Recensione di Knights of Pen and Paper

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     iPhone
  • Genere:

     Gioco di ruolo
  • Sviluppatore:

     Behold Studios
  • Lingua:

     inglese
  • Giocatori:

     1
  • Data uscita:

     novembre 2012 iOS, Android - TBA Pc, Mac
- Grafica 8 bit nostalgica
- Numerose classi da sbloccare
- Divertenti cameo e citazioni accompagnano le quest
- Alla lunga ripetitivo
- Il costo per gli spostamenti sulla mappa è quasi una istigazione alle IAP
- Non esiste una versione in Italiano
A cura di (Tian) del
Nel periodo d'oro dei giochi di ruolo sarebbe bastato un tavolo, un set di dadi, dei manuali ed un gruppo di amici con molta fantasia per creare un mondo fantasy guidato da Game Master. Negli anni, con l'arrivo di console e PC, i GdR classici hanno incontrato la loro controparte videoludica, inserendo mondi sempre più dettagliati graficamente ed avventure pronte per le nostre necessità in ogni momento, facendo gradualmente diminuire i giocatori della controparte cartacea, e lasciando a pochi nostalgici "old school" la possibilità di crearsi da se il proprio universo e avventura insieme ai propri amici.

"Nessun problema, mi può colpire solo con un 20"
Perché siam partiti da questa spiegazione? Beh, Knights of Pen &Paper (Link iTunes a 1,79 euro e Link Google Play a 1,57 euro), nuova produzione Behold Studios, prende tutti i concetti "seriosi" dei GdR e li butta letteralmente nel cestino, lanciandoci a piedi uniti al tavolo di un Dungeon Master dove sono stati riuniti i personaggi più improbabili per gestire un' avventura insieme. Il titolo, a differenza di Dungeon Master, carta e penna, e gruppo di amici nerd, è sempre nelle nostre tasche e in qualsiasi momento alla sua accensione ritroveremo una storia ricca di clichè, un gruppo ai limiti della realtà, una piccola dose di grinding e specialmente un continuo crescendo di riferimenti nerd e spunti comici per gli appassionati del genere. Knights of Pen & Paper è un App studiata e sviluppata per un settore ristretto di giocatori, ed è proprio questa sua anima citazionista e referenziale la sua grande forza.
 
Pronti a tirare per l’iniziativa? 
Giocheremo controllando un gruppo fino a 5 giocatori, tutti seduti al tavolo con un Game Master che dal “loro” mondo reale ci racconterà la sua avventura (la quale magicamente ci apparirà proiettata alle sue spalle). Ogni giocatore avrà delle abilità “razziali” che verranno associate alla alla classe del personaggio che useranno; quindi potremo schierare senza alcun problema dei fratelli minori guerrieri dei maghi nerd o dei paladini wookie. Noi, guidando le scelte dei giocatori e del Narratore sceglieremo dove andare, cosa fare e, nel caso di combattimenti quanti e quali mostri attaccare alla volta, in pratica potremo seguire il classico percorso “Munchkin” ovvero esplora il dungeon -> uccidi i mostri -> arraffa il tesoro e ripeti.
Ora che siamo in questo finto mondo cartaceo possiamo iniziare ad esplorarlo. Si potrà viaggiare di villaggio in villaggio risolvendo quest e migliorando l’equipaggiamento del party mentre incontreremo personaggi e citazioni da tutto l’universo geek (anche classici del cinema come Ritorno al Futuro e Tartarughe Ninja e Ghostbusters) . Attraverseremo zone pericolose uccidendo qualunque mostro ci si parerà d’innanzi, raccogliendo i classici oggetti richiesti per le quest e per migliorare i nostri personaggi come in quasi tutti i giochi di ruolo digitali in commercio. Risolvendo alcune di queste missioni riceveremo anche dei soldi per i giocatori, i quali potranno comprare cibarie per accompagnare le partite o assoldare nuovi giocatori alla nostra tavola.


Cosa vorresti dirmi con "il drago si è svegliato e guarda verso di noi?"
L’interfaccia grafica ci riporterà ad un feeling nostalgico retrò come nei primi GdR per computer. Le meccaniche del combattimento mostrano un sistema solido ancora influenzato, ancora una volta, dal  già citato gioco di carte Munchkin (che vi consigliamo caldamente di recuperare): combatteremo, saliremo di livello e cercheremo il miglior equipaggiamento per i nostri pseudoeroi. Una delle pecche riscontrate però è che sarà il giocatore a regolare di volta in volta la difficoltà degli scontri, scegliendo quando combattere e contro quanti nemici alla volta; una decisione che però può essere anche considerata piacevole per gli oppositori del “grinding”. Ovviamente durante i viaggi e quando il gruppo deciderà di riposare apparirà il magico dado da 20, croce e delizia dei giocatori per la generazioni di possibili incontri casuali; fortunatamente sembra che il sistema raramente ci metterà di fronte ad una imboscata nemica in questi casi. 

Come "non puoi muoverti silenziosamente con una corazza di piastre?"
Per il crafting invece va ricordato che verrà in ogni caso richiesta una mole di tempo reale e di denaro da farmare (anche acquistabile tramite in app purchase) per ottenere l’agognata “arma +1” di turno senza considerare il fatto che preventivamente verrà fatto dal sistema un tiro di dado per verificare il successo del fabbro... in caso di fallimento tutto il denaro andrà perso!
Dal punto di vista tecnico invece il gioco necessita ancora di qualche piccolo correzione, infatti durante le scorribande avvengono ancora rari crash di sistema per errori ancora sconosciuti, in ogni caso i ragazzi di Behold Studios hanno già promesso di lavorarci su nei prossimi aggiornamenti.
Recensione Videogioco KNIGHTS OF PEN AND PAPER scritta da TIAN Knights of Pen & Paper porta ai giocatori Android e iOS appassionati del gioco di ruolo classico una ventata di divertimento ed un ottimo passatempo per brevi sessioni o lunghe partite. Certo, per un mondo così vasto come gli rpg è difficile coprirne tutti gli aspetti, ma possiamo tranquillamente dire che la App copre onestamente gli elementi classici ed intrattiene piacevolmente i giocatori con battute e scherzi a tema e, le pecche riscontrate per i veri estimatori del genere non saranno così rilevanti da influenzare l’acquisto. Uniche note dolenti sono il linguaggio e il continuo sprono del gioco ad usufruire di in app purchase; la App è interamente in inglese e, le speranze di una traduzione in italiano sono molto ristrette, diminuendo ancora di più la cerchia di possibili giocatori interessati alla App. I possessori di PC/Mac non disperino, una versione per i 2 OS è in lavorazione stando alla home page di Behold Studios.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.