Recensione di Metro: Last Light

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     PC, PS3, Xbox 360
  • Genere:

     Sparatutto
  • Sviluppatore:

     4A Games
  • Distributore:

     THQ
  • Data uscita:

     17 Maggio 2013
8.0
Voto lettori:
8.0
- Ambientazione cupa, matura e curatissima
- Gameplay solido
- Graficamente notevole, a tratti da caduta di mascella
- Grande varietà di nemici
- Difficoltà normal facilotta che sminuisce gli elementi survival
- Vari bug e I.A. scarsa
- Il motore grafico è poco ottimizzato
- Campagna estremamente lineare
Loading the player ...
A cura di Aligi Comandini (Pregianza) del
Gli sviluppatori dell’est Europa sono a dir poco altalenanti quando si tratta di creare prodotti di alta qualità, ma è innegabile che negli ultimi anni alcuni di loro siano esplosi grazie a progetti intelligenti e ben fatti, che in certi casi hanno dato vita a dei piccoli imperi. I 4A Games non fanno certo parte del gruppo dei giganti, ma questo piccolo studio con base in Ucraina si è fatto conoscere tra gli appassionati di FPS con un interessante titolo chiamato Metro 2033, basato sull’omonimo romanzo di Dmitry Glukhovsky.
L’opera prima della software house ha conquistato molti fan grazie alla sua evocativa ambientazione post apocalittica e ad alcune interessanti peculiarità nel gameplay, quindi era prevedibile veder spuntare un seguito, recuperato da Koch Media dopo il crollo di THQ
Con il supporto di un nuovo publisher e il feedback ricevuto dopo l’uscita del primo capitolo, saranno riusciti i 4A Games a creare uno sparatutto capace di sfruttare al meglio tutti gli elementi più riusciti del predecessore? Vediamo.


La metropolitana di Milano a confronto è il paradiso
La storia di Metro: Last Light è il seguito diretto di Metro 2033, e si distacca quindi in parte dalle opere cartacee di Glukhovsky rimettendo il giocatore nei panni di Artyom, ora divenuto un ranger  nell’impenetrabile bunker D6. I Tetri sono stati distrutti, e la vita sotterranea dei rimasugli dell’umanità sembra continuare senza troppi sbalzi, finché non viene avvistato un giovane Tetro sopravvissuto alla strage. 
Artyom, in quanto unico umano in grado di comunicare con la potente razza di mutanti, viene spedito alla ricerca della creatura per eliminarla. La missione darà il via a una serie di eventi imprevedibili che metteranno a serio rischio la sopravvivenza degli abitanti della metro. 
I 4A Games avevano già dimostrato di saperci fare con la narrativa nel primo Metro, ricalcando la trama dei libri e raccontandone le vicende tramite scene azzeccate e dal forte impatto. Qui siamo di fronte a una sceneggiatura inferiore a quella del primo capitolo, perché generalmente più buonista e stereotipata, ma l’ambientazione è sostanzialmente migliorata e viene tratteggiata con più precisione dalle vicende trattate. Il mondo di gioco è freddo, inospitale e angosciante, e riesce praticamente da solo a innalzare una campagna che si sviluppa in modo discretamente banale, tolti un paio di momenti ispirati. La scelta di rendere Artyom un protagonista parzialmente silente (parla negli intermezzi tra le missioni riassumendo ciò che è accaduto, ma non spiccica parola durante l’azione, neppure se direttamente interpellato), poi, è quanto mai furba per far immergere ulteriormente l’utente nella Mosca radioattiva creata dagli sviluppatori. 


In Soviet Russia insect squishes you!
Parte del successo di Metro 2033 va imputata di certo alla sua unicità. Il titolo è una sorta di mezzo survival, dove i proiettili scarseggiano, le cartucce militari fungono da valuta e fanno danni aumentati se usate nelle armi, e l’elevata tossicità dell'atmosfera costringe a viaggiare nelle zone aperte con una maschera antigas. Metro: Last Light non abbandona questa formula, ma la modifica in certi aspetti, peraltro mancando il centro in un paio di casi. 
Partiamo dalle meccaniche di shooting, che vantano una risposta più che buona delle armi e degnamente diversificata, con un numero aumentato di bocche da fuoco dagli effetti estremamente variabili. Il gioco si basa su un motore fisico ben definito, e usare un fucile a pompa o un revolver potenziato può facilmente scagliare un nemico a qualche metro di distanza, così come è necessario stare attenti al rinculo quando si utilizzano armi automatiche, poiché il mirino ci mette pochissimo a vibrare come una pedana dimagrante impazzita. Le azioni possibili sono piuttosto limitate, ma funzionali: Artyom può scattare, mirare zoomando (mira iron sights da shooter militare moderno, per intenderci), portare fino a tre armi, chinarsi e saltare. Da chinato in particolare il nostro non fa rumore quando cammina, caratteristica che gli permette di eliminare silenziosamente i nemici sparsi per la mappa. 
Esatto, anche in Last Light c’è un sistema legato allo stealth, privo di indicatori ma basato su luce, campo visivo e rumore. I nemici vedono bene, eppure muoversi nell’ombra permette di aggirarli e gran parte delle locazioni garantiscono di affrontarli silenziosamente, eliminandoli senza farsi scoprire. 
Approcciare le sparatorie come un ninja non offre grandi vantaggi in difficoltà normal, ove buttarsi sui nemici a testa bassa e agire come emuli di Hanzo Hattori fa poca differenza, ma è indispensabile alla difficoltà hardcore, attivata la quale i proiettili inizieranno a divenire radi, i nemici più aggressivi, e la tattica indispensabile.


Proprio qui spunta la prima problematica di Last Light, il livello di sfida. In normal il gioco non è certo difficile e i proiettili sono ovunque, visto che la stragrande maggioranza dei nemici stavolta sono esseri umani armati dai cui cadaveri si recupera di continuo roba utile. Metro 2033 rendeva arduo mantenere elevato il conteggio dei caricatori e portava spesso a utilizzare i proiettili rari per eliminare i nemici più problematici a discapito delle risorse per gli scambi. Qui invece è possibile completare l’intera campagna senza fare mai uso delle cartucce militari, le armi raccolte sono piene e modificate a dovere, e persino scontri a fuoco con più di una dozzina di nemici risultano fattibilissimi. Questa semplificazione fa perdere carattere al gioco, accomunandolo alla massa di FPS sul mercato. Se volete la “vera” esperienza Metro vi conviene giocare da subito in Hardcore. Gli amanti delle sfide più brutali potranno infine puntare sul Ranger Mode, che elimina l’hud e rende il tutto ancora più punitivo. La modalità è contenuta nella confezione al day one, visto che l’edizione distribuita nei negozi è solo la limited, e sarà presente anche su Steam in un pacchetto downloadabile dedicato. 
I miglioramenti non riguardano fortunatamente solo il numero di armi disponibili. Le fasi all’aperto ad esempio sono ora più fluide e piacevoli, la maschera antigas si rompe con meno facilità, può venire cambiata senza troppi problemi al ritrovamento di un sostituto, e la durata del filtro equipaggiato viene comodamente indicata da un orologio digitale. Interessante anche la presenza di una meccanica che porta la visiera a sporcarsi, costringe a pulirla saltuariamente e rende difficoltose le battaglie caotiche dove volano schizzi di sangue o sostanze non meglio precisate provenienti dai mutanti.
Parlando di mostruosità, le strade di Mosca in Last Light nascondono orrori indicibili e variegati. Durante le missioni si incontra un po’ di tutto, da insetti allergici alla luce della torcia a ratti e gamberi troppo cresciuti, passando per i fastidiosissimi demoni volanti e alcuni boss estremamente resistenti. Questi ultimi offrono boss fight vecchio stile piuttosto divertenti, anche se non particolarmente ispirate o originali.
Complessivamente il lavoro dei 4A Games è quindi uno shooter di buona fattura, che perde un po’ di carisma per offrire scene più spettacolari, una maggior varietà nei nemici e qualche sparatoria adrenalinica extra. L’estrema linearità della campagna potrebbe infastidire i giocatori dal palato più fino, ma il ritmo è ben calcolato e l’avanzamento delle avventure di Artyom è ben bilanciato tra fasi calme di esposizione, momenti esaltanti e qualche scena da balzo dalla sedia. 


Yello, meeh iz Artyom
Tecnicamente Metro: Last Light riesce a tratti a essere davvero una gioia per gli occhi. Non solo l’ambientazione creata dai 4A Games è ispirata, dark, e finemente curata in ogni dettaglio, ma è anche bella da guardare, grazie a modelli tridimensionali dettagliati, texture notevoli e ottimi effetti d’illuminazione. Tanto ben di dio non arriva però senza lati negativi, purtroppo, poiché il motore grafico del gioco è un mattone non indifferente. Noi abbiamo giocato su un pc di fascia alta con una scheda grafica Nvidia, e al massimo del dettaglio il frame rate raramente ci ha fatto gridare al miracolo, senza contare un paio di fasi che sono riuscite a far singhiozzare persino la nostra macchina durante l’acquisizione. I driver dedicati per le schede Nvidia devono ancora uscire e dovrebbero migliorare sensibilmente la situazione, ma è evidente come l’ottimizzazione non sia proprio delle migliori. Presenti anche dei fastidiosi bug, tra cui problemi di interpolazione poligonale, raro pop in di alcuni elementi e texture, e un I.A. non propriamente sveglissima, che a volte si incarta bellamente senza motivo.
Buono il sonoro, anche se il doppiaggio migliore è sicuramente quello in lingua russa: quello inglese presenta accenti in simil russo forzatissimi che risultano spesso involontariamente comici e quello italiano non è in questo caso molto superiore. La lingua originale sottotitolata è la vostra opzione migliore se volete farvi catturare al 100% dal gioco.
Accettabile la longevità, con una campagna completabile in circa sette ore se non ci si preoccupa dell’approccio stealth o dell’esplorazione. Le ore possono facilmente divenire una decina tuttavia, specialmente se si è perfezionisti desiderosi di trovare tutte le note del diario di Artyom, o di ottenere gli achievements legati agli attacchi non letali e allo stealth. 
Recensione Videogioco METRO: LAST LIGHT scritta da PREGIANZA Metro: Last Light riesce a catturare alla perfezione l'atmosfera dei libri di Glukhovsky e propone una delle ambientazioni post apocalittiche più curate e coinvolgenti mai viste. Peccato che gli sviluppatori non abbiano dedicato la stessa cura nel miglioramento delle caratteristiche che rendevano unico il gameplay del gioco, mettendo in secondo piano quegli elementi survival che nel predecessore contribuivano non poco ad aumentare la tensione durante i livelli, almeno in difficoltà normal. Avremmo voluto più coraggio da parte dei 4A Games, ma quello che hanno creato è comunque un seguito più che degno e consigliato a tutti gli amanti degli FPS.
Appuntamenti LIVE e Video Rubriche
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 158
  • centovent...
    Livello: 0
    0
    Post: 1
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Lo sto giocando su linux anche se lo comprai al dai one . bellissimo è dire poco , ti racconta una storia e ti prende . La grafica merita davvero, molto molto ben fatta e curata . La storia bha, son a secco da troppo tempo per parlare . comunque va detto, divertentissimo il bug ad inizio gioco che credo presente solo in linux . quando salite la prima volta su un treno questo fa una curva.. l personaggio no! e va fuori dalla mappa .. per rimanerci XD
  • peppino-22
    Livello: 2
    11
    Post: 30
    Mi piace 0 Non mi piace -4
    Appena finito su ps3, ebbene spolliciatemi pure ma lo considero uno dei giochi più sopravvalutati di sempre.
    Aldià del fatto che la versione ps3 ha una resa grafica a tratti imbarazzante (ambientazioni riciclate,illuminazione orrenda, aliasing e scalettature ovunque, in un più di una scena il bagliore di una candela mi è apparso come un quadrato di luce, animazioni a dir poco scandalose, campionatura del suono delle armi oscena, i volti delle donne sono praticamente tutti uguali!) è il gameplay a non convincermi affatto: molte armi sono sbilanciate (le pistole assolutamente inutili, le pneumatiche e le doppiette troppo potenti, i cecchini che non hanno nessuna utilità contro i nemici che si presentano), le meccanica survival è solo accennata, le aree sono praticamente cosparse di munizioni un pò ovunque e non ha alcun senso ricorrere alle munizioni più potenti (quelle usabili come valuta per intenderci) sicchè possono essere scambiate con qualsivoglia tipo di munizioni e in gran quantità, i filtrini della maschera antigas si trovano in abbondanza pertanto il loro esaurimento non rappresenta mai una minaccia, così come le maschere antigas, che non arrivano mai a danneggiarsi troppo visto che si ha sempre a disposizione un comodo cadavere che ,guardacaso, ha sempre una maschera antigas integra da switchare. Le fasi stealth sono frustranti a dir poco: i nemici sono troppo suscettibili, venire scoperti è facile anche grazie all'impossibilità di spostare i cadaveri. Verso le fasi finali il piccolo tetro ci permette di vedere le posizioni dei nemici e il loro numero; peccato che queste siano sequenze preimpostate e non vi è la possibilità di sfruttare questa feature a nostro vantaggio (anzi nello scontro con Pavel a me ha dato più fastidio che altro). La trama poi è piatta, malnarrata e nioiosa e i colpi di scena (come il tradimento di Pavel) sono scontati a dir poco. Infine il gioco è pieno di bug assurdi (su ps3 ho avuto ben 2 crash, e ho dovuto rifare intere sezioni)
  • gex85
    Livello: 4
    359
    Post: 117
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Cavolo..non sapevo ci fossero 2 finali differenti..motivo in più per giocarlo e rigiocarlo
  • Leo2616
    Livello: 0
    0
    Post: 1
    Mi piace 0 Non mi piace -1
    Su pc io uso il controller thrustmaster dual analog 4 ma non me lo legge :/ come mai?
  • ennedia
    Livello: 0
    18
    Post: 6
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Sto recuperando un pò di giochi che mi son lasciato dietro negli anni. Questo gioco se pur non vecchissimo l'ho voluto recuperare..Gran bel gioco, consigliatissimo.
  • _vergil_
    Livello: 3
    1321
    Post: 225
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    gioco profondo è intenso lo consiglio a tutti.
  • assomiller
    Livello: 0
    -41
    Post: 2
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    CAPOLAVORO....che gioco ragazzi sono rimasto sbalordito, consigliatissimo!!
  • koinzell
    Livello: 4
    790
    Post: 14065
    Mi piace 4 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da ProcioneBionico
    Ciao a tutti! Vorrei chiedere un consigli a tutti coloro che hanno acquistato "Metro Last Light".Perchè sono indeciso se prenderlo o meno, e vorrei sapere se merita.Grazie


    La trama di Metro Last Light è profonda e ricca, regalandoci emozioni e facendoci sentire dei veri abitanti della metro moscovita. Metro Last Light è un meraviglioso connubio tra un gameplay vario, una grafica curata e una storia coinvolgente. Unica nota dolente l'I.A. dei nemici poco propensi a flancare o a usare tattiche diverse dal coprirsi o venerci addosso. Per quanto riguarda le musiche mi aspettavo qualcosa di più da Alexey Omelchuk: la colonna sonora si sviscera invece in modo indiretto, attraverso gli apparecchi stereofonici, le radio installati nelle stazioni, al massimo con un'evanescente melodia in sottofondo coerente con la singola area in cui ci troviamo un misto noise e tappeti di tastiere.

    Tecnicamente tenendo conto dei requisiti minimi e massimi per farlo girare il lavoro svolto dal team per portarlo su PS3 è ottimo. (parlo per la versione console). Comunque il gioco offre il giusto compromesso tra fasi da fps classico, fasi stealth (pensa che stò cercando di finirlo senza uccidere nessuno lol), fasi puramente horror.....detto questo il gioco merita parecchio.
  • ProcioneBionico
    Livello: 3
    50
    Post: 27
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Ciao a tutti! Vorrei chiedere un consigli a tutti coloro che hanno acquistato "Metro Last Light".Perchè sono indeciso se prenderlo o meno, e vorrei sapere se merita.Grazie
  • Underwold
    Livello: 0
    -95
    Post: 33
    Mi piace 3 Non mi piace 0
    Finito la 2 volta! il finale buono e molto più bello di quello cattivo.
    D'altronde se è il Finale BUONO un motivo c'è. Hahahaaaa

  • Livello: 0
    47
    Post:
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Giacomo_55
    Sul libretto ce scritto tutto... I pulsanti le interfaccie tutto


    Si lo so! pero Quando premo il triangolo cambia solo il fucile... forse dovrei premere contemporaneamente triangolo e sinistra? booo poi ciriprovo grazie lo stesso

  • Livello: 0
    47
    Post:
    Mi piace 0 Non mi piace -2
    Ragazzi qualcuno sa dirmi come si armano per lanciare le granate in modalità ranger visto che riesco solo a lanciare i coltelli il gioco celo per ps3 quindi indicatemi i tasti del joystick ps. :morrisplay:
  • koinzell
    Livello: 4
    790
    Post: 14065
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Metro33
    Miera sfuggito anche a me il fatto dei 2 finali differenti.... Sapevo che cera in metro2033 in questo sequel no. magari facessero più giochi con finali multipli in base alle scelte dei giocatori indurrebbe a giocarli più d'una volta per vederli tutti.

    Ragazzi qualcuno sa dirmi come si armano per lanciare le granate in modalità ranger visto che riesco solo a lanciare i coltelli il gioco celo per ps3 quindi indicatemi i tasti del joystick ps. :morrisplay:


    Per equipaggiare le granate premi (vedi immagine) per aprire l'inventario delle armi, una volta aperto scegli con:

    (vedi immagine) Granata
    (vedi immagine) Coltelli
    (vedi immagine) Granata Incendiaria
    (vedi immagine) Claymore

    Per lanciarle usa (vedi immagine) come faresti nel più classico dei COD
  • Giacomo_55
    Livello: 4
    1368
    Post: 352
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Sul libretto ce scritto tutto... I pulsanti le interfaccie tutto

  • Livello: 0
    47
    Post:
    Mi piace 3 Non mi piace -1
    Miera sfuggito anche a me il fatto dei 2 finali differenti.... Sapevo che cera in metro2033 in questo sequel no. magari facessero più giochi con finali multipli in base alle scelte dei giocatori indurrebbe a giocarli più d'una volta per vederli tutti.

    Ragazzi qualcuno sa dirmi come si armano per lanciare le granate in modalità ranger visto che riesco solo a lanciare i coltelli il gioco celo per ps3 quindi indicatemi i tasti del joystick ps. :morrisplay:
caricamento in corso...
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967