo conteso fra quattro potenti nazioni in perenne lotta per la supremazia. Le guerre, ormai all'ordine del giorno, non vengono più combattute da fedeli soldati, quanto piuttosto da gruppi di mercenari leali solo al denaro. La privatizzazione degli eserciti ha costretto i regnanti a tessere delicate relazioni con i soldati ingaggiati, permettendo loro di ottenere fama e prestigio oltre ogni dire al punto da essere trattati come eroi. Noi impersoneremo il capitano di un gruppo di mercenari alle prime armi, il quale si ritroverà coinvolto in vicende ben più grandi di quanto ci si potesse inizialmente aspettare. Questo è tutto ciò che siamo riusciti a carpire sulla storia dalla breve demo di Grand Kingdom. Non sappiamo quanto sarà realmente godibile la trama del titolo, il cui incipit non è certamente qualcosa di inedito.
Un discorso decisamente diverso è da fare per il gameplay, il quale è stato mostrato in modo piuttosto completo, nonostante non mancassero delle limitazioni. Ci troviamo davanti ad un gioco di ruolo in 2D dal combat system atipico, le cui modalità comprendono sia il tatticismo che l'azione. Il campo di battaglia è diviso essenzialmente in tre diverse linee, lungo le quali sono disposti sia i nemici che i propri soldati. Rispettando uno specifico ordine legato alle proprie caratteristiche, ogni personaggio agisce in sequenza, così come accade nei giochi di ruolo a turni. I personaggi possono spostarsi lungo le tre linee, utilizzare tecniche di supporto ed attaccare. Ogni classe presenta uno stile di combattimento diverso, le cui modalità possono differire sensibilmente fra loro. Il combattente ad esempio può attaccare solo a distanza ravvicinata, ma nel farlo ha la possibilità di concatenare numerosi attacchi, a patto che si riesca a premere la giusta sequenza di tasti. Il cacciatore invece è impossibilitato al combattimento ravvicinato, ma può sfruttare il suo ragguardevole raggio per colpire i nemici distanti o riparati dietro ostacoli. Molte offensive prevedono modalità di attacco che strizzano l'occhio ai rhythm game, con l'obbligo di premere certi tasti con il giusto tempismo. Il risultato finale è decisamente peculiare, poiché in grado di miscelare tatticismo e azione in modo egregio, il tutto sin dalle prima battute di gioco. Ci si renderà presto conto come l'uso dell'ingegno sia indispensabile. Ogni tipo d'azione, che sia di supporto o votata all'offesa, può colpire indistintamente alleati ed avversari, rendendo essenziale gestire al meglio traiettorie e posizioni, arrivando persino ad approfittare delle stesse azioni del nemico. Il risultato è un sistema molto complesso che andrebbe provato a fondo per essere compreso nella sua interezza. Ciò che possiamo dirvi è che tale combat system ci ha davvero colpito, presentando qualcosa di nuovo e complesso, ma estremamente funzionale una volta appresi i suoi schemi.



Many men army
Grand Kingdom è anche un gioco di ruolo, e da tale genere adotta l'intero sistema di crescita dei personaggi e la gestione dell'equipaggiamento. Nella demo da noi provata erano disponibili solo quattro classi, ma sappiamo già che il gioco finale ne vanterà ben diciassette. Impossibile dire adesso quanto sarà bilanciata l'esperienza di gioco, ma un numero così elevato di classi ci fa ben sperare sul tasso di personalizzazione del proprio gruppo di mercenari. Il titolo contiene tutti le peculiarità classiche dei jrpg: dalle statistiche influenzate dal livello all'equipaggiamento diviso per slot, dalle skill apprese agli status alterati e i buff. Non mancano nemmeno gli oggetti di recupero e la possibilità di potenziare e forgiare le proprie armi e armature. Inoltre è possibile personalizzare completamente le proprie unità, gestendone la formazione sul campo di battaglia e assegnando le abilità disponibili ai tasti che si desiderano. In questo senso il titolo dei MonoChro ci ha davvero colpiti, promettendo di offrire un'esperienza appagante e complessa.
Le modalità presenti in questa demo erano principalmente due. La prima, da giocare in single player, ci ha portato ad affrontare un numero limitato di quest, fra primarie e secondarie, permettendo dunque di avanzare nella trama o di ottenere esperienza e utili ricompense. Quelle da noi affrontate prevedevano di raggiungere un determinato obiettivo, spostandosi per un mappa divisa a scacchiera, dove l'incontro con un pedina avversaria coincideva con l'inizio di un combattimento. La seconda modalità invece è esclusivamente ad appannaggio dell'online, prevedendo la partecipazione diretta alle guerre fra i vari stati. Si tratta di un online asincrono, dove le imprese di tutti i giocatori influenzano l'andamento delle guerre. Sostanzialmente dovremo scegliere per quale delle quattro nazioni combattere, sottoscrivendo un contratto con essa. L'inizio di una guerra ci porterà nel mezzo di una battaglia campale, dove la vittoria sarà decretata in base ai territori controllati. Dovremo così spostarci nella mappa fino ad un forte nemico, affrontando una serie di battaglie che porteranno ad una progressiva perdita della barra di resistenza della fortezza. Inoltre sembra che gli stessi giocatori potranno intraprendere delle importanti decisioni di natura militare, tramite un vero e proprio sistema di voto a maggioranza. Non possiamo dirvi molto altro a causa della mancanza di giocatori nei server di gioco durante questa beta; l'idea proposta comunque non sembra essere cattiva. Con una maggiore variazione delle modalità di conquista e l'implementazione di scenari che coinvolgano in maniera decisa i giocatori, questo particolare online asincrono potrebbe rappresentare una degna aggiunta al single player, il quale ci auguriamo mantenga comunque una dignità tale da renderlo completo e godibile.
Nonostante sia un titolo in 2D Grand Kingdom è una vera gioia per gli occhi. Ci troviamo davanti ad una qualità visiva degna di Vanillaware, brillante nella realizzazione dei fondali e dei personaggi. Si tratta di uno stile decisamente più equilibrato di quello esageratissimo di Dragon's Crown, ma rimane comunque incredibilmente curato, arrichito dall'uso di colori sgargianti che danno al tutto un look squisitamente cartoonesco. Concludiamo con il dire che Grand Kingdom verrà reso disponibile il 17 giugno, sia per PS4 che per Vita.
  • [+] Gamplay profondo che mischia sapientemente tatticismo ed azione
    [+] Online asincrono dalle premesse interessanti
    [+] Visivamente ispirato

La demo di Grand Kingdom ci ha davvero colpiti. Il titolo unisce le peculiarità classiche dei giochi di ruolo giapponesi ad un combat system innovativo e profondo, in grado di mischiare sapientemente tatticismo ed azione. L'online asincrono porta con sé delle buone premesse, costituendo una valida aggiunta da affiancare al single player. Non possiamo far altro che consigliarvi di porre attenzione al titolo dei MonoChro, il cui giudizio definitivo arriverà in concomitanza dell'uscita fissata al 17 giugno di quest'anno.

0 COMMENTI