Anteprima di Hunted: The Demon's Forge

Copertina Videogioco Hunted
  • Piattaforme:

     PC, PS3, Xbox 360
  • Genere:

     Azione
  • Sviluppatore:

     inXile
  • Distributore:

     Leader
  • Lingua:

     Completamente in Italiano
  • Giocatori:

     1 - 2 (Cooperativa online, Split Screen)
  • Data uscita:

     3 Giugno 2011
ASPETTATIVE
- Gameplay divertente ed immediato
- Buon comparto tecnico
- Il primo action fantasy da molti anni a questa parte
Update di Andrea "andymonza" Porta - 20/08/2010
Una visita allo stand di Bethesda presso la GamesCom 2010 in corso in questi giorni a Colonia ci ha permesso di effettuare una breve prova diretta di Hunted: The Demon's Forge, titolo ibrido che ad atmosfere da GDR mescola un gameplay spiccatamente action con coperture alla Gears of War. La prova su una versione preliminare per Xbox 360 si collocava nel quarto capitolo di gioco, noto come "La Caduta di Lyr": i due protagonisti Caddoc ed E'lara attraversavano la città devastata dagli attacchi dei demoni costantemente attaccati dai nemici, situazione che ci ha permesso di testare a fondo le meccaniche di combattimento. Nei panni del colossale guerriero umano ci siamo trovati a menare fendenti di scudo e spada e ad utilizzare occasionalmente il tiro di precisione con la balestra ed i poteri magici sfruttando le molte coperture presenti nei livelli. Il mix risultante offre un gameplay immediato e comprensibile sin dai primi istanti di gioco, anche grazie ai controlli ben mappati sul pad. Costantemente intervallata da cut scene realizzate con il motore di gioco, l'azione scorre a grande velocità scagliando ondata dopo ondata di nemici contro il giocatore, costringendo a veloci cambi di tattica: dal corpo a corpo all'arma bianca si passa alla necessità di utilizzare attacchi a distanza per eliminare in fretta nemici fuori portata, armati di arco e frecce. Mappati sul D-Pad abbiamo trovato alcuni attacchi speciali, come il classico colpo con lo scudo ed un fendente particolarmente potente, da utilizzarsi con cautela in quanto molto più lenti degli attacchi normali. Durante la prova abbiamo avuto modo di affrontare anche un miniboss, un demone armato di un imponente scudo ed in grado di menare fendenti molto più potenti di quelli dei nemici standard: la sua sconfitta ha richiesto molte schivate ed un buon mix tra attacchi di spada e di balestra. Buona ci è sembrata la risposta dell'Intelligenza Artifciale che ha mosso la nostra compagna durante la sessione di gioco, permettendole di essere d'aiuto senza mai rubare la scena al protagonista o rendersi d'intralcio. A non convincerci pienamente è stato invece il feeling sui controlli: il personaggio risulta estremamente pesante da gestire, il riconoscimento delle coperture non è sempre preciso ed in generale le animazioni non ci hanno stupito. Terminata la lunga fase di combattimento abbiamo avuto un assaggio dell'elemento esplorativo del gameplay, sotto forma di una piccola quest che ci ha visto cercare e raccogliere delle ossa per completare un breve rituale. Molto interessante l'interazione tra i compagni: nei panni del guerrieriero umano, ci è stato sufficiente indirizzare lo sguardo verso un altare perchè la nostra compagna capisse le nostre intenzioni, e vi conficcasse una freccia incendiaria accendendo così il fuoco necessario al completamento della procedura.
Nel complesso, la breve prova su Hunted: The Demon's Forge ha rivelato un prodotto ancora bisognoso di cure su diversi fronti, in primis quello dei controlli. Se gli sviluppatori sfrutteranno a dovere il tempo a loro disposizione prima del rilascio previsto ad inizio 2011, il titolo potrebbe rivelarsi un interessante ibrido, rischiando invece l'anonimato nel caso in cui i difetti non dovessero ricevere la giusta dose di attenzioni.
A cura di (drleto) del
La seconda occasione nel giro di pochi mesi di visionare Hunted: Demon's Forge ci ha dato la possibilità di constatare lo stato di avanzamento dei lavori di questa produzione inXile, nata dal desiderio degli sviluppatori di riportare in auge il genere dei dungeon crawl che diversi anni fa con la serie Ultima Underworld divertiva milioni di giocatori.
Il risultato è un action in terza persona dalle forti tinte eroic fantasy, nel quale la bella e discinta E'lara ed il mastodontico Caddoc perpetrano un massacro indiscriminato nei confronti di orde di creature demoniache.

The story so far
Sviluppato partendo dall'onnipresente Unreal Engine 3 Hunted: Demon's Forge sfruttale peculiarità del motore per fornire un impatto tecnologico eccellente e per dare una sua interpretazione delle classiche coperture “a la Gears”. Quello che abbiamo apprezzato è il lavoro degli sviluppatori atto a rendere un po' più personale il loro lavoro, precedentemente troppo legato ai modelli e alle linee guida proprie del motore. Partendo dall'aspetto dei protagonisti, fino ad arrivare alle ambientazioni tutto è stato leggermente rivisto in modo che appaia meno testosteronico, con E'lara finalmente sensuale e non più solo mezzanuda e Caddoc non più un'anonima montagna di muscoli pelata.
La ricerca di due protagonisti carismatici è comunque centrale nel bilancio del gradimento di Hunted: Demon's Forge essendo un titolo costruito attorno all'esperienza cooperativa. I ragazzi di inXile presentano infatti con orgoglio la loro cooperativa a distanza, ovvero lo studio di interazioni tra i due personaggi che non richieda la prossimità, in modo da permettere un differente approccio all'azione. Per scelte di design, E'lara potrà specializzarsi solo nel combattimento a distanza, mentre Caddoc in quello ravvicinato, nonostante abbiano la possibilità di imbracciare rispettivamente una spada corta ed una balestra. Questo costringerà a variare il proprio gioco in base al personaggio scelto in modo da massimizzarne le capacità. Proseguendo nel gioco inoltre sarà possibile personalizzare i due protagonisti, che dunque risulteranno molto diversi da giocatore a giocatore. Così, quando in corrispondenza dei checkpoint sarà possibile scambiarsi i ruoli, ci potrebbe essere la possibilità che scendano in campo una E'lara e un Caddoc completamene diversi da quelli visti in azione pochi secondi prima. L'unica cosa nella quale i due eroi si equivalgono è l'utilizzo della magia. Essa è sfruttata principalmente per “buffare” il compagno in modo che possa sfruttare al meglio le sue capacità. È questo il cuore della cooperazione a distanza, ovvero che se E'lara congela un mostro, starà a Caddoc infrangerli con possenti colpi o, a parti inverse, se il gigante proietterà in aria i nemici toccherà alla guerriera decimarli mentre sono in volo.
Altre peculiarità del gameplay sono l'utilizzo di alcuni eventi scriptati per avere la meglio dei nemici, la presenza di tanti segreti opzionali da provare a ricercare nel corso dell'avventura, seguendo i suggerimenti dati dai personaggi, capaci anche di variare le linee di dialogo a seconda di come si è svolto il combattimento.

Cosa bolle in pentola
Nelle nuove ambientazioni mostrate abbiamo visitato una putrida palude infestata dagli scheletri ed un oscuro labirinto sotterraneo. Qui dovevamo usare l'abilità di E'lara di accendere i bracieri spenti, tramite l'utilizzo di frecce infuocate. Nell'oscurità più totale era necessario sparare alcuni colpi “a salve” per capire come orientarsi e per cercare delle torce da mirare e attizzare. Una sezione molto interessante e piuttosto originale, che promette di mettere alla prova i giocatori anche per via dei tanti corridoi ciechi e di qualche puzzle da risolvere tramite la pressione alternata di leve ed interruttori. Ad un certo punto occorrerà muoversi di soppiatto per non attirare i nemici. Caddoc è troppo veloce ed un muro viene improvvisamente abbattuto ed un enorme mostro ci catapulta direttamente al game over.
Terminata la presentazione c'è stato spazio per alcune ulteriori considerazioni sul gioco, come della presenza di tre livelli di difficoltà che dovrebbero andare ad aumentare la sfida, piuttosto bassa, mostrata in questa presentazione. Inoltre ci sarà la possibilità di trovare nuove armi, i personaggi potranno infatti portare due armi primarie ed una secondaria, ma soprattutto dei cristalli, grazie ai quali governare le crescita del personaggio.
Come ultimo dettaglio c'è stata un'ulteriore “non conferma” della presenza di altre modalità oltre alla classica cooperativa online, ma evidentemente questa rivelazione è stata programmata per qualche futuro evento, dove speriamo avremo finalmente la possibilità di provare con mano il gioco.

Tecnicamente Hunted: Demon's Forge ha fatto dei discreti passi in avanti in questi mesi. La versione precedente, mostrata su pc probabilmente molto performanti, era decisamente meno riuscita di questa demo, capace di spremere una Xbox 360, grazie ad un buon livello di dettaglio ed ottimi effetti luce, conditi con qualche interazione fisica capace di far crollare le coperture o alcuni elementi dei fondali. Buoni gli effetti sonori, molto “pieni” e il dobbiaggio, abbastanza stereotipato, ma che si compone di linee di dialogo capaci di strappare qualche sorriso.
Recensione Videogioco HUNTED: THE DEMON'S FORGE scritta da DRLETO Hunted: Demon's Forge sta pian piano mostrandosi come un titolo piuttosto completo, che con una trama godibile, una buona varietà di armi, ambientazioni e di situazioni di gioco potrebbe rivelarsi una sorpresa, soprattutto per coloro alla ricerca di un titolo leggero con il quale partire in compagnia di un amico alla ricerca di tesori nascoste ed intere legioni di mostri da affettare. Ora manca solo una prova diretta per poter farci un'idea definitiva delle aspettative da riversare nell'ultima fatica di inXile. Nel frattempo rimanete con Spaziogames per tutti gli aggiornamenti.
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
RECENSIONI E SPECIALI CORRELATI
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2017 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.