Recensione di Dead Space 3

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     PC, PS3, Xbox 360
  • Genere:

     Survival horror
  • Sviluppatore:

     Visceral Games
  • Distributore:

     EA
  • Lingua:

     Italiano
  • Giocatori:

     1 - 2
  • Data uscita:

     8 febbraio 2013
8.5
Voto lettori:
8.5
- E' sempre il caro e vecchio Dead Space
- Ambientazioni favolose
- Buon comparto tecnico
- La tensione è ancora un elemento importante
- La co-op è un'aggiunta interessante
- Qualche meccanica riciclata di troppo
- Nuove feature completamente superflue
- Microtransazioni? No, grazie.
- IA umana da rivedere
Loading the player ...
A cura di Tommaso Valentini (FireZdragon) del
Prendete tutto quello che pensate di sapere su Dead Space 3 e mettetelo da parte. Cancellate mesi di campagne pubblicitarie atte a mostrare al pubblico una co-op predominante e sparatorie rilevanti come nei migliori titoli action e aprite invece le braccia attendendo impazienti che la tensione e la paura tornino ad investirvi. Solo a questo punto sarete realmente pronti per poter intraprendere un nuovo viaggio spaziale nella mente e nelle carni di Isaac Clarke. Era necessario questo preambolo per tutti i coloro i quali negli scorsi mesi hanno creduto che la loro serie preferita fosse stata stravolta, spinta verso l’azione più marcata quasi a voler cancellare in toto quanto i primi e meravigliosi capitoli avevano saputo offrire al panorama videoludico.
Dopo aver portato a termine Dead Space 3 possiamo quindi tranquillizzarvi, lo spazio ignoto fa ancora saltare sulla sedia.



Ben ritrovato Isaac
Per poter apprezzare completamente gli eventi narrati in questo terzo capitolo è quantomeno necessario avere un’infarinatura generale degli accadimenti precedenti. Qui su Spaziogames potete trovare una recente e accurata retrospettiva ma il titolo, ad ogni modo, vi accoglierà con un breve filmato riassuntivo per allinearvi alla trama attuale.
Dopo aver lasciato lo Sprawl insieme in Dead Space 2, Isaac Clarke e Ellie Langfort si sono divisi, ma mentre il primo si è stabilito presso una colonia lunare, la bella Ellie ha continuato a cercare un metodo per porre fine in maniera definitiva all’avvento dei Marchi. La sua scomparsa durante una missione tuttavia convince Isaac a riafferrare il suo fido plasma cutter e partire per salvarla in quella che si trasformerà da li a breve in una nuova lunghissima avventura orrorifica. Questa volta, tuttavia, non saremo completamente soli e, quantomeno in termini di narrazione, dovremo interfacciarci con un intero team, tra cui svettano le personalità di Carver, uno spietato mercenario tormentato da un oscuro passato, e il capitano della spedizione Robert Norton, legato anch’esso in qualche modo alla nostra amica.
I necromorfi non saranno l’unico ostacolo questa volta dato che l’intera Unitology, una setta religiosa dedita alla venerazione dei marchi e comandata dal folle Danik tenterà in ogni modo di impedirci di portare a termine la missione.
E’ dunque completamente giustificato l’inserimento all’interno del gioco di truppe militari addestrate, che tanto avevano fatto discutere e parlare durante gli scorsi mesi. Le sessioni in cui dovremo confrontarci con loro rappresenteranno solo una minima parte del gioco e, ad eccezione di un livello iniziale che ci ha lasciato veramente spiazzati, dove l’azione regnava sovrana e sembrava di essere in un action shooter qualsiasi, le cose hanno iniziato a funzionare normalmente appena messo piede sulla nostra astronave.
Ci ha dunque stupito constatare che prima di arrivare su Tau Volantis, passeranno almeno tre ore, tra enigmi ambientali in cui utilizzare il nostro modulo cinetico per proseguire, aperture di porte meccaniche da ripristinare e moduli da riattivare per far funzionare nuovamente i motori del vascello.
Le prime ore trascorrono dunque nel silenzio assoluto dello spazio, con i necromorfi sempre decisi a farci a pezzi e con la paura costante di essere braccati in ogni singolo corridoio. Nulla dunque è sostanzialmente mutato rispetto al passato e le immancabili fasi a gravità zero in completa carenza di ossigeno (anche se dobbiamo segnalare i 200 secondi a disposizione contro la trentina risicata di un tempo) ci hanno riportato velocemente indietro di qualche anno.



Tau Volantis
Lo sbarco su Tau Volantis, pianeta ghiacciato vero e proprio protagonista della nostra storia, mescola le carte in tavola, portando Isaac per la prima volta a dover affrontare i nemici in campo aperto e, cosa ancor più pericolosa, rivelando condizioni climatiche assolutamente proibitive.
In questo senso sono le meccaniche di gioco a venirne maggiormente influenzate. Esattamente come succede nelle sezioni a gravità zero anche qui avremo un contatore sulla tuta che diminuirà progressivamente con il passare del tempo ma che indicherà, piuttosto che le scorte di ossigeno, la nostra temperatura corporea. Per evitare di morire congelati sarà dunque necessario avvicinarsi a fonti di calore e attenersi strettamente a percorsi ben definiti, cosa che ha permesso agli sviluppatori di inserire scene scriptate e momenti di tensione anche in questo frangente. Sebbene non ci siano più gli angusti corridoi metallici ed i continui rumori dell’astronave ad accompagnare ogni singolo passo l’atmosfera è garantita dalla costante tempesta di ghiaccio che stringe il pianeta, rendendo praticamente nulla la visibilità e frastornandoci con il continuo sibilare del vento. L’apparizione dei necromorfi dalla coltre di neve, chiaramente visibili durante gli spostamenti, e la loro comparsa improvvisa all’interno dei banchi di nebbia, riescono a tenere alta la soglia di attenzione del giocatore, non facendogli assolutamente rimpiangere le vecchie atmosfere claustrofobiche. Tutto questo porta inoltre un altro vantaggio, ovvero l’apertura inaspettata davanti ai nostri occhi di panorami mozzafiato, dipinti a opera d’arte grazie ad una direzione artistica davvero sopraffina. Tramonti e albe riscaldano davvero il cuore per quei pochi istanti che restano visibili, rigettando il giocatore nello sconforto più totale quando, da solo, questo deve ributtarsi nella bufera.
Un sistema di gioco che funziona quindi e che, quando sembra poter prendere una piega fin troppo libera dopo il ritrovamento della tuta termica, vira bruscamente, rigettandoci in strutture abbandonate e ambientazioni del tutto simili a quelle viste nei precedenti capitoli. Se vogliamo muovere una critica al titolo in questo frangente forse si può dire che proponga tutta una serie di situazioni già vissute altre volte nella serie, come la necessità di liberare il gas per uccidere un’infestazione di necromorfi rapidamente o ancora la frequente necessità di spostare le batterie per ridare elettricità ai diversi macchinari. Tutto insomma fuorché un allontanamento dai canoni. Unico appunto in questo senso è la mancanza delle visioni di Nicole che in Dead Space 2 erano uno degli elementi più sfruttati per spaventare il giocatore. Un’ambientazione di gioco in continua evoluzione dunque che parte da una semplice colonia lunare, probabilmente nella sezione meno riuscita della produzione, passando dallo spazio profondo fino ad arrivare nelle zone aperte di Tau Volantis per poi rigettarci in strutture chiuse, buie e terrificanti per una varietà più che soddisfacente.



Armi a gogo
A un cambio così radicato, ma al contempo riuscito della produzione, si affiancano ovviamente numerose nuove meccaniche per il gameplay.
Le prime riguardano il movimento di Isaac, ora in grado di compiere una rapida capriola per evitare gli attacchi ravvicinati (molto poco credibile con la tuta addosso) e la possibilità di chinarsi per trovare riparo dietro le coperture. In entrambi i casi abbiamo trovato le novità inserite a forze e assolutamente non necessarie. La facoltà di schivare può essere tranquillamente sopperita da un uso intelligente della stasi, tornata in grande spolvero anche nel terzo capitolo, mentre per le coperture il semplice nascondersi dietro i ripari svolge ugualmente bene il suo lavoro e forse, la possibilità di affacciarsi dagli angoli per dare uno sguardo ai corridoi bui, piuttosto che ripararsi dietro coperture basse, sarebbe risultato più pertinente con l’ambientazione.
Dal punto di vista delle armi invece è da prendere in esame l’inserimento del Bench, un banco da lavoro essenziale per potenziare il nostro equipaggiamento nei minimi dettagli. Ogni arma, ad eccezione del plasma cutter, ha infatti perso lo sparo secondario che ora può essere sostituito tranquillamente da un’altra bocca da fuoco. Potrete quindi unire un lanciagranate ad un mitragliatore e sfruttare entrambi in combattimento contemporaneamente. Per bilanciare il tutto gli sviluppatori hanno deciso di portare a due gli slot sul dpad dedicati alle armi e lasciarne uno allo scavenger bot. Un robottino automatizzato che andrà alla ricerca di nuovi pezzi da aggiungere automaticamente al vostro inventario. Sparsi per l’area di gioco infatti si potranno trovare gel, residui di tungsteno e altri molteplici materiali tutti utilizzabili per il crafting di nuovi equipaggiamenti, siano essi medikit, munizioni o gadget per le armi. Sono infatti spariti i crediti ed insieme ad essi le munizioni differenziate per arma, una semplificazione che permetterà di utilizzare per tutta l’avventura il nostro armamentario preferito.
Grazie a speciali progetti recuperabili per i livelli si potranno poi sbloccare accessori ulteriori, come per esempio raccoglitori automatici di munizioni, e potenziamenti dedicati per il danno, la velocità di ricarica, il numero di colpi nel caricatore o ancora la frequenza di fuoco. I bonus potranno essere inseriti in quattro slot dedicati e personalizzati a piacimento. Lo stesso discorso vale anche per il Rig, con bonus per vita, stasi e modulo cinetico da creare tramite l’utilizzo dei vari materiali. Per i più pigri inoltre Electronic Arts ha inserito la possibilità di acquistare con denaro reale pacchetti contenenti i materiali, così da sbloccare immediatamente armi e gadget più potenti, senza dover frugare in ogni angolo per ottenere il pezzo mancante. Un’aggiunta che non inficia sull’esperienza giocatore singolo ma che ad ogni modo avremmo preferito non vedere in un prodotto venduto a prezzo pieno.



Nemici, ma ormai vi conosco!
Una volta che avrete in mano tutto quell’armamentario non vedrete l’ora di poterlo utilizzare come si deve. Dead Space 3 vi coinvolgerà spesso in situazioni di fuoco incrociato dove membri di Unitology e necromorfi tentano di massacrarsi a vicenda. Ad eccezione quindi delle unità umane sarete già abituati alla tipologia di nemici che incontrerete. Gli sviluppatori non hanno infatti introdotto nessun necromorfo dalle meccaniche di gioco innovative, preferendogli nemici standard come hunter, slasher, leaper o infanti, seppur in nuove versioni. Tornano invece le boss fight, anche se non in numero significativo, dove sprigionare la propria potenza di fuoco sulle canoniche parti fluorescenti dei bestioni di turno per uscirne vivi.
L’IA non sprizza certo brillantezza ma, se da una parte da un necromorfo guidato dall’istinto la cosa è accettabile, vedere umani suicidarsi camminando all’indietro nel traffico e sfruttare davvero poco coperture e ripari un po’ fa storcere il naso. Il difetto è attenuato dallo scarso numero di situazioni in cui incontrerete i soldati ma è certo che un po’ di cura in più non avrebbe guastato.

Mai Soli
Si era fatto un gran parlare della modalità cooperativa, e questa sicuramente è un elemento di spicco in Dead Space 3. Attraverso matchmaking online o invito diretto tramite friendlist sarà possibile prendere parte alla campagna completamente in modalità cooperativa. In questo modo si potrà giocare anche nei panni di Carver, scoprire qualcosa in più sulla sua personalità e soprattutto prendere parte a tutta una serie di missioni facoltative, alcune disponibili anche in singolo, che vi permetteranno di sbloccare ulteriori bonus una volta portata a termine la storia principale.
Le due cose tuttavia restano estremamente separate e per tutta la durata della vostra partita, se giocherete in solo, Carver comparirà esclusivamente in alcune cut scene ma per il resto sarete abbandonati completamente a voi stessi.
Una volta completata la storyline principale, dopo circa otto ore di gioco anche a difficoltà normale, si sbloccheranno tutta una serie di modalità extra che non potranno che fare la gioia degli amanti della serie.
Tramite New Game + potrete ricominciare con tutti gli oggetti e tute già sbloccati, con classic avrete a disposizione invece solo le armi originarie senza potenziamenti o attachment di sorta e non si potrà partecipare a missioni cooperative, in Sopravvivenza Pura il titolo vi metterà a disposizione pochissime munizioni e medikit e in hardcore avrete solamente una vita a disposizione per finire il gioco.
Inoltre gli amanti del completismo potranno passare ore e ore sul gioco, nel tentativo di scovare tutti gli audiolog, textlog o artefatti nascosti nei vari livelli per una longevità complessiva davvero soddisfacente.

Di Isaac si può dire tutto… ma che sia bello proprio no.
Isaac ci ha sempre colpito proprio per il suo essere un ingegnere qualunque senza capacità particolari né tantomeno per essere di una beltà sopraffina. In tutto questo qualche colpa ce l’hanno i ragazzi di Visceral, con una costruzione poligonale dei volti che potrebbe essere migliorata. L’estetica delle tute standard questa volta non ci ha colpito come in passato, presentando modelli molto più retrò e prive dei classici visori a v a cui tanto eravamo affezionati. Al loro posto entrano in gioco suit da archeologi e soldati comuni senza particolari spunti artistici di interesse. Incredibile invece come accennato in apertura l’atmosfera che si respira su Tau Volantis così come quella negli stretti cunicoli delle installazioni e delle astronavi.
Ottimo come sempre anche il sonoro in grado di tenere il giocatore teso fino all’ultimo negli scontri, per poi abbandonarlo di nuovo al silenzio più totale appena i nemici non saranno più una minaccia.
Recensione Videogioco DEAD SPACE 3 scritta da FIREZDRAGON Dead Space 3 ci aveva spaventato. Electronic Arts ha deciso di spingere il prodotto con campagne molto distanti dall’essenza del titolo, rischiando così di allontanare dall’acquisto la fanbase più affezionata. Seppur con qualche sbavatura, le nuove feature ci sembrano davvero una forzatura in un sistema di gioco che già funzionava, il nuovo prodotto Visceral riesce a non deludere, capace com’è di offrire molteplici esperienze di gioco a un pubblico molto vasto. Una buona trama, un comparto tecnico più che discreto e il solito clima di tensione vi accompagneranno in uno dei migliori survival horror di questa generazione.
Appuntamenti LIVE e Video Rubriche
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 209
  • Passione-...
    Livello: 0
    0
    Post: 9
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Ieri me lo sono fatto prestare da un mio amico; stamattina 1 ora e mezzo di gioco e stop, nella custodia.Sono uno che di solito finisce il videogioco,ma con questo non mi viene voglia.Non ho giocato ai capitoli precedenti, quindi non sono abituato, ma il videogioco in se non mi piace Il videogioco è macchinoso, c'è poca azione ed è un tantino lineare. qualche animazione fa schifo,tipo la capriola che è fatta veramente male; potevano inserire un'animazione di difesa invece che sto schifo. Il gioco è ambientato nel futuro e ci sono caricatori da 20 colpi???boh. Alcuni elementi del videogioco offline non si possono usare perchè devo scaricarli; per scaricarli devo essere registrato a ea games, che sistema schifoso. In quel poco tempo in cui ho giocato, ho giocato in modalità media, e i nemici erano pochi. Le animazioni sono troppo meccaniche per un videogioco uscito nel 2013.
  • babai
    Livello: 1
    -68
    Post: 28
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    A metà l'ho rimesso nella custodia. X fortuna l'ho pagato solo 10 sacchi
  • S4tyr
    Livello: 2
    135
    Post: 24
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Ennesimo passo falso di EA. Mettere 8.5 ad un gioco che è decente là dove è la (brutta) copia dei precedenti e toppa in quasi tutte le novità è un'esagerazione. Tuta inguardabile, azione ormai obsoleta e mal calibrata (premetto che lo sto giocando ad hard , ma vogliamo parlare di quanto goffa sia la capriola e inutile il colpo meele?). Un gioco che ti induce al backtracking( porte da aprire con componenti craftati, missioni opzionali) e poi te lo nega chiudendo le aree, un gioco lineare ed ultra scriptato che riesce ugualmente anche ad essere strabuggato: giocato 3 ore e ho avuto 1-nemici che uscivano fuori dal nulla prima della cutscene o dell'evento necessario 2- necromorfi che più volte scappano senza motivo mentre mi avvicino a scale o transizioni varie 3-salvataggi buggati che mi rimandano indietro di un intero capitolo.I Necromorfi hanno perso carattere e anche l'atmosfera è ormai spompata
  • andrearossi1970
    Livello: 0
    -36
    Post: 4
    Mi piace 0 Non mi piace -2
    Il gioco è bello DVD1
    Il gioco fa schifo DVD2
  • andrearossi1970
    Livello: 0
    -36
    Post: 4
    Mi piace 0 Non mi piace -2
    Il gioco è bello DVD1
    Il gioco fa schifo DVD2
  • andrearossi1970
    Livello: 0
    -36
    Post: 4
    Mi piace 0 Non mi piace -2
    Il gioco è bello DVD1
    Il gioco fa schifo DVD2
  • andrearossi1970
    Livello: 0
    -36
    Post: 4
    Mi piace 0 Non mi piace -2
    Il gioco è bello DVD1
    Il gioco fa schifo DVD2
  • Pain
    Livello: 2
    -18
    Post: 50
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    mi ha vermanete deluso, sopratutto dopo la bellezza del 1 e 2.
    di claustrofobico non ha nulla, non mette per niente paura, non capisco perchè hanno dovuto cambiare i caschi delle tute (visto che erano un pò il simbolo della saga), scoprire che ci sarà un 4 mi fa pensare che stia diventando il nuovo resident evil(che di survival horror non ha nulla),i mostri sono tanti, troppi in certe situazioni e le munizioni e le cure non finiscono mai, cose che per un vero survival horror dovrebbero essere poche, se non rarissime, inoltre il fatto che non siamo mai insieme agli altri va bene, come negli altri capitoli, ma la maniera in cui ci separiamo da loro ogni volta mi sembra più che forzato davvero brutto. potevano almeno finirla con una trilogia visto che il finale era fato bene e chiudeva la storia con la distruzione delle lune, mentre poi si scopre nel dlc che solo una è stata distrutta e che le altre si vogliano vendicare.
    insomma per chiudere mi sono sembrate tutte idee stupide per far soldi e non per lasciare un qualcosa nel videogiocatore
  • zio83
    Livello: 0
    24
    Post: 10
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    A me è piaciuto molto, anche se qualche piccolo difetto è presente... comunque aspetto con ansia il 4 .. anche se ho sentito che forse il progetto è stato abbandonato..
  • Re Grigio
    Livello: 1
    32
    Post: 17
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    ho adorato dead space 1 per le ambientazioni la tensione e il backtracking
    ho adorato dead space 2 per l'azione la storia e le allucinazioni
    ho sopportato dead space 3 per il banco da lavoro

    insomma diciamocelo i necromorfi di questo capitolo fanno schifo (a parte il folder che è un idea carina) le tute sono indecenti (rimpiango la tuta da hacker del 2) e mi uccidono le missioni "coop only" senza contare che la storia non ha colpi di scena che non si vedono lontano chilometri anche se il finale chiude il cerchio
    il primo pezzo nel cimitero di navi non è male devo dirlo ma per il resto hanno preso a piene mani da "la cosa"
    inoltre ci sono troppi istant dead per poter giocare la modalità estrema

    il banco da lavoro però è un altra storia
    negli altri giochi si sceglievano quattro armi preferite di cui si usava solo la modalità principale perchè la seconda c'era solo per giustificare la rotazione del plasma cutter
    nel 3 invece si può scegliere tra 7 diverse alimentazioni ogniuna con diverse bocche da fuoco da montarci sopra variando in modo enorme l'offerta
    volete un fucile da cecchino con un lanciarazzi sotto canna? serviti
    volete un lanciafiamme che alterni getti di carburante incendiato e azoto liquido? serviti
    volete una rivettatrice incrociata con una motosega? serviti
    le munizioni per forza di cose sono universali togliendo un pò di suspance ma è inevitabile
  • MassimoTO
    Livello: 1
    13
    Post: 2
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    A me è piaciuto davvero molto! chi volesse giocare in coop su ps3 mi aggiunga pure , mio id è newkanon82
  • _vergil_
    Livello: 3
    1062
    Post: 197
    Mi piace 6 Non mi piace 0
    secondo me un bel 9 se lo meritava,speriamo in un 4 capitolo.
  • IsideEros
    Livello: 1
    10
    Post: 6
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Io adoro La serie Dead Space. Qualcuno potrebbe pensare che sono condizionata in positivo, ma invece avrei potuto avere più pretese.
    Questo terzo capitolo mi piace molto e mi rammarica sapere che i ragazzi che ci hanno lavorato non abbiano avuto sufficienti riscontri positivi, sia in critiche che in fattore economico, al punto da rinunciare all'eventuale continuo della saga. Sono d'accordo con le critiche positive e negative date dalla redazione, ma tengo a precisare che le critiche negative le ritengo non abbastanza influenti per giustificare un voto inferiore ad altri titoli per la quale non ho notato la stessa qualità tecnica, lo stesso coinvolgimento e la stessa campagna (per la quale sarebbe carino aggiungere un punto di valutazione da confrontare in ogni gioco). Periodicamente mi rigioco l'intera Saga e per me è rarissimo che succeda con un videogioco. Il terzo capitolo è migliorato sotto tutti gli aspetti ed ho particolarmente apprezzato l'aumento di aggressività dei mostri. Sono contenta che la dinamica del gioco sia rimasta uguale e che i mostri siano abbastanza simili in tutta la serie, come aspetto e come metodo di uccisione, perchè è l'essenza di questo gioco.... un po come lasciare gli stessi attori in una trilogia di film. Concordo pienamente sull'assurda stupidità dei nemici umani e credo che un quarto capitolo avrebbe portato equilibrio anche in questo difetto.... forse aggiungendo anche un pò di azioni stealth (dato che alcuni nuovi movimenti sono già stati aggiunti). Chi ha apprezzato il primo Dead space, non può non avere la serie completa, perchè insieme creano un'unico grande gioco, il migliore del suo genere!
  • Maurigno78
    Livello: 5
    24016
    Post: 3984
    Mi piace 4 Non mi piace -1
    ragazzi comprato, pagato 15 euro nuovo.. devo dire che ero un po' indeciso su questo gioco dopo aver letto svariate critiche.. ma diamine sono al 15esimo capitolo e mi sta piacendo tantissimo.. forse un po' troppo action è vero.. ma se volete un consiglio : non lasciatevelo scappare!
  • SnakeOrion
    Livello: 4
    475
    Post: 67
    Mi piace 3 Non mi piace 0
    Phil Collins sotto Dead Space è bellissimo! haha
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967