Recensione di Beat Sneak Bandit

Copertina Videogioco
  • Piattaforme:

     iPhone
  • Genere:

     Platform
  • Sviluppatore:

     Simogo
  • Lingua:

     Inglese
  • Giocatori:

     1
  • Data uscita:

     Febbraio 2012
- Gioco originale
- Gameplay accattivante
- Sonoro di qualità
- Longevità esigua
- Prezzo poco equo
A cura di (P.squalo) del
Gioco testato su iPad 2. Compatibile con iPhone, iPod touch e iPad.Richiede l'iOS 3.1.3 o successive

Arriva dal lavoro degli sviluppatori di Simodo un interessante titolo che unisce ad un gioco platform elementi musicali e puzzle: il titolo in questione è Beat Sneak Bandit, che racconta le avventure dell'omonimo ladro (che sembra uscito da un qualche film anni '50 francese) che a suon di musica e grazie all'aiuto del suo aiutante Herbie, una rana con tanto di abito da carcerato, dovrà contrastare il malefico piano di Duke Clockface, colpevole di aver ha rubato tutti gli orologi del mondo, facendo piombare il pianeta nel caos. Il titolo è presente su AppStore al costo di 2,39 €.

A passi di samba
La trama del gioco ha un incipit decisamente divertente: dovrete entrare infatti nella Clockwork Mansion, proprietà di Duke Clockface e recuperare il maltolto a suon di musica. Per giocare sono necessari solo un dito e un buon senso del ritmo, perchè Beat Sneak Bandit si muove solo tappando sullo schermo del vostro device (ovunque vi faccia comodo) seguendo il ritmo dell' indicatore luminoso (di colore bianco con la silouette del protagonista) posto in alto al centro del display. Il vostro omino si muoverà sempre e solo in una direzione e non potrete cambiar verso a piacimento, altresì, dovrete arrivare ad una parete o ad un ostacolo (fisso o semovente) e solo allora potrete voltarvi e tornare indietro. I livelli di gioco sono costituiti da quattro piani collegati tra loro da scale o teleport e sono graficamente ricchi di elementi. Dovrete passare da un piano all'altro, raccogliendo gli orologi presenti (ce n'è uno per piano), facendo attenzione a trovare il percorso giusto che vi condurrà ad un orologio particolare, diverso dagli altri (si distinguerà con una bandierina rossa) che sarà la chiave per passare al livello successivo. Naturalmente sulla carta la cosa sembra semplice e veloce, in realtà dovrete fare i conti con tutta una serie di pericoli di cui è disseminata la Clockwork Mansion, infatti, dovrete evitare una marea di allarmi (costituiti da spie ottiche o da droni spia volanti) e dalla presenza di guardie vigili e pronte a beccarvi. Recuperando gli orologi (10/12 a seconda del capitolo) potrete sbloccare dei livelli ombra che sono schemi bonus in cui continuare a raccogliere orologi.


Tic tac, tic tac...

Il sistema di controlli del gioco è tanto semplice quanto impegnativo: non è infatti sempre facile seguire il ritmo del pulsante bianco che vi da' il giusto tempo e quando avrete fretta di sfuggire allo sguardo instancabile della vigilanza o degli altri diabolici marchingegni di Duke, non sempre riuscirete a mantenere il sangue freddo per tappare con il giusto ritmo. Sbagliare il ritmo per il movimento significa rischiare di rimanere troppo tempo fermi e moltiplicare le occasioni per gli agenti del padrone di casa di cogliervi in flagrante, oltre che far scomparire l'orologio da recuperare sul piano in cui vi trovate, per cui ogni errore verrà pagato caro. La grafica semplice con uno stile cartoon colorato ed ironico è ciò che ci si aspetta da un gioco del genere. Tutto lo schermo è occupato dal campo di gioco, che disegna i quattro piani del livello su cui vi muoverete. Nella parte superiore trovate il pulsante per tornare al menù principale, il tasto di pausa, l’icona pulsante per muovere il personaggio ed il numero di orologi disponibili e recuperati. Ogni livello è caratterizzato da un colore predominante e le linee imprecise di oggetti e degli ambienti ben caratterizzano il titolo, donandogli originalità e carattere. Il sonoro è sicuramente il punto forte del gioco. Oltre al doversi muovere ad un ritmo di musica costante, vi accorgerete che ogni cosa nel livello si azionerà seguendo la musica che sarà un punto di riferimento fondamentale per evitare le trappole dei sensori di rilevamento e di elementi come i teletrasporti o le barriere e le botole a scomparsa. Il gioco, inoltre, integra perfettamente il sistema del Game Center dei punteggi e di trofei che sbloccherete in relazione agli obiettivi sbloccati nel corso dei livelli superati. Per quanto riguarda la longevità, il gioco si dimostra forse eccessivamente corto: i 48 livelli di gioco (divisi in 4 capitoli, più lo scontro finale) volano in poche ore, nonostante il fatto che viene voglia di giocarci e rigiocarci, pare esiguo e squilibrato in rapporto al prezzo d'acquisto.
Recensione Videogioco BEAT SNEAK BANDIT scritta da P.SQUALO Beat Sneak Bandit è un gioco tanto originale quanto gradevole che non delude le aspettative. Il gameplay divertente e serrato tiene attaccati allo schermo e vi lascerà scontenti ogni volta che perderete un orologio o verrete colti in flagrante, ponendo fine al gioco. All'accattivante grafica si accompagna un comparto sonoro di rispetto che riuscirà ad ipnotizzarvi al punto che vi sorprenderete a battere il tempo col piede, peccato sia però così corto.
Scrivi un commento
Per commentare occorre essere utenti registrati.
Se non hai un account clicca qui per registrarti oppure clicca qui per il login.
caricamento in corso...
SCREENSHOTS
SpazioGames.it - Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Monza dal 22/02/2008 con autorizzazione n.1907
© 1999 - 2012 GALBIT SRL TUTTI I DIRITTI RISERVATI - P.IVA 07051200967
Spaziogames.it utilizza i cookie per assicurarti la miglior esperienza di navigazione. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come controllarne l'abilitazione con le impostazioni del browser accedi alla nostra Cookie Policy.