Anteprima di Driver: San Francisco
PC, PS3, Xbox 360

Copertina Videogioco
  • Genere:

     Guida arcade
  • Sviluppatore:

     Ubisoft Reflections
  • Distributore:

     Ubisoft
  • Lingua:

     Completamente in Italiano
  • Giocatori:

     1 - 8 (Multiplayer online)
  • Data uscita:

     2 settembre 2011 - 27 settembre 2011 PC
ASPETTATIVE
- Meccanica Shift funzionale e divertente
- Non si prende troppo sul serio
- Ottima colonna sonora
Loading the player ...
A cura di Andrea Porta (andymonza) del
Sin dai primi annunci ed indiscrezioni, Driver San Francisco non ha ricevuto un’accoglienza particolarmente calda da parte di pubblico e stampa specializzata. Probabilmente a causa dei pessimi ricordi lasciati dagli ultimi capitoli della serie, oppure delle premesse narrative non facili da giustificare. Poco importa comunque, dato che pad alla mano il nuovo lavoro di Ubisoft Reflections ha rivelato diversi spunti interessanti, accendendo speranze per un prodotto in grado, almeno in parte, di sorprendere i fan ormai disillusi. Le affrettate prove durante fiere ed eventi hanno finalmente ceduto il passo ad una sessione di hands on molto più distesa ed analitica, grazie ad una versione ancora incompleta del codice di gioco messaci a disposizione dal publisher Ubisoft.
Dopo qualche ora in compagnia di Tanner, ecco le nostre impressioni.

Su e giù per San Fran
Quello voluto da Reflections è senza dubbio un ritorno alle radici della saga, pienamente espresse solo dal primo, indimenticato capitolo. Un titolo che si gioca tutto in strada – sono sparite, fortunatamente, le aborrite sequenze a piedi viste nel terzo episodio – inseguendo i peggiori criminali della Baia, con tanto di sottofondo musicale alla Bullit. E tra una derapata e l’altra c’è spazio anche per un po’ di trama, assurda e lacunosa sì, ma capace di non prendersi troppo sul serio, e narrata abilmente tra classiche cut scene ed originali stacchetti dialogici in game. Tutti i pezzi al proprio posto insomma, con l’aggiunta di un tocco di nuove tecnologie: è infatti ormai noto che la principale peculiarità del titolo è rappresentata dalla possibilità di utilizzare in tempo reale una visuale a volo d’uccello sulla città e “saltare” istantaneamente alla guida di qualunque veicolo, definita Shift. Nonostante le giustificazioni a livello di trama lascino a desiderare – in seguito ad un incidente ed al conseguente coma, Tanner si trova misteriosamente in grado di possedere i corpi dei cittadini a piacimento – la meccanica fa da vero game changer.
Per quanto la libertà di impadronirsi di qualsiasi veicolo possa suggerire un approccio open world, Driver San Francisco razionalizza la sua offerta ludica, differenziando nettamente le missioni legate alla storia da quelle secondarie: come visto in molti altri titoli del genere e non, per sbloccare le prime sarà necessario completare un certo numero di compiti secondari. Un approccio ben bilanciato, perlomeno nelle prime ore di gioco da noi testate, che costringe (paradossalmente) l'utente a non “correre” troppo, dedicandosi tanto alle missioni principali quanto allo sblocco dei moltissimi poteri aggiuntivi.

Brand new Tanner
Gli inseguimenti e lo Shift non sono infatti tutto ciò che Driver: San Francisco ha da offrire ai fan di Steve McQueen: una certa enfasi è stata posta sulle possibilità di crescita del personaggio, le quali si suddividono tra automatiche – ovvero sbloccate al semplice progresso lungo i capitoli della trama – e personalizzabili, legate ad una valuta di gioco. Quest’ultima, accumulabile sia effettuando evoluzioni in strada sia completando le missioni secondarie, potrà essere messa a frutto nei garage, dove il giocatore avrà modo di acquistare auto specifiche (le quali rimarranno sempre disponibili nelle officine di tutta la città) oppure upgrade per abilità speciali, come il Turbo o lo Speronamento (particolarmente originale, quest’ultima permette alla pressione del dorsale sinistro di godere di un brevissimo sprint per colpire i fuggitivi). Questo approccio inizialmente lento e dosato funziona molto bene e permette ai ragazzi di Reflections di introdurre le nuove abilità con il giusto grado di enfasi, fornendo di continuo brevi tutorial per far sì che il giocatore non si perda mai nulla.

Fast & Furious
Per quanto l’abbozzo di trama – pur con tutti i suoi buchi – gli sbloccabili e la buona atmosfera generale costituiscano un piacevole sfondo, dove davvero il cuore del nuovo Driver batte è per le vie di San Francisco, sfrecciando in mezzo al traffico e sfruttandone i flussi grazie allo Shift. Le missioni, principali e secondarie, offrono una discreta varietà d’azione, chiedendo al giocatore ora di lanciarsi nel classico inseguimento, ora di pedinare un sospetto, ma anche di darsi ad attività più “leggere”, come terrorizzare un insegnante di scuola guida o distruggere la campagna pubblicitaria di un certo locale. Proprio come il concept generale, anche il gameplay siede a cavallo tra recupero delle radici del brand ed innovazione: da una parte c’è un buon feeling di guida arcade, con ovvia enfasi sulla derapata e sugli spettacolari incidenti, dall’altra il frenetico saltare da un veicolo all’altro. Il risultato è un curioso mix tra guida e strategia, immediato da padroneggiare ed innegabilmente divertente: di sicuro offre un approccio inedito alla guida arcade, proponendo un ampissimo sandbox - la città californiana è riprodotta in tutta la sua notevole estensione – in cui attuare soluzioni e strategie finora mai sperimentate grazie allo Shift. Va altresì detto che chi cercava un ritorno totale alle atmosfere ed alla “guida pura” del primo capitolo rimarrà deluso, in quanto la nuova meccanica si propone come dominante all’interno della formula di gameplay.
Le prime ore di gioco suggeriscono una buona longevità: tra incarichi primari e secondari, concessionarie da acquistare ed acrobazie da completare i contenuti sembrano non mancare nel lavoro di Reflections, senza contare la componente multiplayer, della quale torneremo a parlare molto presto in un update.

Cartoline da SF
Dal punto di vista tecnico Driver: San Francisco riesce a regalare un quadro d’insieme piacevole: la città c’è, con tutti i suoi Landmark ben in vista, un traffico credibile – popolato di veicoli esclusivamente su licenza – ed una buona fluidità generale. Il rovescio della medaglia è costituito da finiture non proprio di primo livello, come qualche compenetrazione, movimenti legnosi nelle cut scene, simulazione della fisica a volte ballerina. Dove comunque il prodotto funziona meglio è proprio nell’estrema navigabilità della mappa, in tempo reale e senza caricamenti, permettendo una totale fruibilità della sua meccanica più importante. Nota di merito per la colonna sonora, curioso mix di atmosfere da pellicola di Steve McQueen ed ottime tracce su licenza.
Recensione Videogioco DRIVER: SAN FRANCISCO scritta da ANDYMONZA Dopo aver acceso inaspettate speranze, Driver: San Francisco si conferma in quest’ultima prova prima del rilascio un prodotto ricco di spunti interessanti. I ragazzi di Ubisoft Reflections hanno scommesso tutto su una meccanica che, se da una parte snatura la componente di guida arcade più pura, dall’altra propone un approccio davvero inedito agli inseguimenti, offrendo al giocatore strumenti nuovi e divertenti da padroneggiare per avere la meglio sui fuggitivi. Se a questo aggiungiamo una contestualizzazione di buon livello, non resta che attendere fiduciosi il prodotto finito. Rimanete con noi per un prossimo update sul comparto multigiocatore, a presto su queste pagine.
Appuntamenti LIVE e Video Rubriche
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 37
  • F.E.A.R.302
    Livello: 2
    -78
    Post: 140
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Ma il gioco sarà sub ita o full ita?
  • Prof Azoke
    Livello: 7
    344
    Post: 66
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Da fan della serie (i titoli per PSX) credo che lo proverò fra qualche mese, non appena scenderà di prezzo.
  • Giu Lau
    Livello: 1
    -18
    Post: 26
    Mi piace 0 Non mi piace -2
    Secondo me, driver parallel lines era più che buono. questo anche se perde la vera base di driver e diventa un simil gta è comunque da provare
  • Vichingo83
    Livello: 4
    303
    Post: 510
    Mi piace 1 Non mi piace -4
    Mi sa di un GTA fatto male il primo per psone era davvero bello ma con l'andare degli anni se perso nella sua originalità
  • Antonio997
    Livello: 3
    94
    Post: 17
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Fantastica la Corvette della polizia
  • Fokolov_96
    Livello: 3
    50
    Post: 12
    Mi piace 0 Non mi piace -2
    Bellissimo!!!!!!!!Questo sarà uno dei giochi che sicuramente mi frò; però vorrei capire se all'inizio è come il primo Drive per la Ps1....del tipo turbo, slalom e altre cose per poi arrivare alla vera e propria avventura.
  • batman333
    Livello: 0
    0
    Post: 1
    Mi piace 0 Non mi piace -2
    avete ragione ragazzi, sullo Shift, ma graficalmente è bello poi ci sono le macchine con le licenze questo lo rende abbasyanza realistico
  • Hathol
    Livello: 4
    12009
    Post: 1491
    Mi piace 0 Non mi piace -1
    Ma che razza di modalità è sta Shift? Na roba simile non la si è mai vista, graficamente è bello, speriamo bene, magari sorprenderà anche se ne dubito.
  • GameRockerxx95
    Livello: 1
    62
    Post: 57
    Mi piace 1 Non mi piace -3
    ma perfavore...che gioco è mai questo...avendo giocato a tutte le serie di Driver...questo non ci assomiglia per niente <_<
  • Mike92
    Livello: 2
    72
    Post: 29
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Non mi convince proprio per niente, a parte la grafica e il realismo delle auto. Infatti non mi piace il fatto che sei sempre alla guida e che non c'è una trama ben fatta, poi non trovo sensata la modalità shift, perchè se devi fare un gioco d'azione realistico, non puoi metterci qualcosa di così surreale.
  • R6DANNY
    Livello: 6
    2218
    Post: 300
    Mi piace 5 Non mi piace 0
    Non mi convince molto come gioco, mi sembrano idee campate un pò per aria, voglio comunque dargli una possibilità dato che li ho giocati tutti i driver
  • mik98gussa
    Livello: 1
    3
    Post: 8
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    ci sono un sacco di auto
  • mik98gussa
    Livello: 1
    3
    Post: 8
    Mi piace 1 Non mi piace -6
    ha devvero una bella grafica
  • Blackened1975
    Livello: 3
    114
    Post: 21
    Mi piace 1 Non mi piace -3
    Shift? MAH...
  • genomakiller
    Livello: 5
    50
    Post: 1083
    Mi piace 7 Non mi piace -4
    Questo Shift potrebbe vincere il premio di "idea del cacchio 2011", già non ho più voglia di un nuovo driver, con questa idea proprio neanche a 2? lo prenderei...

    Rivoglio il primo!!!!
caricamento in corso...
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967