Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Most Wanted 2014 - Esclusive

Most Wanted 2014 - Esclusive

Roba grossa in arrivo per le nuove console

Video Speciale
A cura di del
Le nuove console sono arrivate, e con esse un sacco di promesse non mantenute. Sia Sony, che Microsoft, che Nintendo hanno affermato che avremmo visto meraviglie in questa generazione, ma pare che tutte e tre le case abbiano ancora molto lavoro da fare prima di superare le aspettative dei videogiocatori di lunga data. Noi, giustamente, non abbiamo perso le speranze, e dopo esserci leccati i baffi sull’ultima avventura dell’idraulico più noto del pianeta ci siamo preparati una bella lista di gioconi in arrivo per tutte e tre le nuove console. Di chicche ce ne sono veramente tante, e abbiamo selezionato quelle esclusive più interessanti prima di passare ai titoli multipiattaforma. Vediamo un po’ cosa ci attende nel prossimo futuro.
Gli indie più attesi li trovate invece QUI
I prossimi multipiattaforma invece sono QUI
Uncharted
Naughty Dog ormai è sinonimo di qualità, non c’è molto altro da dire. Se poi a questa garanzia si uniscono un marchio famoso come quello di Uncharted, e voci che vogliono il prossimo titolo della serie un action adventure piratesco dedicato a Sir Francis Drake… beh, ci sono un sacco di motivazioni per restare allegri, non pensate? Non sappiamo quanto ci sia di vero nei rumour, ma siamo comunque abbastanza esaltati dall’idea.
Infamous Second Son
Ancora in casa Sony, si passa a Infamous: Second Son. La serie da sempre naviga tra ondate di fan adoranti e giocatori che la considerano priva di mordente, ma questo nuovo capitolo pare pensato per far ricredere gli scettici, con tutta una serie di nuovi spettacolari poteri e un comparto tecnico notevole. Vedremo se ce la farà.
Halo 
Il prossimo Halo di 343 Industries perde il numero, quasi a voler rappresentare una rinascita della serie in mano alla nuova software house e un distacco dal lavoro di Bungie. Del gioco non si sa ancora praticamente nulla e si è visto solo un breve teaser, ma i 343 sono uno studio ricco di talenti, che forse potrebbe davvero donare un po’ di nuova linfa vitale al marchio su Xbox One. Certo, non sarà facile mettere mano a una struttura tanto solida, ma l’idea di vedere grosse innovazioni negli Halo ci attrae.
Titanfall
Il “gioco più atteso da FireZdragon perché ci ha già speso 300 euro per la collector” non ha attratto solo uno dei nostri caporedattori. Dopotutto promette battaglie competitive serratissime, dove l’approccio alle mappe cambia completamente quando si sale a bordo dei possenti mech del titolo.
E’ un gioco cross Gen, e la cosa un po’ ci spaventa, ma resta una sorta di esclusiva Microsoft, e potrebbe rappresentare un grande punto di forza per Xbox One in futuro.
Super Smash Bros U
Una storica serie di picchiaduro, nota perché i suoi creatori… non hanno mai voluto renderla un picchiaduro. Sembra strano a dirsi, anche perché gli Smash negli anni hanno catturato una schiera enorme di fan capaci di apprezzarne ogni sfumatura, ma alienato al contempo molti veterani dei fighting game con i loro elementi randomici. La collaborazione con Namco potrebbe rendere più tecnica la serie dopo tanto tempo, e ampliare nettamente la fanbase. Non sappiamo quanto il gameplay cambierà nel nuovo capitolo, ma di certo si tratta di una macchina da soldi per Nintendo, che potrebbe vendere un’infinità di console.
Mariokart 8
Parlando di WiiU vendute, ecco che fa la sua comparsa Mariokart 8, l’ultimo capitolo della serie di racing game più venduta e giocata di sempre. Il titolo sembra incredibilmente curato, è sempre divertentissimo, e ricco di novità. Insomma, Nintendo ha un altro system seller mica da ridere tra le mani.
Quantum Break
Un gioco molto, ma molto misterioso, in mano a una software house molto, ma molto abile. Quantum Break è un tps creato dai Remedy, che dovrebbe fondersi con una serie televisiva e ruota attorno ai poteri temporali dei protagonisti. La transmedialità ci intimorisce, anche perché il suo funzionamento non è ancora ben chiaro, ma il titolo sembra tecnicamente notevole e piuttosto ispirato. Aspettiamo e vediamo.
The Order 1886
Si torna su PS4, con un gioco che dovrebbe, stando alle volontà degli sviluppatori, avere un comparto tecnico rivoluzionario. Con un motore fisico incredibilmente complesso, e una grafica “davvero” next gen, questo interessante action dall’ambientazione steampunk ci ispira parecchio, e ha smosso non poco le acque.
Project Spark
Più che un gioco, un creatore di giochi. Project Spark è un editor dalla notevole potenza, che dovrebbe permettere agli utenti Xbox One di fare meraviglie con un po’ di tempo a disposizione. E’ uno di quei titoli che crescere con l’aumentare della sua community, un po’ come i Little Big Planet, ma su una scala nettamente superiore. I tool sembrano tanti e affidabili, ora resta da vedere come verrà gestito a livello commerciale.
Bayonetta 2
Se siete amanti degli hack ‘n’ slash tecnici, siete amanti di Bayonetta, punto. Quindi, come noi, state aspettando il secondo capitolo delle avventure della sexy strega made in Platinum. L’unico dubbio? Non c’è Kamiya alle redini stavolta. Senza il guru degli action al comando, difficile dire se la qualità rimarrà la stessa. Vedremo.
X
Quando hanno fatto vedere questo trailer lo avete rivisto tra le 30 e le 450 volte? Congratulazioni, siete fan dei jrpg, e probabilmente avete pure giocato a Xenoblade. X è l’ultima opera dei Monolith, in esclusiva su WiiU, e promette meraviglie per gli amanti del genere. Non se ne sa molto, ma quel poco che abbiam visto ci ha catturato senza pietà.
Guilty Gear Xrd
Si chiude con un picchiaduro, peraltro appartenente a una serie storica. Xrd è per ora previsto solo su console Sony, e vanta il miglior cel shading mai visto in un videogame, oltre a un sistema di combattimento affinatissimo che ritorna alle origini della serie e contemporaneamente introduce nuove interessanti meccaniche. We are ready to rock indeed.
0 COMMENTI