Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Mars: War Logs

Mars: War Logs

Il Pianeta Rosso non è mai stato così cupo e tirannico

Anteprima

PC, PS3, X360

Action-Adventure

Halifax

Disponibile

A cura di Andrea “Specialized” Visconti del 23/12/2012
Attivo da quasi cinque anni, il team francese di Spiders sta finalmente coronando il suo grande sogno dopo tanti progetti vissuti come partner e co-sviluppatore (Of Orcs and Men, The Testament of Sherlock Holmes, R.U.S.E., Gray Matter). L'idea di ambientare un action-GdR su Marte era infatti da sempre un pallino di Jehanne Rousseau e soci e finalmente, grazie all'appoggio produttivo di Focus Home, quel chiodo fisso diventerà presto realtà. Mars: War Logs è infatti atteso per la primavera del 2013 in versione download per PC, Xbox 360 e PlayStation 3, anche se non abbiamo ancora visto il gioco in azione e l'ultimo trailer di pochi giorni fa si è limitato ad alcune cut-scene realizzate con il motore del gioco.
Pronti a conoscere i Technomancer?
A dire il vero alcuni giornalisti lo hanno potuto provare ad agosto alla GamesCom di Colonia, ma per l'occasione Mars: War Logs è passato quasi del tutto inosservato e viste le aspettative è un vero peccato. Spiders promette infatti una formula molto interessante su un po' tutti i versanti, iniziando proprio dall'ambientazione marziana. Il protagonista Roy Temperance è un abitante di Marte (il gioco sarà naturalmente ambientato nel futuro), impegnato a cercare una via di fuga dal carcere dove è rinchiuso. La vita non è per nulla facile sul Pianeta Rosso. I contatti con la Terra sono assenti da decenni e la tecnologia è quanto mai arretrata, anche se è la scarsità di acqua a rappresentare il problema maggiore. Per questo le quattro compagnie che si contengono i pochi pozzi rimasti si fanno la guerra per ottenere più potere politico possibile, governando con il classico pugno di ferro e instaurando quella che pare a tutti gli effetti una vera e propria dittatura. Dietro questo sfondo politico convulso e in continuo mutamento, si muovono da un lato i mutanti (resi tali dall'eccessiva esposizione al sole) e dall'altro i Technomancer, custodi di arti magiche e tra i pochi a possedere ancora capacità e basi tecnologiche. Naturalmente avremo a che fare con entrambi (i mutanti saranno tra i principali nemici da combattere), con quest primarie e secondarie che secondo Spiders ci porteranno via dalle 12 alle 15 ore. Non tantissimo per un action-GdR, ma considerando il prezzo a cui sarà venduto il gioco su XBLA, PS Store e Steam non ci si può affatto lamentare.    

L'importanza del crafting
Il gameplay si concentrerà su un mix di combattimenti, esplorazione e dialoghi e nel corso del gioco Roy avrà al suo fianco fino a cinque alleati, che reagiranno coerentemente a seconda del nostro comportamento inserendo meccaniche morali ed etiche che si preannunciano molto interessanti. La componente ruolistica sarà presente soprattutto nella ramificazione delle abilità di Roy, che potrà specializzarsi nei campi della Forza, dello Stealth e della Tecnologia. Quest'ultima sarà incentrata anche sullo sviluppo di poteri particolari, tra cui la capacità di scagliare potenti scariche di elettricità sullo stile di Infamous come visto nell'ultimo trailer. Inoltre, visto che su Marte la tecnologia terrestre è solo un lontano ricordo, la maggior parte dei combattimenti sarà basata sul corpo a corpo, con solo pochi casi di scontri a distanza e con ancora un minor utilizzo di armi da fuoco. Per questo Roy dovrà diventare anche un bravo crafter, raccogliendo materiali per potenziare le proprie armi o distruggendo quelle che ha per rifarne di nuove con vari upgrade. 

Sarà un successo?
Nella demo di Colonia ad esempio il nostro alter ego modificava una spranga di ferro con un ulteriore peso in testa per avere maggior impatto, ma si tratta solo di un primo e semplice mattoncino di un sistema di crafting che si preannuncia molto più vario e articolato. I dettagli svelati da Spiders, a cui aggiungiamo l'assenza di un comparto multiplayer, si fermano qui, ma bastano già per attendere Mars: War Logs con aspettative piuttosto alte. L'unico aspetto forse meno entusiasmante è il tipo di ambientazione e di impronta artistica. Tra Rage, Borderlands, Red Faction, steampunk, distopia, atmosfera cupa e opprimente e tocchi a la Blade Runner, non si può dire che il team francese abbia creato un mondo di gioco tra i più originali visti ultimamente. Per saperlo con certezza però non ci rimane che attendere nuove informazioni e nuovi filmati, magari con sequenze di gameplay per scoprire il sistema di combattimento e ammirare qualche scorcio esterno con i desolati deserti marziani.    
  • [+] Un actionGdR su Marte è cosa buona e giusta
    [+] Crafting e combattimenti promettono bene
    [+] Le implicazioni morali si preannunciano interessanti

Escludendo un'ambientazione carica di fascino ma non certo originalissima, Mars: War Logs si preannuncia come uno degli Action-GdR più interessanti degli ultimi mesi, almeno per quanto riguarda le uscite in digital delivery. Spiders promette infatti 15 ore di gioco tra combattimenti corpo a corpo, esplorazione, dialoghi, scelte morali, crafting e specializzazioni varie in stile ruolistico. L'aspetto tecnico rimane un'incognita (non abbiamo ancora visto scene di gameplay), ma a parte questo e altri piccoli dubbi siamo davvero curiosi di vedere il risultato finale.

0 COMMENTI