Recensione di RAMBO The Videogame

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     PC, PS3, Xbox One
  • Genere:

     Azione
  • Data uscita:

     21 febbraio 2014
3.0
Voto lettori:
1.0
- Alcune idee quantomeno originali nel genere - Tecnicamente disastroso
- Difficoltà sbilanciata
- Narrazione noiosa
- Controlli imprecisi
- Sonoro terribile
Loading the player ...
A cura di Tommaso Valentini (FireZdragon) del
Icona degli anni 80 e 90, John Rambo ha sempre rappresentato lo stereotipo americano perfetto: un soldato invischiato in una guerra che non gli apparteneva, tradito dal suo stesso paese e in cerca perennemente di giustizia e libertà. Interpretato da Sylvester Stallone, Rambo ha letteralmente fatto esplodere i botteghini al lancio e, come prevedibile, non sono mancati diversi tie in ad accompagnarne il successo. Con il passare del tempo tuttavia, sebbene l'icona americana non ne volesse proprio sapere di farsi dimenticare, con un improbabile quarto episodio apparso sul grande schermo nel 2008, dal lato videoludico John scomparì quasi completamente dalla scena, almeno fino al luglio dello scorso anno quando Teyon e Reef Entertaiment annunciarono RAMBO The Videogame. L'hype schizzò nuovamente alle stelle e non nascondiamo che anche sulle nostre pagine notizie e trailer del berretto verde più famoso del mondo non facevano altro che far impennare vertiginosamente il counter delle visualizzazioni. Purtroppo però le occasioni per vedere il gioco dal vivo scarseggiavano e sia sviluppatori che publisher si guardavano bene dal rilasciare più informazioni dello stretto necessario, segno che qualche cosa nello sviluppo non stava funzionando a dovere. Dopo aver messo le mani su una copia retail del gioco siamo finalmente pronti a dirvi se le nostre paure avevano ragione d'essere o erano del tutto infondate...


Una guerra da vivere e nella quale morire.
RAMBO The Videogame, almeno dagli annunci iniziali dava l'impressione di voler fare un sacco di cose insieme. Sezioni stealth nella giungla, momenti di pura azione a mitra spianato ed ovviamente combattimenti a bordo di veicoli e momenti di tensione dove le frecce del nostro arco dovevano essere messe a segno silenziosamente. Feature insomma che potevano appartenere solo a due generi ben distinti, a un action in terza persona alla metal gear o a un fps senza cervello dove esplosioni e sangue l'avrebbero fatta da padrone. In entrambi i casi il titolo avrebbe indubbiamente avuto pro e contro ma quando abbiamo realizzato che il gioco non sarebbe stato null'altro che uno shooter su binari, infarcito ovviamente di QTE, la nostra mascella ha colpito rumorosamente il pavimento, e non con accezione positiva. Pad alla mano John si muoverà in maniera autonoma attraverso i livelli e come nel miglior Time Crisis si fermerà quando la situazione diverrà abbastanza calda da permetterci di scaricare piombo a volontà su tutti i nemici che compariranno a schermo. Le somiglianze con il titolo Namco tuttavia si fermano qua e ci sentiamo quasi in colpa ad aver nominato quel capolavoro in questa recensione: l'accostamento tra i due titoli potrebbe far rivoltare lo stomaco a più di un giocatore vecchia scuola. Il sistema di copertura infatti è qualcosa di completamente nuovo e non sempre queste saranno disponibili, cosa che mette in rilievo il primo dei molteplici difetti di questo assurdo shooter. Proseguire nei livelli comporta la conoscenza perfetta dei respawn nemici e soprattutto delle zone successive così da poter decidere anticipatamente quando perdere del prezioso tempo per effettuare la ricarica dell'arma. Inserire i proiettili nel caricatore risulta infatti di una lentezza quasi disarmante e la meccanica della ricarica attiva, presa di peso da gears of War richiede riflessi pronti e una velocità di esecuzione certosina. Sbagliate il tempismo e la vostra arma si incepperà impedendovi di fare fuoco, cosa che se per l'appunto accadrà nel momento sbagliato potrà significare per voi unicamente la morte. 
Nel caso azzeccaste la ricarica invece non avrete bonus istantanei di alcun tipo ma solo un numero aggiuntivo di proiettili nel caricatore e la possibilità di ritornare a sputare piombo in un minor lasso di tempo. Potrete tentare di optare per un cambio rapido dell'arma, saltando da un mitragliatore alla pistola, con l'unico risultato di trovarvi per le mani un ferro ancora meno efficace. Nel nostro playthrough ci siamo semplicemente limitati ad utilizzare l'arma primaria e non abbiamo mai sentito la necessità di sostituire la bocca da fuoco o passare addirittura all'arco, quando disponibile. L'arco ha dalla sua la silenziosità, utile a dire il vero solo in pochissime missioni guidate, e la capacità di generare furia più rapidamente, la seconda delle meccaniche “innovative” di questo Rambo.
La modalità furia si potrà attivare dopo un numero determinato di uccisioni e vi mostrerà a schermo i nemici in maniera chiara tramite una visuale simile alla ricerca di calore di un predator. Ogni kill ottenuta in questa modalità vi garantirà una piccola percentuale di energia extra, unico modo di risanare la vostra barra di salute durante le sparatorie a meno di non aver equipaggiato perk passivi nella personalizzazione del vostro personaggio.


Level up
Al termine di ogni stage, quindici in tutto per una durata di circa quattro ore complessive che ci porteranno a rivivere le scene clou viste nella trilogia originale, vi verranno assegnate esperienza e punteggio in base alle vostre prestazioni, utili per salire di livello e confrontarvi con gli altri coraggiosi berretti verdi che hanno acquistato il titolo nel resto del mondo. Ogni livello sbloccherà dei punti da assegnare ad abilità passive dedicate all'aumento del danno, alla resistenza o alla furia e anche altri piccoli bonus che miglioreranno le vostri doti guerresche. Il tutto potrebbe anche avere un vago senso logico se non fosse che le fasi di shooting semplicemente non funzionano. L'arma impugnata da rambo coprirà spessissimo i nemici a cui dovrete sparare, impedendovi di centrare correttamente il bersaglio e il movimento libero del mirino risulta particolarmente impreciso e poco responsivo, soprattutto visto che non seguirà automaticamente i movimenti del personaggio rimanendo al di fuori della schermata e richiedendo al giocatore uno sforzo sovrumano per rimetterlo nel campo visivo in tempi utili. Una grave mancanza in fase di programmazione che rovina pesantemente l'esperienza, rendendola frustrante e assolutamente poco divertente.
Tecnicamente RAMBO è un disastro da qualsiasi parte lo si guardi. I modelli poligonali sono tra i più brutti che Playstation 3 e Xbox 360 abbiano mai presentato, con continui pop up della vegetazione e degli elementi dello scenario. Ci sono altresì grossissimi problemi con l'illuminazione e con le texture, continuamente sporcate da ombre sconnesse e un aliasing spinto ai massimi livelli. Se dovessimo dare un punteggio solo al lato tecnico, uno zero secco in pagella non sarebbe eccessivamente punitivo. Chiudiamo il cerchio con il rumore dell armi, presi probabilmente direttamente dagli altoparlanti di una televisione degli anni '80 e con un ragdoll dei nemici completamente immune alle leggi della gravità e della fisica.


In due il divertimento raddoppia
Non serve il multiplayer a raddrizzare la situazione. Il secondo giocatore gestirà semplicemente un mirino extra a schermo ma completamente slegato dall'arma del player one, rendendo il tutto ridicolmente complicato e ancor più confusionario. Le icone della ricarica attiva si sovrapporranno di continuo, rendendo praticamente impossibile azzeccare il tempismo giusto e ridicolizzando alcuni schemi, come ad esempio una missione di cecchinaggio dove presenzieranno due mirini ma un solo visore (il secondo player in parole povere sparerà alla cieca o dovrà restare confinato dai movimenti del primo) e le missioni con arco e lanciarazzi dove si potranno sparare due colpi alla volta. Non mancano infine nemmeno interi livelli dedicati ai QTE dove dovremo semplicemente premere il tasto al momento giusto per proseguire e, in caso di una cooperativa potremo addirittura permetterci che solo uno dei due giocatori azzecchi la combinazione visto che il gioco prenderà in esame solo il migliore.
Recensione Videogioco RAMBO THE VIDEOGAME scritta da FIREZDRAGON Rambo the videogame è un titolo pessimo, senza nessuna qualità di rilievo. Tecnicamente arretrato, con un gameplay insipido e mancante completamente di qualsivoglia qualità questo shooter sui binari non fa altro che far leva su un brand noto per riuscire ad entrare nel salotto di qualche giocatore disinformato. Il nostro consiglio, anzi il nostro augurio, è che nessuno debba mai averci a che fare, nemmeno per recensirlo.

Non perdete il LIVE di venerdì 21 febbraio alle 17 dedicato a Rambo. Ne vedrete delle belle, o forse no, ma vi divertirete sicuramente!.
Appuntamenti LIVE e Video Rubriche
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 188
  • docdisco81
    Livello: 2
    188
    Post: 44
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Praticamente un'offesa al nome di Rambo!
  • Terly92
    Livello: 0
    1
    Post: 3
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Dalle immagini inserite sembra fin troppo bello!! ahaha
  • Mattiajr
    Livello: 1
    56
    Post: 12
    Mi piace 3 Non mi piace 0
    L'esistenza di giochi del genere è perlomeno rassicurante poiché, a differenza delle opere di qualità superiore i cui commenti consistono spesso in sterili diatribe, essi rendono tutti concordi.
  • SACCUTA
    Livello: 0
    253
    Post: 86088
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Ancora qualcuno ci gioca?
  • Morfeus
    Livello: 3
    2407
    Post: 362
    Mi piace 1 Non mi piace -1
    mi aspettavo un flop per questo gioco ma onestamente non fino a questo punto... il gioco è veramente brutto...
    il 3 è meritato.... povero Rambo
  • oliverb
    Livello: 3
    3
    Post: 167
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Allora, ora che ho giocato di più posso dare un giudizio migliore di quello che ho dato prima.
    Se prima ho dato 4 e mezzo scherzoso influenzato dal voto negativo di questa recensione, lo alzo e da fan di Rambo gli do un 6 meno.
    Sono all'ultimo livello cioè l'ultima scena di Rambo 3 e cioè lo scontro tra l'aereo (il russo) e il carro-armato (Rambo), che non riesco a finire perchè la difficoltà è sbilanciata, punti facili e altri punti quasi impossibili.
    Comunque siccome l'ho quasi finito posso dare il mio giudizio.
    Il 3 mi sembra troppo cattivo come voto, pensavo di dovermi trovare a che fare con una vera ciofeca ingiocabile, invece non è così.
    Anche la grafica non è affatto così terribile come avete detto, sicuramente i personaggi potevano essere più curati, insieme ai problemi di popup e alcuni di illuminazione, ma date un'occhiata a quanti dettagli hanno messo nel creare ad esempio la vegetazione o le rocce. Anche l'effetto bagnato del corpo è ben riuscito.

    Essendo un gioco come Time Crisis, il gioco va da solo, tu devi solo ripararti (quando possibile) e sparare e calibrare perfettamente i tempi di ricarica dell'arma, e se sbagli, al prossimo passaggio potrebbero ammazzarti subito (soprattutto se mancano ripari).
    Per evitare quindi bestemmie e frustrazione consiglio quindi di giocare con la difficoltà più bassa (soldato) ma che in realtà bassa non è, perchè ci sono alcuni punti davvero molto difficili, ma almeno durante il livello c'è qualche chekpoint (anche se potevano metterne di più perchè capita che superi un punto difficile e al prossimo magari muori perchè hai sbagliato la ricarica e sei costretto a ripetere).
    Sicuramente poteva essere realizzato meglio, con difficoltà più bilanciata per evitare punti di scoraggiante frustrazione.
    Ma da fan di Rambo il gioco mi ha discretamente divertito ed entusiasmato, sparare col mitra a raffica con la musica originale sotto non ha prezzo
    Il mio voto quindi è 6 meno.
  • steve8518
    Livello: 1
    36
    Post: 11
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Nonostante la grafica lascia a desiderare il gioco è molto bello perchè cattura esattamente l'atmosfera dei tre film. Quando finirò il gioco lo ricomincerò e non mi stancherò mai di giocare dato che sono un grande fan di Rambo e vedo spesso i tre film. Non sono d'accordo con le recensioni e i giudizi negativi. Per me gli sviluppatori hanno fatto un buon lavoro e li ho ringraziati per questo.
  • marxiano
    Livello: 0
    -6
    Post: 3
    Mi piace 2 Non mi piace -1
    stò giocando alla versione pc,e da grande fan di rambo,devo andare un pò controcorrente su quanto letto nella recensione.Ammesso che ci troviamo davanti ad un gioco con diversi problemi(grafica datata,controlli macchinosi ecc...)bisogna anche dire che un fan di rambo,trova invece molte cose positive e piacevoli inerenti ai film.La grafica intanto non è poi cosi brutta,secondo me si è visto di peggio in giro(ma anche di molto meglio)e cmq ricrea bene le ambientazioni dei vari film pur con i suoi difetti,il sistema di controllo è puramente arcade(con una lightgun sarebbe stato ottimo!)è frustrante all'inizio ma poi ci si abitua,il sonoro poi,non vedo quale sia il problema:voci originali degli attori,splendide musiche di jerry goldsmith,ed effetti presi direttamente dal film...non avranno una campionatura da urlo,ma cmq sono buoni.Detto questo io dò la sufficienza a questo gioco(parlo da fan accanito di rambo)il rammarico e che certo,si poteva fare molto di più...peccato.
  • oliverb
    Livello: 3
    3
    Post: 167
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    ci sto giocando al pc e lo voglio finire solo perchè è Rambo (ormai mi sono abituato al mirino che è connesso male al mouse), il problema di questo gioco è che è vecchio, fuori tempo... sembra che l'avevano pronto 10 anni fa e l'hanno dimenticato in soffitta, e si sono ricordati solo ora di farlo uscire... la grafica non è così terribile, ma è vecchia anche questa, la monotonia non ne parliamo perchè scorre tutto uguale insomma è tutto vecchio questo gioco, doveva uscire minimo 10 anni fa per prendere almeno un 6.
    Ma siccome è Rambo gli do cmq un 4 e mezzo
  • Maurigno78
    Livello: 5
    28222
    Post: 4641
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Stiffmaister
    ahaha vero...osceno è dire poco... ma i 10 minuti di gore della sparatoria finale sono un must!


    ahahahah è vero!! è la scena che ricordo meglio infatti
  • ri-arzak
    Livello: 1
    246
    Post: 66
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    che strano, mi sarei aspettato che con la crisi le risorse in un modo o nell'altro si sarebbero compattate intorno a progetti più "meritevoli"...
  • Stiffmaister
    Livello: 5
    7217
    Post: 1217
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Redazione... forza...ora tocca a voi: "Unearthed, Ride to hell o Rambo"???
  • Stiffmaister
    Livello: 5
    7217
    Post: 1217
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Maurigno78
    john si è suicidato quando Stallone ha avuto la brillante idea di fare "John Rambo"(il quarto film)... osceno direi..

    ahaha vero...osceno è dire poco... ma i 10 minuti di gore della sparatoria finale sono un must!

    Redazione... forza...ora tocca a voi: "Unearthed, Ride to hell o Rambo"???
  • XCOM
    Livello: 5
    8450
    Post: 1439
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    mmm si possono sprecare soldi ed engine così? quando ci sono case sviluppatrici efficientissime nel fare videogiochi ma aimè non possono permettersi di farne,chi ha prodotto questo gioco dovrebbe farsi un esame di coscienza è capire che on una scelta migliore di sviluppatori non solo non avrebbe sprecato denare ma ne avrebbe guadagnato anche in notorietà.
  • Alex_Sunshine
    Livello: 3
    551
    Post: 1546
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Che tristezza..
caricamento in corso...
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967