Questo sito si avvale di cookie per le finalità illustrate nella privacy policy. Effettuando un'azione di scroll o chiudendo questo banner, presti il consenso all'uso dei cookie OK
Apple Rumors Round Up - Marzo

Apple Rumors Round Up - Marzo

Retina Display, iPhone 5 e iOS 6

Rubrica
A cura di del
Dopo aver assistito alla presentazione del Nuovo iPad e toccato con mano il nuovo tablet di casa Apple (a brevissimo oltretutto la nostra recensione completa), Spaziogames torna con Rumors Round Up, rubrica che raccoglie le news più calde della mela morsicata più conosciuta al mondo.

Il Retina Display conquisterà anche i Macbook



Che il meraviglioso Retina Display sia una delle innovazioni più di spessore di quest’era tecnologica è ormai un dato di fatto, tanto che si rumoreggia da tempo sulla rete di un aumento delle dimensioni legato allo schermo di iPhone 5 proprio per sfruttare al meglio questo nuovo processo costruttivo. Se iPhone 5 è ancora una vera e propria incognita, i dispositivi Macbook sono ormai una realtà consolidata e l’applicazione del Retina Display è senza ombra di dubbio il prossimo passo evolutivo. Che Apple sia già al lavoro su questa soluzione, che probabilmente verrà introdotta grazie al rilascio di OS X 10.8 Mountain Lion (in grado di applicare Messages, Notes, Reminder e Game Center su Mac), è quindi decisamente prevedibile. Chi ha potuto accedere alla beta di Mountain Lion si è potuto accorgere di come alcune icone avevano una risoluzione praticamente raddoppiata, il che significa poter mettere a disposizione degli utenti una work area più grande oltre che definita, in grado di aumentare sicuramente la produttività, ma anche il piacere di giochi sempre più definiti, sempre che a Cupertino si decidano ad investire seriamente nel settore

Air VS Ultrabook, chi vincerà?



La seconda generazione di Macbook Air effettivamente ha bisogno di una boccata d’aria fresca, dato che la lotta alla conquista del mercato sarà particolarmente difficoltosa a causa dell’avvento degli Ultrabook e del processore Ivy Bridge. Apple deve assolutamente guardarsi intorno e cercare di venire incontro alle esigenze dei consumer proprio a causa di questa nuova generazione di laptop, i quali vantano effettivamente di caratteristiche davvero interessanti.
Quali saranno i requisiti minimi richiesti quindi alla casa americana per contrastare gli Ultrabook? In primo luogo bisognerà inserire una serie di componenti hardware universali, fino ad ora mai prese in considerazione. La presenza di un connettore HDMI è senza dubbio uno dei must da applicare assolutamente, abilitando così la connessione diretta ai vari tipi di schermi e televisori senza dover essere obbligati a utilizzare un adattatore, soluzione mai vista di buon occhio e soprattutto evitabile. Sarebbe inoltre apprezzata una porta Ethernet, ancestrale ma comoda in quei momenti in cui non è possibile accedere alla rete Wifi a causa di un segnale troppo debole o per motivi di svariata natura. Sarà necessario abilitare una porta legata alle velocissime USB 3.0, in grado di interfacciarsi con le tanto abusate chiavette che l’intero mondo esterno utilizza come veri e propri hard disk portatili, immagazzinando e scambiando milioni di dati. HDMI, porta Ethernet e porta USB 3.0 saranno sicuramente ben accette dalla totalità degli acquirenti, il tutto coadiuvato da una limata al prezzo di distribuzione, il più delle volte effettivamente troppo alto rispetto ai propri concorrenti.

iPhone dallo schermo più grande


Le informazioni su iPhone 5 sono ancora davvero razionate, anche se effettivamente l’unica costante rimane legata al Retina Display, tanto da obbligare i costruttori dell’hardware a ingrandire lo schermo del prossimo iPhone. I rumors riguardanti le dimensioni variano dai 3,5 a 4,6 pollici, volume però troppo fuori dagli schermi a cui Apple ha abituato i propri fan. Molto probabilmente la casa americana opterà per la distribuzione di un dispositivo di circa 4 pollici, garantendo così un display ampio e dotato di una tecnologia che altri costruttori non possono ancora sfruttare.
La componente visiva dei nuovi melafonini è senza dubbio un aspetto da non sottovalutare dato che iPhone non è solamente un telefonino in gradi di collegarsi a internet ma una vera e propria console di gioco. E’ da ormai tempo immemore che i titoli di vario calibro imperversano l’AppStore, portando agli occhi dei videogiocatori esperienze uniche, soprattutto quando si mettono le mani su alcuni capolavori che avremmo potuto vedere, in precedenza, solamente su console casalinghe. Titoli come Angry Birds, Infinity Blade, Rage e Chaos Ring hanno saputo portare nella direzione videoludica il telefonino, trasformandolo così in una console portatile dalle infinite possibilità, ovviamente per la gioia degli amanti delle esperienze portatili. 

WWDC e IOS 6


Come ogni anno, il Moscone Centre di San Francisco si trasformerà nel luogo in cui Apple terrà la consueta conferenza stampa rivolta agli sviluppatori. La location risulta effettivamente già prenotata per le date che vanno dall' undici giugno fino al quindicesimo giorno dello stesso mese, per una non dichiarata convention.
Se tra gli anni 2008 e 2010 la convention si trasformò nel lancio di iPhone 3G, iPhone 3Gs e iPhone 4, lo scorso anno non venne mostrato alcun nuovo prodotto ma solamente introdotto ai team di sviluppo l'allora nuovo iOS 5. Se Apple deciderà di mantenere questa linea allora in quella data potremmo trovarci di fronte alla presentazione di iOS 6 e delle sue nuove feature. La presenza di una cartella che propone le applicazioni preferite, l’inserimento di widget nel lock screen e la totale customizzazione del Centro Notifiche sono aspetti già confermati, ma siamo sicuri che Apple non deluderà le attese e abbia già pronto il classico coniglio nel cilindro.

Un nuovo sistema operativo, una serie di new entry a livello hardware e l'avvento del Retina Display sul completo parco macchine Apple sono caratteristiche in grado di conquistare non solo i patiti del marchio dalla mela morsicata ma anche tutti quegli utenti che non si sono ancora avvicinati ai prodotti made in Cupertino.

0 COMMENTI