Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Final Fantasy XV

Final Fantasy XV

All around the world

Anteprima
A cura di del
Quella dei fan di Final Fantasy XV è stata certamente una lunga e snervante attesa: le informazioni tardavano ad arrivare, il gioco non veniva mai mostrato alle più importanti fiere del settore e il pensiero generale sul progetto era ancora una volta orientato verso il solito periodo di sviluppo protratto per molti anni. Dopo la conferma di una demo in arrivo nei primi mesi del 2015 e un filmato inedito mostrato al Tokyo Game Show, finalmente si vede la forma che assumerà il nuovo capitolo di Final Fantasy, che vede tra l’altro Tetsuya Nomura passare la staffetta del producer ad Hajime Tabata, per potersi così dedicare in toto all’altro pezzo da novanta: Kingdom Hearts III.



Tutti a bordo
L’elemento che più colpisce nel nuovo video pubblicato da Square Enix, è indubbiamente la presenza del party a bordo di un’automobile nera che si sposta lungo gli scenari di gioco, mentre i quattro ragazzi discutono tra di loro, offrendo così al giocatore ulteriori elementi e informazioni sulla trama e sulle locazioni da dover raggiungere. L’ipotesi più plausibile è che la world map possa essere esplorata utilizzando il mezzo di trasporto, ma non è ancora chiaro se la libertà sarà totale o se ci si dovrà comunque muovere su dei binari in cui sono disseminati diversi punti d’interesse come eventuali villaggi o città, dungeon e zone che pullulano di nemici. Allo stesso modo, non è neanche possibile prevedere se l’auto sarà disponibile sin da subito o se subirà lo stesso trattamento, ad esempio, dell’aeronave di Cid o dei chocobo. Al momento ci sentiamo di escludere la possibilità di avere a disposizione un open world interamente esplorabile, soprattutto perché potrebbe essere qualcosa di non troppo affine alle dinamiche da RPG nipponico che Square Enix ha in mente; nondimeno, tutto ciò gonfierebbe ulteriormente i tempi di sviluppo, già di per sé piuttosto dilatati per ogni capitolo della serie. Affrontare parte dell’avventura “on the road” non sarebbe affatto male, ma solo se questa nuova feature si dovesse dimostrare un ponte tra i diversi hotspot che scandiscono le vicende sullo sfondo dell’avventura. In realtà, la grande ampiezza degli scenari e la profondità di campo suggerirebbero il contrario, ma è solo quando infuriano gli scontri che si avverte effettivamente la concreta possibilità di poter visitare più a fondo le ambientazioni. Luoghi che, oltretutto, dimostrano un dettaglio grafico davvero niente male, a dimostrazione del fatto che il Luminous Engine ha ben poco da invidiare ai motori grafici più in voga tra gli sviluppatori.



Fight together
Sul campo di battaglia, è evidente come sia possibile correre e aggirarsi in prossimità dei nemici senza doverli necessariamente attaccare. Il range di agganciamento varierà probabilmente in relazione alla stazza degli opponenti, ma fin quando si tratterà di guardie e piccoli mostri, non dovrebbe essere complicato esibirsi in manovre di aggiramento. Il combattimento in tempo reale è dinamico, prevede gli interventi coreografici (e salvifici) del proprio party e c’è inoltre la possibilità di usare il potere del teletrasporto di Noctis. Potere che tra l’altro diventa essenziale anche durante le fasi di esplorazione, quando bisognerà superare dei baratri, accorciare d’improvviso le distanze o trasferire il proprio corpo in punti altrimenti irraggiungibili, dove magari si celano forzieri con all’interno oggetti rari. Sono presenti come di consueto le differenziazioni tipiche dei membri del party, con un compagno di supporto, uno adatto agli attacchi a distanza, e l’immancabile mago. Mentre attendiamo informazioni su eventuali altri personaggi, qualche delucidazione in più sulla storia, sul combat system e sulle principali caratteristiche di gioco, la speranza è che vengano ascoltate le critiche dei giocatori, che hanno odiato la linearità del tredicesimo capitolo e tante altre brutture che sono risuonate come un tradimento per i fan più accaniti. Il colpo d’occhio è formidabile, la varietà delle ambientazioni pare assicurata, e soprattutto, con una demo in dirittura d’arrivo, l’attesa sembra essere improvvisamente diventata meno tribolata.
  • [+] I combattimenti sembrano davvero avvincenti
    [+] Gran colpo d'occhio
    [+] Esplorare la world map su una vettura sembra una valida alternativa

L’apparizione di Final Fantasy XV al TGS appare più come una conferma sulla prosecuzione dei lavori, apparentemente senza intoppi. Non esistono ancora date di uscita e mancano davvero troppi dettagli per potersi sbilanciare sul prodotto finito, ma la presenza di un paio di caratteristiche niente male ci ha stuzzicato non poco.

0 COMMENTI