Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Lost Planet 3

Lost Planet 3

L'annuncio bomba del Captivate visto da Spaziogames

First Look

PS3, X360

Action-Adventure

Italiano

Halifax

30 Agosto 2013

A cura di Alessandro “Mugo” Arndt Mucchi del 11/04/2012
Roma - Partecipare a un evento come il Captivate vuol dire, tra le altre cose, fare anche qualche previsione sui titoli che verranno presentati. Per l'edizione 2012 della due giorni dedicata a Capcom ci aspettavamo di vedere Resident Evil 6, o Dragon's Dogma, e ci aspettavamo anche qualche annuncio relativo a un gioco nuovo, perché, e lo sappiamo bene tutti, niente funziona meglio di una novità per attirare l'attenzione.
Le nostre aspettative non sono state deluse, perché il Captivate 2012 è stata occasione per Capcom di presentare per la prima volta alla stampa Lost Planet 3
L'epica lotta dell'uomo contro la natura 
La serie di Lost Planet, e lo si intuisce anche dal nome, ha tra le sue caratteristiche principali quella di portare il giocatore a confrontarsi con la natura, come antagonista principale. O meglio, questa era l'intenzione degli sviluppatori, non sempre perfettamente riproposta. Con Lost Planet 3, l'idea è quella di creare un titolo il più fedele possibile a quella cifra stilistica, un titolo che, veramente, faccia sentire il giocatore solo una piccola pedina strapazzata dalle tempeste di neve su un pianeta ostile e inesplorato. 
La nostra pedina prende il nome di Jim, e di mestiere fa l'operaio interplanetario. Jim, infatti, è un pilota di mech, ma non di quel tipo di mech tutto mitragliatrici e lanciarazzi, nel nostro caso si tratta di robot progettati per l'esplorazione e per i lavori pesanti, compiti a cui vengono chiamati proprio per le primissime fasi della colonizzazione del pianeta nevoso.
Diciamo primissime, perché Lost Planet 3 è un prequel che si svolge diversi anni prima degli altri capitoli della serie, e il compito principale di Jim è quello di posizionare i piloni sciogli-ghiaccio che abbiamo trovato nelle nostre peregrinazioni nei giochi precedenti. 

Portare a casa la pagnotta 
Jim non è un mercenario, non è un ex galeotto senza niente da perdere, non è un uomo senza scrupoli che gioca con la propria vita per il vile denaro. Jim è un padre di famiglia, un uomo che per assicurare una certa stabilità economica ai suoi cari, decide di partire alla volta di un pianeta lontano per un lavoro ad alto tasso di rischio.
L'aspetto psicologico del protagonista viene presentato tramite diversi filmati nella forma di video lettere che Jim e la moglie si scambiano, lui parlando delle difficoltà operative, e lei con amorevoli attenzioni. 
Fughiamo subito eventuali preoccupazioni, dicendo che il risultato non è affatto melenso o stucchevole, anzi, già nel giro di poche immagini si entra in sintonia col protagonista, e non si affrontano le missioni solo per i punti, ma per un motivo ben più alto. Questo rende l'esperienza di gioco decisamente più profonda, nonostante sia un titolo che fa dell'azione il suo punto forte. 

E' uno sporco lavoro, ma qualcuno deve pur farlo
Essere i primi colonizzatori ha certo il suo fascino, anche se ogni uscita dall'hangar dove sono a riposo i mech potrebbe essere l'ultima, visto che nelle lande dominate dai ghiacci, il freddo è solo il più tenace dei nemici, ma non certo l'unico. 
Durante la presentazione abbiamo visto diverse tipologie di gameplay all'interno della stessa missione, una prima fase di gioco si svolge al comando del mech, un robottone in grado di farsi largo tra i ghiacci grazie alla trivella meccanica posta sul braccio destro, in questo frangente l'unico vero pericolo è dato dall'abbassarsi della temperatura e dall'arrivo di una tempesta di ghiaccio, che congela gli arti del robot costringendo il giocatore ad abbandonare l'abitacolo per ripristinare la motilità del suo involucro metallico a colpi di mitragliatrice. 
Una volta coi piedi per terra, abbiamo visto due tipologie di gameplay, una prima spiccatamente action che consiste nello scontro con le creature ostili che popolano il pianeta, e una seconda più esplorativa che ricorda per le atmosfere i film della serie Alien e Dead Space. 
Ora, non stiamo certo parlando di un survival horror, ma percorrere dei metallici corridoi di un'installazione umana abbandonata non può che ricordare il titolo Electronic Arts, se a questo ci aggiungiamo anche una rappresentazione grafica dell'inventario molto simile, ecco che il confronto sorge spontaneo. 
Durante le fasi di combattimento, invece, abbiamo visto all'opera due diverse tipologie di nemici molto diverse per comportamenti e tattiche, ma unite dalla comune presenza di parti del corpo arancione foscorescente, così da indicare al giocatore dove essere colpiti.
I nemici base, diciamo, sono dei quadrupedi simili ai felini per comportamenti e tattiche, basate su rapidi assalti, ritirate strategiche, e soprattutto sulla forza del gruppo. 
Più interessante è stato lo scontro con quello che sembrava una sorta di boss, un gigantesco granchio-aracnide (chi ha detto giant enemy crab?) che si è rivelato una sfida decisamente più impegnativa. Certo, un conto è affrontarlo a piedi, mentre un altro e incontrarlo quando si è a bordo del mech, che con le sue pinze e trivelle non ha avuto grossi problemi a trionfare. 
Come ci hanno detto gli sviluppatori, c'è sempre un pesce più grande di te nello stagno, ed è così che abbiamo fatto la conoscenza di un granchione ancora più grosso del primo, che è stato occasione per mostrare diverse meccaniche basate sulla cooperazione tra Jim e il suo mech. Il bestione, infatti, è dotato di un esoscheletro incredibilmente resistente, che non viene scalfitto neanche dalle trivelle del robot: la tecnica vincente sarà dunque quella di immobilizzarlo con le pinze, uscire dal mech e, da una prospettiva privilegiata, sparare in direzione del proverbiale ventre sensibile.
La diversificazione pare essere stata nei piani degli sviluppatori, anche se speriamo che il mech non si geli ogni due per tre attivando sempre il solito siparietto, perché alla lunga diventerebbe ripetitivo e tediante. Come speriamo che non sia eccessivo l'uso dei quick time events che, anche se in una connotazione particolarmente attiva, non sono mancati durante gli scontri. Nello specifico, quando si viene atterrati da un nemico, bisogna utilizzare lo stick analogico per mirarne le fauci e cliccare al momento giusto così da assestare un buon colpo. Una scelta che rende la difficoltà del corpo a corpo, ma che, se abusata, potrebbe annoiare. 

Winter is coming 
La neve, candida e letale, è la grande protagonista visiva di Lost Planet 3, e certo la sua presenza contribuisce a non impegnare particolarmente il motore grafico, che può così dedicarsi alla cura del protagonista e del suo mech, in diverse fasi gli unici veri e propri elementi a schermo. E' così che l'impatto è decisamente positivo, con animazioni credibili e direzione artistica indovinata: sia Jim che il mech sono ben disegnati e ricchi di particolari, come del resto ci è parso ispirato il design dei nemici, su tutti i granchioni giganti che, anche per le loro dimensioni, fanno una discreta figura.
Nelle fasi al chiuso, come abbiamo già detto, non si può evitare di andare con la mente ad Alien prima e Dead Space poi, visto il susseguirsi di corridoi abbandonati, luci traballanti e mostriciattoli rapidi e furtivi, ma questo non è certamente un male. 
  • [+] Aspetto emotivo ben realizzato
    [+] Tecnicamente convincente
    [+] Gameplay vario

La prima presentazione di Lost Planet 3 mette molta carne al fuoco, le fasi esplorative, i combattimenti, le sezioni al chiuso, il peso emotivo, e i potenziamenti del mech. L'impressione è che sia necessaria una prova di almeno un'ora per capire se tutti questi ingredienti siano amalgamati bene, rimanete su Spaziogames per scoprirlo.

0 COMMENTI