Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Hearthstone

Hearthstone

Whispers of the Old Gods

Provato

APPLE, PC

Strategico

Italiano

Activision

12 Marzo 2014

A cura di del
Whispers of the Old Gods: eccovi il nome della nuova espansione di Hearthstone. Non è una grossa sorpresa a dire il vero, dato che di Leak in queste ultime settimane ne sono usciti davvero a valanga, persino su alcune meccaniche nascoste che dovevano essere rivelate solo nella giornata odierna.
Fortunatamente la nostra trasferta in quel di Irvine negli studi Blizzard non è stata un viaggio completamente a vuoto, un po' perché non tutto è trapelato dalla maglia a reti larghe degli sviluppatori e un po' perché nessun altro, oltre a noi e a qualche streamer famoso/pro player, ha potuto sperimentare di persona le nuove carte.
Saltiamo dunque i convenevoli e andiamo ad analizzare per filo e per segno le sei carte annunciate per l'occasione e a scoprire qualcosa di più sugli dei antichi!



Si aprano le buste!
Nel giro di qualche mese, Hearthstone, per come lo conoscete, smetterà di esistere. Al posto dell'unica modalità classificata verranno introdotte lo Standard, con un pool di carte ristretto e in continua rotazione, e il Wild, un formato dove i giocatori potranno invece continuare ad utilizzare tutte le carte uscite fino ad oggi.
Ci aspettavamo con il reveal di Whisper of the Old Gods anche l'annuncio dei sicuri nerf alla combo base del druido, ma Ben Brode ha invece fatto dietrofront, rivelando che tutte le modifiche alle carte esistenti non saranno rivelate fino a una/due settimane prima dell'effettivo nerf.
Le speculazioni quindi possono continuare, ma state pur certi che per vedere i cambiamenti alle carte in vostro possesso bisognerà attendere ancora diverso tempo. Detto questo, cercate di evitare di fare polveri di qualsiasi cosa abbiate nell'inventario, perché, come da tradizione è lecito aspettarsi che una volta modificate le carte vi ridaranno un quantitativo di polveri pari al loro valore piuttosto che il misero 25% classico.
L'espansione non ha nemmeno una data precisa, solo un range temporale molto ristretto durante il quale avverrà il suo arrivo: a fine aprile/inizio maggio Whispers of the Old Gods porterà la bellezza di 134 nuove carte sui nostri monitor, un numero decisamente considerevole che andrà a cambiare il meta in modo marcato.
Prima di vedere le nuove carte un accenno alla storia dietro a questa espansione. Gli dei antichi sono confinati nel sottosuolo di Azeroth e l'unico modo per uscire alla luce del sole è quello di contaminare con la loro malvagità tutto ciò che hanno intorno. Per velocizzare questo processo, cultisti e malintenzionati si mettono ad aiutare gli dei antichi facendo crollare la locanda e i suoi avventori nel periodo più buio mai vissuto dal gioco fino ad oggi.
Molte delle carte che conoscete e che avete imparato ad amare negli ultimi mesi verranno riproposte con un nuovo e terrificante aspetto, ma soprattutto con valori completamente diversi ed abilità uniche.
Veniamo dunque al cuore dell'anteprima iniziando a parlare del Vate della Rovina. Lo conoscete tutti, soprattutto se giocavate freeze mage o Pala Murloc, ed era uno 0-7 che, se lasciato in campo un turno, era capace di ripulire l'intera board dagli alleati. Con la corruzione che scorre nelle sue vene il vate perde questa abilità e vede il suo costo aumentare a cinque cristalli di mana. Uno 0-7 inutile a prima vista ma che, con il nuovo potere, diventa terrificante se giocato al momento giusto.
Sostanzialmente il Vate della Rovina Fedele muta il suo attacco a 7 all'inizio di ogni turno, caratteristica che lo fa divenire un 7-7 a costo 5 pericolosissimo e, di fatto, praticamente immune al Pacificatore Aldor.
Sempre in un freeze rischia di fare danni esagerati potendo guadagnare un turno di tranquillità, ma anche in mazzi che fanno del board control la chiave di vittoria potrebbe non essere male.
La seconda carta che vi presentiamo è invece il Razziatore Evoluto. Ricordate il vecchio 2-1 con "rantolo di morte: pesca una carta"? Bene, questa è la sua versione ingrassata. Un 4-2 che fa pescare non è affatto male e potrebbe soppiantare il Piloted Shredder che, come ogni carta di GvG abbandonerà il formato standard.
Ultima carta che si è presentata mutata è il Curabot Corrotto, che invece di curare 8 punti ferita al nostro eroe, ora li curerà all'avversario. Il costo, di cinque cristalli, è rimasto immutato ma le statistiche si sono gonfiate facendolo diventare un glorioso 6-6 che già vediamo seminare morte e distruzione in combo con una auchenai magari, o nei vari mazzi control che potranno ignorarne l'effetto estremamente negativo.

Nuove meccaniche!
La novità più grossa di Whispers of the Old Gods è ovviamente la meccanica legata agli antichi. Ce ne saranno quattro differenti, e saranno creature leggendarie dai poteri estremamente diversificati. Ci è stato mostrato solamente C'thun, l'occhio tentacolare nascosto sotto le rovine di Ahn Qiraji che in molti ricorderanno per essere stato uno dei raid boss più difficili dei primi anni di World of Warcraft.
Le statistiche in sé non sono spaventose: è un 6-6 a costo 10 che infligge danni pari al suo attacco, suddiviso in maniera casuale tra tutti i nemici, appena entra in gioco.
Sei danni randomici non sono insomma nulla di cui aver paura, ma qui entrano in scena le nuove carte dedicate: Blizzard ha sollevato il velo sull'Invocatrice del Male e sull'Anziano del Crepuscolo, le prime carte direttamente legate a C'thun.
La prima quando entra in gioco fornisce +2/+2 a C'thun ovunque esso si trovi (mazzo, mano o campo di gioco) mentre la seconda fornisce a C'thun +1/+1 alla fine di ogni turno.
Abbiamo provato due mazzi a tema dedicati, Mago e Druido, e con entrambi gli eroi C'thun non ci è mai sembrato in grado di poter vincere la partita da solo, anche perché nei migliori dei casi diventava un 14/14, ma per essere calato a quel costo dovevamo avere già comunque la partita in pugno. Sarà interessante vedere le opzioni con tutte le carte a nostra disposizione e quanto grosso sarà possibile far diventare il dio tentacolare, ma fino ad allora le chiusure classiche ci sembrano decisamente più convincenti, proprio perché non richiedono altre carte di contorno.
L'idea è ottima, tuttavia servono più carte per valutarne la reale efficacia. Ci sono al momento un po' di meccaniche curiose intorno a C'thun, soprattutto con i Faceless Manipulator che non solo ne copiano le statistiche in campo ma guadagnano anche tutte le statistiche precedentemente caricate dalle proprie carte. In parole povere, giocare un'Invocatrice del Male e poi un Faceless Manipulator su uno C'thun avversario 10-10 porterà il nostro C'thun ad essere un 12-12.

Carte Gratis per tutti!
Come detto, l'espansione uscirà nei primi giorni di maggio circa, ma la promozione per portarsi a casa un set completo di buste aprirà molto probabilmente qualche giorno prima. Questa volta le sorprese non finiscono qui però, perché quando aprirete la vostra prima busta di Whispers of the Old Gods riceverete in regalo C'thun e due copie dell'Invocatrice del Male. La sola connessione all'evento di lancio (con data da definirsi) vi permetterà invece di ricevere ben tre buste in omaggio.
Altre feature, alcune già rivelate come il nuovo editor di deck automatico e altre ancora da annunciare, si aggiungeranno invece gradualmente fino al lancio. Purtroppo l'effetto rng sembra essere ancora presente nell'espansione, seppur in forma ridotta, ma per scoprire davvero cosa ci riserverà il futuro di Hearthstone saremo costretti a seguire il sito ufficiale e il reveal graduale di tutte e 134 le carte, o accontentarci di mere congetture.
  • [+] Nuove meccaniche interessanti
    [+] Tanti cambiamenti in arrivo per stravolgere il meta

Hearthstone cambierà profondamente con Whispers of the Old Gods, con un meta stravolto dalla divisione in Wild e Standard, e non vediamo l'ora di vedere come i giocatori si adatteranno a tutte le novità dell'espansione. Dopo gli ultimi mesi di calma piatta il gioco di carte made in Blizzard torna a muoversi e a mutare rapidamente, con tante novità che ci piacciono davvero un sacco. L'unico punto di domanda? Questo benedetto RNG che non vuole saperne di sparire dalla scena e che noi continuiamo a detestare con tutto il cuore, un male necessario per continuare a far contenti i casual player. E voi, da che parte state?

0 COMMENTI