DLC Call of Duty: MW3 - Collection Pack 1

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     PC, PS3, Xbox 360
  • Genere:

     Sparatutto
  • Sviluppatore:

     Sledgehammer
  • Distributore:

     Activision
  • Lingua:

     Italiano
  • Giocatori:

     1 - 16 (Multiplayer online)
  • Costo:

     1200 MP (15 euro circa)
- Mappe varie e curate
- Pacchetto sostanzioso
- Missioni Speciali esaltanti
- Il costo è sempre troppo elevato
A cura di (FireZdragon) del
Come ogni anno, Call of Duty è riuscito ad infrangere l’ennesimo record di vendite. Il gameplay frenetico caratteristico della serie ed una campagna altamente cinematografica hanno convinto una buona fetta di videogiocatori della bontà di Modern Warfare 3 ed il forte supporto di Activision ha completato l’opera.
Una delle più grandi novità di quest’anno risiede senza ombra di dubbio in Elite, una serie di servizi gratuiti, con la possibilità di averne di ulteriori a pagamento, in grado di fornire, tra le altre cose, statistiche dettagliate per le sessioni di gioco online: una vera miniera di informazioni per tutti gli amanti dei numeri e delle proprie prestazioni ingame o anche per coloro che volessero studiare a tavolino come migliorare il proprio gioco. Una delle agevolazioni principali degli utenti premium è quella di avere accesso ad alcuni contenuti prima degli altri. Activision e Sledghammer hanno infatti deciso di spalmare tutta una serie di nuove mappe, modalità di gioco ed elementi extra nel corso di questi mesi, inframezzando le uscite con i Collection Pack, DLC più tradizionali riservati a tutti i giocatori non in possesso di un account Elite.


La mappa di Overwatch, similarmente a Piazza, ha uno sviluppo completamente verticale. La location è infatti un grattacielo di New York in piena costruzione ed il panorama che si può godere risulta assolutamente mozzafiato. Mentre la guerra imperversa ai nostri piedi, il cantiere aperto in cui ci troviamo diviene un vero paradiso per i combattimenti ravvicinati e, ancora una volta, piuttosto limitante per il cecchinaggio. Le possibilità di tendere agguati e fare del sano camping, tuttavia, non mancano di certo e proprio grazie ai numerosissimi elementi presenti in questa zona di guerra gli scontri a fuoco avverranno quasi sempre tra soldati in copertura. Una mappa dalle dimensioni piuttosto ridotte quindi, che fa della frenesia il suo punto di forza, con le armi ad alto rateo di fuoco ancora una volta a rubare la scena. La grande quantità di angoli ciechi favorirà infatti il giocatore con la maggior precisione ed i migliori riflessi.
Sebbene gli spazi siano pochi, alcune sezioni del livello lasciano comunque una possibilità di dare lustro al proprio iron sight, soprattutto nella zona centrale della mappa, dove un lungo corridoio sarà utilizzato come punto focale nella modalità dominio.
Dato lo sviluppo su più livelli bisognerà sempre prestare attenzione anche alle sporgenze superiori, spesso nido di ostili difficilissimi da stanare. Gli amanti dell’attesa potranno invece stazionare ai bordi della mappa, cercando di arrampicarsi su di una gru o su travi sospese, ed attendere con pazienza che qualche malcapitato capiti a tiro di fucile. Overwatch è studiata appositamente per dare lustro al gameplay di Modern Warfare 3, laddove gli scontri saranno rapidi quasi quanto la velocità di respawn. Il gioco di squadra in questo caso è particolarmente incentivato ed avere le spalle coperte da un compagno aumenterà sensibilmente le probabilità di portare a casa la pellaccia: gli eroi solitari avranno vita durissima.



Piazza è stata la prima delle nuove mappe ad essere rilasciate e neanche a farlo apposta è un omaggio al Bel Paese. La location, piuttosto piccola per quanto riguarda le dimensioni, è un fiorire di rimandi alla nostra cultura. Posizionata in riva al mare e arroccata su una collina, la piccola cittadina che fa da teatro agli scontri trasuda italianità da ogni angolo. Glicini, Apecar posteggiate in curva, biciclette, viti, una macelleria equina ed un cielo azzurrissimo faranno da cornice alle cruente battaglie che esploderanno tra gli stretti vicoli.
L'area di gioco è piuttosto limitata e si sviluppa principalmente in verticale, con saliscendi e scalinate pronte a essere sfruttate per tendere imboscate ai nemici. Le uniche aree ad ampio respiro, rigorosamente ai bordi della mappa, sono state adibite a punto di conquista per la modalità apposita. In versione deathmatch invece, Piazza è un vero inferno. Le numerosissime curve strette e gli angoli ciechi favoriscono un tipo di combattimento ravvicinato, dove coltelli da lancio e fucili a pompa la faranno da padrone. L’UAV diventa quindi importantissimo per evitare di essere colti alla sprovvista e riuscire ad ottenere quantomeno un minimo vantaggio sugli avversari. Durante le sessioni di gioco sarà realmente complesso riuscire ad imbastire scontri sulla lunga distanza e, soprattutto, mantenere una postazione fissa a lungo a causa dei numerosi punti di accesso. Una mappa quindi dedicata agli amanti del close combat e adattissima alla frenesia caratteristica di Call of Duty, caotica ma indubbiamente divertente. 


Liberation è una mappa invece decisamente più ampia, situata nel bel mezzo di Central Park a New York. Al contrario di Piazza qui i combattimenti ravvicinati sono ridotti al minimo, fatta eccezione per qualche sottopassaggio ed uno scantinato. Tutti gli scontri a fuoco restanti si svolgeranno in campo aperto, situazione ideale per rispolverare gli amati fucili da cecchino e dare lustro all’arte del nascondersi. La stagione autunnale ha infatti lasciato sul terreno rossi cumuli di foglie, ideali per infrattarsi, ed i numerosissimi cespugli offrono l’occasione adatta per attendere in silenzio il proprio bersaglio. Fulcro della battaglia sarà tuttavia un canale sovrastato da una serie di ponti pedonali, situato proprio al centro della mappa che ben presto diverrà il cuore dell’azione. I giocatori, infatti, tenderanno a stazionare quasi sempre in quella zona dando vita a scontri frenetici ma pur sempre sotto la mira dei cecchini nemici.
Alcune postazioni di fuoco fisse saranno inoltre situate in punti strategici e daranno un enorme vantaggio alla squadra che meglio riuscirà a difenderle. La grande quantità di mezzi militari presenti potrà essere utilizzata come copertura per avvicinarsi al nemico e cercare di sorprenderlo alle spalle donando quantomeno qualche opzione tattica in più. Muretti e ripari compaiono in abbondanza, dando vita con prepotenza ad un gameplay fatto quasi completamente di agguati, mirato dunque agli amanti del cecchinaggio e del camping.


L’Air Force One si è schiantato su un piccolo agglomerato urbano, spezzandosi in tre tronconi e sparpagliando in tutta la zona circostanze macerie e pezzi di carlinga. In questo luogo disastrato prenderà vita la nuova mappa Black Box, l’ultima arrivata nel Collection Pack 1. Per la gioia degli amanti degli scontri a lungo raggio qui i cecchini potranno prendere posto sui tetti dei palazzi e far piovere piombo sugli sventurati avversari che correranno da un riparo all'altro nei cortili sottostanti. Le stesse abitazioni sono ricche di scale e piccole stanze, in grado di far contenti anche gli amanti degli scontri corpo a corpo. Con così tanti accessi non sarà inoltre semplice rimanere a camperare a lungo ed i cecchini dovranno quindi spostarsi di continuo per non venir sorpresi alle spalle.
Sebbene l’aereo sia situato nella parte esterna della mappa, i suoi rottami rimarranno in ogni caso fulcro degli scontri ed i giocatori tenderanno a convergere proprio verso quella location. Le decine di sedili ed i due piani dell’aereo saranno perfetti per tendere imboscate e, nel caso in cui si entrerà in possesso di una torretta fissa, si potrà portare morte e distruzione con una facilità quasi disarmante. Nella modalità di conquista infatti la bandiera li situata sarà la più semplice da proteggere mentre le altre due obbligheranno a scoprirsi ed entrare per forza di cose nel mirino dei nemici in attesa.



Oltre alle 4 mappe multiplayer competitive, il Collection Pack 1 include anche due mappe cooperative. Ghiaccio Nero vi getterà da subito nell'azione in puro stile COD, con un inseguimento sulle motoslitte. Un giocatore dovrà pilotare il mezzo mentre l’altro, seduto alle sue spalle dovrà eliminare i numerosissimi nemici che si affiancheranno per eliminarci. Arrivati all'entrata di una base segreta dovremo infiltrarci superando una fortissima resistenza, giungere nel cuore della stazione ed attivare un ordigno per far esplodere tutto quanto in aria. A quel punto un veloce conto alla rovescia ci darà pochissimi secondi per fuggire e mentre la montagna inizierà a sgretolarsi sopra la nostra testa, l’uscita sembrerà sempre più distante. Per fortuna l’imminente pericolo ha messo in allarme anche l’intero esercito nemico che, in preda al panico, tenterà la fuga esattamente come noi: ottima occasione per infilare una manciata di proiettili nella schiena dei soldati e guadagnare qualche punto in più prima dell’estrazione finale in elicottero.



La situazione è critica, siamo tenuti in ostaggio disarmati e solo un intervento rapidissimo può evitare la nostra morte. Proprio quando le cose stanno per mettersi veramente male il nostro fido compare farà irruzione nella stanza facendo fuori i carcerieri e cambiando il nostro destino. Imbracciate le armi di fortuna raccolte dai cadaveri delle truppe di Makarov ci lanceremo tra le strette vie di una cittadina, per salvare tutti gli ostaggi ancora tenuti prigionieri. Questa missione speciale, chiamata I Negoziatori, fa largo uso delle irruzioni, regalando ai giocatori momenti particolarmente esaltanti in slow motion, dove bisognerà colpire rapidamente i bersagli prima che questi riescano a giustiziare i civili innocenti. Per salvare tutte le persone sarà necessaria una precisione ed una coordinazione con il proprio compagno certosina, dato che se tergiverseremo troppo gli ostaggi verranno gradualmente giustiziati prima del nostro arrivo. Una missione dunque frenetica, indubbiamente divertente e che completa questo pacchetto nel migliore dei modi.

Recensione Videogioco CALL OF DUTY: MW3 - COLLECTION PACK 1 scritta da FIREZDRAGON Il Collection Pack 1 è senza ombra di dubbio un pacchetto completo, in grado di fornire agli amanti del multiplayer competitivo di Modern Warfare 3 un’ottima varietà di mappe e di situazioni. I cecchini potranno nuovamente gioire grazie agli ampi spazi di Black Box e Liberation mentre coloro i quali girano sempre con un fido fucile a pompa agganciato alla cintura si troveranno a loro agio nelle strette viuzze di Piazza. Apprezzabilissime anche le due nuove missioni in cooperativa che, sebbene siano estremamente brevi –si tratta solo di una decina di minuti a mappa- riescono in ogni caso a divertire ed esaltare. Ci sentiamo quindi di raccomandare il pacchetto a tutti i fan di Call of Duty che, a parte il prezzo come sempre alto, resteranno pienamente soddisfatti.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
caricamento in corso...

 
 
RECENSIONI E SPECIALI CORRELATI
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.