Recensione di Call of Duty: Black Ops III

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     PC, PS4, Xbox One
  • Genere:

     Sparatutto
  • Sviluppatore:

     Treyarch
  • Distributore:

     Activision
  • Lingua:

     Italiano
  • Data uscita:

     6 novembre 2015
- Ben due campagne
- Gameplay accessibile, spassoso ed estremamente arricchito
- Storia più matura rispetto al passato
- Online dai contenuti impressionanti, sempre molto divertente
- Passo indietro narrativo rispetto a Black Ops 2
- Alcuni sbilanciamenti degli specialisti
- Graficamente non al top, soprattutto per le texture
Loading the player ...
A cura di (FireZdragon) del
Primi giorni di novembre, e come ogni anno torniamo a parlare di Call of Duty. Questa volta la palla passa nelle mani di Treyarch e del suo Black Ops, che si presenta in veste rinnovata su next gen pur mantenendo fede al trend futuristico che ci ha accompagnato con gli scorsi capitoli della serie. Il team californiano ha ormai preso saldamente in mano le redini del brand, spodestando dal trono Infinity Ward e divenendo punto di riferimento per quanto riguarda lo sviluppo del gioco, un peso davvero arduo da sostenere che richiede ingegno e volontà per dimostrare ai fan di saper tenere il passo. Treyarch ha deciso di puntare quindi sui contenuti per soddisfare il pubblico, e mettetevi comodi perché di cose da dire ce ne sono davvero tantissime. Tutte le informazioni sulla nuova modalità Zombie, sulle Dead Ops e sulla seconda campagna inclusa quest'anno nel titolo, potete trovarle in questo nostro articolo dedicato



Long story go
Sono passati ben quarant'anni dagli eventi narrati in Black Ops II e l'avanzamento tecnologico in tutto il mondo ha compiuto enormi passi da gigante. Le difese anti aeree sono ormai tali da rendere impossibile qualsivoglia forma di attacco dall'aria, portando nuovamente la fanteria a divenire il mezzo più efficace per combattere le battaglie. Dimenticatevi però enormi eserciti che si scontrano e concentrate i vostri pensieri sulla micro gestione di ristrette unità d'assalto, perfette per attacchi mirati e indispensabili per ridurre al minimo gli effetti collaterali della guerra. I soldati che abbiamo imparato a conoscere non esistono tuttavia più e le protesi cibernetiche, utilizzate ora anche in campo civile nei più svariati campi, vengono con costanza impiantate nei guerrieri più coraggiosi, in grado grazie ad esse di correre più a lungo, resistere meglio al dolore e agire con maggior rapidità e precisione. La più grossa innovazione è stata tuttavia a livello celebrale con l'arrivo della D.N.I. , un'interfaccia che interconnette tutti i soldati e garantisce la possibilità di ricevere informazioni in tempo reale sia dai centri di comando che dai propri compagni sui campi di battaglia. La campagna di quest'anno prende in considerazione i risvolti etici di questo futuro “verosimile” e racconta una storia desiderosa di far pensare il giocatore, senza imporre in modo forzoso una sola verità finale. Un processo di sviluppo molto lungo quello messo in piedi da Treyarch, che si dipana in una serie intricata di livelli e ragionamenti profondi, con un narrazione non sempre chiarissima e ricca di colpi di scena che lasciano spiazzati. I livelli di gioco sono undici e, sebbene siano sbloccabili e giocabili tutti da subito, il nostro consiglio è comunque quello di procedere come di consueto per seguire il filo di una storia davvero non semplicissima e inadatta con tutta probabilità al pubblico molto giovane che fa di CoD lo sparatutto di riferimento. Quanto raccontato in Black Ops 3 tocca temi maturi e importanti, che solo i player più attenti riusciranno a cogliere fino in fondo. Ecco, la campagna singleplayer di quest'anno ci è sembrata indirizzata verso una tipologia specifica di giocatori ed è per questo che, secondo noi, farà molta più fatica ad attecchire e ad essere apprezzata dalla massa.
Con questo bene a mente è il caso di specificare che l'intero sviluppo della storia è ad ogni modo sotto il livello di Black Ops 2, e questo per diversi motivi. Manca innanzitutto un nemico preciso, un cattivone come Raul Menendez contro il quale scaricare il proprio odio, e Black Ops 3 perde un po' del suo fascino proprio cercando di allargare gli orizzonti ma lasciando il giocatore perso in alcuni livelli a barcamenarsi con una storia non delineata a dovere. Ci è sembrato che, soprattutto nella prima metà del gioco, la trama faticasse a decollare e a rapirci, facendoci proseguire per inerzia più che con la voglia di scoprire i vari accadimenti come in passato. Per fortuna le cose nella seconda metà di gioco diventano più avvincenti e gli eventi si susseguono con un ritmo nettamente più interessante, sospingendoci verso la fine della campagna. Treyarch ha deciso di dilatare i tempi della storia anche per offrire un gioco che non si esaurisse nelle classiche sei orette scarse, ma potesse tranquillamente arrivare a toccare le dieci ore, anche a difficoltà normale se si decide di non rushare verso la fine dei livelli. Il level design è abbastanza canonico, e ci saranno sezioni a bordo dei veicoli, momenti in cui difendere le postazioni da assalti continui, i classici corridoi da percorrere ascoltando i nostri superiori che ci aggiornano sullo stato degli eventi e ovviamente tonnellate di sparatorie contornate da scene scriptate e altamente spettacolari. Il gameplay però risulta modificato pesantemente rispetto al passato e non solo per tutte le abilità di cui saremo in possesso, e delle quali vi parleremo tra un attimo, ma anche per la costruzione dei livelli che in Black Ops III offrono aree di ampio respiro, regalando ai giocatori una gran quantità di opzioni di ingaggio. I vecchi corridoioni con i nemici esistono ancora, ma si alternano spesso e volentieri a queste nuove aree che rallentano la corsa verso la fine del livello, senza però far calare il ritmo. Ad aggiungere ulteriori opzioni tattiche ci pensano i Cyber Core, rami di abilità che il giocatore andrà a sbloccare salendo di livello durante la campagna che offrono tutta una serie di tecniche da integrare al classico sistema di shooting di Black Ops. Avremo droni insetto che disorientano e infastidiscono i nemici, mosse grazie alle quali strappare i cuori cibernetici degli androidi facendoli esplodere in mille pezzi o ancora abilità tattiche per controllare sulla distanza i robot nemici e farli combattere al nostro fianco. Le unità meccaniche fanno infatti la parte del leone in questo Call of Duty, mostrando un'intelligenza artificiale molto differente rispetto ai soldati in carne ed ossa e offrendo una varietà sicuramente superiore rispetto al passato. Certo, c'è ancora tanto da lavorare sull'IA, visto che spesso questa si limita a corrervi incontro ignorando i danni subiti, per riflettere lo status di macchine dei nuovi avversari, ma è una scelta che li rende semplici bersagli mobili. Per quanto ci riguarda avremmo preferito che l'IA fosse più furba e calcolasse in anticipo molteplici opzioni piuttosto che ridursi al semplice “terminator” visto in mille altri giochi.



Nel complesso l'insieme degli elementi funziona e riesce a divertire, merito anche della nuova feature multiplayer dell'intera campagna, che prevede la possibilità di unirsi ad altri tre giocatori per completare qualsiasi livello senza restrizioni, magari rigiocandolo per recuperare i vari collezionabili sparsi per le aree di gioco, grazie ai quali addobbare poi la propria safe house. Non sappiamo perché Treyarch abbia spinto così tanto questa location all'interno del gioco, che altro non è che un semplice HUB dove incontrarsi con gli altri giocatori e visualizzare progressi e trofei, oltre che ovviamente cambiare i setup delle armi. La scelta delle bocche da fuoco poi è davvero eccellente, così come la loro personalizzazione, al top anche in multiplayer, eppure sono i movimenti quest'anno a farla da padrone. A differenza del comparto multi giocatore la campagna non prevede movimenti sui muri o jetpack di sorta, a patto che questi non vengano volutamente inseriti attraverso due Tactical Rigs disponibili nel nostro equipaggiamento. Potremo a quel punto scegliere quali potenziamenti avere a disposizione: se relativi al movimento o invece dedicati alla difesa, con resurrezioni automatiche o altre chicche di questo tipo. A difficoltà media morire non risulta un grosso problema, ma quando si affronteranno i livelli più alti la cooperazione e la strategia dovranno per forza venir presi seriamente, pena il game over. Treyarch ha inoltre voluto strafare inserendo una modalità realistica nella quale un solo colpo sarà sufficiente per uccidervi, ma risulta, anche in cooperativa più snervante che divertente. Dedicata unicamente ai pazzi completisti.
Ultima novità, anche se piuttosto ininfluente, è la possibilità di impersonare per la prima volta nella serie un personaggio maschile o femminile, senza alcuna differenza. Questo è possibile proprio perchè al protagonista non viene dato nessun peso nella storia in termini di background. Ci siamo sentiti dei personaggi anonimi in un mondo che ci gira vorticosamente intorno, un elemento non proprio eccellente per un gioco in cui siamo la chiave per risolvere problemi internazionali. La rigiocabilità è discreta ma solo per quello che concerne la trama. Vorrete sicuramente rivedere qualche livello e rileggerlo in modo differente dopo le rivelazioni finali, ma il tutto si conclude li, con un monte ore comunque più che soddisfacente alle spalle.



Man o War
Mettiamo subito i puntini sulle i: il multiplayer di COD, nonostante le tantissime aggiunte di questo nuovo capitolo, non è stato rivoluzionato come ci saremmo aspettati e il feeling delle armi, i movimenti e le strategie risultano pressoché inalterati nel loro complesso, pur avendo a disposizione una quantità di novità davvero notevole.
Partiamo allora dall'introduzione più rilevante dell'intero pacchetto e cioè quegli specialisti che faranno il bello e il cattivo tempo nelle partite con le loro ultimate, ma risultano a conti fatti molto sbilanciati gli uni con gli altri. Possiamo chiudere un occhio su alcune abilità funzionali a determinate modalità di gioco specifiche, come la corsa accelerata in cattura la bandiera ad esempio, ma ce ne sono alcune che non ci hanno convinto proprio per nulla, come il colpo corpo a corpo di Spectre o l'efficacia della fiammata di Firebreak.
Soprassedendo su queste flessioni nel gameplay relative agli specialisti, la loro implementazione rende imprevedibili gli esiti di uno scontro, con colpi improvvisi che possono ribaltare in un attimo intere partite. Divertenti da usare, gli spec non offrono nulla di realmente nuovo in termini di meccaniche. Abbiamo wall hack, colpi esplosivi, la possibilità di diventare invisibile e così via, fino ad arrivare a mosse ispirate chiaramente all'altro sparatutto Activision, visti certi poteri presi pari pari da Titan e Hunter di Destiny. Ogni specialista, nove in tutto, ha due differenti specializzazioni, una dedicata a un'arma e una che garantisce un'abilità speciale, portando le opzioni solo per questo aspetto a ben 18 scelte, un numero eccellente se pensiamo che restano anche tutte le kill streak, i perks e le personalizzazioni delle armi a cui cod ci ha sempre abituato negli anni (ora anche con un editor estetico migliorato sensibilmente rispetto al passato). Torna anche il Pick 10 di Treyarch in versione rivista e corretta, con la possibilità ora di aggiungere ben 5 attachment alla vostra arma. Per quanto concerne le armi segnaliamo uno sbilanciamento in favore di determinati modelli, come il man 'o' war ad esempio nei fucili d'assalto, facendo preferire ai giocatori poche bocche da fuoco rispetto alla moltitudine presentata. Una cosa che è sparita completamente rispetto allo scorso anno è invece la gestione dei drop casuali delle armi e degli equipaggiamenti, ora standardizzati in maniera decisamente più sensata. Un peccato al contempo che le personalizzazioni estetiche per gli specialisti si contino davvero sulle dita di una mano, un elemento che poteva decisamente essere curato meglio, soprattutto visto il gran lavoro fatto da Sledgehammer su Advanced Warfare.



Il gameplay è tornato prepotentemente rivisto, non tanto nella risposta delle armi, quelle quasi inalterate rispetto al passato come feedback, quanto piuttosto nei movimenti e nel ritmo dell'azione. Fatto tesoro dei progressi ottenuti con Advanced Warfare, Black Ops III torna con le corse sui muri, i powerslide, introduce il combattimento subacqueo e le acrobazie aeree, il tutto sempre con il completo controllo dell'arma. Ogni singola azione compiuta permetterà sempre e comunque di mirare e sparare in libertà, per una azione al top in quanto a frenesia e rapidità. Il comparto multi giocatore di Black Ops III arriva insomma con tante novità che aggiungono nuove feature al pacchetto, ma non ne cambiano l'anima. Se amavate i vecchi CoD questo saprà entusiasmarvi visto che è portato all'ennesima potenza, ma se invece non li avete mai digeriti... beh non cambierete certamente idea con questo capitolo.
A coronamento di un multi soddisfacente, quantomeno per idee nuove e corposità delle aggiunte, ci sono tantissime modalità di gioco, praticamente tutte quelle di maggior successo della serie, tra cui spiccano i classici deathmatch, gungame, Search and Destroy, Hard Point e capture the flag. Trovano spazio anche nuove introduzioni come la neonata Safeguard, che altro non è in realtà che una evoluzione di Payload con un robot da scortare questa volta al posto del classico carrellino inanimato.
Anche il lato e-sport e competitivo è stato curato particolarmente con nuove e rinnovate opzioni per i caster, partite classificate (disponibili dopo il lancio e che richiederanno un aggiornamento a questa review), un sistema di ban per i tornei molto a simile a quello visto nei MOBA e le partite custom dove impostare qualsiasi parametro a nostro piacimento, incluse armi a disposizione e dettagli delle modalità.



Old Flavour
Su next gen cod si difende discretamente bene e i 60 fps sono la regola per tutta la durata della campagna e delle partite multiplayer, senza mai tentennamenti o crolli di alcun tipo. La solidità è ovviamente merito di un motore leggero che non presenta tuttavia strutture poligonali particolarmente ricercate o texture ultra definite. Una buona qualità ma non strabiliante, ideata e ideale insomma per un gioco che fa della velocità e della frenesia due dei suoi punti di forza. Buono il sonoro, con una recitazione particolarmente curata, almeno nella versione inglese che abbiamo avuto modo di recensire.
Sottolineiamo come alcune scene quest'anno, grazie appunto all'introduzione della DNI e quindi una maggior libertà lasciata agli sviluppatori per gestire le visioni alienanti della campagna, riescano a strappare stupore e meraviglia, rifacendosi spesso a Matrix o all'incredibile Inception. Eccellenti alcuni panorami e buono anche il design dei nemici robotici, con una cura particolare dei loro armamentari e dei droni terrestri, davvero spaventosi. Un gioco completo a 360 gradi, dalla trama matura e dalle scene ultra violente, che sembra voler riabbracciare un genere di pubblico sicuramente più adulto rispetto a quello che ha popolato i server fino ad oggi.
Recensione Videogioco CALL OF DUTY: BLACK OPS III scritta da FIREZDRAGON Se amate la serie e comprate abitualmente CoD per la campagna, con Black Ops 3 non resterete delusi, nonostante il lieve passo indietro narrativo rispetto a Black Ops 2, e in più Treyarch vi darà in pasto un multiplayer solido e una quantità di modalità extra davvero impressionanti. Certo, il comparto tecnico non è al top per quanto concerne gli sparatutto e il gameplay ormai lo conoscerete a memoria, nonostante le numerosissime aggiunte, ma se volete uno shooter completo e capace di durarvi per tutto l'anno videoludico beh, qui avrete davvero pane per i vostri denti.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Commenti: 6 - Visualizza sul forum
  • finmat92
    finmat92
    Livello: 1
    Post: 88
    Mi piace 4 Non mi piace -4
    Un videogioco con un sacco di problematiche, prese per i fondelli, ottimizzazione fatta con il sedere. Mancanza di una vera innovazione. Fisica insensata, gameplay sempre più frenetico che premia sempre di meno l'abilità del giocatore. Ha ricevuto critiche ogni dove, e ci si aspettava molto di più, visto che la saga di COD ha un sacco di titoli alle spalle da cui prendere spunto per curare i possibili difetti del capitolo successivo, cosa invece che non si fa mai. Ovvio, i dati di vendita parlano chiaro ma è solo grazie all'immensa campagna di marketing, non grazie alla bellezza del titolo in questione. Ogni dove leggi recensioni e voti bassi, poi vieni qui su SpazioGames e leggi 8,5....chissà perchè, eh ?
  • finmat92
    finmat92
    Livello: 1
    Post: 88
    Mi piace 1 Non mi piace -2
    Un videogioco con un sacco di problematiche, prese per i fondelli, ottimizzazione fatta con il sedere. Mancanza di una vera innovazione. Fisica insensata, gameplay sempre più frenetico che premia sempre di meno l'abilità del giocatore. Ha ricevuto critiche ogni dove, e ci si aspettava molto di più, visto che la saga di COD ha un sacco di titoli alle spalle da cui prendere spunto per curare i possibili difetti del capitolo successivo, cosa invece che non si fa mai. Ovvio, i dati di vendita parlano chiaro ma è solo grazie all'immensa campagna di marketing, non grazie alla bellezza del titolo in questione. Ogni dove leggi recensioni e voti bassi, poi vieni qui su SpazioGames e leggi 8,5....chissà perchè, eh ?
  • omar.
    omar.
    Livello: 0
    Post: 3
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    Beh ragazzi dico la mia! Rispetto black ops 2 questo cod e molto ripetitivo! Ce basta fare "gioca online" e vai con la mappa "combine" per almeno 13 volte di fila fino a quando non ce la fai più di combine e esci dalla lobby! Cerca partite per trovare cosa? Fringe!!! Che anche questa te la porta avanti fino alla nausea fino a quando non trova cosa? "Combine"!!! Le uniche due piu belle mappe perché le altre sono orribili a parer mio! Forse hunted e un po piu carina! Sono ripassato a advanced warfare per la disperazione! noiosissimo bo3 a parer mio e la zombi e caduta proprio in basso!!! Advanced warfare almeno mappe belle ed molto piu variato di bo3! A bo3 escono le solite 5 mappe! Dove quante son belle 2? Io sono sempre stato un fan di black ops! Ma black ops 3 e caduto in basso! Speriamo che la treyarch fará qualcosa di buono alla prossima! A parer mio rimango su aw!
  • Einheriar
    Einheriar
    Livello: 3
    Post: 189
    Mi piace 3 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da TheMoose

    Siete impressionanti. Quando uscì MW3 rompevate tutti i cojones che il gioco era uguale a MW2... Ora che, grazie a Dio, COD è riuscito a innovarsi TUTTI che vogliono un cod alla MW3 o MW2, io dico... FATE PACE COL CERVELLO.
    Quoto
  • Einheriar
    Einheriar
    Livello: 3
    Post: 189
    Mi piace 3 Non mi piace -5
    Mi chiedo chi compri mai COD per la campagna. E' un gioco fatto per l'online e viene comprato per l'online.
  • Bramboom
    Bramboom
    Livello: 0
    Post: 2
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    L'online è spettacolare,ma la campagna è la più brutta che io abbia mai giocato.
caricamento in corso...

 
 
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.