Recensione di Tales from the Bordelands - EP IV

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     iPhone, PC, PS3, PS4, Xbox 360, Xbox One
  • Genere:

     Avventura grafica
  • Sviluppatore:

     Telltale Games
  • Lingua:

     Inglese
  • Giocatori:

     1
  • Data uscita:

     25 novembre 2014 (PC) - 26 novembre 2014 (XONE) - 3 dicembre 2014 (PS3, PS4, X360) - 22 aprile 2016 (retail)
- Sequenze esilaranti ma anche toccanti
- La trama spara colpi importanti
- Inserisce a pieno titolo la serie Telltale nell’universo dei giochi Gearbox
- Il ritmo, all’inizio, non è dei più elevati
Loading the player ...
A cura di (Mastelli Speed) del
Ormai abbiamo capito il gioco: Telltale è riuscita a creare una tipologia di avventura interattiva estremamente lineare, in cui però viene data al giocatore la possibilità di modificare gli eventi in maniera a volte superficiale. Nonostante spesso si sia consapevoli che non tutte le nostre scelte avranno l’impatto che l’episodio di turno ci vuole far credere, ogni volta che ci si ritrova davanti a una scelta si scandagliano con cura tutte le varie ipotesi. Insomma, non si sa quale peso possa avere la nostra decisione, ma in ogni caso si sceglie, e questo basta a non far crollare il castello di carte che sostiene anche Escape Plan Bravo, quarto episodio di Tales from The Borderlands.


Si piange, si ride
Il progetto nato dalla collaborazione tra Telltale e Gearbox ha dimostrato di essere sorretto da una scrittura a dir poco eccezionale: i vari episodi analizzati sono impregnati dell’umorismo selvaggio degli originali Borderlands, ma si prendono anche del tempo per approfondire la psicologia dei personaggi. Escape Plan Bravo, nello specifico, è la dimostrazione di quanto sia stata ispirata la scelta dei due studi sviluppatori, e di quale tipo di emozioni sia possibile suscitare nei giocatori una volta che la storia proposta non obbliga a un solo registro narrativo. Ci spieghiamo meglio: in The Walking Dead e The Wolf Among Us, ad esempio, il tono con cui veniva raccontato l’intreccio era per forza di cose limitato a sfumature drammatiche e, nel caso delle avventure di Bigby, vicine al noir. In Tales from The Borderlands, appare ormai chiaro come Telltale abbia potuto giocare con i registri narrativi, proponendo tantissimi momenti esilaranti ma, e questo non era scontato, anche delle ottime sequenze drammatiche. Questa poliedricità si era intuita nel terzo episodio, ma è proprio in questo Escape Plan Bravo che viene raggiunto il culmine (da qui in poi possono essere presenti possibili spoiler: attenzione!); la storia, infatti, viene ripresa esattamente dove era finita all’inizio del terzo episodio, con lo scontro tra i nostri eroi e la gagliarda Vallory col suo manipolo di scagnozzi. L’obiettivo della nuova nemica di Rhys e soci è quello di procurarsi l’ultimo upgrade di Gortys, l’irresistibile robottino che una volta completo potrà guidare chiunque verso un prezioso e agognato vault.
Dopo aver illustrato il piano per riuscire nell’impresa, sempre sotto la minaccia delle pistole degli uomini di Vallory, i protagonisti partiranno dunque alla volta di Helios, lasciando Pandora.


QTE di gran classe
Un’altra cosa che abbiamo capito giocando ai primi quattro episodi di Tales from The Borderlands è che Telltale, senza alcun dubbio, sa come creare i titoli di testa. Dopo quelli (veramente ottimi) del secondo episodio, e quelli (altrettanto positivi) del terzo, anche in Escape Plan Bravo verremo sorpresi da una sequenza in cui musica, cutscene e recitazione dei personaggi raggiungono vette elevate. Dopo questa lunga introduzione, che riesce a strappare diverse risate, il titolo però ci metterà davanti a sequenze decisamente più importanti dal punto di vista emotivo, che porteranno a un avvenimento che avrà ripercussioni pesanti sull’intero universo di Borderlands, e che daranno all’intera serie Telltale un ruolo nuovo e centrale all’interno della saga Gearbox. Insomma, se vi piacciono gli sparatutto/gdr della serie, in previsione di un Borderlands 3, fareste veramente bene a giocare anche a Tales from The Borderlands, perché altrimenti perdereste dettagli che, almeno stando a quanto visto in questo episodio, hanno una certa importanza.
Questo particolare momento narrativo di cui stiamo parlando, che non ha mancato di emozionarci, va a inserirsi all’interno di quello che è un episodio meno corale di quello precedente, in cui il ruolo centrale sarà giocato principalmente da Rhys, protagonista di alcune delle migliori sequenze viste finora in tutti e quattro gli episodi. Il ritmo dell’episodio non sarà mai veramente alto, e la longevità assai ridotta è un dato di fatto, ma pur in un tempo cosi compresso Escape Plan Bravo riesce a raccontare tante cose importanti, e a farlo bene. Viene poco sfruttato, in questo particolare episodio, l’espediente del flashback, con il misterioso carceriere di Fiona e Rhys che questa volta trova poco spazio; siamo abbastanza sicuri, però, che nell’ultimo episodio ne sapremo sicuramente di più sull'identità del losco figuro, e siamo altrettanto certi che si tratterà di un discreto colpo di scena.
Dal punto di vista del gameplay, tornano a mostrarsi l'abilità propria dell’Echo-Eye di Rhys, che in una particolare (ed esilarante) sequenza sarà necessaria per proseguire; anche qui, però, rimaniamo dell’idea che queste speciali skill dei due personaggi principali siano sfruttate solo per allungare un po’ il brodo nei momenti meno concitati. Tornano in grande stile invece i QTE, e sempre grazie a una lunga sequenza con protagonista Rhys, impegnato in una coreografia che non ha niente da invidiare alle sequenze di un qualsiasi film d’azione.
Per quanto riguarda il peso delle nostre decisioni, saremo chiamati a fare scelte che sembrano avere ripercussioni abbastanza importanti, specialmente verso il finale dell’episodio, e che lasciano aperte tutte le strade a un finale che attendiamo già con ansia.
Recensione Videogioco TALES FROM THE BORDELANDS - EP IV scritta da MASTELLI SPEED Questo quarto episodio di Tales from The Borderlands, se si esclude l’esordio, è il migliore visto finora. Arriviamo a questa pacifica conclusione considerando le numerose sequenze esilaranti, lo stile sempre ottimo dei titoli di testa, l’alta qualità della scrittura e il convincente cambio di registro che, in un determinato momento, vira verso il drammatico. Escape Plan Bravo è un episodio che forse non possiede il ritmo del suo predecessore, ma è molto importante dal punto di vista narrativo, fa ridere e (volendo drammatizzare un po’) piangere, e non ci fa vedere l’ora di vedere come va a finire la vicenda. Consapevoli, peraltro, che dopo quanto visto in queste due ore di gioco, l’intero universo di Borderlands (quindi anche quello disegnato da Gearbox) potrebbe non essere più lo stesso.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.