Recensione di The Walking Dead: Survival Instinct

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     PC, PS3, Wii U, Xbox 360
  • Genere:

     Sparatutto
  • Sviluppatore:

     Terminal Reality
  • Data uscita:

     22 Marzo 2013
4.0
Voto lettori:
9.0
- Approccio survival
- Doppiatori originali
- Pessima realizzazione tecnica
- Storia breve e trascurabile
- Poco vario e ripetitivo
- Gameplay lento e macchinoso
- Mero sfruttamento della licenza
Loading the player ...
A cura di Mattia Comba (Hybr1d) del
L’annuncio di un nuovo titolo riguardante l’apprezzatissimo universo di The Walking Dead ha suscitato scalpore tra gli appassionati, soprattutto dopo quel capolavoro targato Telltale Games che l’anno passato si è aggiudicato una marea di premi. A sto giro le premesse erano più che buone. Ci si aspettava un titolo action in prima persona ambientato prima dell’inizio della serie televisiva e quindi con grandi spazi di manovra dal punto di vista della trama. Le possibilità di raccontare la vita dei protagonisti allo scoppiare dell’epidemia erano pressoché infinite, con l’unico vincolo di convergere in un finale che creasse un continuum con serie tv. Il titolo infatti non è basato sul fumetto di Robert Kirkman, ma sulla storyline riadattata per l’omonimo telefilm prodotto dalla AMC. Proprio quest’ultima si è premurata di cercare una software house (Terminal Reality) e un publisher (Activision) a cui affidare il compito di creare un videogioco su licenza che possibilmente bissasse il successo dei colleghi. La scelta di fare di The Walking Dead: Survival Instinct un survival horror in prima persona avrebbe anche potuto pagare, ma le cose non sono andate come sperato.



Arrivano gli Zombie
Protagonisti del titolo sono i due fratelli Dixon. Alla comparsa dei primi zombie, Daryl, di cui avremo il controllo durante tutto il gioco, era impegnato in una battuta di caccia lungo le rive del fiume, insieme al padre e ad alcuni amici. Nei primi minuti della campagna principale, unica modalità presente in Survival Instinct, controlliamo il padre di Daryl che, sebbene armato di fucile, verrà velocemente sopraffatto da un gruppetto di non-morti. Alla sua morte proseguiremo controllando Daryl, imbarcandoci in una difficile fuga insieme ad un compagno di caccia del padre alla ricerca del fratello Merle, imprigionato in un commissariato di polizia a una decina di chilometri di distanza.
Questo segmento è profetico sulle scelte effettuate dai game designer di Terminal Reality. Morire è piuttosto facile, soprattutto quando i non-morti attaccano in gruppo e non lasciano spazio per la fuga. Oltre a colpirci direttamente a mani nude causando ingenti danni, possono avventarsi su di noi con una presa dalla quale possiamo sfuggire solo grazie a un quick time event. Premendo il tasto di attacco al momento giusto gli infileremo la lama del coltello dritta nel cranio, noto punto debole dei resistenti nemici. Completano il campionario di armi a disposizione del giocatore il martello, la balestra e alcune armi da fuoco, tra cui il revolver e un paio di fucili. Queste ultime sono le più efficaci per far saltare la testa ai nostri avversari, ma non vanno utilizzate a cuor leggero. Sulla via del bilanciamento, la scarsità di munizioni e il fragoroso rumore degli spari, in grado di attrarre mandrie di zombie, sono paletti che fanno propendere per un gameplay più ragionato e votato all’azione silenziosa piuttosto che alla carneficina. È meglio ricorrere alle armi da fuoco solo se si ha la sicurezza di avere abbastanza proiettili per fronteggiare in tempo utile tutti gli zombie nelle vicinanze, deviando dall’impostazione prettamente shooter che le prime informazioni e i primi video ci avevano fatto presagire. Trattandosi di un survival horror rimangono da prediligere le armi bianche e un approccio stealth, cercando, se possibile, di sorprendere alle spalle il maggior numero di nemici o distrarli evitando di essere scoperti. Il tal senso saranno d’aiuto le bottiglie di vetro sparse per lo scenario e i razzi di segnalazione.



Compagni di sventura
Oltre all’azione in prima persona, gli sviluppatori hanno introdotto in The Walking Dead: Survival Instinct alcuni elementi legati alla gestione delle risorse e dei compagni che si uniranno a noi durante l’avventura. All’inizio di ogni missione, tramite un apposito hub, abbiamo la possibilità di organizzare l’inventario e decidere cosa far fare ai superstiti, che potranno andare in cerca di carburante, cibo o munizioni. Ad ogni azione corrisponde una percentuale di pericolosità: la meno pericolosa è sicuramente aspettare in macchina il nostro ritorno, mentre le altre cambiano a seconda del luogo in cui ci troviamo e delle caratteristiche di ognuno. Nel caso vengano trasformati in zombie, perderemo il loro aiuto per tutto il resto dell’avventura, ma essendoci parecchi sopravvissuti in giro per le città, il titolo ne incoraggia l’utilizzo.
Per spostarci da un punto all’altro della mappa è necessario accumulare carburante per i veicoli e toccherà al giocatore decidere le varie tappe del viaggio, con piena autonomia sui luoghi da visitare e sull’itinerario da seguire. Abbiamo la possibilità di scegliere tra tre tipi di strade e ognuno ci metterà di fronte a situazioni differenti. Percorrendo quelle sterrate avremo maggiori possibilità di imbatterci in una proprietà dove trovare cibo, munizioni e carburante, mentre seguendo strade asfaltate e autostrade aumentano sensibilmente le possibilità di guasto del veicolo. Ovviamente la proprietà sarà infestata dai non morti, e non sempre decidere di ispezionarla in cerca di risorse si rivela una scelta corretta. Nel caso venissimo aggrediti in massa rischiamo di uscirne con meno munizioni e salute di quando siamo entrati.



Il vero orrore
Muoversi furtivi senza essere visti e pianificare l’attacco prestando attenzione al numero e alla posizione degli zombie sarà fondamentale per portare a termine le missioni principali e secondarie, dando un insospettato spessore al titolo che si rivela meno immediato di un action da giocare con il fucile spianato. L’alto livello di difficoltà e l’aggiunta della gestione dei compagni e delle risorse dona maggiore profondità a The Walking Dead: Survival Instinct che però sulla lunga distanza si rivela estremamente ripetitivo. Ad esempio gli scenari in cui avventurarci durante una sosta di emergenza dovuta a un guasto meccanico del veicolo o all’esaurirsi del carburante sono tutti uguali tra loro, mancando completamente di originalità e cura nella realizzazione. Se a questo si somma la macchinosità e lentezza del gameplay descritto sopra, che sfrutta fin troppo spesso malissimo le buone idee di fondo degli sviluppatori, tutta la struttura crolla come un castello di carte.
Survival Instinct cade infine fragorosamente su un comparto tecnico mediocre, che vanifica definitivamente le sue già poche qualità. Texture sottotono e in alcuni casi inguardabili, lunghi caricamenti, poca varietà negli zombie e modelli poligonali scadenti compromettono in maniera irrimediabile il titolo. Ci saranno sì e no cinque modelli differenti di zombie che in molti casi scompaiono dallo scenario una volta abbattuti o si ritrovano incastrati in routine completamente errate, come camminare incessantemente contro un muro o aggredire un veicolo “spolpandolo” come se fosse un cadavere umano. L’unico aspetto a raggiungere la sufficienza è il sonoro, che vanta il doppiaggio inglese di Norman Reedus e Michael Rooker, interpreti originali della serie tv.
Due parole anche per la versione Wii U, che abbiamo avuto l’opportunità di giocare per questa recensione. Il GamePad viene utilizzato per gestire l’inventario, consentendo una rapida selezione dell’oggetto desiderato con un solo tocco del piccolo schermo. Soluzione pratica che si rivela molto utile nelle situazioni più concitate evitandoci di navigare per i menu di gioco rallentando il fluire dell’azione. A differenza di quanto visto in altre produzioni, i caricamenti e il comparto grafico non trovano un reale miglioramento nelle maggiori potenzialità hardware della console, ribadendo il concetto che sul fronte tecnico il lavoro svolto da Terminal Reality lascia parecchio a desiderare.
Recensione Videogioco THE WALKING DEAD: SURVIVAL INSTINCT  scritta da HYBR1D Purtroppo The Walking Dead: Survival Instinct si è rivelato un titolo scadente, nonostante gli spunti interessanti messi in campo dal team di sviluppo. L’impostazione compassata da survival horror e gli elementi legati alla gestione di risorse e compagni hanno contribuito a rendere il titolo più profondo di quanto fosse lecito aspettarsi, vista la direzione shooting che sembrava emergere dalle prime presentazioni, eppure tutto è vanificato da meccaniche stantie e mal calcolate e da un comparto tecnico inguardabile. Questo è un prodotto realizzato in modo pessimo, che non lascia adito a scuse.
Appuntamenti LIVE e Video Rubriche
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 29
  • Ssplinter
    Livello: 0
    -5
    Post: 16
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da geppazzo

    Tu hai lo stesso quoziente intellettivo degli zombie che ci sono nel gioco per dire simili blasfemie!
    Prima di offendere la gente, impara a leggere, analfabeta. Insulti un utente senza neanche aver capito quello che ha scritto.
  • geppazzo
    Livello: 0
    -28
    Post: 15
    Mi piace 4 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da Viola4ever_95
    Un milione di volte meglio The Last of Us!
    Tu hai lo stesso quoziente intellettivo degli zombie che ci sono nel gioco per dire simili blasfemie!
  • Viola4ever_95
    Livello: 4
    2302
    Post: 395
    Mi piace 1 Non mi piace -3
    Originariamente scritto da Pierangelo
    questo gioco spera di fare delle vendite solo per il nome famoso, 300 mila volte meglio dead island riptide.


    Un milione di volte meglio The Last of Us!
  • Jackie
    Moderatore
    Mi piace 3 Non mi piace -7
    Ragazzi siamo nel topic di "The Walking Dead", siete pregati di non divagare parlando di altri giochi che non c'entrano col titolo in questione
  • Jiraiya-Sama
    Livello: 5
    42554
    Post: 2740
    Mi piace 5 Non mi piace -5
    non c'erano dubbi sulla pessima qualità del titolo.
  • Lone Wanderer
    Livello: 4
    691
    Post: 196
    Mi piace 2 Non mi piace -1
    Lee Everett Rules!!
  • Bossun_1994
    Livello: 1
    334
    Post: 121
    Mi piace 5 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Solid-SteBro
    tecnicamente parlando non si può obbiettare, l'unica pecca è che è lo stesso gioco da cod4

    se ce una differenza tra Cod4 e quelli di adesso e che almeno era un gioco completo. hanno fatto uscire un solo DLC e basta. mentre adesso paghi 70 euro e in più paghi 15 euro di DLC (mettiamo il caso del primo BO, 15 x 4 DLC= 60 euro) quindi per avere un gioco completo devi pagare 130 Euro. ok molti dicono che non è obbligatorio prendere i DLC ma e anche vero che se spendo 70 per il gioco e mi ritrovo altri 60 da spendere per DLC non mi sembra giusto. (Parere mio)
  • antras75
    Livello: 3
    236
    Post: 166
    Mi piace 2 Non mi piace -4
    La grafica sembra la stessa di Left4Dead...
  • Abe
    Livello: 4
    33222
    Post: 2162
    Mi piace 36 Non mi piace -2
    Sabato scorso ero a Mediaworld, ho visto per caso un ragazzo con in mano The Walking Dead: Survival Instinct, bello pronto a dirigersi alla cassa... Fortunamente ha trovato me che l'ha fermato, dopo averlo consigliato vivamente di lasciar perdere e spendere in modo migliore i suoi 60 euro, siamo andati insieme a vedere qualche alternativa, gli ho trovato Far Cry 3 a 30 euro che ha scambiato ben volentieri con The Walking Dead! ...Sono tornato a casa sentendomi un buon samaritano!!!
  • alfaboss
    Livello: 5
    1945
    Post: 190
    Mi piace 9 Non mi piace 0
    solo una domanda: perchè?
  • Solid-SteBro
    Livello: 7
    21407
    Post: 2227
    Mi piace 3 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da Bossun_1994
    Activision si impegna al massimo per realizzare bene i costi dei DLC di Cod che realizzare giochi fatti veramene bene.


    tecnicamente parlando non si può obbiettare, l'unica pecca è che è lo stesso gioco da cod4
  • The-o-Mad
    Livello: 4
    57
    Post: 28
    Mi piace 3 Non mi piace 0
    pessimo!! per quanto possiamo disporre di compagni nella nostra avventura, non li vedremo mai insieme a noi! una volta assegnati gli incarichi ognuno per strade diverse.. IA completamente inesistente.. ripetitivo e un livello tecnico di 10 anni fa.. amo la serie di TWD ma il prodotto è veramente imbarazzante!
  • Bossun_1994
    Livello: 1
    334
    Post: 121
    Mi piace 4 Non mi piace -10
    Originariamente scritto da Davi5000
    Activision = giochi scadenti con nomi famosi ---> $


    Activision si impegna al massimo per realizzare bene i costi dei DLC di Cod che realizzare giochi fatti veramene bene.
  • Bossun_1994
    Livello: 1
    334
    Post: 121
    Mi piace 3 Non mi piace -1
    sinceramente non mi aspettavo granché però mi fa dispiacere lo stesso visto che The Walking Dead è la mia Serie/Fumetto preferita.
  • Shepman94
    Livello: 4
    1885
    Post: 434
    Mi piace 6 Non mi piace -1
    Oh ma dai, perchè prendere questa schifezza quando abbiamo a disposizione giochi come The walking dead di Telltale (vale 10000000+ di questo... coso) e dead island e Riptide (avranno un pò di difetti ma sono sicuramente meglio di questo T.W.D. di activision). Un' occasione SPRECATA!
caricamento in corso...
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967