Recensione di Parasite Eve II

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     PS3, PSP
  • Genere:

     Survival horror
  • Sviluppatore:

     Squaresoft
  • Distributore:

     Halifax
  • Lingua:

     Italiano
  • Giocatori:

     1
  • Costo:

     6,99€
  • Data uscita:

     25 agosto 2000 - 2 giugno 2011 PSN
8.0
Voto lettori:
7.9
- Un survival horror di vecchio stampo che affascina ancora
- Buona diversificazione del gameplay
- Modalità extra e finali segreti
- Sistema di controllo legnoso
- Colonna sonora poco incisiva
- Gestione dell'inventario migliorabile
A cura di Marco Pellini (Dr. Frank N Furter) del
Correva l'anno 2000, l'ultimo anno da protagonista della gloriosa PlayStation. Grandi titoli continuavano ad arrivare e fra questi non possiamo non ricordare Parasite Eve II. Seguito diretto del primo Parasite Eve, vedeva ancora, a distanza di anni dall'incidente accaduto a New York quando ancora era una recluta della polizia locale, la bella Aya Brea come protagonista. Il secondo capitolo della saga, a differenza del primo, fu portato anche in Europa e addirittura tradotto nella lingua nostrana, fu abbastanza strano se pensate che il predecessore non ha mai varcato i confini americani fino allo scorso anno quando fu rilasciato su PlayStation Network. Per chi non ha avuto la fortuna di provare questi due giochi al tempo in cui uscirono, oggi ha la possibilità di trovarli entrambi sullo store online Sony, un'occasione imperdibile per gli amanti del survival horror.

Da una costa all'altra
Come accennato nell'introduzione, Aya non si trova più a New York, ora lavora a Los Angeles nella squadra speciale M.I.S.T. (Mitochondrion Investigation and Suppression Team) una divisione segreta coperta dall'F.B.I. Nei tre anni trascorsi dall'incidente di Manhattan non ci sono state attività rilevanti di NMC (Neo Mitocondri), Aya trascorre il suo tempo allenandosi al poligono di tiro e investigando su presunti casi rivelatisi poi delle bolle di sapone. Ad un tratto l'allarme si attiva, una segnalazione dall'Akropolis Tower, sarà la volta giusta? All'interno dell'edificio non c'è corrente, i corpi delle forze speciali senza vita sono scaraventati ovunque ed il sangue è su tutte le pareti, senza considerare che vi sono disgustosi mostri a piede libero. Senza proseguire oltre con la trama possiamo affermare che, nonostante i vari cliché del genere horror/fantascientifico, la storia si fa apprezzare anche se la narrazione mostra il peso degli anni, denota una certa lentezza e affida qualche evento importante ai tanto cari filmati in computer grafica che andavano in voga in quegli anni. Aya e il resto del cast s'impegnano per raccontare la loro avventura, un paio di idee interessanti danno profondità alla protagonista, alla scoperta delle sue origini e di tutto quello che le sta accadendo. Purtroppo la completa assenza di un doppiaggio, neanche in lingua inglese, va a inficiare sull'impatto che determinate cut scene possono avere.

Un horror di ruolo
Il titolo prodotto dall'allora SquareSoft, si presentava come un survival horror con importanti elementi RPG al suo interno. L'energia vitale e quella magica sono rappresentate da due barre a schermo, HP e MP come nella migliore tradizione ruolistica. I combattimenti sono in tempo reale: quando in una zona si trovano dei nemici che individueranno Aya lo schermo andrà per un secondo in negativo dando inizio allo scontro. Con il tasto quadrato si prende la mira e con il dorsale destro si fa fuoco, ad ogni colpo inferto apparirà su schermo il numero di danni arrecati, una volta sterminati i nemici presenti verrete ricompensati con punti esperienza, BP (Bounty Points) e MP. I primi serviranno per sbloccare (e poi potenziare) i poteri speciali di Aya. Questi variano tra attacchi offensivi con vari raggi d'azione a seconda delle esigenze, per passare a capacità curative, eliminazione di status negativi come veleno o cecità, potenziamento delle difese fisiche ed efficacia dei proiettili. Il potenziamento dei poteri servirà a renderli più veloci, potenti e con un'area d'influenza maggiore risparmiando diversi punti magia. I BP invece saranno la vostra moneta di scambio per acquistare armi, munizioni, armature e articoli vari. Dovrete essere oculati per ottenere i pezzi migliori perché vi costeranno non poco, inoltre alcuni tipi di proiettili si trovano quasi esclusivamente presso il negozio. Le bocche di fuoco a disposizione di Aya sono tante e di diverso tipo, alcune funzionano e lavorano meglio di altre, ma starà a voi capire quali. Stesso discorso per i proiettili, alcuni godono di proprietà uniche controbilanciate da una potenza offensiva minore. Come potete ben capire dovrete essere bravi a impiegare i punti esperienza e quelli da cacciatori di taglie in maniera intelligente per non rimanere a secco o sviluppare poteri in maniera sbagliata. Quest'ultimi infatti non sono tutti uguali, in base alla loro natura e raggio d'azione si differenziano enormemente tra loro rendendosi indispensabili per affrontare determinate tipologie di nemici. Se quindi tutto il sistema di combattimento è ben strutturato dal punto di vista teorico, mostra il fianco su quello pratico. Sono passati ben undici anni dal suo debutto e un sistema di controllo così legnoso sposato al sistema di telecamere con inquadrature fisse non giova al gameplay. Potreste non avere sempre la visuale migliore, incastrarvi in piccoli spazi e diventare facili prede dei mostri, inoltre il sistema di puntamento non è sempre immediato a volte può ignorare completamente un cambio di obiettivo. Essenzialmente bisogna esercitarsi per padroneggiare Aya anche perché i vecchi survival horror hanno insegnato a intere generazioni di videogiocatori che la fuga non è un disonore, ma una valida alternativa, per questo motivo evitare gli avversari fluidamente diventa molto importante.

La bella Aya?
Appare ovvio che un gioco con undici anni sulle spalle presenti oggi un comparto tecnico obsoleto, purtroppo Parasite Eve II non si sottrae a questa impietosa regola della tecnologia. Nonostante i fondali pre-renderizzati in 2D in qualche modo conservano un certo fascino, il modello poligonale e le animazioni di Aya (che mostra due gambe dalla circonferenza decisamente ampia) e quelle dei mostri lasciano molto a desiderare. Giocandolo su PSP con uno schermo più piccolo e una risoluzione minore noterete un discreto miglioramento. D'altra parte abbiamo un bestiario davvero ispirato e ancora oggi spiazzante: un esempio su tutti sono i cavalloni presenti nel deserto del Mojave con il viso simile a quello di un essere umano, anche i boss si differenziano tra loro godendo di uno stile diverso gli uni dagli altri. La colonna sonora non brilla per vastità e varietà, ma si lascia apprezzare nei frangenti più adrenalinici e pericolosi. La longevità si attesta attorno alle sei, sette ore per la prima partita, da questo punto di vista gli sbloccabili e i finali alternativi sono dei validi incentivi per riprendere in mano il gioco e finirlo più volte. Se poi contiamo un livello di difficoltà nella media che va ad aumentare esponenzialmente nelle modalità extra le ore di gioco si moltiplicano senza accorgersene.
Recensione Videogioco PARASITE EVE II scritta da DR. FRANK N FURTER Parasite Eve II è un titolo destinato prevalentemente ai nostalgici, indirizzato a tutti coloro che lo giocarono ai tempi e ne sentono tuttora la mancanza. Gli amanti del survival horror old style troveranno pane per i loro denti, d'altronde le similitudini con Resident Evil sono molte e probabilmente anche volute. I videogiocatori più giovani invece potrebbero trovare il gioco legnoso, lento e poco attraente visto anche il comparto tecnico ormai obsoleto, tuttavia è un buon esercizio per capire come si è evoluto il genere nel corso degli ultimi anni. Piccoli brividi sopportabili anche dai deboli di cuore.
Appuntamenti LIVE e Video Rubriche
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Numero commenti: 28
  • UnGiovane...
    Livello: 0
    17
    Post: 7
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Piccola perla che devono giocare tutti... Ah, se vi piace l'Hardcore sbloccate la Nightmare Mode.
  • cleverink
    Livello: 6
    8986
    Post: 1191
    Mi piace 5 Non mi piace -2
    Quando Square ancora sviluppava capolavori...
  • Nikola87
    Livello: 4
    2622
    Post: 478
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Darkdreamer
    Perfetto sarà mio.. uno dei tre classici che giocherò su psv,ai tempi non l'ho potuto finire per un difetto sul secondo cd.. non vedo l'ora di ributtarmici


    idem!
    a me mi si era staccato un pezzo di plastica del disco 2..
  • ps3noaypa...
    Livello: 2
    -369
    Post: 97
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    voto 8?
  • Darkdreamer
    Livello: 5
    204
    Post: 89
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    azz non caricava la pagina e non vedevo il commento.. mah.. in ogni caso scusate..
  • Griever89
    Livello: 6
    8484
    Post: 1012
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Darkdreamer
    Perfetto sarà mio.. uno dei tre classici che giocherò su psv,ai tempi non l'ho potuto finire per un difetto sul secondo cd.. non vedo l'ora di ributtarmici


    Ho un dejavù
  • Darkdreamer
    Livello: 5
    204
    Post: 89
    Mi piace 3 Non mi piace -1
    Perfetto sarà mio.. uno dei tre classici che giocherò su psv,ai tempi non l'ho potuto finire per un difetto sul secondo cd.. non vedo l'ora di ributtarmici
  • Dr. Frank...
    Livello: 8
    3366
    Post: 36616
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Zio Name
    Grazie a te per la risposta. Ma magari aspettati qualche punta allo stronzo quando lo finirò =P
    LOL, aspetto con ansia
  • Sbaomao
    Livello: 0
    -6
    Post: 11
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da [T]ulKas
    Peccato solo che il primo Parasite Eve si trovi only sul PSN USA


    Scusa ma se lo vuoi per giocarlo su psp basta che trovi quello della play 1 e puoi convertirlo...oppure puoi trovarlo già convertirto . Se invece vuoi giocarlo su play 3 mi sembra che purtroppo non si possa fare niente del genere...ma uno che ha la play 3 non penso che non abbia una play 1 o play 2 o psp
  • Heat
    Livello: 2
    245
    Post: 10895
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Comnplimenti bella recensione ,detto quesot lo vado a scaricare

  • Livello: 2
    242
    Post:
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da [T]ulKas
    Peccato solo che il primo Parasite Eve si trovi only sul PSN USA


    account apposta
  • Zio Name
    Livello: 1
    147
    Post: 27907
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Dr. Frank N Furter
    Grazie caro. E' solamente una nostra catalogazione per i titoli scaricabili dai servizi di DD.
    Grazie a te per la risposta. Ma magari aspettati qualche punta allo stronzo quando lo finirò =P
  • jeffhardy80
    Livello: 8
    81
    Post: 213
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    L'ho adorato peccato che mi sie ra rovinato il cd e il gioco mi si bloccava quindi mai finito,a sto punto acquisto obbligato
  • Diego_
    Livello: 5
    1290
    Post: 12804
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    aahh che bei ricordi. Sicuramente nel gotha dei survival horror
  • [T]ulKas
    Moderatore
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Peccato solo che il primo Parasite Eve si trovi only sul PSN USA
caricamento in corso...
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967