Recensione di MotoGP 13 Compact

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     PS3, PS Vita
  • Genere:

     Simulazione guida
  • Sviluppatore:

     Milestone
  • Lingua:

     Italiano
  • Giocatori:

     1-12 Online
  • Data uscita:

     21 giugno 2013
- Buon feeling di guida anche su portatile
- Adatto a chi non ha molte pretese
- La mancanza della modalità Carriera si fa sentire
- Comparto tecnico da migliorare
A cura di (Nitro) del
Nel panorama italiano, Milestone è la più grande realtà nello sviluppo videoludico, e nel corso degli anni ci ha dimostrato di saper dar vita a prodotti  piuttosto validi nonostante la scarsità di risorse. Il genere chiave della compagnia è da trovarsi nei racing game simulativi, e in ogni loro titolo è possibile osservare una grande cura nella fisica e realismo capace di dare del filo da torcere anche ai più appassionati e perfezionisti delle gare su due ruote virtuali.
MotoGP 13 ci aveva convinto abbastanza, e aveva dato ai giocatori di tutto il mondo un titolo che Capcom, ex detentrice della licenza, non era riuscita a realizzare. A qualche mese dalla release ufficiale, però, Milestone annuncia Moto GP 13 Compact, ovvero una versione a costo ridotto (si parla di 9,99-14,99 euro in digital delivery) e logicamente priva di alcuni contenuti di gioco, come la modalità Carriera o i piloti Moto2 e Moto3. Curiosi di scoprire se un esperimento del genere potesse rivelarsi valido ci siamo gettati a capofitto sulle versioni Playstation 3 e Playstation Vita, ma in fin dei conti il risultato non è stato proprio dei migliori.


Forse un po' troppo Compact
Una volta avviato, il titolo vi getterà subito nel vivo della competizione. Come già anticipato, tra le modalità manca la Carriera, e la sua assenza si fa notare dopo qualche ora di gioco: essendo rimasta solamente la possibilità di affrontare una gara singola o un campionato, una volta concluso un evento la mancanza di una certa continuità nell’esperienza rende poco interessante continuare a giocare per svariate ore, dato che il fattore noia potrebbe prendere il sopravvento. Oltre alla Carriera sono sparite anche la Sfida a Tempo, in grado di incollare i perfezionisti allo schermo per diverse ore, e Gara Istantanea, che sceglieva in maniera casuale circuito e moto con cui gareggiare. È ovvio che a una riduzione di prezzo del genere (parliamo del 60% circa) doveva corrispondere un taglio contenutistico e che una tale versione fosse indirizzata ai meno appassionati e a coloro che volevano avvicinarsi per la prima volta al titolo Milestone, ma con un biglietto da visita così abbozzato i propositi per l’acquisto completo non sono forse dei migliori, data anche la mancanza della possibilità di fare un upgrade a pagamento e di sbloccare tutti gli altri contenuti. A livello di circuiti fortunatamente non segnaliamo assenti, così come nella modalità multigiocatore che, per quanto interessante e divertente, ci ha lasciato piuttosto spiazzati per la mancanza di giocatori online o per alcune problematiche nella connessione ai server di gioco, sperimentate in più condizioni e anche con connessioni diverse per verificare che il problema non fosse imputabile alla nostra rete.


I difetti permangono
A livello tecnico non abbiamo riscontrato differenze rispetto alla versione principale. Il sistema di guida si è rivelato ancora una volta adatto a qualsiasi tipo di giocatore grazie alla sua elevata scalabilità, che permette di adottare un approccio arcade o prettamente simulativo alla corsa. Potrete dunque decidere di lanciarvi a folle velocità o di accelerare a (quasi) tutta birra in curva senza preoccuparvi molto o studiare la situazione e sorprendere gli altri corridori con sorpassi mozzafiato, a voi la scelta. Il problema fondamentale, tuttavia, risiede ancora nel comparto tecnico. MotoGP 13 presenta diverse pecche a livello grafico, come un frame rate non proprio eccelso (soprattutto in condizioni climatiche avverse), delle texture poco rifinite e dei modelli poligonali non particolarmente esaltanti, con un aliasing abbastanza mascherato su portatile ma piuttosto evidente su Playstation 3. Non mancano oltretutto compenetrazioni poligonali, evidenti soprattutto durante le cadute e visibili durante i rewind, e una mancanza di realismo nei danni alla motocicletta dopo un impatto, che rimane tutta d’un pezzo anche dopo gli schianti più violenti. Se sul fronte fisico siamo dunque a ottimi livelli di realismo, su quello tecnico sfioriamo appena la sufficienza. 
Ottima la telecronaca di Guido Meda, anche se ci sarebbe piaciuto sentire il suo commento anche durante la corsa e non solamente durante il pre e post gara. 
Recensione Videogioco MOTOGP 13 COMPACT scritta da NITRO Con MotoGP 13 Compact, Milestone cerca di espandere la propria fanbase e di attirare dunque nuovi giocatori al brand a un prezzo ridotto. La mancanza di alcun miglioramento rispetto alla versione originale, soprattutto sotto al profilo tecnico, e di forse troppe modalità potrebbe però deludere le aspettative di molti, che potrebbero attendere gli sconti stagionali di Playstation Store per accaparrarsi a qualche euro in più il pacchetto completo.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
caricamento in corso...
RECENSIONI E SPECIALI CORRELATI
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.