Recensione di Shank 2

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     PC, PS3, Xbox 360
  • Genere:

     Azione
  • Sviluppatore:

     Klei Entertainment
  • Lingua:

     Inglese
  • Costo:

     800 MS points / 9.99€
  • Data uscita:

     Disponibile dal 8 febbraio 2012
7.5
Voto lettori:
8.6
- Divertente ed esagerato
- Combat System approfondito
- Trama banale
- Troppo breve
- Scomparsa della Co-op nella campagna
Loading the player ...
A cura di Andrea Rubino (jewel) del
Creare un sequel è sempre una faccenda piuttosto delicata. Magari è facile quando il titolo originale presenta evidenti difetti, perché il compito degli sviluppatori in questo caso si può limitare a sopperire a quelle mancanze prima di migliorare qualsiasi altro elemento. Se invece si vuole creare il proseguo di un titolo estremamente apprezzato e ben riuscito, il rischio incombente è quello di deludere le aspettative dei fan, motivo per cui spesso e volentieri si finisce per servire un seguito quasi fotocopiato, la cosiddetta “minestra riscaldata". Nel caso della serie di Shank, ci troviamo sospesi tra le due situazioni appena descritte: il primo capitolo aveva dei difetti che soggettivamente potevano essere considerati più o meno importanti e altri che invece andavano assolutamente sistemati. Shank 2 riesce a risolvere buona parte di quei problemi, ma non alcuni dei più importanti. Cerchiamo di scoprire insieme quali sono i limiti e i punti di forza del nuovo titolo targato Klei Entertainment.

Quello che lei chiama inferno, lui lo chiama casa
A differenza del titolo originale, che ricordava a tratti la trama di Kill Bill, questa volta in più di un’occasione sembra di essere protagonisti di un videogame su Rambo. La trama è piuttosto semplice: Shank, il protagonista sempre imbronciato e arrabbiato col mondo e decide di tornare al suo paese natale per andare alla ricerca di alcuni vecchi amici. Giunto a destinazione ciò che l’attende sono più che altro brutte sorprese: uno spietato dittatore di nome Magnus (con tanto di baffi), ha infatti sottomesso e reso prigionieri gli abitanti del luogo. La cosa non darebbe nemmeno più di tanto fastidio al nostro protagonista, se non fosse che proprio una delle persone che gli stanno a cuore viene improvvisamente rapita dallo stereotipato antagonista. Con questi presupposti parte una storia che sembra esistere solo per giustificare l’ennesima carneficina ad opera di Shank: la trama è infatti troppo lineare, priva di colpi di scena e banale, quasi come se gli ideatori avessero deciso di pescare a caso nell’urna del “già visto”. Decisamente di più pregevole fattura è invece il lavoro svolto con il gameplay e con le meccaniche di gioco. Al pari del capostipite della serie, Shank 2 è un action a scorrimento laterale in cui ci viene chiesto di correre, saltare da una piattaforma all’altra e ogni tanto di arrampicarci, ma soprattutto di far fuori nemici su nemici. Se il primo Shank vi era piaciuto per il suo modo geniale di essere violento e brutale senza prendersi troppo sul serio, allora apprezzerete di sicuro quello di cui è capace questo sequel; tanto per dirne una, avrete il privilegio di vedere un uomo che stacca di netto la mandibola a uno squalo e che sfonda un elicottero con un balzo, senza batter ciglio. Il cuore pulsante del titolo è di sicuro il combat system, fortemente migliorato rispetto al predecessore. Come in passato porteremo con noi tre tipi di armi: un coltello, un’arma per il combattimento ravvicinato e un’arma per le lunghe distanze. In più avremo dalla nostra mine, granate, molotov e la possibilità di lanciare ai nemici una stragrande varietà di oggetti reperibili nei livelli. Ogni arma ha un suo perché ed è efficace in specifiche situazioni, starà quindi al giocatore scegliere di volta in volta il suo personale set da portare in battaglia. Per attaccare i nemici che incontrerete sul vostro cammino ci sarà solo l’imbarazzo della scelta: tre pulsanti del pad sono assegnati rispettivamente ad attacchi rapidi, attacchi pesanti e a distanza, da mescolare opportunamente per creare le combo più fantasiose. Con i dorsali abbiamo invece la possibilità di lanciare granate, effettuare una presa sul nemico oppure realizzare l’utilissimo “pounce”, un salto che atterra il nemico e che come le altre prese vi permette di scegliere come infierire su di lui una volta immobilizzato. Un’altra novità sono i contrattacchi, da effettuare premendo l’apposito pulsante quando appare il punto esclamativo sulla testa di un avversario in procinto di colpire. Come se tutto ciò non bastasse, Shank 2 aggiunge una grande dose di interattività con gli scenari, cosa che mancava quasi del tutto al suo predecessore. In ogni livello ci saranno infatti macchine da far esplodere, leve da tirare per far cadere i nemici in tritacarne, casse da scaraventare o da fare a pezzi e chi più ne ha più ne metta. C’è anche un enorme quantitativo di armi occasionali come mazze da baseball, martelli o merluzzi freschi, che potete raccogliere per sfidare i vostri infiniti oppositori. Come avrete capito i combattimenti sono davvero ricchi di sorprese, divertenti e spettacolari, tutte caratteristiche che migliorano ed esagerano il già ottimo sistema del primo Shank. Il fatto triste è che dal suo predecessore questo secondo capitolo ha ereditato anche la scarsa longevità: poco meno di quattro ore per completare il gioco a livello normale, arricchite solo dalla possibilità di salire a livello “difficile”, di completare le sfide secondarie (come far fuori 100 nemici et similia) o di giocare un po’ in modalità survival. E quando diciamo “un po’” intendiamo esattamente che non può durare molto.

Together we kill
I ragazzi di Klei Entertainment hanno deciso di sostituire la campagna cooperativa presente nel primo Shank con una survival mode del tutto nuova, che si rivela divertente e ben strutturata, ma incapace di prolungare l’offerta del gioco per più di qualche pomeriggio di svago, vista anche la presenza di tre sole arene. La modalità in questione, per un massimo di due giocatori in cooperativa online o locale, richiede di resistere a ondate su ondate di nemici, di volta in volta più forti e con tanto di boss occasionali. A differenza della modalità campagna, qui i giocatori ricaveranno denaro dalla morte di ogni singolo nemico, denaro che potranno poi spendere aprendo un menu rapido nel corso della partita e selezionando il power-up o l’oggetto di supporto che preferiscono. Ad esempio è possibile far apparire un cinghiale che si scaraventerà contro i nemici, una mitragliatrice gatling da impugnare, un doppione del vostro personaggio o molto altro ancora. La partita terminerà qualora si riesca a far fuori tutte le orde di nemici, nel caso in cui entrambi i giocatori vengano messi ko oppure nell’eventualità in cui gli oppositori riescano a far esplodere tre ordigni. A questi ultimi si dovrà prestare sempre attenzione, evitando che vengano piazzati o disinnescandoli in tempo per scansare il pericolo di un game over prematuro. Simpatica anche la possibilità di poter scegliere tra diversi personaggi con specifiche armi e skin da sbloccare.

Un massacro bello da guardare
Lo stile fumettistico e fluido adottato dal comparto grafico del primo Shank non è invecchiato e funziona alla grande anche in questo seguito. Abbiamo riscontrato rarissimi cali di frame rate solo in alcune delle fasi più concitate, ma per il resto fiotti di sangue e cazzotti volanti si susseguono a ritmo incessante senza alcun problema. A differenza delle atmosfere cupe del predecessore, in Shank 2 prevalgono scenari più luminosi e talvolta ricchi di natura, che si intonano perfettamente al personaggio principale e ai suoi bizzarri nemici. E' inoltre evidente che il team di Klei Entertainment ha cercato di migliorare il level design con livelli che ora si sviluppano spesso in verticale e lasciano la possibilità di alternare la corsa su due piani distinti. In questo modo il giocatore non si limita quasi mai a tenere premuto il tasto direzionale destro e aspettare l’arrivo del nemico, ma interagisce con l'architettura del livello a tutti gli effetti. Per quanto riguardo il comparto audio, la colonna sonora è intonata ai combattimenti sanguinosi e violenti che caratterizzano il gioco, con toni più sommessi se ci si ritrova in posti tetri o isolati, e brani epici nei pressi delle boss battle di fine livello. Segnaliamo infine che Shank 2 è interamente in inglese e privo di sottotitoli, non che si perda poi troppo senza capire i pochi dialoghi di intermezzo presenti.
Recensione Videogioco SHANK 2 scritta da JEWEL Shank 2 è un buon sequel, ma purtroppo non sopperisce a tutte le mancanze del suo predecessore. Il combat system è migliorato, con una mappatura dei comandi decisamente più confortevole e una grandissima varietà di scelta per quanto riguarda gli attacchi. Purtroppo, ancora una volta, la longevità è il punto debole e il gioco. Tenendo conto anche della nuova modalità survival, il titolo non riuscirà a tenervi impegnati per più di qualche pomeriggio. A questo si aggiunge una trama banale, sottotono rispetto al primo capitolo che aveva invece saputo intrattenere grazie all'espediente dei flashback e ad alcuni colpi di scena qui inesistenti. Per fortuna Shank è un eroe dannatamente esagerato e brutale, un binomio che lo rende davvero divertente da controllare.
Appuntamenti LIVE e Video Rubriche
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 16
  • Steve69
    Livello: 8
    24870
    Post: 2393
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da MARBAS
    Hai ragionissima! Ma ci vuole tanto a migliorare un gioco come shank? Basta farlo più lungo, un po' meno ripetitivo, magari con qualche fase platform in più! E invece hanno peggiorato tutto! Non si possono neanche cambiare le armi! Delusione...


    Io trovo molto piu bello questo come gameplay, dispiace anche a me il fatto che non puoi piu cambiare le armi in-game, unica cosa che è veramente piu difficile rispetto a quello vecchio però quando ci si prende la mano diverte dieci volte tanto il primo, peccato per la coop che manca e la modalità sopravvivenza noiosa dopo poco, però cavolo se è bello, e cavolo se l'hanno migliorato anche se il primo come trama e ispirazione aveva quel qualcosa in piu
  • MARBAS
    Livello: 5
    15492
    Post: 2279
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Crying_Skull555
    Se la gente li pretende e si lamenta alla fine potrebbero arrivare giochi di tale durata è inutile dire "tanto non ci sono lasciate perdere"


    Appunto, se ci facciamo andare bene tutto continueranno a fare giohi di me*da.
  • Crying_Skull555
    Livello: 4
    6309
    Post: 1108
    Mi piace 3 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Qc89
    Ma cosa pretendete da un gioco che costa 9.90, 10 ore di storia?! A momenti non ci arrivano nemmeno i giochi a prezzo pieno..


    Se la gente li pretende e si lamenta alla fine potrebbero arrivare giochi di tale durata è inutile dire "tanto non ci sono lasciate perdere"
  • MARBAS
    Livello: 5
    15492
    Post: 2279
    Mi piace 4 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Pergolz
    IL PRIMO è MOOOOOOOLTO MEGLIO!!!!


    Hai ragionissima! Ma ci vuole tanto a migliorare un gioco come shank? Basta farlo più lungo, un po' meno ripetitivo, magari con qualche fase platform in più! E invece hanno peggiorato tutto! Non si possono neanche cambiare le armi! Delusione...
  • C*C*C*P*
    Livello: 1
    -501
    Post: 944
    Mi piace 1 Non mi piace -5
    Originariamente scritto da Pergolz
    IL PRIMO è MOOOOOOOLTO MEGLIO!!!!


    andiamo bene.il primo è considerato pessimo per la ripetitivita' del gp.
  • C*C*C*P*
    Livello: 1
    -501
    Post: 944
    Mi piace 1 Non mi piace -4
    Originariamente scritto da Pergolz
    IL PRIMO è MOOOOOOOLTO MEGLIO!!!!


    andiamo bene.il primo è considerato pessimo per la ripetitivita' del gp.
  • Pergolz
    Livello: 2
    521
    Post: 121
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    IL PRIMO è MOOOOOOOLTO MEGLIO!!!!
  • MARBAS
    Livello: 5
    15492
    Post: 2279
    Mi piace 4 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da jewel
    Riguardo la longevità: Limbo costa uguale e dura il doppio. Dustforce costa pure di meno e solo per guardare ogni livello ci metti il doppio. Per quanto riguarda la trama, chi ha giocato il primo Shank non può non accorgersi che questa è meno interessante. Non dico che sia un elemento portante della serie, ma bisogna segnalarlo perché è un passo indietro rispetto al predecessore. In ogni caso resta un gioco divertentissimo e stiloso, come ho detto più volte nell'articolo.


    Idolo. Per 10? si può avere di più. E poi è normale notare certi difetti in un sequel di un gioco!
  • jewel
    Livello: 6
    1734
    Post: 294
    Mi piace 5 Non mi piace 0
    Riguardo la longevità: Limbo costa uguale e dura il doppio. Dustforce costa pure di meno e solo per guardare ogni livello ci metti il doppio. Per quanto riguarda la trama, chi ha giocato il primo Shank non può non accorgersi che questa è meno interessante. Non dico che sia un elemento portante della serie, ma bisogna segnalarlo perché è un passo indietro rispetto al predecessore. In ogni caso resta un gioco divertentissimo e stiloso, come ho detto più volte nell'articolo.
  • C*C*C*P*
    Livello: 1
    -501
    Post: 944
    Mi piace 3 Non mi piace -7
    la longevita' il punto debole del gioco? ma è un arcade 2d a scorrimento, da quando è un genere longevo? Poi la trama banale? Final Fight che è un capolavoro storico, ha una trama ridicola. DA quando la trama è importante in un gioco del genere?. Non ci siamo proprio
  • Qc89
    Livello: 5
    3771
    Post: 1579
    Mi piace 7 Non mi piace -6
    Ma cosa pretendete da un gioco che costa 9.90, 10 ore di storia?! A momenti non ci arrivano nemmeno i giochi a prezzo pieno..
  • MARBAS
    Livello: 5
    15492
    Post: 2279
    Mi piace 3 Non mi piace -4
    Sì vabbè ma io mi aspettavo un ritorno in grande stile, Shank mi hai deluso...
  • Davy_id
    Livello: 7
    3816
    Post: 334
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    uscirà anch'esso full eng o faranno una versione sottotitolata?
  • Steve69
    Livello: 8
    24870
    Post: 2393
    Mi piace 5 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da jewel
    No era riferito solo alla campagna. Survival è in co-op sia locale che online. Ora lo aggiustiamo anche nei contro.


    Peccato per la storia in due, cosa che mi aveva fatto impazzire in quello vecchio, però sta survival pure online mi ispira una cifra
  • jewel
    Livello: 6
    1734
    Post: 294
    Mi piace 4 Non mi piace -2
    Originariamente scritto da Steve69
    Come scomparsa della coop ? la modalità sopravvivenza non è anche a due o vi stavate riferendo alla storia ?


    No era riferito solo alla campagna. Survival è in co-op sia locale che online. Ora lo aggiustiamo anche nei contro.
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
RECENSIONI E SPECIALI CORRELATI
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967