Speciale I nuovi MacBook Pro

A cura di (Tahva) del
C'erano una volta, lontana lontana, i keynote di Apple in cui le "notizie bomba" non venivano svelate in anticipo dai rumor e dalle voci di corridoio. Una volta, perché anche per questo nuovo appuntamento con la casa di Cupertino, i bene informati hanno colpito il bersaglio: i nuovi MacBook Pro sono realtà, e realtà è anche la nuova Touch Bar che promette di cambiare per sempre l'esperienza di utilizzo di questi laptop. In che modo? Vediamolo.


Touch me, I'm beautiful
La serie di laptop Pro è sempre stata quella, nel mondo Apple, che più fortemente strizzava l'occhio ai professionisti in cerca sì di un computer portatile, ma anche di un ottimo supporto per le applicazioni di lavoro e di una macchina sulla quale poter fare affidamento. Possiamo dire che la filosofia alla loro base non cambia nemmeno con questa nuova generazione di MacBook Pro, al punto che anche la nuova Touch Bar, che vedremo da vicino a breve, è stata subito mostrata anche nei suoi utilizzi più pratici per mansioni lavorative abituali e non sempre agilissime.
Tutti i nuovi modelli, ad eccezione di quello entry level da 13", monteranno quindi al di sopra della tastiera la nuova barra touch Retina, che è a tutti gli effetti un display ad alta risoluzione sensibile al tocco. Addio, quindi, ai piccoli tasti funzione, perché anche i controlli più semplici, come ad esempio il volume, passeranno ora per la Touch Bar.
L'approccio consentito da quest'ultima alle diverse applicazioni sembra a tutti gli effetti rivoluzionario e molto molto agevole, al punto che non sarebbe troppo inopportuno immaginare che ben presto altri produttori seguiranno a ruota. Intervenuta sul palco, ad esempio, Adobe ha fatto sapere che nel suo nuovo Photoshop sarà possibile servirsi della Touch Bar per le funzioni più diverse: si va dalla gestione degli slider alla Storia della vostra immagine, il che vi consente quindi di muovervi agevolmente tra le modifiche apportate e le versioni precedenti. La Touch Bar sarà ovviamente supportata anche dalle applicazioni simbolo della Mela: su Safari, ad esempio, potrete passare da una scheda all'altra, mentre su Mail potrete visualizzare suggerimenti per la digitazione ed emoji da inserire rapidamente. Sul programma di montaggio Final Cut, invece, avrete sempre sott'occhio la timeline del vostro elaborato, con la possibilità, con un semplice tap, di muovervi da un cut all'altro. La barra touch è supportata anche da Foto, dove potrete ruotare le immagini e applicare dei filtri, e da altre applicazioni come ad esempio Pages e Keynote, dove è preposta ai controlli sul font e la paginazione del vostro elaborato. Apple ha fatto sapere fin da ora che diverse altre applicazioni che la sfrutteranno offriranno controlli di tipo diverso, e sarete quindi voi a decidere quali visualizzare in base alle vostre necessità.
In aggiunta, sfruttando la Touch Bar, Apple ha introdotto per la prima volta nei MacBook il Touch ID ben noto ai possessori dei suoi iDevice: con un tocco, potrete bloccare e sbloccare il computer, tenendo al sicuro i vostri file e i vostri dati sensibili.
Come accennavamo, l'idea risulta insomma molto interessante e, in base a quanto mostrato da Apple fino ad ora, dovrebbe riuscire a tutti gli effetti a semplificare la vita a chi non ha troppo tempo da perdere quando si siede davanti al MacBook. Le comodità e le buone idee, però, hanno un costo.


Touch me, I'm pricey
La Touch Bar non è l'unica novità dei MacBook Pro di nuova generazione, che sono in arrivo entro un mese: oltre al solito slogan del più leggero, più sottile, Apple ha infatti voluto sottolineare la rinnovata qualità del monitor, che si presenta con il 25% di colori in più rispetto allo standard RGB. Il risultato è una maggior profondità dei rossi e dei verdi. Per consentire un lavoro migliore nell'editing delle foto e nella color correction, è stato aumentato del 67% anche il contrasto.
Dal momento che anche diversi musicisti si affidano ai MacBook Pro per le loro composizioni, Apple ha dato una sistemata anche al comparto audio, che consente ora di avere il 57% di volume in più e dei bassi decisamente più profondi, grazie anche al collegamento diretto con l'alimentazione di sistema. Non è tutto, perché per offrire uno spazio di lavoro il più confortevole possibile, la casa di Cupertino ha anche raddoppiato le dimensioni del trackpad e rinnovato la tastiera, con un meccanismo a farfalla per ciascuna key.
Ci siamo capiti: i nuovi MacBook Pro sono pieni di buone idee. Come spesso accade, però, la nota dolente è rappresentata dal prezzo, sopratutto a fronte del divario monstre tra i costi per l'Italia (ormai abituali e dovuti alle diverse tassazioni) e il mercato statunitense. Solo per spiegarci, il modello base privo di Touch Bar, che in USA è in vendita a $1.499, da noi si porterà a casa con 1.749€. Un prezzo già di per sé abbastanza elevato, con un divario che va sempre più a salire via via che l'hardware si fa più ricercato. Purtroppo, certo, non è colpa di Apple - che già di per sé si fa pagare parecchio bene non solo le buone idee, ma anche gli ovvi lavori di ricerca e progettazione dei mesi precedenti, i materiali green utilizzati e tanto pubblicizzati e, lo sappiamo tutti, la firma. Fatto questo piccolo excursus sulle differenze di esborso previste per le tasche a stelle e strisce e quelle tricolori, vediamo cosa hanno da offrire le diverse varianti dei nuovi MacBook Pro al di sotto della loro scocca.


Questione di esigenze (e di conto corrente)
Come anticipavamo poco fa, il modello entry level è praticamente il "brutto anatroccolo" della nuova famiglia, dal momento che non monta la Touch Bar rappresentativa di questa generazione. Con monitor da 13", un i5 dual-core da 2.0 Ghz (3,1 Ghz in boost), scheda grafica Intel Iris 540, RAM da 8 GB e SSD da 256 GB, il computer si porta a casa con 1.749€. Francamente troppi, ma ognuno farà i propri conti e verrà incontro alle proprie esigenze, anche tenendo conto dell'affidabilità consolidata di OS X.
La Touch Bar fa il suo debutto nel secondo modello da 13", che monta un i5 dual-core da 2,9Ghz (3,3 in boost), Intel Iris 550, 8 GB di RAM più veloce dell'altro modello (1866 Mhz vs 2133 MhZ) e il medesimo SSD. L'esborso, che comprende anche una porta Thunderbolt aggiuntiva (quattro totali) è di 2.099€. Negli Stati Uniti, per dovere di cronaca, il costo di listino è di $1.799, che al cambio attuale sarebbero grossomodo 1.650€.
Il terzo modello da 13" ha le stesse specifiche del precedente ma raddoppia l'SSD, passando ad una capacità di 512 GB, a fronte di un costo che sale a 2.299€. La controparte USA si ferma a $1.999.
Veniamo quindi ai top di gamma della famiglia, ossia i modelli con display da 15": la prima variante si propone con un i7 quad-core da 2,6 Ghz (3,5 in boost), 16 GB di RAM a 2133 Mhz, SSD da 256 GB e scheda grafica Radeon Pro 450 con 2 GB di memoria video. Considerando che si è parlato tanto di montaggio video ed elaborazione grafica tra gli utilizzi professionali del MacBook, era lecito aspettarsi un po' di spinta in più. Il prezzo di listino è di 2.799€, in USA di $2.399.
L'ultimo modello, infine, si presenta con i7 quad-core da 2,7 Ghz (3,6 in boost), la medesima RAM, SSD da 512 GB e scheda grafica Radeon Pro 455 da 2 GB. Il costo di listino previsto è di 3.299€, in USA di $2.799.
Potete consultare le schede tecniche, i prezzi di listino e tutti i dettagli nello store online ufficiale Apple.
Recensione Videogioco I NUOVI MACBOOK PRO scritta da TAHVA Quando si parla di Apple bisogna sempre ricordare che si fa riferimento ad una grande firma. La casa di Cupertino ha presentato una famiglia di MacBook Pro che, grazie alla nuova Touch Bar, dovrebbe rendere più agevole la vita dei professionisti. L'idea ci è sembrata sicuramente buona e l'utilizzo agile, ma bisognerebbe vedere nell'atto pratico quanto il nuovo approccio possa effettivamente imporsi sulle vecchie abitudini. All'altra faccia della medaglia, comunque, la famiglia di computer ha ancora una volta un prezzo elitario - quello di una grande firma, appunto - che potrebbe scoraggiare chi vuole cominciare a lavorare con un MacBook. Data per scontata la solidità che ha sempre contraddistinto la serie Mac, infatti, all'altro lato della barricata cominciano a farsi avanti alternative che sono sicuramente meno belle, meno ricercate e meno romanticamente legate al reinventare, ma che servono perfettamente ai loro scopi lavorativi nonostante prezzi sensibilmente più accessibili.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
    Commenti: 45 - Visualizza sul forum
  • man75
    man75
    Livello: 4
    Post: 477
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da gandalf3d

    Da pochi anni questo è chiaramente visibile anche andando sul sito dell'asus e cercanto il prodotto controparte al Mac di riferimento, ovviamente con dovute accortezze le macchine presentano differenze ma spesso si trovano delle belle copie a costo dimezzato o quasi. Queste riportate non sono teorie, ma fatti.
    si ma asus non fà figo mentre il simbolo della mela si.....ti darei mille pollici in su se potessi....
  • gandalf3d
    gandalf3d
    Livello: 0
    Post: 0
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Mi permetto di commentare solo per questa volta visto l'argomento trattato. Vi informo che i "famigerati" prodotti Apple dall'avvento della tecnologia intel non sono Apple, ma Asus. Questo comporta ovviamente un problema in quanto nei primi anni, prima dell'unibody il design non era scelto dagli stessi ingenieri che si occupavano della unità logica, portanto i mac a bruciarsi sotto stress lavorativo quotidiano di 8h. Da pochi anni questo è chiaramente visibile anche andando sul sito dell'asus e cercanto il prodotto controparte al Mac di riferimento, ovviamente con dovute accortezze le macchine presentano differenze ma spesso si trovano delle belle copie a costo dimezzato o quasi. Queste riportate non sono teorie, ma fatti. Mi limito ad aggiungere che come utilizzatore di mac e windows quotidianamente in ambito grafico e post produzione, trovo semplicemente ridicolo pensare ancora che una macchina sia più affidabile di un'altra solo per il sistema operativo quando poi si finisce ad utilizzare software che vengono sviluppati e testasti in ambiente windows vedi Adobe suite, Autodesk, etc.. Stesso discorso per i materiali costruttivi dello chassie dei notebook, in quanto avere la scocca in magnesio e poi non poterla appoggiare alle gambe causa scottatura mi pare assurdo. l'affidabilità delle macchine è derivata dai transistor installati e dalla qualità della dissipazione e sotto questo punto nulla di apple è purtroppo vicina a Microsoft con l'ultimo giro di surface. Per questi portatili l'unica mia espressione è la totale mancanza di utilità a livello lavorativo "teoricamente il target di riferimento" nessun montatore o grafico userebbe una barretta di 1cm per essere preciso al frame o nella selezione del colore, Apple si sta sempre più avvicinando al mercato consumer e di conseguenza rischiando di entrare nel ben più grosso mercato di Asus che non teme decisamente realtà cosi ridotte, si parla di un 14% di mercato contro il 65% di asus. se volete un apple prendetelo dall'albero e non buttate soldi in questi untimi prodotti. Buona giornata a tutti.
  • Fluvio89
    Fluvio89
    Livello: 4
    Post: 9
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Fluvio89

    tecnicamente l'entry level non è l'air da 10 adesso?
    13
  • Fluvio89
    Fluvio89
    Livello: 4
    Post: 9
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Tahva

    Credo personalmente che la qualità costruttiva e l'affidabilità del Mac non siano in discussione. Mentre dovetti cambiare due computer nel giro di qualche anno, nel 2010 comprai un MacBook (quello bianco, modello base) che tutt'oggi, 6 anni e 3 mesi dopo, funziona. Ho dovuto sostituirlo per la necessità di una scheda grafica più performante (ho preso un MSI Phantom), ma l'affidabilità è stata davvero lodevole. Il problema, è quanto, col passare degli anni, sia andato a salire il prezzo per portare a casa l'insieme di affidabilità, design, brand e tecnologie. Per rimanere nel mio esempio, l'entry level dell'epoca che portai a casa costava 999€ ed era quello che garantiva l'esperienza minima della filosofia Apple. Ad oggi, il corrispondente MacBook da "esperienza minima" è in vendita a 1.499€. Il discorso si può applicare anche ai Pro: le fasce di prezzo sono andate sensibilmente a salire e, sebbene Apple sia liberissima di scegliere a quale costo proporre i suoi prodotti sul mercato, è anche vero che le alternative sono diventate più solide che in passato. Vedremo come si comporterà il mercato.
    tecnicamente l'entry level non è l'air da 10 adesso?
  • Il Rich
    Il Rich
    Livello: 6
    Post: 405
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Tahva

    C'è scritto nell'articolo ^^
    Quindi, tecnicamente, non mi sono sbagliato
  • Stiffmaister
    Stiffmaister
    Livello: 6
    Post: 1600
    Mi piace 2 Non mi piace 0
    Ho visto cose che voi non potreste neanche immaginarvi.. gente con l'iphone da 900 euro che ti dice "chiamami tu perché non ho credito"... ma certo... è ricco lui che ha l'iphone..io sono povero invece.... è una moda e basta... la gente si indebita per avere l'oggetto del momento così come in passato erano le Timberland e il piumino Moncler... i ricchi non hanno niente a che vedere con Apple... i Gaggiotti che vogliono ostentare uno status si...
  • eiskalte
    eiskalte
    Livello: 6
    Post: 481
    Mi piace 4 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Bob182

    Io non ho offeso nessuno, ho detto solo che come in ogni categoria di oggetti ci sono cose per più ricchi e cose per più poveri. Non capisco perché questo accanimento verso i miei post, non digerisco solo lo sparare a zero contro Apple ogni volta senza motivo. La storia della volpe e dell'uva non insegna nulla?
    Un cellulare/pc non è categoria per ricchi o poveri. Un Audemars Piguet è un "oggetto" per ricchi, una McLaren è un "oggetto" per ricchi, uno Yacht è un "oggetto" per ricchi, non uno smartphone perchè ho visto persone fare FINANZIAMENTI per tale prodotto, di conseguenza, è un "bene di lusso" che chiunque si potrebbe permettere. Se tu reputi intelligente spendere 3k+ di euro per un portatile che, potenzialmente, fra neanche 6 mesi diventa già "vecchio" allora quello è un problema tuo, ma non puoi etichettare "povere" le persone che preferiscono investire questi soldi in maniera diversa e, se permetti, più intelligente. Saluti.
  • jijuha
    jijuha
    Livello: 4
    Post: 81
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Bob182

    Io non ho offeso nessuno, ho detto solo che come in ogni categoria di oggetti ci sono cose per più ricchi e cose per più poveri. Non capisco perché questo accanimento verso i miei post, non digerisco solo lo sparare a zero contro Apple ogni volta senza motivo. La storia della volpe e dell'uva non insegna nulla?
    Ah be, dato che l'hanno fatto sempre non gli si può dire nulla. Dobbiamo farci il callo insomma...
  • Bob182
    Bob182
    Livello: 0
    Post: 0
    Mi piace 0 Non mi piace -3
    Io non ho offeso nessuno, ho detto solo che come in ogni categoria di oggetti ci sono cose per più ricchi e cose per più poveri. Non capisco perché questo accanimento verso i miei post, non digerisco solo lo sparare a zero contro Apple ogni volta senza motivo. La storia della volpe e dell'uva non insegna nulla?
  • Filippo99
    Filippo99
    Livello: 5
    Post: 378
    Mi piace 1 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da jijuha

    si ho letto il tuo articolo e il mio comment o non era riferito a te nello specifico, solo che nel tuo post è come se avessi trovato una scusa per coprire i prezzi apple. se così non fosse chiedo subito scusa. il mio discorso era centrato sul fatto che apple non può chiedere migliaia di € ogni anno per delle monate in più, perchè diciamocela tutta, le spese per la ricerca di "nuove tecnologie" puoi tenertela buona sul passaggio da un dual core 775 ad un i5 1156, lì si che c'era una vera evoluzione e si doveva pompare con i fondi. perchè tra socket 1150 e 1151 la differenza è minima (anzi, forse corre meglio la versione precedente) ed è l'unica cosa che cambia dal mac book dell'anno scorso ad oggi. scommetto che se vi proporrebbero un pc, con la stessa identica configurazione a parte che uno ve lo danno col processore di ultima gen e la seconda col processore della gen precedente ma a 150€ in meno, voi che scegliereste? stesso vale per la ps4 neo! ma piuttosto vendimela come ps5! fai un discorso e parli chiaro: "ragazzi, vogliamo essere competitivi su tutto il mercato, perfino su quello dei computer ed è per questo faremo uscire una ps ogni 5 anni per stare al passo coi tempi!" va bene ok, ci sta, se questo era il discorso!! ma da possessore di ps4 mi sento pigliato per il c*lo a sapere chhe dopo 3 anni mi fai uscire una ps4 quasi il doppio più potente. ma ci rendiamo conto??? pazzesco... comunque, quello che volevo far capire a tutti è che, per esempio, se io ho una fiat e tu un ferrari non ho nulla da dire anzi, beato te, posso provare solo gelosia nei tuoi confronti ma ragazzi, apple non è la ferrari dei pc. sopratutto negli ultimi tempi...
    Geloso di uno che ha la ferrari? Ma sai quanto costa il bollo? E poi, i limiti son a 130 neanche uno se la gode...mmm, però tutta le ragazze si girerebbero...e con la scusa di un giretto...aspè aspè, anchio voglio una ferrariiiiiiiii!
  • jijuha
    jijuha
    Livello: 4
    Post: 81
    Mi piace 0 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Tahva

    Ehm, hai letto il mio articolo? Così, per capire XD
    si ho letto il tuo articolo e il mio comment o non era riferito a te nello specifico, solo che nel tuo post è come se avessi trovato una scusa per coprire i prezzi apple. se così non fosse chiedo subito scusa. il mio discorso era centrato sul fatto che apple non può chiedere migliaia di € ogni anno per delle monate in più, perchè diciamocela tutta, le spese per la ricerca di "nuove tecnologie" puoi tenertela buona sul passaggio da un dual core 775 ad un i5 1156, lì si che c'era una vera evoluzione e si doveva pompare con i fondi. perchè tra socket 1150 e 1151 la differenza è minima (anzi, forse corre meglio la versione precedente) ed è l'unica cosa che cambia dal mac book dell'anno scorso ad oggi. scommetto che se vi proporrebbero un pc, con la stessa identica configurazione a parte che uno ve lo danno col processore di ultima gen e la seconda col processore della gen precedente ma a 150€ in meno, voi che scegliereste? stesso vale per la ps4 neo! ma piuttosto vendimela come ps5! fai un discorso e parli chiaro: "ragazzi, vogliamo essere competitivi su tutto il mercato, perfino su quello dei computer ed è per questo faremo uscire una ps ogni 5 anni per stare al passo coi tempi!" va bene ok, ci sta, se questo era il discorso!! ma da possessore di ps4 mi sento pigliato per il c*lo a sapere chhe dopo 3 anni mi fai uscire una ps4 quasi il doppio più potente. ma ci rendiamo conto??? pazzesco... comunque, quello che volevo far capire a tutti è che, per esempio, se io ho una fiat e tu un ferrari non ho nulla da dire anzi, beato te, posso provare solo gelosia nei tuoi confronti ma ragazzi, apple non è la ferrari dei pc. sopratutto negli ultimi tempi...
  • eiskalte
    eiskalte
    Livello: 6
    Post: 481
    Mi piace 7 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da BlindSide

    Bob ti assicuro che ho cose molto più costose dei computer della Apple. Devi anche considerare che c'è gente che vive benissimo senza i prodotti della Mela, soprattutto quelli a cui non interessa la moda! Ai tempi perfino il NEO GEO avevo e tutti sanno quanto costava comprare anche solo 1 gioco! Ma almeno il NEO GEO aveva una sua utilità... per me invece i prodotti della Mela fanno c4g4re e te lo dico nonostante abbia un 4s comprato ai tempi (e me ne sono pentito). USATO POCHISSIMO!!! L'ipocrisia forse è scaturita da quelle persone che considera "subito" poveraccio chi invece non è d'accordo con i prodotti e i prezzi Apple. Allora io che ho avuto fino a qualche anno fa tutte le console affianco ai PC? Dovevo pensare che chi aveva invece solo la Playstation 1 era un poveraccio? O chi non viaggia spesso è perché non può permetterselo? Ma per favore... considera che c'è gente a cui non interessa o da priorità ad altri aspetti della vita. E' comunque vero che APPLE vende più per moda che non per altro. Calcola ad esempio che nell'Europa dell'est la maggior parte dei clienti Apple sono DONNE! E non sto scherzando. Il bello è che queste donne i prodotti Apple non li comprano ma gli vengono regalati come simbolo di "ricchezza" da parte del f3ss0 di turno. So benissimo perché l'ho visto con i miei occhi. Quindi, immagina, una donna che non sa nemmeno cosa sia un "processore" o un banco di "ram" (per questo lodiamo la nostra amata Tahva che almeno capisce di hardware e gaming) si ritrova come regalo da parte di un disperato morto di f1k4 un Notebook di 2000 euro e poi magari non conosce nemmeno una parola d'inglese. Apple è simbolo di ricchezza "monetaria" (e di certo non culturale) ma è ormai una moda malata. Ne ho viste di tutti i colori intorno a questa moda e se solo lo raccontassi penso che qui in Italia non ci crederebbe nessuno. Anzi, qui, stranamente, molti ancora non ci corrono dietro. Vorrei solo che tu capissi una cosa: a livello di prestazione un PC Desktop (ma anche notebook) di 3000 euro asfalta qualsiasi computer Apple elencati in questo articolo. La villa al mare piace anche a me e anche i luoghi di lusso ma questo è un discorso diverso. La villa almeno te la godi, specialmente se la riempi di donne! Io non godo con un notebook di 3000 euro. Molti magari si precipitano a comprarlo subito, io invece spenderei quei soldi per comprare tutte le nuove console. E' anche questione di gusti!
    90 minuti d'applausi. Dare del poveraccio a chi non compra prodotti Apple è da semplici beoti (per rimanere fine) oltre a sfoggiare un'ignoranza becera. Non proseguo oltre o rischio di diventare offensivo.
  • BlindSide
    BlindSide
    Livello: 4
    Post: 1166
    Mi piace 7 Non mi piace 0
    Originariamente scritto da Bob182

    Quanta ipocrisia, una bella parte di chi non compra Apple è perché non può permetterselo. Punto. Non giriamoci attorno, tutti vorrebbero la villa al mare, l'auto sportiva ma si devono accontentare della loro realtà. Puoi benissimo fare un viaggio con una fiat punto, ha quattro ruote e ti muoverai sempre dal punto A al punto B. Ma non hai una ferrari. Apple è fenomenale perché ha creato una dipendenza dai suoi prodotti anche di persone povere che aprono prestiti per acquistare un iphone o un macbook. Odio chi fa falsi moralismi, quindi ripeto: uno è povero? che si compri un pc ma non critichi Apple per il pelo nell'uovo ad ogni sua uscita.
    Bob ti assicuro che ho cose molto più costose dei computer della Apple. Devi anche considerare che c'è gente che vive benissimo senza i prodotti della Mela, soprattutto quelli a cui non interessa la moda! Ai tempi perfino il NEO GEO avevo e tutti sanno quanto costava comprare anche solo 1 gioco! Ma almeno il NEO GEO aveva una sua utilità... per me invece i prodotti della Mela fanno c4g4re e te lo dico nonostante abbia un 4s comprato ai tempi (e me ne sono pentito). USATO POCHISSIMO!!! L'ipocrisia forse è scaturita da quelle persone che considera "subito" poveraccio chi invece non è d'accordo con i prodotti e i prezzi Apple. Allora io che ho avuto fino a qualche anno fa tutte le console affianco ai PC? Dovevo pensare che chi aveva invece solo la Playstation 1 era un poveraccio? O chi non viaggia spesso è perché non può permetterselo? Ma per favore... considera che c'è gente a cui non interessa o da priorità ad altri aspetti della vita. E' comunque vero che APPLE vende più per moda che non per altro. Calcola ad esempio che nell'Europa dell'est la maggior parte dei clienti Apple sono DONNE! E non sto scherzando. Il bello è che queste donne i prodotti Apple non li comprano ma gli vengono regalati come simbolo di "ricchezza" da parte del f3ss0 di turno. So benissimo perché l'ho visto con i miei occhi. Quindi, immagina, una donna che non sa nemmeno cosa sia un "processore" o un banco di "ram" (per questo lodiamo la nostra amata Tahva che almeno capisce di hardware e gaming) si ritrova come regalo da parte di un disperato morto di f1k4 un Notebook di 2000 euro e poi magari non conosce nemmeno una parola d'inglese. Apple è simbolo di ricchezza "monetaria" (e di certo non culturale) ma è ormai una moda malata. Ne ho viste di tutti i colori intorno a questa moda e se solo lo raccontassi penso che qui in Italia non ci crederebbe nessuno. Anzi, qui, stranamente, molti ancora non ci corrono dietro. Vorrei solo che tu capissi una cosa: a livello di prestazione un PC Desktop (ma anche notebook) di 3000 euro asfalta qualsiasi computer Apple elencati in questo articolo. La villa al mare piace anche a me e anche i luoghi di lusso ma questo è un discorso diverso. La villa almeno te la godi, specialmente se la riempi di donne! Io non godo con un notebook di 3000 euro. Molti magari si precipitano a comprarlo subito, io invece spenderei quei soldi per comprare tutte le nuove console. E' anche questione di gusti!
  • Tahva
    Tahva
    Redattore
    Mi piace 0 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da Il Rich

    Ma sbaglio o manca il tasto esc e tutti i tasti funzione ( F1, F2... )?
    C'è scritto nell'articolo ^^
  • pino cammino
    pino cammino
    Livello: 6
    Post: 2295
    Mi piace 5 Non mi piace -1
    Originariamente scritto da Bob182

    Quanta ipocrisia, una bella parte di chi non compra Apple è perché non può permetterselo. Punto. Non giriamoci attorno, tutti vorrebbero la villa al mare, l'auto sportiva ma si devono accontentare della loro realtà. Puoi benissimo fare un viaggio con una fiat punto, ha quattro ruote e ti muoverai sempre dal punto A al punto B. Ma non hai una ferrari. Apple è fenomenale perché ha creato una dipendenza dai suoi prodotti anche di persone povere che aprono prestiti per acquistare un iphone o un macbook. Odio chi fa falsi moralismi, quindi ripeto: uno è povero? che si compri un pc ma non critichi Apple per il pelo nell'uovo ad ogni sua uscita.
    O magari è gente che sa che esistono macchine ugualmente performanti se non equivalenti alla metà del prezzo di un mac o iphone? Non si tratta di ipocrisia ma di usare il cervello.
caricamento in corso...
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.