Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
What's Up 25 - 31 marzo

What's Up 25 - 31 marzo

I fatti della settimana

Rubrica
A cura di Alessandro “AleZampa” Zampini del 01/04/2012
Eccoci ad una nuova puntata di What's up on Spaziogames, la rubrica settimanale che vi tiene aggiornati su tutti i più importanti accadimenti del mondo videoludico verificatisi negli ultimi sette giorni.

News
L'annuncio della settimana non poteva che essere quello riguardante Epic Mickey 2 da parte di Disney e Junction Point Studios, che hanno annunciato che il titolo, in uscita il prossimo 26 settembre nelle versioni Xbox 360, Playstation 3 e Wii, avrà anche una versione PC, che rimane però senza data. Sul fronte PC ha fatto invece meglio Ubisoft, dichiarando che Shoot Many Robots uscirà il prossimo sei aprile. Sono diverse le conferme e gli annunci avvenuti in questa settimana: partiamo da Gust, che ha rivelato il nome ufficiale del progetto precedentemente noto come A14, che da oggi invece chiameremo, con molta fantasia, Atelier Asha. Il titolo è atteso in Giappone il prossimo 28 giugno, mentre non c'è ancora nessuna notizia in merito alla versione europea. Ad annunciare qualcosa di nuovo ci hanno pensato due studi storici che non vivono un momento particolarmente brillante: il primo è Obsidian, che starebbe lavorando ad un nuovo progetto da finanziare tramite Kickstarter, mentre il secondo è Silicon Knights, che ha annunciato che il suo team di sviluppo, sta lavorando su uno dei loro vecchi IP più amati e richiesto dai fan. Il titolo arriverà sulle console di prossima generazione e non su quelle attuali, ma altre informazioni non son state rilasciate se non che il team è vivo e vegeto e che è pronto a ricominciare dalle proprie origini. Novità anche dagli svedesi Starbreeze, al lavoro su un gioco Free-To-Play intitolato Cold Mercury. Lo studio ha anche affermato di star lavorando con il regista svedese Josef Fares per lo sviluppo di un IP con il nome in codice P13, per il quale al momento la software house sta cercando un accordo di distribuzione.
Fresco fresco di data ufficiale di pubblicazione ecco tornare alla ribalta Diablo III:
Paul Sams di Blizzard ha infatti speso qualche parola sulla versione per console, dicendo che la compagnia ha deciso di rilasciare il gioco anche su console non per ragioni economiche, ma semplicemente perché è un prodotto che si presta ad una conversione. Sono trapelate questa settimana inoltre diversi rumor, riportati da Kotaku sulla console Sony di prossima generazione, che dovrebbe chiamarsi Orbis e sarà in commercio per la fine del 2013. Secondo il sito americano gli sviluppatori hanno per le mani i kit di sviluppo dall'inizio di quest'anno, la console non sarà retrocompatibile, e così come già vociferato per la nuova Xbox, avrà un sistema per bloccare l'utilizzo di giochi usati. Sempre secondo la fonte anonima di Kotaku le specifiche tecniche della console permetteranno di arrivare alla risoluzione di 4096x2160 in modalità standard e garantiranno la visualizzazione di immagini in 3D a 1080p. Dalle speculazioni passiamo invece ai dati nudi e crudi del bellissimo Journey (qui la nostra recensione), diventato il titolo più venduto di sempre sulla piattaforma di distribuzione digitale Sony, nonchè il titolo che ha venduto più rapidamente sullo store americano. Grosse novità anche in casa Apple, con Angry Birds Space arrivato in soli tre giorni agli oltre dieci milioni di download e Baldur's Gate Enhanced Edition, che dopo la conferma dell'approdo su iOS vedrà la sua presenza anche sul sistema OS X. Chiudiamo infine con l'ingresso nell'arena del mobile gaming di Crytek, che ha reso venerdì disponibile Fibble, che mette i giocatori nei panni di un extraterrestre precipitato sulla Terra che ha perso contatto con il proprio equipaggio.

Recensioni
A scorrere l'elenco dei titoli recensiti sembra di assistere ad un revival, visto il numero di brand storici riproposti nel corso dell'ultima settimana. Partiamo subito con Ninja Gaiden 3, che è però uno spaventoso passo indietro rispetto ai capitoli che l'hanno preceduto. Hayashi aveva promesso una rivoluzione ma, invece di migliorare il sistema di gioco, ha sfornato un action game eccessivamente semplificato, lineare e ripetitivo, che le esagerate sequenze di intermezzo tra un combattimento e l'altro non bastano a risollevare. Rimane un prodotto passabile che può divertire, specialmente alle difficoltà più elevate, ma vedere un'icona del gaming come Ryu Hayabusa sulla copertina di un titolo così mediocre non è piacevole. Se questa è l'idea di evoluzione del Team Ninja, non osiamo immaginare cosa possano combinare con i brand che gli rimangono. (Voto: 6,5 ). Anche Silent Hill è tornato proprio questa settimana con Downpour, gioco dotato di un’atmosfera superiore alla media che vanta alcune sezioni esplorative davvero degne di nota. I programmatori sono riusciti in più fasi a mescolare sapientemente alcune delle migliori feature dei primi capitoli della serie, ed è quindi un peccato che la realizzazione tecnica e le meccaniche di gioco legate alle sezioni action rovinino un prodotto che avrebbe meritato sicuramente maggior considerazione. Anche in questo stato Downpour è un acquisto quasi obbligato per i fan della saga, che però devono avvicinarsi con la consapevolezza dei suoi limiti tecnici e concettuali. (Voto:6,5 ). Una ventata di novità, per quanto riguarda almeno l'età anagrafica la porta Naruto Shippuden: Ultimate Ninja Storm Generations, che è indubbiamente uno dei migliori titoli tratti da manga attualmente in circolazione. Gli sviluppatori hanno fatto un mezzo passo falso con i cambiamenti allo Story Mode, ma le modifiche apportate al sistema di combattimento sono ben congegnate, e migliorano sostanzialmente il gameplay molto accessibile e divertente della serie. Il roster stratosferico, il buon comparto online, e il grande quantitativo di contenuti assicurano molte ore di svago, dunque tenete questo gioco seriamente in considerazione se siete fan di Kishimoto e della sua opera. (Voto: 8). Chiudiamo infine con Riiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiidge Raaaaaaaceeeeeeeeeeeer Unbound, titolo ricco di alti e bassi. Se da una parte il gioco riesce a divertire, pur non proponendo niente che non sia già visto in qualche altra produzione, ben presto le gare tutte molto simili tra loro spingeranno il giocatore verso un multiplayer fin troppo carente di opzioni. Buono il comparto tecnico e la soundtrack, anche se gli effetti sonori potevano essere curati con maggior attenzione. Ci togliamo invece il cappello davanti al lavoro svolto sull'editor delle piste: uno strumento davvero incredibile che, nelle mani di una community capace, potrebbe veramente fare la differenza tra il successo del titolo od il suo veloce abbandono. (Voto: 7,5)

Anteprime e Speciali
Anteprime di assoluto spessore quelle apparse nei giorni scorsi sulle nostre pagine, a partire dall' hands-on con Dead or Alive 5 che riesce già a farsi apprezzare a questo stadio di sviluppo grazie al maggior indirizzo all’interattività con i fondali di gioco, e con la feature del nuovo colpo a carica da tenere sotto stretta osservazione. Al momento abbiano notato come sia davvero semplice riuscire a “piazzarlo” e che, in secondo luogo, il rallentamento di tempo durante il quale scegliere dove lanciare il nemico spezzi troppo l’azione di gioco, da sempre invece fluida, con un gameplay basato più sulla bravura nell’intercettare gli attacchi avversari piuttosto che vincere cercando di usare i fondali di gioco. Manca ancora molto prima che il titolo arrivi sugli scaffali in una forma definitiva, restate quindi con noi per seguire l'evoluzione di questo attesissimo picchiaduro e verificare come seguiranno i consigli dei fan gli sviluppatori. Altro titolo che abbiamo potuto provare con mano è stato Kingdom Hearts 3D, che possiamo senza dubbio giudicare positivamente sia dal punto di vista tecnico sia per la varietà di situazioni presenti nell’esplorazione del mondo di gioco, che rendono varia e divertente l’esperienza. Sebbene dovremo attendere il prodotto finale per verificare anche la bontà del resto delle location, si può senza dubbio promuovere il combat system vario e spettacolare, ponendo al momento come unico neo la telecamera di gioco, problema comunque risolvibile con la compatibilità del famoso 3DS Circle Pad. Sempre in ambito Disney passiamo a Epic Mickey 2: L’avventura di Topolino e Oswald che ha tutte le carte in regola per bissare il successo del suo predecessore, e questo grazie all'approdo del titolo anche sulle console HD. Purtroppo per poter esaminare nel dettaglio la qualità tecnica del gioco dovremo per forza di cose attendere una versione giocabile più completa dato che quella mostrata durante la presentazione era ancora troppo indietro in termini di sviluppo. Quanto visto però fa comunque ben sperare, merito di una co-op interessante con un pratico sistema di drop-in e drop-out, e di una storia narrata in puro stile Disney. Dulcis in fundo, due titoli sicuramente attesissimi da milioni di fan: Assassin's Creed III, che contiene tutte le caratteristiche che hanno reso il brand un successo mondiale, arricchite questa volta da nuove meccaniche e una rinnovata cura in molti aspetti del gioco e ovviamente il prossimo Sim City. La nostra visita agli studi di Maxis è stata infatti molto interessante più per l'averci permesso di sbirciare il processo creativo che sta alla base di un titolo come SimCity, che per l'effettiva quantità di materiale mostratoci. Infatti, non è che si sia visto molto del gioco in movimento, per ora quindi dobbiamo limitarci a una generica sensazione positiva, data dalla grande passione e professionalità degli sviluppatori. Non vediamo l'ora, dunque, di saperne di più, e soprattutto di metterci le mani per raccontarvi una prova giocata.
0 COMMENTI