Anteprima di L'Ombra di Mordor

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     PC, PS3, PS4, Xbox 360, Xbox One
  • Genere:

     Action-Adventure
  • Sviluppatore:

     Monolith Interactive
  • Data uscita:

     03 ottobre 2014 (PS4-Xbox One-PC) - 18 novembre 2014 (PS3-X360)
ASPETTATIVE
- Profondo rispetto delle opere originali
- Alcune meccaniche interessanti
- Difficoltà tarata verso l'alto
- Un gioco adulto in molti aspetti
Loading the player ...
A cura di (LoreSka) del
Ok, c’è il free flow system. E sì, c’è l’arrampicata di Assassin’s Creed. In questi mesi c’è stato un mormorio attorno a La Terra di Mezzo: L’Ombra di Mordor, alimentato da alcuni infelici scambi di battute via Twitter tra gli sviluppatori di questo gioco targato Warner Bros e i creatori della celebre serie di Ubisoft. Eppure, nonostante le evidenti, innegabili e innegate somiglianze tra alcuni degli elementi chiave di questi due giochi, dopo avere provato con mano il nuovo titolo ambientato nel mondo del Signore degli Anelli possiamo affermare con assoluta certezza che ci sono dei buoni motivi per attendere questo gioco. Vediamo quali.


Rispetto per Tolkien (e per Peter Jackson)
L’Ombra di Mordor cerca di colmare un vuoto narrativo che nell’epopea tolkieniana ha luogo tra gli eventi de Lo Hobbit e quelli de Il Signore degli Anelli. Poiché il character design e le ambientazioni sono reminescenti della Nuova Zelanda di jacksoniana memoria, potremmo dire che il gioco va a colmare lo iato tra le due trilogie cinematografiche.
La terra di Mordor è un luogo relativamente “plasmabile”, poiché nei film di Jackson il suo aspetto viene mostrato solo ai tempi della Guerra dell’Anello. Giacché il gioco ha luogo prima di tale importante avvenimento, Mordor appare come un posto meno inospitale del previsto, fatto di grandi praterie e di svariati promontori, sui quali si ergono spesso fortezze (quasi sempre in rovina). Non è certo il luogo più bucolico e ameno della Terra di Mezzo, ma al contempo non aspettatevi i fiumi di lava e l’occhio di Sauron a sovrastare il mondo. Ci ritroviamo in un luogo invaso dagli orchi, in cui la morte è dietro ogni angolo ma in cui il potere corrotto dell’anello non ha ancora preso piede. Il fardello si trova ancora nelle mani di Bilbo, nella contea, lontano centinaia di leghe da questi luoghi.
Si percepisce dunque un certo grado di credibilità nel prodotto, che – per quanto non sarà mai considerato canone da parte degli appassionati – è comunque profondamente rispettoso del materiale di partenza. Chi è fan della saga troverà immediatamente dei forti elementi di riconoscibilità, e difficilmente si sentirà tradito da questo gioco. In un mondo popolato di tie-in di scarsa qualità, spesso poco rispettosi dell’opera originale o, al contrario, imbrigliati da qualche eccesso di filologia, le scelte degli art director de L’Ombra di Mordor appaiono oltremodo azzeccate.


Talion e Celebrimbor
Protagonista dell’avventura è Talion, un ranger il cui ruolo è in parte slegato dall’epopea dell’anello. Il suo ruolo, infatti, è quello di un uomo assetato di vendetta, determinato a colpire Sauron, reo dello sterminio della propria famiglia. Talion stesso è stato vittima di Sauron, ma è stato resuscitato ed accompagnato da un dono: la possibilità di dialogare ed evocare in qualsiasi momento lo spirito di Celebrimbor. Quest’ultimo è il fabbro responsabile della forgiatura dei tre anelli del potere giunti nelle mani degli elfi, che fu successivamente impalato da Sauron in persona. Nel gioco, dunque, avremo a che fare con due personaggi in collera con Sauron e determinati a ottenere soddisfazione. Al contempo, nella vicenda avrà un ruolo importante Gollum, che fungerà da collante narrativo tra la prima e la seconda trilogia filmica, e la cui presenza all’interno del gioco sembra essere necessaria al fine dello svolgimento di alcune scene-chiave.
L’interazione tra Talion e Celebrimbor non è soltanto narrativa: i due personaggi, infatti, sono le due facce di una stessa medaglia controllata dal giocatore. Per la maggior parte dell’avventura il giocatore si trova nei panni di Talion che, in quanto ranger, ha ottime capacità nel combattimento e nelle azioni stealth. Vi sono svariate azioni, però, che vengono svolte da Celebrimbor: con la semplice pressione di un pulsante, il giocatore può trasformarsi istantaneamente nell’elfo e scoccare delle frecce letali, capaci in alcuni casi di teletrasportare Talion nel bel mezzo della mischia. O, in alternativa, i poteri di Celebrimbor possono corrompere la mente dei nemici e spingerli a combattere al nostro fianco. Infine, vi è la possibilità di attivare una modalità che, sempre nei panni del potente elfo fabbro, ci consente di esplorare il mondo da una prospettiva oscura, capace di individuare le tracce dei nemici e di compiere una sorta di viaggio nel passato, rivelando luoghi che – nel presente in cui si svolge la vicenda – non sono altro che macerie. Quest’ultima modalità ricorda a prima vista l’Occhio dell’Aquila di Assassin’s Creed, un altro aspetto che farà discutere ma che, anche in questo caso, sembra distanziarsi in parte dal prodotto di Ubisoft grazie alla capacità di esplorare il passato.
Infine, da segnalare un profondo albero delle abilità differenziato per Talion e Celebrimor, con un totale di 18 abilità per il ramingo e 21 per lo spettro. Un’ulteriore varietà è data dal sistema di loot, che garantisce l’acquisizione di armi uniche che – in pieno stile tolkieniano – variano il proprio nome a seconda delle abilità e delle caratteristiche.


Gli orchi procedurali
Come anticipato, il sistema di combattimento fa largo uso del free flow system, di scuola Warner Bros. Il sistema funziona alla grande, ed è reso interessante da una difficoltà di gioco tarata verso l’alto. La sensazione, dalla breve prova concessaci, è che La Terra di Mezzo: L’Ombra di Mordor sia un gioco PEGI 18 non solo per la truculenza degli scontri e il sangue che scorre a fiumi, ma anche per la difficoltà nei combattimenti. In alcuni scontri ci siamo trovati letteralmente sopraffatti dai nemici, costringendoci a una vile fuga e alla riorganizzazione delle nostre strategie. Anche se il colpo a distanza di Celebrimbor ci è parso un’arma decisamente troppo potente in alcune situazioni, quando qualcosa nel nostro piano va storto per noi sono guai seri. Da questo punto di vista, dunque, il gioco ci lascia ancora una volta delle ottime sensazioni.
L’aspetto più interessante del titolo, tuttavia, si riscontra nel curioso sistema dei boss. Tutto il gioco si regge sulla presenza di nemici principali, che il titolo genera in maniera procedurale e che inserisce all’interno di un mondo sandbox. In altre parole, ogni partita ci vede alle prese con dei boss creati in maniera casuale dal gioco, dall’aspetto terrificante (e fortemente fedele alla visione di Jackson dell’universo di Tolkien),  dotati di una storia di background credibile, con punti deboli e forti e dalla violenza inaudita. Questi nemici, inoltre, vengono inseriti dal gioco all’interno di un sistema gerarchico, in cui alcuni boss fanno da luogotenente ad altri boss, e così via fino a una manciata di boss principali che governano un piccolo esercito. Quando un boss viene sconfitto, questi muore e viene sostituito da un altro boss generato proceduralmente. Se si uccide un boss nella parte alta della scala gerarchica, e probabile che uno dei suoi sottoposti ne prenda il posto. Infine, è anche possibile che un orco decida di prendere il posto di un suo superiore con la forza, lanciandosi in lotte intestine che portano alla variazione inaspettata dell’assetto gerarchico. Si ha la sensazione di avere a che fare con un nemico “vivo”, in continua evoluzione e le cui caratteristiche variano anche a seconda delle nostre scelte.


Se un orco viene ferito da una delle nostre azioni (e sopravvive), questi potrebbe tornare in un secondo momento del gioco e ricordarsi del nostro incontro attraverso dialoghi ad hoc. O, addirittura, potrebbe portare addosso i segni del nostro scontro con vistose cicatrici o tatuaggi celebrativi. Se il nemico ci sconfigge, questi potrebbe ottenere un maggiore morale o salire di grado, e quindi diventare più coriaceo nell’incontro successivo. Se ne deduce un costante cambiamento nell’apparato dei nemici, in grado da solo da rendere il gioco costantemente dinamico e variegato.
Recensione Videogioco L'OMBRA DI MORDOR scritta da LORESKA La Terra di Mezzo: L’Ombra di Mordor è un gioco promettente. Nonostante faccia leva su elementi di gameplay presi da altri titoli già noti, che le malelingue potrebbero ascrivere entro i confini del plagio, il gioco sembra poter offrire una sufficiente originalità, accompagnata a una cura per i dettagli molto interessante e ad alcune feature che sapranno incantare i fan dell’epopea di Tolkien. Il sistema di creazione procedurale dei boss è il vero centro nevralgico dell’esperienza, e la varietà offerta sembra tale da garantire una giocabilità profonda e differenziata. Se siete fan de Lo Hobbit e de Il Signore degli Anelli, questo gioco sembra rendere giustizia al lore e, al contempo, sembra essere in grado di impegnare anche i giocatori più esperti. Siamo rimasti sinceramente sorpresi, e crediamo che il titolo abbia parecchi buoni motivi per suscitare l’interesse dei giocatori.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
caricamento in corso...
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.