Anteprima di Marvel vs Capcom 3: Fate of Two Worlds

Copertina Videogioco Marvel vs Capcom
  • Piattaforme:

     PS3, Xbox 360
  • Genere:

     Picchiaduro
  • Sviluppatore:

     Capcom
  • Distributore:

     Halifax
  • Lingua:

     Inglese coi sottotitoli in italiano
  • Giocatori:

     1 - 2
  • Data uscita:

     18 Febbraio 2011
ASPETTATIVE
- Alcuni personaggi sono veramente originali
- Comparto tecnico eccelso
- Gameplay immediato
Loading the player ...
A cura di Tommaso Valentini (FireZdragon) del
L’ottimo Marvel vs Capcom 2, fin dalla sua prima apparizione su Dreamcast nel lontano 2000, ha saputo guadagnarsi una folta schiera di affezionati grazie ad un gameplay frenetico ed immediato che permetteva a chiunque di esibirsi in spettacolari mosse dopo solo poche partite. Dopo poco più di 10 anni dalla sua prima pubblicazione, Capcom è pronta a portare il terzo capitolo della serie nelle nostre case, con un cast di personaggi completamente rivisto ed una nuova e sfavillante veste grafica.

30 personaggi tutti per me
Creare un roster di personaggi che riesca a soddisfare i gusti di tutti non è una cosa semplice a causa dell’alto numero di personalità di spicco presenti nei due mondi. Capcom aveva parzialmente risolto il problema nel secondo capitolo, proponendo una nutrita schiera di personaggi, decisamente vari e ben amalgamati tra loro. Nella versione non definitiva in nostro possesso il roster è composto da trenta lottatori, ognuno dotato di costumi alternativi e set di mosse assolutamente uniche. Eccovi la lista completa di tutti i personaggi attualmente giocabili:

Marvel
- Super Skrull
- Dormammu
- MODOK
- Dr. Doom
- Captain America
- Spiderman
- Storm
- Ironman
- Thor
- Magneto
- Wolverine
- DeadPool
- Hulk
- She Hulk
- X-23

Capcom
- Wesker
- Zero
- T.Bonne
- Chris
- Dante
- Trish
- Viewtiful Joe
- Chun Li
- C.Viper
- Nathan Spencer
- Ryu
- Amaterasu
- Felicia
- Arthur
- Morrigan

Oltre a questi ne verranno aggiunti sicuramente altri poco prima della pubblicazione (Shuma Gorath e Jill sono già stati programmati) ed altri ancora arriveranno successivamente con DLC di vario genere. Allo stato attuale delle cose siamo rimasti piacevolmente colpiti dalla buona differenza di stili di lotta presenti nel titolo, con alcuni combattenti letali negli scontri ravvicinati, come il vecchio Wolverine, e altri decisamente più adatti nel mantenere le distanze dall’avversario, richiedendo così ai giocatori di comporre sempre una squadra composta da personaggi dotati di abilità differenti in grado di poter affrontare qualsiasi minaccia si presenterà al nostro cospetto.

Ready? Fight!
Una volta scelti i tre personaggi che andranno a formare il nostro team, un breve caricamento seguito da una cut scene animata di presentazione ci introdurrà allo scontro. I fan della serie non faticheranno ad avere immediatamente il controllo completo dei propri lottatori. Le vecchie conoscenze hanno infatti mantenuto praticamente intatti i loro set di colpi, con cambiamenti minimi apportati all’esecuzione di alcune mosse speciali e poco più. Il caro Ironman sarà provvisto quindi dei classici Unibeam e Repulsor Blast, Ryu potrà scagliare Hadoken a ripetizione ed il gigantesco Hulk farà affidamento come sempre su meteoriti e sulla pura forza bruta. Con ogni colpo scagliato o parato caricheremo una barra speciale situata nella parte inferiore dello schermo che ci permetterà, una volta riempita, di poter utilizzare le Hyper Combo. Queste sono fondamentalmente di due tipi: il primo consumerà un solo livello della barra di energia e causerà una buona quantità di danni mentre il secondo, dal costo decisamente più elevato, farà partire un attacco devastante che, se mandato a segno, ridurrà drasticamente la vita dell’avversario. Avremo inoltre la possibilità di scaricare un livello della barra per eseguire un colpo speciale utile per spedire nelle retrovie il nostro bersaglio, impossibilitandolo per qualche secondo a rientrare in battaglia e dandoci conseguentemente il tempo di accanirci su un personaggio precedentemente messo a riposo dal team nemico. Sebbene le meccaniche non cambino in maniera sostanziale rispetto al passato ci sembra doveroso spendere due parole per quanto riguarda le new entry ed i loro set di mosse. Alcuni dei nuovi personaggi hanno la caratteristica di essere particolarmente bassi come per esempio Arthur, Viewtiful Joe o Amaterasu e costringono chi li affronta a cambiare tattica rispetto a quella utilizzata normalmente, dato che alcuni colpi non verranno portati a segno a causa delle dimensioni ridotte del modello. Durante le nostre sessioni di gioco questa caratteristica non ha influito tuttavia in maniera rilevante sull’esito degli scontri dato che la maggior parte delle mosse andranno in ogni caso a coprire gran parte dello schermo e sarà opportuno quindi prestare attenzione unicamente ai colpi base ravvicinati. Sono presenti inoltre le combinazioni aeree inanellabili tra tutti i membri del nostro party, semplici da eseguire ma altrettanto semplici da evitare grazie alla ripetuta pressione del tasto dedicato.
Le scelte fatte da Capcom fino a questo punto per quanto riguarda il roster ci hanno solo parzialmente convinto a causa di alcune decisioni quantomeno discutibili. Proprio data l’alta quantità di personaggi dalla quale attingere ci è sembrata una scelta azzardata inserire X-23, dallo stile molto similare a Wolverine, od il bizzarro MODOK al quale avremmo preferito una altro personaggio qualsiasi dei due mondi presi in considerazione.

Bilanciamento e IA, ancora latitano
Sebbene la nostra copia non fosse definitiva e non fosse possibile scegliere il livello di difficoltà dell’intelligenza artificiale questa ci è sembrata veramente risicata, tanto da non riuscire mai a metterci KO durante le numerose partite di prova che abbiamo disputato. Giocando contro un altro avversario umano invece sono emersi alcuni problemi di bilanciamento nei personaggi presenti, con Ironman, Dante e Superskrull decisamente sopra la media. Il loro più grosso vantaggio è quello di avere Hyper Combo veloci, capaci di infliggere danni spropositati ed in grado di occupare quasi tutto lo schermo rendendole così difficili da evitare. Questo problema è stato ereditato direttamente dal capitolo precedente dove l’accoppiata Ironman – Warmachine risultava mortale anche nelle mani dei novizi. Purtroppo a causa della natura stessa dell’edizione da noi provata non possiamo entrare nel merito delle modalità extra, dello story mode principale o dei personaggi sbloccabili che rimarranno appannaggio esclusivo della versione finale.

I fumetti prendono vita
Tecnicamente parlando non c’è nulla di Marvel vs Capcom 3 che non ci sia piaciuto, i personaggi si muovono in velocità e naturalezza tra esplosioni ed onde di energia mentre gli effetti speciali e le animazioni delle Hyper Combo vi lasceranno a bocca aperta. Le arene che abbiamo potuto provare erano decisamente varie e con rimandi continui alle serie di appartenenza. Dai Licker di Resident Evil, imprigionati in celle di contenimento di un laboratorio, fino a più sobri palloni gonfiabili raffiguranti i Servbot Capcom, le arene 3D saranno ben animate e ricche di personaggi che si muoveranno sullo sfondo di gioco.
Le nostre uniche preoccupazioni sono quindi rivolte ad un possibile abuso dei DLC, vista l'immensa mole di personaggi lasciati attualmente fuori e che aspettano ansiosi il loro turno di entrare a far parte della lotta per decretare il destino dei due mondi, in arrivo il 28 febbraio prossimo.
Recensione Videogioco MARVEL VS CAPCOM 3: FATE OF TWO WORLDS scritta da FIREZDRAGON Da questa prova sul campo Marvel vs Capcom 3 sembra aver mantenuto tutti i punti di forza del predecessore e come valore aggiunto possiede un comparto tecnico di tutto rispetto. I veterani della serie si troveranno a proprio agio con tecnicismi quali mosse aeree e Hyper Combo mentre i novizi non faranno fatica a prendere confidenza con i semplici controlli, permettendo cosi’ a chiunque di dar vita in breve tempo a scontri spettacolari. Confidiamo in Capcom per trovare un miglior bilanciamento di alcuni personaggi che, allo stato attuale, risultano troppo potenti rispetto alla media e rischiano di attirare tutta l’attenzione dei giocatori desiderosi di vittorie facili. Se la casa di sviluppo giapponese riuscirà a sistemare questi difetti nel tempo rimanente da qui all’uscita ci troveremo per le mani un picchiaduro 2D di altissimo valore. Attendiamo fiduciosi.
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
RECENSIONI E SPECIALI CORRELATI
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967