Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Call of Duty: Black Ops

Call of Duty: Black Ops

Prova diretta del multiplayer

Hands On

PC, PS3, X360

Sparatutto

Italiano

Activision

Disponibile

A cura di del
Entusiasmo. Con questo sentimento è stato salutato l’annuncio del comparto multigiocatore di uno dei titoli più attesi dell’ormai prossima stagione invernale, Call of Duty: Black Ops. Lo Science Center di Los Angeles ha ospitato ieri notte più di duecento giornalisti da tutto il mondo, cosicchè Activision e l’intero team Treyarch potessero svelare il fiore all’occhiello della loro nuova produzione, fonte nei mesi scorsi di tante speranze e qualche timore.

Combatti. Personalizza. Crea.
Questi i tre dogmi attorno ai quali gli sviluppatori hanno deciso di lavorare per migliorare ed espandere una delle esperienze multigiocatore più giocate ed apprezzate dai fragger di tutto il mondo. Al fine di avvicinare alle sfide online anche i giocatori più avvezzi alle sfide contro l’Intelligenza Artificiale, i ragazzi di Treyarch propongono una modalità offline contro i classici bot: inizialmente creata come tool ad uso interno per lo sviluppo, essa si è evoluta in una vera e propria esperienza di gioco parallela al multiplayer, che permetterà ai giocatori di familiarizzare con le meccaniche dell’online accumulando esperienza e sbloccando Perk ed equipaggiamento, i quali naturalmente saranno disponibili solo all’interno della modalità stessa, così da non contaminare le classifiche online; giocabile sia da soli che in cooperativa, questa stipulazione permetterà sia ai veterani di allenarsi e studiare le nuove mappe, sia ai novellini di familiarizzare con le meccaniche di base, colmando così un vuoto non indifferente. Passando all’online vero e proprio, “personalizzazione” è la nuova parola d’ordine: si comincia con i Perk, il cui primo Tier andrà ad influire anche sull’aspetto dei giocatori in partita, mostrando armature ed equipaggiamenti consoni alla specialità scelta, ad esempio vestendo un ricognitore in maniera visibilmente molto più pesante di un infiltratore; questo permetterà inoltre di sapere quali Perk ha equipaggiato il nemico al primo colpo d’occhio. La personalizzazione si estende anche all’arsenale: un gran numero di interessanti gadget si renderanno via via disponibili da installare nei vari slot presenti sulle armi, come i classici mirini ottici o i caricatori pià capienti. Anche la gestione dell’equipaggiamento vede l’introduzione di alcune interessanti novità: gli oggetti lanciabili sono stati divisi in due categorie, letale e tattica, assegnate rispettivamente i tasti dorsali destro e sinistro. In questo modo le granate a frammentazione potranno essere utilizzate insieme alle flashbag, aumentando le chance di mettere in pratica tattiche elaborate. Una terza categoria, nota come Equipaggiamento, permetterà di dotare l’alter ego di uno a scelta tra molti interessanti gadget, tra cui mine Claymore, sensori di movimento ed un’innovativa telecamera piazzabile ovunque, il cui girato può essere visionato in tempo reale in un piccolo riquadro dello schermo. Novità anche per i Killstreak, i quali daranno ora accesso ad una serie di ricompense innovative: oltre alla macchina radiocomandata vista nel trailer, abbiamo visto in azione un lanciafiamme, un attacco al Napalm, un lanciarazzi tattico, una gatling gun, un attacco alla guida di un elicottero ed una torretta antiaerea utile ad eliminare le minacce aeree nemiche.

It’s all about the money
Le guerre, si sa, necessitano di grandi movimenti economici per essere combattute. Seguendo questa logica, Treyarch ha introdotto nel comparto multigiocatore di Black Ops un sistema economico, che permetterà ai giocatori di accumulare i CP (CoD Points) parallelamente ai punti esperienza. Questa valuta potrà essere spesa per acquistare i gadget ed i Perk, rendendo il sistema di upgrade dei combattenti molto più flessibile: invece di aspettare un certo rank, i giocatori potranno decidere di risparmiare i propri punti per arrivare subito alla ricompensa desiderata, eliminando molti dei problemi legati al mancato bilanciamento delle ricompense visto in Modern Warfare 2. Comprare perk, miglioramenti per le armi ed equipaggiamento non sarà tuttavia l’unico scopo del proprio portafogli: un sistema di scommesse permetterà di puntarne una parte negli Wager Matches, stipulazioni di gioco speciali in cui solo i primi tre classificati verranno pagati, mentre tutti gli altri perderanno le proprie puntate. Queste partite verranno disputate seguendo quattro formule originali: One In The Chamber metterà i giocatori uno contro l’altro armati solo di una pistola, una pallottola e tre vite. Un colpo a segno ricompenserà il giocatore con un nuovo proiettile, mentre mancare lo lascerà armato solo di coltello. Sticks And Stones vedrà i partecipanti armati solo di balestre ed armi bianche da lancio, laddove un colpo a segno con una di queste ultime toglierà automaticamente all’avversario la vincita. Gun Game vedrà tutti i giocatori iniziare con una pistola e guadagnare un’arma migliore ad ogni uccisione, mentre ogni morte li riporterà all’inizio della scalata. Sharp Shooter fornirà ai giocatori una serie di armi distribuite a caso, le quali verranno cambiate simultaneamente a più riprese durante il match. La prova diretta su queste modalità ha confermato la varietà che esse sono in grado di conferire al nuovo comparto multigicocatore, spezzando l’azione più classica delle modalità tradizionali ed offrendo sfide originali e molto impegnative.

Contratti ed un po’ di cinema
L’ultimo utilizzo possibile per il sudato portafogli sarà l’acquisto dei Contracts: essi imporranno al giocatore il completamento di determinate sfide, come l’uccisione di un certo quantitativo di giocatori in un limitato numero di match. Se portati a termine essi offriranno ingenti ricompense, rappresentando invece una totale perdita in caso di fallimento.
Una novità meno legata al gameplay, ma non per questo meno interessante, è il Theater Mode: seguendo le orme di Bungie, i ragazzi di Treyarch propongono una modalità regista che permetterà ai giocatori di visionare le ultime partite disputate, scegliere quali salvare ed editarle direttamente dall’interfaccia di gioco, pubblicando i lavori finiti direttamente online.
  • [+] Nuove modalità di gioco
    [+] Nuovo bilanciamento nell'accumulo dell'esperienza
    [+] Theater Mode

La spettacolare presentazione e le prove dirette non lasciano dubbi al riguardo: Trayarch ha lavorato molto per migliorare ed ampliare una formula che sembrava “intoccabile” per lo straordinario successo riscosso. Le novità sono davvero tante, tra le ovvie aggiunte all’equipaggiamento e l’inaspettato sistema di scommesse, ed aggiungono molte variabili ad un comparto che si preannuncia come il più completo e longevo della serie. Nei prossimi giorni consigliamo agli appassionati di visionare la Video Anteprima dedicata all’evento, che conterrà interviste al team e materiale video proveniente dalle prove dirette. Rimangono naturalmente molte domande legate al bilanciamento, al ritmo di crescita dei personaggi che il nuovo sistema economico offrirà ed alla qualità delle mappe. Il tempo per il verdetto finale, e per tutte le risposte, è ormai prossimo. Rimanete con noi.

0 COMMENTI