Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
FIFA 13

FIFA 13

Il calcio mobile di EA è davvero mobile

Recensione

APPLE

Sportivo

Completamente in italiano

EA

28 settembre 2012

A cura di del
Abbiamo lodato FIFA 13 in versione ammiraglia, l'avete fatto voi e l'ha fatto il mercato, premiandolo con vendite senza precedenti. E la trasposizione per iOS cos'è, la figlia della serva? Naturalmente no, quindi è ora di darle spazio.

"Tocco" di classe
Il calcio di EA, su iPhone e iPad, si è rivelato un prodotto di qualità, soprattutto negli ultimi anni. Va detto, però, che era tutt'altro che perfetto, a causa di un sistema di controllo semplice ma poco reattivo e di alcune mancanze abbastanza pesanti.
FIFA 13 prova a riempire questi buchi e lo si capisce lanciando una partita veloce. La risposta dei giocatori in campo, qualunque sia la squadra scelta, è ora più immediata e pronta, grazie ad un sistema di controllo rivisto e semplificato. Nella configurazione standard, quattro grossi pulsantoni riempiono l'angolo inferiore destro dello schermo senza risultare eccessivamente invasivi. La loro funzione cambia se si è in difesa o in attacco ed è sempre chiaramente scritta: ecco che il tiro diventa scivolata e la mossa abilità diventa “chiama secondo difensore”, in un meccanismo efficace e di facile memorizzazione.
Rispetto alla versione dello scorso anno, la vera novità in tal senso è rappresentata proprio dal pulsante “mossa abilità”: quando premuto, viene visualizzata una griglia dalla quale selezionare un trick da circense del prato verde, sia esso il doppio passo o la veronica. Spettacolari quanto utili, le magie sono studiate per essere un momento fondamentale del gameplay, da sfruttare in connubio con tutte le altre peculiarità. Tornano infatti i tiri, cross e filtranti gestiti a seconda del tipo di pressione portato sul relativo tasto, nel medesimo modo già testato e approvato in passato e con cui gli appassionati si sentiranno immediatamente a proprio agio.

Numeri online
Dal punto di vista delle modalità di gioco, FIFA 13 portatile soddisfa finalmente quella che era la più grande richiesta della community: il multiplayer online. Nel minimalista menu iniziale di gioco, infatti, spicca la voce “Online”, tramite la quale si accede a una partita veloce classificata o a un'amichevole online. Il net-code è molto semplice e richiede esclusivamente di scegliere la squadra prima di iniziare la ricerca dell'avversario. A parte qualche fisiologico problema di disconnessione, dobbiamo dire che come primo esperimento funziona discretamente bene. A patto di giocare in wireless naturalmente.
Per il resto, oltre alla solita partita veloce affrontabile scegliendo tra 500 squadre di 30 campionati, torna la modalità allenatore, ancora più completa e godibile. Il vero fulcro del gioco, volenti o nolenti, rimane qui.
Tecnicamente parlando il motore grafico è sempre lo stesso, leggermente ottimizzato e abbellito. Ciò significa sostanzialmente due cose: la prima è che rimane dannatamente pesante e la fluidità perfetta la si ottiene solo utilizzando un iPhone dal 4S in su. La seconda è che offre un impatto generalmente godibile e soddisfacente, ma tradisce ancora una scarsissima cura per la riproduzione dei giocatori non di primissima fascia nonché per gli stadi e vari altri elementi di contorno. Un difetto, questo, non degno di un brand come EA Sport e che per questo fa ancora più arrabbiare.
  • + Sistema di controllo migliorato
    + Finalmente il multiplayer online!
    + E' sempre il miglior calcio su iOS
  • - Motore grafico sempre pesante
    - Cura per i dettagli minori insufficiente
voto
8,5

La versione “light” di FIFA 13 è ancora una volta, al netto di pregi e difetti, il miglior modo di giocare a pallone su iOS. Il rinnovamento sostanziale del sistema di controllo e l'introduzione del multiplayer online rappresentano due incentivi più che sufficienti per procedere con l'acquisto, nonostante il prezzo non sia, attualmente, proprio popolare. Lo promuoviamo sperando che dal prossimo anno anche i dettagli minori vengano curati a dovere. E che Pazzini abbia i capelli.

0 COMMENTI