Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
MUD - FIM Motocross World Championship

MUD - FIM Motocross World Championship

Un tuffo nel fango di Milestone

Provato

PC, PS3, X360

Simulazione guida

Completamente in Italiano

Leader

27 Aprile 2012 PC/PS3/X360 - PS Vita 12 ottobre 2012

A cura di Niccolò “Nitro” Forlini del 21/02/2012
Dopo il grande successo ottenuto con i brand di WRC e SBK, il team di sviluppo italiano Milestone volge la propria attenzione a fango e a moto da cross sviluppando MUD - FIM Motocross World Championship.
In questi ultimi giorni abbiamo avuto modo di provare una nuova build del titolo, eccovi le nostre nuove impressioni.

Welcome to MUUUUUUUD!
Come in ogni racing game che si rispetti, anche in MUD – FIM Motocross World Championship saranno presenti le principali modalità di gioco quali Gara Veloce e Campionato, dove potremo scegliere il nostro corridore da una vasta lista di piloti realmente esistenti, italiani e non.
Prima di ogni competizione sarà inoltre possibile impostare la durata ed il numero di giri, così come la difficoltà dell’IA.
Oltre a queste due, MUD – FIM Motocross World Championship offre la variante MUD World Tour, che ci vedrà vestire i panni di quattro eroi, ognuno dei quali possiederà proprie peculiarità e caratteristiche, differenti per abilità e talenti, per la cui descrizione vi rimandiamo ai paragrafi successivi.
Il MUD World Tour offre cinque differenti eventi al suo interno: Corsa, Coppa Eliminazione, Gara a Checkpoint, Testa a Testa e Monster Energy Trick Battle.
Il primo è la classica gara veloce, dove sarà necessario farsi strada tra i quindici avversari che gareggeranno contro di noi e tagliare il traguardo per primi. Peculiarità di questa modalità è che non vi sarà un numero predefinito di giri, poiché sarà necessario correre per 3/5/7 minuti e, successivamente, portarne a termine uno ulteriore.
Coppa Eliminazione vedrà tutti i giocatori correre all’impazzata per sfuggire ad un countdown che determinerà il game over per il concorrente in ultima posizione ogni 15/20 secondi.
Gara a Checkpoint, invece, vedrà il giocatore e la sua moto soli contro il tempo: bisognerà infatti tagliare il maggior numero di punti di controllo entro il termine prefissato, pena l’impossibilità di giungere sul podio e vincere preziosi crediti. Testa a Testa, come facilmente intuibile dal nome, vedrà infine giocatori correre contro un unico avversario controllato dall’intelligenza artificiale.
La modalità che dà tuttavia più soddisfazione oltre che sfogo alla creatività e, perché no, anche ad un pizzico di follia è Monster Energy Trick Battle Mode, il cui scopo consiste nel totalizzare più punti possibili grazie alla miriade di acrobazie effettuabili, che, se unite in spettacolari combo, saranno la chiave per il successo. E’ da segnalare a tal proposito il grande numero di trick esistenti, ben trenta, che a volte sapranno lasciarvi a bocca aperta una volta eseguiti. L’attivazione degli stessi risulta inoltre molto semplice, grazie alla presenza di una lista consultabile liberamente dal menu di pausa, ideale per chi è incline a dimenticare spesso le sequenze.
Durante le gare sarà inoltre possibile, tramite il medesimo menu, entrare in modalità foto e catturare immagini di gioco. Molto valido l’editor presente, il quale consentirà di modificare differenti parametri (contrasto, luminosità, gamma, esposizione e saturazione) ed applicare altrettanti effetti selezionabili da diversi preset.
Una volta vinta una gara verranno assegnati dei crediti spendibili per sbloccare nuovi eventi nel menu di gioco, acquistare nel negozio altri eroi o accessori, come caschi, varianti di bevande energetiche atte a donare un leggero sprint durante la gara, e carte trick per far apprendere nuove acrobazie al nostro prode corridore.

Doping per tutti
A seconda del personaggio che sceglieremo durante la nostra avventura, cambierà l’approccio alla gara e l’esperienza di gioco: con i talenti tipici di ogni eroe, infatti, verranno attribuiti determinati bonus nei diversi tipi di gara proposti. Fondamentali per emergere dalla mischia e giungere per primi al traguardo sono inoltre quattro diverse abilità: la resistenza aumenta l’effetto delle bevande che aumentano momentaneamente la velocità del mezzo, mentre l’istinto potenzia l’accelerazione cui saremo soggetti dopo l’atterraggio successivo ad uno scrub, tecnica che si rivelerà importantissima durante i salti per poter ridurre il tempo in aria ed essere pronti a ripartire dopo l’atterraggio. Troviamo infine l’agilità, utile per poter sterzare più facilmente in mezzo alla fanghiglia che ci troveremo ad affrontare, unita alla forza, anch’essa necessaria per mantenere l’equilibrio sulle grandi distese di terra su cui dovremo gareggiare.

Sgasare a volontà
Per quanto concerne il lato tecnico, i ragazzi di Milestone hanno realizzato un buon lavoro, con un comparto grafico discreto, esente da aliasing o tearing e caratterizzato da un framerate rivelatosi stabile per tutta la durata della nostra prova. Ottima la mutazione del terreno in tempo reale in seguito al passaggio delle moto da cross, che comporta approcci sempre diversi in determinati settori della pista. Discorso differente va invece fatto per le compenetrazioni poligonali tra pilota ed oggetti dello scenario, ed un pop up a tratti evidente.
Da rivedere anche il sistema di collisione con gli altri concorrenti, fin troppo permissivo e poco efficace, dato che scontrarsi contro un pilota avversario, sia in aria che a terra, non farà in alcun modo perdere l’equilibrio, mentre a volte sfiorare anche a bassa velocità i cartelloni pubblicitari posti ai bordi della pista farà cadere il pilota compromettendo la propria posizione.
Buono il sistema di respawn, seppur con qualche piccola sbavatura: durante i nostri test dopo essere finiti fuori strada nei pressi di una ripida salita siamo stati riposizionati a metà della stessa ed impossibilitati ad effettuare una partenza in tali condizioni. Il fango e l’eccessiva pendenza hanno comportato solamente due soluzioni: percorrere contromano il settore per poter ottenere la rincorsa necessaria o riavviare semplicemente la gara, perdendo così i risultati ottenuti.
  • [+] Divertente
    [+] Numerosi scenari di gioco
    [+] Tante varianti di gara disponibili
    [+] Personalizzazione elevata

La nuova creazione di Milestone, seppur con qualche imperfezione che sicuramente avrà modo di essere corretta prima del suo arrivo nei negozi italiani, sembra promettere davvero bene. Un'ampia scelta e personalizzazione di tracciati, personaggi e modalità di gioco sono sicuramente degli ottimi presupposti per un titolo che saprà catturare l'attenzione e l'interesse di appassionati e non. Ora non resta che attendere un mese o poco più per poter provare con mano la versione definitiva. Continuate a seguirci!

0 COMMENTI